polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Un museo della pace in terra di mafia : ipotesi di una rete dei Musei per la pace come strategia territoriale

Sanguinetti, Lucetta

Un museo della pace in terra di mafia : ipotesi di una rete dei Musei per la pace come strategia territoriale.

Rel. Piergiorgio Tosoni. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2005

Abstract:

Schema di ragionamento progettuale

Obiettivi

Dallo studio delle realtà che nel mondo hanno già messo in atto l'idea di Museo per la Pace, e dall'analisi di queste, che porta a definirne tre modelli operativi1, si vuole arrivare a prefigurare la progettazione di due musei gemelli per la pace, in due realtà assolutamente diverse della nostra penisola, una Nord e una a Sud, pensati con l'intento di diventare motori di un processo graduale di costruzione di una rete territoriale, per connettersi con la rete mondiale dei Peace Museums. I due musei sono pensati a valenza internazionale, con la prospettiva di creare itinerari di connessioni (virtuali e reali) con alcuni piccoli musei del loro intorno, da rivisitare e valorizzare, che abbiano caratteristiche di complementarietà, e con la rete internazionale dei musei per la pace, appunto. Ognuno dei due avrà un taglio specifico che lo situerà rispettivamente nel secondo e nel terzo modello: il modello-politico-culturole per il museo più settentrionale e il modello-strategico per quello del Mezzogiorno2. Due piccole città saranno la sede di progetto per i due musei gemelli: rispettivamente Collegno, in Piemonte, a sei chilometri da Torino, e Bovalino, in Calabria, a dodici chilometri da Locri. Sono dunque piccole città di provincia, ma strettamente contigue a centri molto significativi per le rispettive regioni. Entrambi i musei faranno riferimento a una realtà di città per la pace: Collegno è già dichiarata come tale e ha compiuto diversi passi per esserlo a tutti gli effetti; Bovalino invece, che deve affrontare l'impatto con la realtà della 'ndrangheta calabrese - considerato il principale ostacolo per il decollo economico-sociale della regione - sarà stimolata a diventare città per la pace proprio in funzione di questa proposta, per tentare di far uscire dalla sfera del "sommerso" il fenomeno mafia, per renderlo visibile, comprensibile e dunque...potenzialmente "riconvertibile". L 'ipotesi prevede anche un gemellaggio di pace tra le due città, volto a instaurare legami solidarietà e scambio tra le due popolazioni, in modo tale che l'obiettivo di erigere concretamente i due musei per la pace proceda in parallelo, come collaborazione creativa e partecipata, in cui le diversità delle rispettive situazioni sociali e territoriali abbiano ricadute di reciproco arricchimento.

1I tre modelli sono: il model/o-memoriale, il model/o-politico-culturale, il model/o-strategico.

2 L 'ipotesi per ora esula da questa proposta operativa, ma sarebbe molto interessante operare un successivo stadio di progettazione congiunta anche con un museo del primo modello. Adattissimo per il model/o-memoriale potrebbe essere il Museo della Risiera di San Sabba, già esistente, da potenziare come museo per la pace. Anche la sua collocazione territoriale -T rieste -permetterebbe una triangolazione significativa della nostra penisola.

Progettazione museologica partecipata

Sarà importante mettere in atto una serie di azioni preparatorie di coinvolgimento più allargato nei rispettivi territori, di iniziative di interazione tra comunità locali, associazioni e museologo, per un dialogo aperto, flessibile, costruttivo. La decisione di un'iniziativa così importante non può piovere sulla testa della popolazione in nessuna delle due realtà. Troppo spesso le decisioni per le grandi opere vengono prese senza la partecipazione dei cittadini che poi dovranno fruirne, o subirne le conseguenze. Ma ancor più se si tratta di musei per la pace: il processo con cui si deve arrivare alla loro definizione deve essere esso stesso un "percorso di pace", di ,collaborazione creativa per l'identificazione del messaggio, di coinvolgimento anche emotivo, di idee e di partecipazione, anche nel reperimento di testimonianze e oggetti.

Scelta di oggetti per lo collezione

Si dovranno raccogliere testimonianze storiche: manoscritti, strumenti, vestiario, grafici, mappe, plastici, documentazione fotografica e giornalistica, documentari, interviste e voci registrate, opere d'arte, musica, canti popolari, poesia, letteratura. ..in una composizione storica trasversale che sia contestualizzata fortemente anche nella cultura locale.

Organizzazione museogratica

Si prevede di inserire le collezioni in due contenitori diversi che costituiscano a loro volta una testimonianza:

l. una nave-traghetto ospiterà il museo galleggiante destinato alla Calabria, con un treno che potrà connettersi con la rete ferroviaria nei porti in cui fa scalo, per poter portare il messaggio nell'entroterra. A Bovalino il suo porto- base sarà attrezzato come porto museale complementare;

2. a Collegno un grande Parco per la Pace ospiterà I' edificio ipogeo progettato per il museo con un concorso internazionale a inviti. Il concorso stesso può essere strumento di un coinvolgimento internazionale allargato su questa iniziativa.

Entrambi i complessi museali saranno dotati di un Centro di Ricerca, di un Osservatorio sociale, di un auditorium con sala conferenze, di sedi per le Associazioni, di laboratori seminariali e laboratori tecnici per l'allestimento, per la produzione software, multimediale e teatrale, di banchi telematici interattivi adatti a diverse fasce di età, nonche dei più attuali servizi di accoglienza del pubblico: punti ristoro tipici della cultura locale, librerie specialistica e punti vendita mirati. Vi sarà un punto informazioni che orienti gli utenti in modo personalizzato, dove organizzare percorsi diversificati, tali da costituire itinerari interni liberi, ma che in ogni direzione permettano di seguire un filo conduttore per una dinamica lettura del messaggio.

