Politecnico di Torino (logo)

De Marinis, Irene

Dinamiche di trasformazione delle eredità della Torino industriale.

Rel. Piergiorgio Tosoni. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2007

Abstract:

Il lavoro oggetto della Tesi rappresenta, il risultato dell'esperienza maturata durante questo ultimo anno di università, con il prezioso aiuto del Prof. Arch. Piergiorgio Tosoni.

Gli obiettivi della Tesi sono:

- Evidenziare I'importanza delle nostre radici e del nostro patrimonio architettonico che arricchisce le vie della Nostra città;

- Analizzare i cambiamenti che avvengono quotidianamente sui "colossi" industriali di Torino;

- Capire se tutto ciò sta avvenendo in maniera coerente con la nostra storia, le nostre abitudini e il nostro "sentire la città".

Il lavoro e suddiviso principalmente in tre parti, contenenti ciascuna un diverso numero di capitoli.

- La prima parte e composta da due capitoli, in cui viene ripercorsa la storia dell'industria a Torino.

- Nella seconda parte, composta da cinque capitoli, vie ne studiato il caso delle Officine Grandi Riparazioni; si è analizzata questa industria perche nella precedente tesi di Ingegneria Edile è stata attentamente studiata la trasformazione che sta avvenendo in queste aree il "Progetto Raddoppio".

- Nella terza parte, composta da due capitoli, si analizzano altre realtà industriali di Torino ritenute significative.

- In fine nella quarta parte, si traggono le conclusioni di questa esperienza e vengono proposti alcuni consigli e attenzioni progettuali da porre in essere durante I'analisi per le eventuali trasformazioni di queste aree.

L'argomento affrontato ha dimensioni talmente vaste, che la propria opinione e i propri interessi si perdono all'interno di tutte le problematiche e circostanza da valutare.

L'obiettivo di questa ricerca non era quello di scoprire I'importanza delle Offici ne Grandi Riparazioni 0 delle altre industrie analizzate, ma le conseguenze che queste hanno provocato a livello urbanistico e sociale nella città.

L'aspetto del territorio che ci circonda non risponde più alle categorie di lettura che la storia ci aveva insegnato ad applicare; i parametri dimensionali, fisici, economici, sociali vanno assumendo caratteri sempre nuovi e sempre più complessi e richiedono altri paradigmi interpretativi, che li rendano utilizzabili per una rinnovata e attuale capacità.

Durante l'elaborazione di questa ricerca sono emersi differenti problemi che coinvolgo direttamente questi "colossi industriali" ma questi non possono ovviamente e consapevolmente essere affrontati con la "nostalgia", il "ritorno al passato", perche cosi facendo si sbaglierebbe ma devono esse re corretti, modificati e "sorvegliati" considerando tutto ciò che ci circonda, che viviamo, che sentiamo, che desideriamo e che ci ha permesso di essere qui, quindi le nostre radici, le nostre tradizioni, il nostro patrimonio e le nostre peculiarità.

La consapevolezza del "proprio IO" e delle nostre tradizioni dovrebbe guidare e far pensare tutte le persone che stanno operando per cambiare questa città.

Relatori: Piergiorgio Tosoni
Soggetti: U Urbanistica > UK Pianificazione urbana
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/973
Capitoli:

