polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Buenos Aires: percorsi

Zara, Stefano and Rosano, Ripit

Buenos Aires: percorsi.

Rel. Silvia Gron, Liliana Bonvecchi. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura, 2007

Abstract:

Buenos Aires, percorsi...

Arriviamo a Buenos Aires con motivazioni diverse. Io torno per concludere un esperienza che mi ha legato profondamente a questa città, dopo aver partecipato al programma di doppia laurea presso VUniversidad de Belgrano; Ripit per venire a contatto con una nuova realtà che conosce solo indirettamente. Lo stimolo iniziale per partire è quello del concorso bandito e organizzato dall'INFLA (Federazione Internazionale di Architetti Paesaggisti), dalla SAPM (Società di Architetti Paesaggisti Messicani) e dalla UAAP (Unità Accademica di Architettura del Paesaggio della Università Nazionale Autonoma del Messico). Il terna è l'ecoturismo urbano.

" L'Ecoturismo Urbano permette agli abitanti di una città il viaggio. [.,.] L'Ecoturismo Urbano sorge come una alternativa per trasformare le città in luoghi migliori dove vivere. " E' così che il bando stesso definisce questo movimento. Ciò che ci interessa da subito è l'idea del viaggio e dell'esplorazione all'interno della città, una forma di turismo sostenibile poiché locale e a basso impatto, con il fine di "restituire al cittadino e al turista il titolo di viaggiatore, permettendogli di esplorare percorsi inediti e pieni di contraddizioni"1.

Aiutati da Liliana Bonvecchi, docente dell' Universidad de Belgrano, individuiamo l'area della Boca come area di progetto, in particolare l'ex playa de transferencias de cargas de Casa Amarilla, un terreno delle ferrovie alle porte dell'area sud della città di Buenos Aires.

Nel bando di concorso non vengono date indicazioni precise ne un programma; la scelta è affidata ai partecipanti e la difficoltà sta appunto nel definire un tema specifico e nel darci un metodo di lavoro. Superiamo questa empasse avvicinandoci all'area e percorrendola.

Non ci interroghiamo da subito sul significato del percorso e almeno inizialmente non ci preoccupiamo di strutturarlo o di organizzarlo. Forse questi primi itinerari sono più interessanti proprio perché mettono in evidenza dei confini: riusciamo a superare alcuni ostacoli mentre altri rimangono tali e ci inoltriamo in alcune strade piuttosto che in altre. Allo stesso tempo i nostri sguardi sulla città sono molto diversi e anche se apparentemente osserviamo le stesse cose, confrontandoci nasce la necessità di iniziare a definire un piano dei percorsi che risponda ai nostri diversi interessi.

Lynch li definisce come "canali lungo i quali l'osservatore si muove abitualmente, occasionalmente o potenzialmente"2. La sfida stava quindi nella potenzialità del percorso stesso.

Nel tentativo di costruire una mappa mentale con i frammenti che abbiamo raccolto nelle nostre prime esplorazioni, ci rendiamo conto che i nostri ricordi spaziali si concentrano intorno ad alcuni luoghi che costituiscono un elemento di polarità nei nostri percorsi, mentre lo spazio interstiziale si dilata o contrae a seconda delle situazioni: una giornata di pioggia o di sole, la presenza di negozi, il nostro tempo a disposizione. Questa osservazione ci da lo spunto per pensare al percorso come a una corrente: in questo caso portata e intensità variano in base alla capacità dello spazio di rallentare o accelerare il suo flusso.