Studiare l'allestimento e la didascalizzazione in modo efficace, chiaro, leggibile e coinvolgente, appropriato per i diversi livelli di utenti: dalle scolaresche, e dai comuni cittadini, ai ricercatori e ai politici.

Strategia museale

Prevedere, accanto all'esposizione permanente in continua evoluzione, una serie complementare di esposizioni temporanee, sia sul posto, sia itineranti sul T reno della Pace, collegate a eventi forti e a ricorrenze significative della memoria storica locale, sottolineate da iniziative di coinvolgimento nel museo, come concerti, proiezione di film e documentari, spettacoli teatrali, conferenze e convegni, ma anche fiere del libro e concorsi di pittura. ..L 'intero sistema museale dovrebbe così diventare un'officina di elaborazione sociale, di educazione alla legalità e alla pace, di formazione alla corresponsabilità e alla consapevolezza politico culturale, per portare tutta la sua carica di rinnovamento vitale proprio nella vita quotidiana delle sue comunità, per estenderlo poi anche a un livello più ampio, a valenza internazionale. I due musei avranno strette connessioni di interazione con le realtà nel territorio che troveranno in essi una concreta espressione: le Università e i Centri di Ricerca per la pace, le scuole, le chiese delle diverse religioni, le minoranze etniche, le associazioni. Uno speciale turismo di pace collegherà fra loro anche fisicamente i peace museums mondiali, costituendo un forte strumento per quella rete internazionale dei musei per la pace che diventerà sempre più operativa nel costruire nuovi strumenti di nonviolenza attiva per la risoluzione creativa dei conflitti.

Relatori: Piergiorgio Tosoni
Tipo di pubblicazione: A stampa
Parole chiave: Museo - Pace - Mafia
Soggetti: A Architettura > AL Edifici e attrezzature per l'istruzione, la ricerca scientifica, l'informazione
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/112
Capitoli:

Ringraziamenti

Presentazione

INTRODUZIONE

1 .I MUSEI DELLA MEMORIA

Caratteristiche, temi portanti, funzioni, obiettivi

.Gestazione e nascita dei nuovi musei della memoria

.I musei della memoria e i "Peace Museums"

."Peace Museums" nella ricerca di nuove strategie di pace

.I Musei per la Pace e le Università

.Riflessioni: primi elementi di critica costruttiva

2. ANALISI DI ALCUNI MUSEI DELLA MEMORIA ESISTENTI Il caso del Giappone

.Hiroshima Peace Memorial Museum

.Hiroshima International Peace Memorial Hall for the Atomic Bomb Victims

.Kyoto Museum for World Peace at Ritsumeikan University

.Nagasaki Atomic Bomb Museum e il suo intorno .Carrellata di altri musei del Giappone

.Riflessioni: la rete dei musei per la pace in Giappone

3. VERSO UNA STRATEGIA PROGETTUALE MIRATA Modelli e funzioni

.Modelli di musei per la pace nel territorio .Per una Rete T erritoriale

.Musei gemelli: elementi progettuali di collocazione territoriale

.Bovalino e la 'ndrangheta calabrese .Collegno e la Città per la Pace

.Riflessioni: cooperazione in tandem e sostegno del progetto

4. PROGETTO MUSEOLOGICO DI BASE Messaggio e contenuti

.Ipotesi di una museologia partecipata

.Dall'identificazione del messaggio alla scelta dei contenuti .Le sezioni "negative"

.Le sezioni "positive"

.Riflessioni: lavoro di pace

5. PROGETTO MUSEOGRAFICO

Idee guida e suggestioni di allestimento mirato

.Utilizzo delle nuove tecnologie della comunicazione

.Scenografia: comunicazione e coinvolgimento

.I laboratori di produzione per un coinvolgimento multimediale

.Il teatro, il cinema e l'arte al museo

.L' Osservatorio, i media, il TG-PACE

.Elementi di organizzazione museale: le biblioteche, l'accoglienza del pubblico, gli itinerari per i bambini e le scuole

.Riflessioni: una guida ragionata

6. I DUE MUSEI NEL LORO INTORNO

Come elaborare il progetto architettonico

.Bovalino: in un nuovo porto della Pace, una Nave-traghetto di Pace, con T reno della Pace

.Collegno: un concorso internazionale per il Museo nel Parco della Pace

.L 'Università, il Centro di Ricerca e le scuole

.Le chiese, le religioni, le minoranze etniche, le associazioni .Riflessioni: un turismo di pace

CONCLUSIONI

Bibliografia:

Bibliografia tematica

.Per capire la nonviolenza attiva

Bibliografia di casi storici di difesa senza guerra, a cura di Enrico Peyretti,

http://italy.peacelink.org/storia/docs/391-

6421_bibliografia_di casi_storici_didifeso_senza auerro4-3a.rtf

.La realtà Mafia

Santino U. (1996) La mafia interpretata, Soveria Mannelli (CZ), Rubbettino, Milano.

[L'autore, un sociologo dell'Università della Calabria, ha cercato di fare il punto sui diversi approcci al fenomeno mafioso presenti nella letteratura scientifica. Lo scopo dichiarato del libro è quello di creare un maggiore collgamento tra studi di discipline diverse (sociologici, economici, politici, giuridici, criminologici).

Molto utile per le indicazioni bibliografiche, estese anche a quanto è stato scritto in altri paesi sull'argomento. Ad esempio, è possibile farsi una bibliografia essenziale sugli approcci all'economia criminale che sono stati tentati nei paesi anglosassoni.]

Morosini E., Brambilla F. (a cura di) (1995) La mafia. Economia politica società,

Einaudi Scuola, Torino.

[Antologia molto ben curata di scritti sulla mafia, corredata da un'ottima bibliografia e da una completa filmografia.]

