polito.it
Politecnico di Torino (logo)

Stazioni impresenziate e binari ferroviari dismessi: un problema che diventa un'opportunità. Riqualificazione dei manufatti ferroviari lungo il tracciato Saluzzo-Cuneo con affiancamento di una pista ciclabile. = Unmanned stations and disused railroads tracks: a problem that becomes an opportunity. Redevelopment of railroad facilities on the Saluzzo-Cuneo line, with addition of a bicycle lane alongside.

Stefania Ghietto

Stazioni impresenziate e binari ferroviari dismessi: un problema che diventa un'opportunità. Riqualificazione dei manufatti ferroviari lungo il tracciato Saluzzo-Cuneo con affiancamento di una pista ciclabile. = Unmanned stations and disused railroads tracks: a problem that becomes an opportunity. Redevelopment of railroad facilities on the Saluzzo-Cuneo line, with addition of a bicycle lane alongside.

Rel. Riccardo Palma, Chiara Lucia Maria Occelli. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile, 2019

[img]
Preview
PDF (Tesi_di_laurea) - Tesi
Document access: Anyone
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (90MB) | Preview
Abstract:

La ricerca esposta in questa tesi nasce con l’intento di recuperare e rifunzionalizzare i manufatti ferroviari in stato di abbandono lungo la linea Saluzzo – Cuneo, fuori esercizio per il trasporto passeggeri dal 2012. Il progetto sviluppato consiste nell’affiancamento di una pista ciclabile al sedime ferroviario passante nelle campagne cuneesi. La ciclabile vivrebbe grazie ai servizi messi a disposizione del ciclista. In quest’ottica vengono recuperati i fabbricati dismessi. Il progetto della ciclabile è stato svolto seguendo alcuni obiettivi posti in partenza. In primo luogo si è deciso di considerare la pista come un tracciato affiancato alla linea ferroviaria. Perciò nel tracciato individuato, la ciclovia non è mai disposta ad una distanza maggiore di 400 metri dalle stazioni in modo tale che, in un’ottica di recupero dei manufatti ferroviari, le stesse possano essere attrezzate con servizi a supporto degli utenti della ciclovia. Inoltre, quando presenti, si è deciso di inserire all’interno del progetto le piste ciclabili già esistenti, collegandole tra loro con nuovi percorsi. Infine, un ulteriore presupposto nell’individuazione dei sedimi su cui far passare la pista è stato quello di utilizzare solo vie in cui il traffico automobilistico è limitato. La pista non sarebbe un intervento isolato, ma si inserirebbe nell’ambito del progetto europeo EuroVelo, in particolare nell’ottavo itinerario, i cui percorsi sono in gran parte ancora su carta. Per quanto la linea ferroviaria e i suoi beni, viene trattata la storia del tracciato Saluzzo - Cuneo, dai primi progetti all’effettiva realizzazione e le vicende che causarono la dismissione. Viene trattata l’architettura seriale che contraddistingue i manufatti ferroviari. Questo studio ha permesso di conoscere il patrimonio ferroviario in questione. Vengono avanzate ipotesi di nuove funzioni nelle stazioni e nelle case cantoniere abbandonate, nello specifico viene analizzato il caso del nodo ferroviario di Villafalletto. Il progetto prevede la riconversione della stazione esistente in struttura per l’accoglienza e, nello scalo affiancato dal passaggio della pista, la realizzazione di un centro balneare. Il progetto è stato sviluppato decidendo di attribuire all’insieme del nuovo sito il ruolo di architettura geografica, cioè di dare ai manufatti e allo scalo il ruolo di rappresentazione della forma del territorio attraversato dalla ciclovia Saluzzo - Cuneo. Di fondamentale importanza per lo sviluppo del progetto della pista e dello scalo è stata l’analisi cartografica che ha permesso la comprensione dell’area di studio sia planimetricamente, ad esempio per quanto riguarda le distanze tra i luoghi, sia altimetricamente, tramite l’analisi delle curve di livello. La produzione di carte dell'area del progetto ha consentito di schematizzare le forme del territorio tramite figure successivamente riprese all'interno del progetto.

Relators: Riccardo Palma, Chiara Lucia Maria Occelli
Academic year: 2018/19
Publication type: Electronic
Number of Pages: 131
Subjects:
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura Per Il Progetto Sostenibile
Classe di laurea: New organization > Master science > LM-04 - ARCHITECTURE AND ARCHITECTURAL ENGINEERING
Aziende collaboratrici: UNSPECIFIED
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/10178
Modify record (reserved for operators) Modify record (reserved for operators)