polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Analisi costi - benefici sulla "greenway" della Val Brembana

Simone Lavalle

Analisi costi - benefici sulla "greenway" della Val Brembana.

Rel. Cristina Coscia, Mario Artuso, Stefano Pedrini. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2019

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (13MB) | Preview
Abstract:

Analisi costi - benefici sulla "greenway" della Val Brembana La tesi in oggetto è stata elaborata con lo scopo di fare un analisi costi – benefici, effettuata in particolare, sulla “greenway” della Val Brembana. Prima della greenway vi era la ferrovia della Valle Brembana che fu inaugurata il 1 luglio 1906. Il primo tratto, lungo km. 25.920, collegava Bergamo con S.Pellegrino Terme, all’inizio del 900 è una delle più celebri stazioni termali d’Italia, con importanti edifici in stile liberty, il Grand Hotel e il Casinò. Il 15 ottobre dello stesso anno, il percorso risale fino alla stazione di S.Giovanni Bianco, portando la tratta a km. 30.024, diventando per 20 anni il capolinea della Ferrovia della Valle Brembana. Nel 1926 il 31 luglio venne inaugurata la tratta S.Giovanni Bianco – S.Martino De Calvi Nord (oggi Piazza Brembana) di km. 10.600, costruita direttamente dalla provincia di Bergamo, portando l’intera tratta a km. 40.624. La linea ferroviaria ha interrotto il proprio servizio nel 1966 per diverse cause, tra cui: mancati adeguamenti tecnologici, motivi economici e politici. La tratta interessata dalla realizzazione della pista ciclabile parte dalla stazione di S.Pellegrino Terme (al Km. 25.920), dirimpetto al Grand Hotel. Da S.Pellegrino, la stazione successiva è in S. Giovanni Bianco, in questo tratto la valle si apre ulteriormente, incontriamo i ponti in muratura sul torrente Antea (27.00 m) e sul fiume Brembo (66.60 m) ritenuti tra le opere più belle dell’intera linea. L’idea di effettuare questa analisi è nata dalla curiosità di come un investimento pubblico possa generare un ricavo monetario e non solo a tutte le parti interessate dal progetto. L’analisi costi-benefici ha lo scopo di regolare il meccanismo di generazione e di realizzazione dei progetti. In questo caso studio andremo a vedere come si è generata la greenway nel corso degli anni e come essa ha influito sulla società della Val Brembana, durante l’analisi si potrà capire quali sono stati i costi dell’operazione e quali potrebbero essere i benefici, sia economici sia extra – economici come potrebbe essere il caso dell’impatto ambientale. L’analisi costi – benefici è stata sviluppata con particolare riguardo agli investimenti pubblici, ma il suo campo di applicazione può essere utilmente esteso anche alla valutazione degli investimenti privati.

Relators: Cristina Coscia, Mario Artuso, Stefano Pedrini
Academic year: 2018/19
Publication type: Electronic
Number of Pages: 114
Subjects:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: New organization > Master science > LM-04 - ARCHITECTURE AND ARCHITECTURAL ENGINEERING
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/11734
Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)