polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Cape Birim, proposta di ampliamento per un orfanotrofio, realizzato in terra cruda, a Djougou, Benin.

Pietro Zoppi, Giacomo Zoppi

Cape Birim, proposta di ampliamento per un orfanotrofio, realizzato in terra cruda, a Djougou, Benin.

Rel. Silvia Gron, Roberto Pennacchio. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2019

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (61MB) | Preview
[img] Archive (ZIP) (Documenti_allegati) - Other
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (181MB)
Abstract:

Questo elaborato intende esplorare un intervento di architettura umanitaria a Djougou, terza città per dimensione della Repubblica del Benin. Lo Stato in questione non è tra i più conosciuti del continente Africano: raramente compare sulle pagine dei giornali, non sono in corso guerre, non troviamo nessuna ricchezza mineraria degna di nota, nessun reperto storico o famose attrattive turistiche. Eppure il Benin è una nazione ricca di storia composta da una moltitudine di paesaggi, popoli e tradizioni culturali. Purtroppo, come avviene spesso nei paesi del terzo mondo, anche in Benin, i bambini sono gli abitanti che maggiormente subiscono le conseguenze dell’instabilità economica e sociale. Sono proprio i bambini i protagonisti del nostro progetto che vede come obiettivo principale quello di garantire loro un futuro dignitoso. Nella tesi vengono introdotti, attraverso inquadramenti a differenti scale, questioni di carattere culturale, storico, sociale ed economico. Partendo con la presentazione dell’associazione che si occupa del centro di accoglienza Cape Birim, a cui facciamo riferimento nell'elaborazione del progetto, ci siamo poi spostati verso un’analisi a grande scala della nazione intera per stringere poi il campo, con un’analisi a scala urbana, sui quartieri della città di Djougou, sede del centro di accoglienza. Grazie ad alcune documentazioni specifiche, reperite direttamente negli uffici del Comune, siamo riusciti a realizzare un quadro dettagliato della situazione economica e sociale della città nel quale risultano evidenti i differenti problemi economici, sanitari e abitativi presenti in questa realtà. Il clima prende poi una parte importate all’interno dell’elaborato, è ciò che modella e guida le nostre scelte progettuali. Consapevoli di trovarci in una fascia climatica ben diversa da quella a cui siamo abituati, soggetta a piogge tropicali e temperature elevate, abbiamo prestato particolare attenzione all’argomento. Il centro di accoglienza in cui andremo ad inserire il nostro progetto è già in parte realizzato: questa è stata per noi la base da cui partire. Comprendere cosa e come sia già stato fatto, capire il perché di alcune scelte e analizzare i costi di realizzazione ci ha permesso di decidere come proseguire con l’ampliamento realizzando nuove strutture in grado di soddisfare le necessità riscontrate durante il viaggio. In particolare la risoluzione di un rischio economico e di un problema educativo ci hanno portato alla realizzazione di due moduli, il modulo agricolo e le botteghe artigianali, realizzati per garantire un futuro solido a questa realtà. Un capitolo è stato poi dedicato al nostro viaggio in Benin, un’esperienza che ci ha permesso di toccare con mano tutto ciò che trattiamo in questo elaborato e allo stesso tempo ci ha donato una bellissima lezione di vita che va oltre il percorso progettuale e universitario.

Relators: Silvia Gron, Roberto Pennacchio
Academic year: 2018/19
Publication type: Electronic
Number of Pages: 236
Subjects:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: New organization > Master science > LM-04 - ARCHITECTURE AND ARCHITECTURAL ENGINEERING
Ente in cotutela: Escuela Técnica Superior de Arquitectura, Universidad de Las Palmas de Gran Canaria (SPAGNA)
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/11733
Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)