Violante L. (1994) Non è la piovra, Einaudi, Torino.

[Nato dall'esperienza della presidenza della commissione antimafia, il volume si presenta come un manuale completo e molto chiaro per comprendere i vari aspetti del fenomeno mafioso. E' un libro da consigliare se si è alla ricerca di un testo base sul quale studiare.

I suoi pregi migliori sono la chiarezza dell'esposizione e la completezza. Il libro è costruito intorno a 12 tesi, che costituiscono altrettanti capitoli. Vale la pena di trascriverli: Tesi 1: La mafia è un insieme di organizzazioni con caratteri criminali e politici; T esi 2: La principale organizzazione mafiosa è Cosa Nostra; T esi 3: La camorra: un'organizzazione prevalentemente mercenaria; Tesi 4: La 'ndrangheta: una mafia anomala; Tesi 5: La Sacra Corona Unita: una mafia minore e feroce; T esi 6: Il carcere è il prolungamento naturale del territorio mafioso; T esi 7 : L'intervento statale nello sviluppo delle mafie modeme; Tesi 8: Logge massoniche come tramite del rapporto tra mafia e istituzioni; T esi 9: Non servono nuove leggi; T esi 10: La mafia russa, rischi inediti; T esi 11: La mafia-azienda, un giro d'affari di 69 mila miliardi; T esi 12: L'an1imafia dei diritti.]

Lupo S. (1994) Storia della mafia, Donzelli, Roma.

[Si tratta del volume più completo e documentato sulla storia della mafia dall'Unità d'ltalia ad oggi. E un po' arduo da leggere, ma è sicuramente prezioso per chi voglia dawero approfondire l'argomento: con impegno, ma con notevole soddisfazione.]

Lanfranchini G. R., Marin B. (a cura di} (1993) Per conoscere la mafia. Una bibliografia, Strumenti editoriali, Milano.

[Nata da un'iniziativa de "la Rivisteria", e' la piu' completa bibliografia sulla mafia -sia pur limitata agli scritti in volume -che sia stata edita in Italia negli ultimi anni. Comincia inevitabilmente ad invecchiare, ma è utilissima per la conoscenza di tutto ciò che è stato scritto sull'argomento fino al 1993.]

Vitale S. (1995} Nel cuore dei coralli. Peppino Impastato, una vita contro la mafia, Rubbettino, Soveria Mannelli (CZ).

[la vita di Peppino Impastato, una vittima della mafia spesso dimenticata, è raccontata con dovizia di particolari da un giomalista che gli fu amico.

Il protagonista era un giovane di T errasini, militante della sinistra extraparlamentare, ucciso su ordine del boss T ano Badalamenti, infastidito dalle cose che aveva il coraggio di dire dai microfoni di una radio locale. la storia è molto significativa, in quanto racconta anche dell'isolamento nel quale si veniva a trovare chi lottava contro la mafia. Tanto è vero che al momento dell'omicidio l'autorità giudiziaria stava archiviando il caso sostenendo che Impastato era morto mentre preparava un attentato ad una linea ferroviaria, e solo l'intervento volontario di un gruppo di suoi giovani amici,che andò sul posto a raccogliere le prove dell'accaduto che le forze dell'ordine avevano incredibilmente trascurato, fece riaprire il caso.]

Sieberi R. (1994} Le donne, la Mafia, il Saggiatore, Milano.

[Per la prima volta viene fornito un quadro d'insieme del legame tra donne e mafia; il fascino nascosto della violenza, le complicità femminili con il terrore mafioso, ma anche il rifiuto di omertà, la testimonianza e la conquista della libertà femminile contro la mafia.]

Sieberi R. (1995) La mafia, la morte, il ricordo, Rubbettino, Soveria Mannelli (CZ).

[Il libro legge in una prospettiva particolare, attenta agli aspetti antropologici della mafia, alcune esperienze di donne coinvolte in vicende di mafia. l'importanza della memoria, il rapporto con la paura della morte e con il lutto sono descritti con molto acutezza.

l'autrice, nata in Germania, allieva di Adorno, da molti anni residente in Italia, è docente all'Università della Calabria, ed attualmente anche assessore alla cultura della provincia di Cosenza.]

Caselli G., Ciotti L., Colombo G., De Luca M., Lombardi G., Violante L., (1995) Dalla parte di libera, Edizioni Gruppo Abele, T orino.

[libro presentazione di libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, di cui contiene in allegato lo statuto e gli organi. IIlibro è composto dei seguenti articoli: libera significa liberi, di don Luigi Ciotti

le regole della libertà, InteIVista a Giancarlo Case/li

Realizzare la legalità, InteIVista a Gherardo Colombo

Per una scuola di consapevolezza, InteIVista a Giancarlo Lombardi la sfida dei valori, Luciano Violante.]

Commissione Parlamentare Antimafia (a cura di} (1994) Dossier mafia per le scuole, Documenti e materiali raccolti dalla Commissione Parlamentare Antimafia. XI Legislatura, Camera dei Deputati, Roma.

[Interessantissimo volume nel quale sono riportati:

-Ampi brani per delle Relazioni della Commissione su Cosa Nostra (approvata il 6-4-93), la Camorra (del 21-12-93), la 'Ndrangheta (del 12-10-93), Sacra Corona Unita (del 5-10-93) e sulla Presenza della mafia nelle aree di non tradizionale insediamento (del (13-1-94).

-Alcune importanti relazioni delle autorità di polizia preposte alla lotta contro la mafia;

-Alcuni interventi illustri sul problema dei rapporti tra mafia ed economia, ed in particolare quello di Guido Rey (allora presidente dell'lstat) ad un convegno su Mercati illegali e mafie del 1993 (i cui atti sono editi da Il Mulino, Bologna, 1993) e quelli di Carlo Azeglio Ciampi e Antonio Fazio al Forum Economia e criminalità tenutosi presso la Camera dei Deputati il 14 e 15 maggio 1993.