PREMESSA

1. L 'industria a Torino

2.Fabbriche come memoria storica

3.Borgo san Paolo

4.Immigrazione, autonomia, appartenenza, famiglia e lavoro in borgo san Paolo

4.1 L'immigrazione in borgo san Paolo

4.2 L'autonomia

4.3L 'appartenenza e l'autonomia

4.4 Lo spazio pubblico

4.5 La famiglia

4.6 L'infanzia e i divertimenti

4.7 Il lavoro

5. Le officine delle strade ferrate

5.1 Le officine e il borgo san Paolo

5.2 Il progetto delle officine

6. Le OGR attuale destinazione d 'uso

7 . Il destino delle officine grandi riparazioni

8. Le altre realtà industriali a Torino

8.1 La manifattura tabacchi

8.1.1 Locallzzazione

8.1.2 Collocazione del "monumento" nel contesto storico

8.1.3 Attuale destinazione

8.1.4 Il destino della manifattura tabacchi

8.1.5 Il perche della trasformazione e le sue conseguenze

8.2 Office Savigliano

8.2.1 Locallzzazione

8.2.2 Abitanti e caratteristiche del quartiere

8.2.3 Attuale destinazione

8.2.4 Il destino delle officine Savigliano

8.2.5 Il perché della trasformazione e le sue conseguenze

8.3 Mulini dora

8.3.1 Locallzzazione

8.3.2 Collocazione del "monumento" nel contesto storico

8.3.3 Abitanti e caratteristiche del quartiere

8.3.4 Attuale destinazione

8.3.5 Interventi di riqualificazione

8.3.6 Il perché della trasformazione e le sue conseguenze

8.4 Compagnia Westinghouse-Nebiolo

8.4.1 Localizzazione

8.4.2 Collocazione dei "monumenti" nel contesto storico

8.4.2.1 Compagnia Westinghouse

8.4.2.2 Nebiolo

8.4.3 Attuale destinazione

8.4.4 Il destino dell' area Westinghouse-Nebiolo

8.5 Fiat materiale ferroviario "Materfer"

8.5.1 Locallzzazione

8.5.2 Attuale destinazione

8.5.3 Il destino dell' area Materfer

9. La trasformazione non si arresta

9.1 Materfer

9.2 L�area Nebiolo-Westinghouse

Conclusioni

Indice

Ringraziamenti

ALLEGATI

allegato n. l, (parte "a"), repertorio dei lavori pubblici, Officine grandi riparazioni

allegato n. l, (parte "b"), repertorio dei lavori pubblici, Officine grandi riparazioni

allegato n. l, (parte "c"), repertorio dei lavori pubblici, Officine grandi riparazioni

allegato n. l, (parte "d"), repertorio dei lavori pubblici, Officine grandi riparazioni

Bibliografia

Bibliografia:

LIBRI

Valerio Castronovo, Torino un'antica sapienza di lavoro, Torino, Edizioni del capricorno, 1996;

S. Taroni, A. Zanda (a cura di), Le cattedrali del lavoro, Torino, Umberto Allemandi & C., 1998.

Politecnico di Torino, Dipartimento Casa e Città, Beni culturali ambientali nel comune di Torino, Torino, Societa degli Ingegneri ed Architetti in Torino, 1984.

S. Saccomani, Il progetto preliminare del P.R.G. di Torino e le aree industriali dimesse, in "When the factories close", Oxford-Torino, Ed. Dimitriau & M.J. Thomas, 1994.

V. Gregotti, Il territorio dell'architettura, Feltrinelli, Milano, 1977.

A cura dell'Associazione Museo Ferroviario Piemontese, Le Officine delle strade ferrate in Torino, un'idea di riuso per il fabbricato delle locomotive a vapore, Torino, 1980.

P. Abate Daga, Alle porte di Torino, 1962.

Ministero dei Lavori Pubblici, Regio Ispettorato generale delle Strade Ferrate, Relazione sulle Costruzioni e sull'Esercizio delle Strade Ferrate Italiane per gli anni 1885, 1886, 1887, Roma, Tip. Eredi Botta, 1889.

L.L.P.P. n.1811/129/10 dell'anno 1883.

L.L.P.P. n. 2121/165/3 dell'anno 1887.

A. Ragazzoni, Le nuove Officine delle strade ferrate (Rete mediterranea) in Torino, Torino, Tip. E Li Camilla e Bertolero, 1895.

B. Biamino, Torino un'antica sapienza di lavoro,Torino, Edizioni del Capricorno, 1995.

A. Magnaghi e P. Tosoni, La città smentita Torino: ricerca tipologica in ambiti urbani di interesse storico, Designers Riuniti Editori.

Città di Torino, Assessorato per la Cultura Musei Civici, Torino tra le due guerre, cultura operaia e vita quotidiana in Borgo San Paolo, organizzazione del consenso e comunicazioni di massa, I'organizzazione del territorio urbano, le arti decorative ed industriali, le arti figurative, la musica e il teatro, Torino, Marzo Giugno-1978.

TESI DI LAUREA:

DE MARINIS I, Criteri metodologici e applicativi per la redazione dei piani di controllo qualità dei manufatti di un intervento edilizio: il caso del "Progetto Raddoppio" del Politecnico di Torino, D.I.S.E.T. Politecnico di Torino, Maggio 2004.

RIVISTE

B. Secchi, Le condizioni sono cambiate, in Casabella, n.488/489, 1984.

SITI INTERNET

http://www.raddoppio.polito.it.

http://www.oct.Torino.it

http://www.comune.torino.it

http://www.torino-internazionale.org

http://www.fondazione-micheletti.quipo.it .

http://www.europaconcorsi.com

http://www.istoreto.it

http://www.italvapore.it

http://www.a-torino.com

http://www.guglielminotti.it

http://www.rettorato.unito.it

http://www.lastampa.it

http:// www.infrastrutturetrasporti.it

http://www.beniculturali.it

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)