Jason Wilson, autore di una guida letteraria di Buenos Aires, riporta un commento di Albert Londres che dice "Buenos Aires è una spianata vasta e piatta su cui sono state piantate delle case metro dopo metro. Questi quadrati sono separati gli uni dagli altri da stretti fossi, che in realtà sono strade. Passeggiare per Buenos Aires è come giocare a dama coi piedi."3 Effettivamente a Buenos Aires il tragitto più breve per percorrere la distanza tra A e B è una linea retta; la rigorosa scacchiera degli isolati lascia poco margine a percorsi alternativi ma è su questi che abbiamo cercato di strutturare i nostri nuovi sopralluoghi. Esiste infatti una varietà di spaccature e porosità che si sovrappongono al retìcolo urbano su cui è possibile creare pause e costruire un sistema tangente alla rigida struttura ortogonale. Avvicinarci progressivamente all'area significa anche entrare in contatto con un'associazione di residenti del quartiere che mette in crisi le conclusioni a cui siamo giunti nelle tavole di concorso che nel frattempo abbiamo consegnato e ci mostra un altro punto di vista sullo spazio e su questa parte di città.

Si crea col tempo un meccanismo biunivoco per cui i percorsi determinano i temi di ricerca che a loro volta ci spingono a modificare gli itinerari successivi.

La nostra tesi si pone l'obiettivo di illustrare questo processo. Siamo giunti a una sintesi dei percorsi e ogni giornata di sopralluogo è stata organizzato in tre parti complementari. La prima che abbiamo chiamato Blog costituisce il resoconto del percorso: è un racconto soggettivo che cambia spesso registro ed ha il compito di memorizzare i nostri sguardi sulla città e di individuare delle tematiche oggetto di approfondimento nella seconda sezione.

La seconda parte, le Note, raccoglie materiale molto variegato, articoli di giornale e riviste di architettura, nostri schizzi e progetti di trasformazione urbana, commenti di architetti argentini e il nostro personale punto di vista sui temi affrontati.

Con questa sezione abbiamo inteso costruire uno strumento di rappresentazione della città che desse la possibilità di restituire le diverse immagini di Buenos Aires e che allo stesso tempo fosse uno strumento per costruirne di nuove.

La terza parte, le Tavole, racchiude le conclusioni, individua gli ambiti di possibili approfondimenti progettuali e focalizza la nostra attenzione su alcuni argomenti.

Ogni tavola corrisponde a una giornata di sopralluogo da cui è stata isolata una macro-tematica. Attraverso l'analisi grafica si definisce un ambito topografico a scala di quartiere. La sovrapposizione finale degli ambiti genera un quadro complesso grazie al quale isoliamo dei quadranti o micro-ambiti in cui le tematiche precedentemente affrontate vengono accostate e integrandosi, sintetizzano il nostro punto di vista e un possibile approccio d'intervento.

Relatori: Silvia Gron, Liliana Bonvecchi
Tipo di pubblicazione: A stampa
Soggetti: U Urbanistica > UK Pianificazione urbana
A Architettura > AO Progettazione
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GD Estero
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura
Classe di laurea: NON SPECIFICATO
Aziende collaboratrici: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/1100
Capitoli:

Introduzione:

Dia 1 1-21

-blog 1

-note 7

Dia 2 22-45

-blog 22

-note 27

Dia 3 46-64

-blog 46

-note 50

Dia 4 65-81

-blog 65

-note 71

Dia 5 82-97

-blog 82

-note 88

Dia 6 98-110

-blog 98

-note 103

Dia 7 111-118

-blog 111

-note 114

Dia 8 119-136

-blog 119

-note 124

Bibliografia

Bibliografia:

Enrico Calamai, Niente asilo politico,diplomazia, diritti umani e desaparecidos, Universale Economica Feltrinelli, Milano 2006

Angeles Castro, Intiman a chacinadoras del Riachuelo a producir limpio in "La Nacion", 2 maggio 2006

Omero Gai, La città infiammabile, in "La Repubblica delle donne", 15 luglio 2006

Tristan Manco, Stendi Graffiti, Thames and Hudson, London 2006

Italo Moretti, L'Argentina non vuole piangere, Sperling & KupferEditori, Milano 2006

Juan Augustin Moretton, Cuenca Matanza Riachuelo, in "El Observador", 13 maggio 2007, p. IX

Pablo Novello, Capital: unas 13.000 personas viven en asentamientos precarios, in "Clarìn",20 agosto 2006