-Alcuni documenti su Edilizia scolastica e questione minorile, tratti dalla relazione della Commissione sulla delinquenza minorile (del 4 agosto 1993) e su atti del Ministero della Pubblica Istruzione e dell'Associazione Italiana dei Giudici per i Minorenni.]

Violante L. (a cura di) (1996) Mafie e antimafia. Rapporto '96, Laterza, Bari.

[Volume molto ricco che raccoglie saggi, articoli di taglio più giomalistico, dati ufficiali e materiale di documentazione. Un utilissimo strumento di lavoro, dunque, che affronta temi emergenti, a volte nuovi anche per chi si occupa da tempo di questi problemi. Per lo studioso, fondamentale la bibliografia molto dettagliata del 1995. Introduzione di Luciano Violante.

Le strategie mafiose nelle fasi di transizione politica

1. Leonid Fituni, I padrini de/1a nazione. Il ruolo delle mafie ne/la crisi russa;

2. David Scanlan, I narcos e la politica in America Latina: il caso della Colombia; 3. Massimo Brutti, Cosa Nostra nella crisi del sistema politico italiano;

4. Attilio Bolzoni e Giuseppe D'Avanzo, I processi a Giulio Andreotti: Palermo; 5. Carlo Bonini, I processi a GiulioAndreotti: Perugia; 6. Piero Luigi Vigna, Le tracce di chi ordinò le stragi;

7. Aldo Varano, 'Ndrangheta, neofascismo e massoneria deviata. Le questioni del 1996

1. Giulio T urone, La lotta contro il riciclaggio;

2. Vittorio Borraccetti, Indagini e procure antimafia. Un coordinamento difficile;

3. Gaetano Pecorella, Diritto di difesa e ruolo degli awocati nei processi di mafia; 4. Enrico Fontana, Le ecomafie;

5. Carlo Smuraglia, La mafia al Nord; Dati e documenti

1 .Statistiche della mafia e dell'antimafia; 2. Cronologia 1995;

3. ONU, Conferenza mondiale sul crimine organizzato internazionale, Napoli, 21-23 nov. 4. 1994: Dichiarazione politica e Piano globale di intervento.]

.Innovazione e nuova identità (Parchi scientifici tecnologici)

Murst S. (1994) Il Programma d'intervento per la realizzazione di una rete di Parchi Scientifici e Tecnologici nel Mezzogiorno, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma.

[II contenuto è in gran parte superato in quanto il Programma proposto nel 1994, bloccato poco dopo I'awiamento, ha sofferto negli anni successivi di numerose modifiche. Del suo contenuto rimane comunque il fatto di aver sfatato la credenza che un PST debba comportare pesanti investimenti immobiliari che spesso hanno poco a che vedere con le funzioni essenziali di un PST nel campo dell'innovazione e con lo sviluppo territoriale.]

Barberi M. (1995) Tecnopolis. Una storia di Impresa, Edizioni Il Sole 24 ore, Milano.

rr esto di grande interesse non solo perche descrive una delle pochissime iniziative di PST italiano che ha dato risultati significativi, ma anche per l'ampiezza dell'informazione fomita, con abbondanti riferimenti bibliografici, difficilmente riscontra bili in maniera sintetica in altre pubblicazioni sull'argomento.]

Oakey R. (1995) Hig -Technology New Firms, Chapman, Londra.

[Il libro presenta una analisi assai ampia della creazione di imprese ad alta tecnologia in Gran Bretagna, basata sullo studio empirico di 131 imprese in larga misura concentrate intomo all'Università di Cambridge.]

De Gaetano G. (1996) RTD potential in the Mezzogiorno of Italy: the role of science parks in an European perspedive, Proceedings of a Conference held at Consorzio Mario Negri Sud, Santa Maria Imbaro, 1995. Commissione Europea, ISBN 92-827 - 7965-3, Office for Official Pubblications, H. Logue (Eds.), Lussemburgo.

[Di grande interesse. Autori italiani e di diversi altri paesi (Francia, Germania, Grecia, Olanda, Spagna) passano in rassegna diverse situazioni e concezioni di PST. Particolarmente interessante l'articolo di M.I.Luger, dell'Università del North Carolino, "The Appropriateness of STPs models for regions with different economic Development Capocities and Needs".]

Conti S. (1975) Per unI analisi delr industria motrice nel mezzogiorno, Estr. da: Atti del 22° Congresso geografico italiano, 18-22 aprile 1975, Salerno.

.Università e ricerca: esplorazione di nuovi comportamenti sociali

Centro nazionale di prevenzione e difesa sociale {a cura di) (1969) Università di oggi e società di domani: studi e ricerche, XI 394 p, Atti del Convegno "Scienze sociali, riforma universitaria e società italiana", Milano, 17-19 novembre 1967, {Biblioteca di cultura moderna 663) , Laterza, Bari.

Rigamonti R. (1997) Sperimentare campi e modi di una nuova ricerca nelrUniversità, in Ricerche per un'architettura dei luoghi, 1983 -1997, Dipartimento di progettazione architettonica del Politecnico di Torino. CELID, Torino. p. 57- 62

Rebecchini M. {1996) Architetture e progetti 1960-1994, in Rotondi S. {a cura di), Edilizia per la ricerca: Università, attrezzature urbane; presentazione di Giancarlo De Carlo; introduzione di Federico Gorio, Kappa, Roma.

European Universi1y Center for Peoce, Stadt Schloining, Austria, htt : www.munici 0000120.html

.Verso una pianificazione territoriale sostenibile

Codello R. {1996) La pianificazione del paesaggio e l'ecologia della città, Isedi,

T orino.

