polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Abitare temporaneo e città consolidata. Dalla Rua de cumeada al "Miguel Bombarda" a Lisbona = Temporary living and consolidated city. From Rua de cumeada to the "Miguel Bombarda" in Lisbon

Alberto Domini

Abitare temporaneo e città consolidata. Dalla Rua de cumeada al "Miguel Bombarda" a Lisbona = Temporary living and consolidated city. From Rua de cumeada to the "Miguel Bombarda" in Lisbon.

Rel. Manfredo Nicolis Di Robilant, Michele Francesco Barale, Sergio Dos Santos Barreiros Proença. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città, 2019

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (152MB) | Preview
[img] Archive (ZIP) (Documenti_allegati) - Other
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (11MB)
Abstract:

Questo lavoro di tesi ha come sfondo la città di Lisbona e indaga, attraverso lo studio della morfologia urbana, la dimensione fisica della città. La storia di Lisbona, ed in particolare della Collina di Santana, viene raccontata attraverso un approccio che spazia dalla scala territoriale, con un linguaggio di rappresentazione volto ad evidenziare il rapporto tra la città ed i suoi limiti naturali e antropici, per poi scendere alla scala urbana studiando la Collina di Santana attraverso la strada, elemento matrice del tessuto urbano. Il primo approccio mira a mettere in evidenza la relazione tra il costruito ed i limiti con cui ha dialogato nel corso della storia con l’obiettivo di capire come è cresciuta la città e spiegare la presenza di un così complesso intrecciarsi di tessuti urbani diversi. Successivamente si fa riferimento ad una porzione più piccola della città, la collina di Santana, e si osserva come le dinamiche di sviluppo urbano si siano rapportate con i confini esistenti e come questi siano rimasti pressoché immutati da cinque secoli, complice la natura dapprima conventuale ed in seguito ospedaliera dei complessi insediati sulla collina. Lo studio della rua de cumeada, elemento matrice del tessuto urbano che corre sul crinale della collina, si compone di una serie di letture sincroniche che, a partire dal XIV secolo giungono fino ad oggi rafforzando il ruolo delle strutture conventuali nel processo di accrescimento del tessuto urbano sulla collina di Santana. Un processo di lettura di questo tipo non può prescindere dalla variabile temporale e va quindi completato con una proiezione futura relative a come l’area potrà essere vissuta in relazione alle condizioni socio-economiche contemporanee. Questo tipo di approccio conduce alla fase progettuale città risponde alle nuove esigenze che la interessano dimostrando, ancora una volta, la sua capacità di mutare in base ad esse. A tal proposito la proposta di progetto, relativa al dismesso Ospedale Miguel Bombarda, si pone in contrapposizione con quanto previsto dagli studi di fattibilità effettuati sul complesso e abbraccia una tematica centrale nei cambiamenti della città contemporanea: l’aumento incontrollato della componente di residenza temporanea a discapito i quella per i locali. La città di Lisbona, in continuità con quanto accade nelle principali capitali europee, è infatti fortemente interessata dal fenomeno e, dati alla mano, appare ormai chiara la completa saturazione del centro storico e la conseguente necessità di individuare altrove dei centri in grado di condensare la richiesta di appartamenti in affitto in modo da ridurre la pressione che Airbnb, e le sue piattaforme gemelle, generano sui centri storici. La proposta è quindi quella di una rifunzionalizzazione del complesso del Miguel Bombarda attraverso un approccio rispettoso nei confronti della preesistenza che mira a creare una commistione tra la residenza temporanea e servizi per i cittadini, in accordo da quanto richiesto dalle direttive comunali. L’obiettivo è quello di restituire alla città uno spazio oggi fortemente introverso ed impermeabile varcando quel confine che, da ormai quattro secoli, esclude l’area da qualsivoglia tipo di contaminazione ma che, proprio grazie al suo rifiuto verso tutto ciò che succede all’esterno, ha mantenuto intatta la sua identità.

Relators: Manfredo Nicolis Di Robilant, Michele Francesco Barale, Sergio Dos Santos Barreiros Proença
Academic year: 2018/19
Publication type: Electronic
Number of Pages: 144
Subjects:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Costruzione Città
Classe di laurea: New organization > Master science > LM-04 - ARCHITECTURE AND ARCHITECTURAL ENGINEERING
Ente in cotutela: FORMA URBIS Lab (PORTOGALLO)
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/11469
Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)