Raquel San Martin, Los intelectuales del mundo y La Nacion, "Es preciso hacer una revolucion educativa" sostiene Mare Auge , in "La Nacion", 2 maggio 2007

Barrio Sur

A.A.V.V., Barrio sur: Renacimiento o Ilusión, opiniones de Osvaldo Giesso, Claude F. della Paolera, Horacio Torres y Mario Sabugo in "Summa +", luglio-agosto 1997, n°26, p.lll

A.A.V.V., Conjunto habitacional Casa Amari/la, in "Summa" , febbraio 1974, n°72, p.28

A.A.V.V., Guia Patrimonio Cultura! de Buenos Aires, 1, edificios, sitios, paisajes, dgPat, Buenos Aires, 2003.

A.A.V.V., Renacimiento sobre el empetrado, in "Summa +", luglio-agosto 1997,n°26, p.102-105

A.A.V.V., Una ribera para la Boca, recuperaciòn de la ribera y contro! de inundaciones Desplegable N°6 in "A/Ambiente" n° 81, novembre 1999

Horacio Aizpeolea, Tierras abandonadas del ferrocarril se usaran para proyectos urbanisticos, in "Garin", 12 settembre 20 01

Liliana Aslan, Irene Joselevich, Graciela Novoa, Diana Saiegh, Alida Santalò, Buenos Aires, La Boca 1885-1970, Inventario de Patrimonio Urbano, Buenos Aires 1989

Constanza Duran, Un barrio que està cambiando, en el sur de la eludaci, ahora las inversiones apuntan a Barracas, in "Garin", martedì 12 luglio 2005

Fernando Diez, Crisis de autenticidad y Barrio Sur, in "Summa +", luglio-agosto 1997, n°26, p,56

Florencia Gilardón, Barracas dulce: un barrio que crece al Sur con el recuerdo del aroma a galletitas, in "Garin", lunedì 20 novmbre 2006

Pabjo Guiraldes, Headquarters en Barracas in "Summa +", luglio-agosto 1997,n°26, pp. 49-52

Ernesto Katzenstein, Federico Ortiz, Gian Lodovico Peani,Giorgio Puppo, Fina Santos, Vivienda urbana no profesional, Las casas de la Boca y del Dock Sur en Buenos Aires, in "Summa", settembre 1975, n°93,p.71

Buenos Aires

A.V., Gufa Patrimonio Cultura! de Buenos Aires, 1, edificios, sitios, paisajes, dgPat, Buenos Aires, 2003.

Alberto Varas, Buenos Aires Metropolis, Equipo de investigacion-Buenos Aires 2000, Universidad de Palermo, Universidad de Harvard, Universidad de Buenos Aires, Buenos Aires 1997

Jason Wilson, Buenos Aires, Bruno Mondatori, Milano 2005

Guia Patrimonio Cultura I de Buenos Aires, 1, edificios, sitios, paisajes, dgPat, Buenos Aires, 2003

Testi teorici

Oriol Bohigas, Ricostruire Barcellona, Etas libri, Milano 1992

Francesco Careni, Walkscapes, GG, Barcelona 2006

E.G. Espii, Hacer Ciudad. Nobuko, Buenos Aires 2006

Franco La Cecia, Mente locale, per un'antropologia dell'abitare, Elèuthera, Milano 2006

Appunti di politica territoriale n° 13, a cura di Alfredo Mela, Celid, Torino 2007

Siti Internet

Madri di Plaza de Mayo http://www.madres.org/

Recupero del patrimonio industriale Barrio Sur

http://www.arteargentino.buenosaires.gov.ar/ contenido.php?menu id=6444

http://www.gcba.oov.ar/areas/turismo/recorridos/?menu id=56&info=auto con te nido

http ://www.casafoa.com

http://www.estiloambientacion.com.ar/info casafoa05.htm

http://www.buenosaires.qov.ar/areas/jefgabinete/vivienda/casaamarilla/index.php

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)