[II volume raccoglie i numerosi e qualificati interventi dei due seminari organizzati dall'Associazione Italiana Architettura del Paesaggio (sezione centrale). Il testo fornisce agli operatori del settore un aggiornamento sulle tecniche disponibili e sulle esperienze in corso nel nostro paese.]

Brown L., Flavin M., French H. (1997) State of World, Isedi, T orino.

[Sicuramente il documento di analisi interdisciplinare della problematico mondiale più affascinante e letto del mondo. Nell'edizione '97 Lester Brown e la sua straordinaria equipe di analisti del Worldwatch Institute mettono a fuoco alcune grandi questioni fondamentali per il futuro dell'umanità legate ai mutamenti climatici, all'analisi delle future prospettive della produzione alimentare, alla valutazione delle opportunità di ripristino degli equilibri ecologici forniti dalla natura stessa, all'impellente necessità di trasformare il concetto di sicurezza da militare ad ambientale e sociale. A pochi passi dal 2000 diventa un imperativo quello di fare il possibile perchè possa con cretizzarsi un'economia mondiale ambientalmente sostenibile. (P. De Sorio).]

Biondi V. (1997) L 'audit ambientale, Sole 24 Ore, Pirola, Milano.

[Legislazioni ambientali recenti in Italia e in Europa non lasciano più dubbi; le imprese devono porre il fattore ambiente tra le priorità delle proprie strategie e dei propri programmi. La UE ha istituito il sistema Emas per l'adesione volontaria delle imprese ai programmi di gestione ambientale. Anche le tSO 14000 di recente pubblicazione in Italia intendono accompagnare le aziende all'eco-efficienza. Su entrambi i versanti, Emas e Iso, si tratta di audit ambientale. Con questo libro l'autore fornisce risposte puntuali è presenta gli iter e le procedure in concreto applicabili. (P. De Sario).]

01Riordan T., Voisey H. (1998) The tronsition to sustainability : the politics of Agenda 21 in Europe, Earthscan pubi., London. 320 p.

[Agenda 21 è il piano d'azione per il miglioramento dell'ambiente globale approvato dai govemi partecipanti al vertice della Terra che si è svolto a Rio de Janeiro nel giugno 1992.]

01 Riordan T., Voisey H. (1998) The tronsition to sustainability : the politics of Agenda 21 in Europe, Earthscan publ.London. 320 p.

Vallega A (1993) Governo del mare e sviluppo sostenibile: conoscenze di base, Mursia, Milano. 318 p.

Fusco Girard L., Nijkarnp P. (a cura di) (1997) Le valutazioni per lo sviluppo sostenibile della città e del territorio, Angeli, Milano. 51 7 p,

Pedrazzini L. (1999) Sotto il cielo di Berlino: piani, progetti, strategie per lo sviluppo sostenibile, Angeli, Milano. 300 p.

Leoni F o, Quilici V. (1998) Sviluppo sostenibile e metropoli: una giornata di studio, Librerie Oedalo, Roma.103 p.

Forte F ., Fusco Girard L. (a cura di) (1997) Principi teorici e prassi operativa nella pianificazione urbanistica, Maggioli, Rimini. 500 p.

Alberti M., Solera G., Tsetsi V. (1995) La città sostenibile: analisi, scenari e proposte per un'ecologia urbana in Europa, Franco Angeli, Milano.

Carnagni R. (1996) Economia e pianificazione della città sostenibile, Il Mulino, Bologna.

Lynch K. (1996) Progettare la città: la qualità della forma urbana, Etaslibri, Milano. Gandino, B. e Manuetti, O. (1998) La città possibile, Red edizioni, Corno.

Magnaghi A. (1998) Il territorio dell'abitare: lo sviluppo locale come alternativa

strategica, Franco Angeli, Milano.

Lorenzo R. (1998) La città sostenibile: partecipazione, luogo, comunità, Elèutera, Milano.

Mumford L. (1999) La cultura delle città, Edizione di Comunità, Milano. 6

Bertuglia S. C. (2000) Compless;tò, autoorgan;zzaz;one, città, Franco Angeli, Milano.

.Ipotesi di una Città Nuova tematica

(1991) Les nouvelles v;lles ;nternat;onales: prof;1 et plan;f;cat;on strateg;que. Serdeco, Aix en Provence. 127 p.

Spiegel E. (1966) Neue stadte: new towns ;n Israel, Kramer coPY/Stuttgart

Osborn F .J., Whittick A. (1977) New towns : their or;g;ns, ach;evements and progress, introduction by Lewis Mumford -3rd ed. -London : Hill, Boston Routledge and Kegan, Boston. 505 p.

Wirz H.M. Soc;al aspeds of plann;ng ;n new towns, Westmead Saxon House, Lexington Booxs, Lexington. 31 p.

Bracco S. (1976) Les "V;lles nouvelles": ; system; metropolytan; ;n Franc;a, Mazzotta, Milano. 149 p.

Viet J. ( a cura di) (1960) Les villes nouvelles: elements d' une b;bl;ograph;e , avant- propos de Evelyn Sharp, Paris : UNESCO copyr., Milano. 82 p.

Phillips R., Yeh A. (a cura di) (1987) New towns ;n East and South-eastAs;a, Oxford University press, Hong Kong. 257 p.

Corden C. (1977) Planned c;t;es: new towns ;n Br;ta;n and Amer;ca, prefazione di Zane L. Miller, (Sage Library of Social Research i 55) Sage, London. 221 p.

Jacquemin R.A. (1999) Urban development and new towns ;n the th;rd world, Ashgate, Aldershot .313 p.

Heineman H. E. (1975) New towns and old: hous;ng and serv;ces ;n Sweden, The Swedish Institute, Stockholm

Eichler E. P., Norwitch B. (1972) Le new towns amer;cane: la teor;a e la realtà, in USA: la front;era urbana, P. 45-59, Roma.

Robinson A .J. (1975) Econom;cs and new towns : a comparat;ve study of the Un;ted States, the Un;ted K;ngdom, andAustral;a, Praeger, New York.142 p.

Department of economic and social affairs (a cura di) (1967) Plann;ng of metropolitan areas and new towns, Meeting of the United Nations Group of Experts on Metropolitan Planning and Development, Stockholm, 1961 i United Nations Symposium on the Planning and Development of New Towns, Moscow, 1964, United Nations, New York. 255 p.

Strategia museale mirata .Peace T own

Rank C. (a cura di} (1999} Ci1y of Peace, Bradford Peace Museum Office, Bradford, G.B.

.Strategia museale e riappropriazione del territorio

Bertuglia C. S., Ceretto Castigliano S.C. (2000} La pianificazione strategica, cenni storici, concettualizzazioni, sperimentazioni, prospettive future, Franco Angeli/Urbanistica, Milano.

Bertuglia C. S., Bertuglia F ., Magnaghi A. (1999} Il museo tra reale e virtuale, Editori Riuniti, Roma.

Allegret l. (1992) Musei, Tecniche Nuove, Milano. 119 p. Bassi, Berlanda, Boschetti (1956) Musei, Vallardi, Milano. Mottola Molfino A, (1991} Il libro dei musei, Allemandi, T orino. 271 p.

.I musei della memoria e la ricerca di nuove strategie di pace

Ruggieri Tricoli M.C. (2000}, 1 fantasmi e le cose. La messa in scena della storia nella comunicazione museale, lybra Immagine, Milano.

Neal A. G. (1998}, National Trauma and Colledive Memory: Maior Events in the American Century. M.E. Sharpe, Armonk, N.Y.

lutz T. (a cura di} (1997), Memorial museum to the vidims of the Nazi regime: a comprensive guide, Stifung Topografie des Terrors, Berlin.

Young E. James. (1993) The Texture of memory: Holocaust memorial and meaning, Yale University Press, New Haven -london.

Young J.E. (1994), The Texture of Memory: Holocaust Memorials and Meaning ed. Hardcover.

Zelizer B. (2001 ), Visual culture and the Holocaust ed Library Binding. 8

Quetel C., Girault J.M., Be/in J., lavieille N., Canino P. (1992) Un memorial pour la paix, Ed. du Regard, Caen.

Walsh, K. (1992) The representation of the past : museums and heritage in the post- modern world, london -New York.

Fleming D., Paine C., Rhodes G.J. (1993) Social history in museums : a handbook for professionals, london.

Weinberg V., Jeshajahu C. (1995) The Holocaust museum in Washington, New York. Stendardo G. Via T asso: museo storico della lotta di liberazione di Roma, Roma.

Barozzi G., Miorandi A. (a cura di) (1985) Guida del Museo storico italiano della

guerra di Rovereto, Rovereto.

Schaer R.(1996) Il museo: tempio della memoria. Electa Gallimard, Torino.

Piva A. (1991) La costruzione del museo contemporaneo: gli spazi della memoria e

del lavoro, Jaca Book, Milano. 1 66 p. .Ruolo museale della memoria

Tota A. (1999) Sociologia dell'arte: dal museo tradizionale all'arte multimediale,

Arocci, Roma.

[Capp. 4.1 "Le forme culturali della memoria" ; 4.2 "Una guerra da dimenticare: il Vietnam Veterans Memorial" ; 4.3.2 : "La memoria della strage di Bologna"; 5.2 : "11 museo come tecnologia della memoria" ; 5.2.1 : "I musei come luoghi conflittuali della memoria" ; 5.3 : "1\ museo come tecnologia dell'identità" ; 5.4 :"L'approccio femminista all'analisi museale"J

Miotto l. (1986) La memoria esposta : esposizioni e musei = La memoire exposee : expositions et musees, Istituto italiano di cultura, Suppl. italo- francese di Nuovi argomenti, n.20 (dic. 1986), Paris. 185 p.

.Per non dimenticare...

Gibe/li l. (1987) Memorie di cose prima che scenda il buio, Priuli e Verlucca, Ivrea. 334 p.

.L 'emozione e il coinvolgimento del visitatore

lentini F. (1985) Computer feelings : emozioni e sensazioni nell'era dei computer, Jackson, Milano .114 p.

Freedberg D. (1993) Il potere delle immagini. Il mondo delle figure: reazioni e emozioni del pubblico, Einaudi, Torino, 656 p.

.La narrazione come filo conduttore del percorso museale

Mantegazza R. (2000) Una città per narrare, Meltemi, Roma. 166 p.

Cirifino F .(1999) Studio Azzurro: ambienti sensibili: esperienze tra interaffività e narrazione, Electa, Milano.1 75 p.

Calvi E. (1991) Tempo e progetto: rarchitettura come narrazione, Guerini, Milano. .II contesto storico trasversale

Galluzzi P., Valentino p .A. (1997) I formati della memoria: beni culturali e nuove

tecnologie alle soglie del terzo millennio, Giunti, Firenze. 401 p.

Zanni I., Rosiello S. (1987) Archivi e memoria storica, Mulino, Bologna. 200 p. Le Goff J. (1982) Storia e memoria, Einaudi, T orino. 498 p.

.I centri di ricerca e gli studi tematici

Ferrari O. (1977) (a cura di), Catalogo e centro di documentazione come servizio pubblico, in Quale storia delr arte, Cesare de Seta, Napoli.167 p.

Pitto C. (1981) Mutamento sociale e territorio: per un osservatorio antropologico, ETS, Pisa. 145 p.

Goode W.J., Hatt P.K. (1962) Metodologia della ricerca sociale, introduzione di L.Cavalli, il Mulino, Bologna. 567 p.

Biorcio R., Pagani S. (1997) Introduzione alla ricerca sociale, Studi superiori NIS 102, Scienze sociali, NIS, Roma. 253 p.

Guala C. (1991) 1 sentieri della ricerca sociale, NIS, Roma, 313 p.

Bruzzone E. (1979) Progetto e ricerca sociale: due inchieste socio logiche sul territorio, (Saggi e ricerche dell' istituto di scienze politiche "Gioele Solari", Università di T orino; 7) Angeli, Milano.

Alasia F ., Dolci D. (1964) Lo mafia come impedimento al'o sviluppo nel'a zona dello loto, [Partinico : Centro studi e iniziative per la piena occupazione, 1964] Contributo al Convegno di studio sulla mafia, Roma.

.L' azione educativa

UNESCO (a cura di) (1973) Museums, imagination and education, Paris. 148 p.

Prete C. (1998) Aperto 01 pubblico: comunicazione e servizi educativi nei musei, EDIFIR, Firenze. 116 p.

.Gli incontri, i dibattiti, gli eventi

.Le iniziative sempre più oppropriate del peoce making

Duffy T. (1997) The peoce museums of lopan, UNESCO, Cultura di pace, in Museum International n. 4, Ott, Dic. '97.

Analisi di alcuni musei della memoria esistenti

.I cataloghi e le guide dei musei :

.{PRIVATE "TYPE=PIG;ALT =.."}Le Grand Livre du Memorial, Un Memorial pour 10 poix, Le guide du Memorial.

.{PRIVATE "TYPE=PICT ;ALT =.."}{PRIVATE "TYPE=PICT ;AL T = .."}{PRIVATE "TYPE=PICT;ALT=.."}La galerie des prix Nobel pour la paix, Les guides, 2002, Coen.

.II museo della shooh Yad Vashem 0 Gerusalemme .II Museo Statole di Auschwitz

.II Peace Memorial Museum di Hiroshima .L' A-Bomb WWW Museum di Nagasoki

.L 'United States Holocaust Memorial Museum di Woshington

.European University Center for Peace, ond Peace Museum Stadt Schlaining, Austria

Galtung, Johan, IIDes Mondes pour lo Poixll, Editions du Memorial de Caen, Caen,2003.

Flores M., Gori F. (2000) GULAG: il sistemo dei loger in URSS

[II volume è il catalogo della mostra di Carpi (Modena), 25 novembre 2000- 7 gennaio 2001. I testi sono di: Marcello Flores, Giovanni Gozzini, Helène Kaplan, Mauro Martini, Rev Razgon, Michail Smirnov, Sergej Sigacev, Dmitri Skapov, Voctor Zaslavsky e del Centro Studi Memorial.]

Progetto museologico di base, ipotesi di una museologia partecipata

.Modelli di museo

Montaner J. M., Oliveras J. (1988) Musei dell' ultimo generazione = Museums of the lost genorotion, Hoepli, Milano.

Montaner J. M., Oliveras J. (1990) Nuovi musei: spazi per l'arte e lo cultura, Jaca Book, Milano.

Piccoli M. (1985) Guido ai musei insoliti, Le nuove guide, Zanichelli, Bologna.

(1994) l'ltalia dei nuovi musei, Ministero per i beni culturali e ambientali, Palombi, Roma.

Emiliani A. (1980 ) Il museo dell'età illuministica il nostro tempo: i diversi modelli del museo, in Lo didattica dei beni culturali, Brescia.

.Quale funzione sociale è chiamato a svolgere

Piva A. ( 1 978) Lo fabbrica di cultura: 10 questione dei musei in Italia dal 1945 0 oggi, Il Formichiere, Milano.

Karp l., Mullen Kreamer C., Lavine $. O. (1995) Musei e identitò : politico culturale e delle col'ettivitò, (MuseoPoli Luoghi per il sapere), Clueb , Bologna, 224 p.

Claudius Clemens P. (1635) Musei sive bibliothecoe tom private quom publicoe extrudio, instrudio, curo, usus : libri IV, occessit accurata descriptio Regioe Bibliothecae $. Laurentii Escurialis ...sumptibus lacobi Prost, Lugduni. 552 p.

Rozzano (1978) Contributi per uno didattica dei musei, documenti dei convegni del 1975-1976-1977 al Museo Poldo Pezzoli. [5.1. : s.n., 1978 ] ( Centro stampa) 108 p.

Ente bolognese manifestazioni artistiche (a cura di) (1973) Tra rivolto e rivoluzione : immagine e progetto, Grafis, Bologna.

Giammarco C. (1988) Vuoti industriali e poli tecnologici,: giornata di studio per la settimana scientifica francese, Turin, Centre CulturelFrancais, dicembre 1986 Celid, Torino. 214 p.

Mela A., Belloni M. C., Oavico L. (1998) $ociologio dell'ambiente, Carocci, Roma. 214 p.

Emiliani A. (1974) Uno politico dei beni culturali, Einaudi, Torino. 297 p. 12

Dioguardi G. {1993) Il museo dell'esistenza : divagazioni intorno ai musei, alle città, al'e imprese, Sellerio, Palermo. 132 p

Piva A. {1995) Musei 2000: alla ricerca di una identità, Marsilio, Venezia. 103 p.

Casanelles F. (1994) Un patrimonio culturale: i musei del/' industria, atti del convegno internazionale di studi, Brescia, 19 aprile 1993 : III settimana della cultura scientifica tecnologica promossa dal Ministero dell' università e della ricerca scientifica e tecnologica [testi et al.], Fondazione Luigi Micheletti, Brescia. 79 p.

Museologia: ipotesi di concezione museologica

Lugli A.{1996) Museologia, Jaca Book, Milano. 109 p.

Becherucci L., Boralevi A., Pedone M. {1995) lezioni di museologia : 1969- 1980, UIA, Firenze.106 p.

Arestizàball., Piva A. {1991) Musei in trasformazione: prospettive della museologia e della museografia, Mazzotta, Milano. 140 p.

.Scelta degli oggetti per la collezione

Cirese A. M. {1977) Oggetti, segni, musei sulle tradizioni contadine, Piccola Biblioteca Einaudi, Einaudi, T orino. 122 p.

Gentili Tedeschi E., Calzò G., Savio A. {a cura di) {1988) Milano: i segni della storia, {Architettura e città 7), Alinea, Firenze.168 p.

.Progettazione museologica e museografica partecipata

Benjamin B.I. {1923) Museum ideals of purpose and method. {Front.: Museum of fine arts, Boston), The H a rvard University Press, Cambridge {Mass.). 462 p.

Garberi M., Piva A. {1989) Musei e opere: la scoperta del futuro: convegno internazionale di museologia e museografia: Milano, 1988, Mazzotta, Milano. 310 p.

Cavalcanti O. {1984) Per una semiologia museale antropologica, in Musei e gallerie diltalia, rivista dell' Associazione Nazionale dei Musei Italiani, P. 24-2, Roma.

Arestiz6ball., Piva A. {1991) Musei in trasformazione: prospettive della museologia e della museografia, un' idea per il Museo di Arte Moderna di Rio de Janeiro, Mazzotta, Milano. 140 p.

Museografia: ipotesi di concezione museografica

Prete C. (1998) Aperto al pubblico: comunicazione e servizi educativi nei musei, le voci del museo: collana di museologia e museografia, EDIFIR, Firenze. 116 p.

Cerizza A., Pagliani M.l. (1997) Musei, testi e contesti: brevi note sulla comunicazione nel museo. Nardini, Fiesole. 61 p.

.II contenitore

Piano R. (1997) Giornale di bordo, Passigli, Firenze. 288 p.

Garbato C., Mastropietro M., Macchi G., Romanelli M. ( a cura di) (1992) Renzo Piano: building workshop, exhibit design, lybra Immgine, Milano. 218 p.

Dal Co, F. (1990) l musei di James Stirling, Michael Wilford and Associates, (Documenti di architettura; 54) Electa, Milano. 226 p.

Nannerini G., Mandolesi D. (a cura di) (1995) I musei 1993 -1995 : opere di Tadao Ando, Mario Botta, Arata Isozaki, I quaderni de l'industria delle costruzioni, CDP, Roma.

Neumeyer F. (1991) Oswald Mathias Ungers : architetture 1951-1990, Electa, Milano. 272 p.

Ciorra P. (1997) Botta, Eisenman, Gregotti, Hollein : musei, (Documenti di architettura; 61 ), Electa, Milano 115 p.

Cummings loud P. (1997) Louis Kahn: i musei. (Documenti di architettura; 62), Electa, Milano. 292 p.

Basso Peressut l. (1999) Musei: architetture 1990- 2000, (Architettura), F. Motta, Milano. 279 p.

.Coinvolgimento multimediale

T oselli l.. (1998) Il progettista multimediale, (Nuova didattica), Bollati Boringhieri, Torino. 135 p.

(1999) Proiezioni 2000 : lo spazio delle arti visive nella civiltà multimediale : XIII Quadriennale, (Esposizione nazionale Quadriennale di Roma, Palazzo delle Esposizioni, 18 giugno- 10 settembre 1999) De Luca, Roma. 303 p.

Bowermaster J. (1994) Multimedialitò : come costruire un'animazione avanzata, Tecniche Nuove, Milano. 501 p.

(1995) Nauta [videoregistrazione] : gli ambienti simulati: seminario nell'ambito della manifestazione "Le nuove tecnologie della rappresentazione",l videocassetta (VHS) (90 min.), a colori, SAD. Conferenze in video ( organizzato dal SAD- CISDA e dal La. Te.Ra.- DINSE, in collaborazione con Cyberia -Scenari dell'immateriale), SAD-CISDA, T orino.

.Softwares interattivi

Cirifino F. (1999) Studio Azzurro: ambienti sensibili: esperienze tra interattivitò e narrazione, Electa, Milano. 175 p.

Mantovani G. (1991) La qualitò dell'interazione uomo -computer: controllo, responsabilitò , modelli nei sistemi interattivi, La nuova scienza. Serie di psicologia applicata, il Mulino, Bologna. 214 p.

Pulcini E. (1999) Dopo internet: storia del futuro dei media interattivi :l'informazione personalizzata, il commercio elettronico, la tv digitale, il teleputer, (Contatti; 146), Castelvecchi, Roma. 216 p.

.Laboratori di produzione

Hein H. (1990) The exploratorium : the museum as laboratory; (prefazione di Washington M.P .), Smithsonian Institution Press, London. 256 p.

Cervellati P .L. (1987) La cittò del sapere: i laboratori storici e i musei dell' Universitò di Bologna, Silvana, Cinisello Balsamo. 183 p.

.Museo virtuale

Galluzzi P. (1997 b) I formati della memoria. Beni culturali e nuove tecnologie alle soglie del terzo millennio, Giunti, Firenze.

Bertuglia C S., Bertuglia F ., Magnaghi A. (1999) Il museo tra reale e virtuale, (Organizzazione. Uso di tecnologie informatiche), Editori Riuniti, Roma. 294 p.

Marchis V. (1999) Museo virtuale cd -rom, ideazione e sviluppo del progetto Politecnico di T orino), Politecnico, Torino.

[Contiene la riproduzione del sito Intemet:www.museovirtuale.polito.it ]

Canali M. (1995) La realtà virtuale d' autore [videoregistrazione] : seminario nelf ambito della manife

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)