Politecnico di Torino (logo)

Celi, Davide

Le cascine nell'Astigiano: ipotesi di riuso e riqualificazione.

Rel. Chiara Ronchetta. Politecnico di Torino, NON SPECIFICATO, 2005

Abstract:

La mia Tesi di Laurea sviluppa un progetto di valorizzazione di un territorio rurale situato in provincia di Asti.

Ho condotto un'analisi funzionale e sociale sull'uso attuale delle strutture agricole, studiando successivamente la tipologia delle cascine astigiane ed i loro aspetti costruttivi.

L'astigiano è un territorio da sempre noto per l'attività agricola ed anche per le produzioni di alta qualità, conosciute a livello nazionale ed anche internazionale come i vini, i tartufi, i formaggi,...

Le cascine astigiane, collocate su pendii a volte dolci, altre volte decisamente più impervi, si differenziano da quelle della pianura, sia per le dimensioni che per le tipologie aggregative, rispondendo così alle esigenze di quella società contadina centrata sulla piccola proprietà e sul tipo di economia agricola, che ha sempre richiesto fabbricati rurali semplici, spesso costruiti con materiali poveri e presenti in loco, dal legname per il tetto alla sabbia per le malte, dalla calce ai mattoni,... Il progetto è esteso a tre frazioni del Comune di Asti: Casabianca, Valleandona e Montegrosso Cinaglio, situate ai margini del Comune, in direzione di Torino. Costituiscono una circoscrizione, organo politico creato come passaggio intermedio tra l'amministrazione comunale e gli abitanti delle frazioni, che in questo modo possono, anche in virtù della loro unione, collaborare e porre in atto interventi utili in tempi brevi.

Si tratta di zone prettamente agricole, facilmente raggiungibili dalla città e quindi meta di numerosi visitatori, sia per passeggiate a piedi, in bicicletta o a cavallo, sia per usufruire dei sempre più frequenti agriturismi e bed&breackfast sorti negli ultimi anni. Nell'area è anche presente la Riserva Naturale di Valleandona e della Valle Botto, zona naturalistica rinomata per gli affioramenti di fossili. La mia proposta progettuale si pone come obiettivo l'individuazione di fattori e di provvedimenti che permettano di creare una rete di servizi e di opportunità che portino il visitatore, attraverso un percorso libero, ad utilizzare le strutture presenti quali agriturismi, bed&breackfast, centri informativi,...

Il sistema territoriale proposto porta le attuali strutture isolate a dialogare e a

prestare servizi complementari.

Tale proposta asseconda una tendenza, sempre più diffusa, di abbandono della

città con la scelta privilegiata della campagna, per ovviare a ritmi stressanti e stili

di vita caotici.

Il visitatore può infatti unire il piacere di una passeggiata a cavallo o in bicicletta

alla possibilità di acquistare prodotti tipici locali, di verificame la coltivazione e la

preparazione.

La Tesi sviluppa poi due proposte progettuali di riuso di piccoli cascinali con due

diverse destinazioni, uno agriturismo con maneggio e l'altro con vendita di

prodotti tipici.

Il progetto è affrontato come verifica applicativa dello studio tipologico, dei

materiali e dei particolari costruttivi che, raccolto in un elaborato, diviene un

manuale operativo per il riuso degli edifici rurali della zona.

Relatori: Chiara Ronchetta
Parole chiave: recupero architettonico - riuso - riqualificazione - cascina - astigiano - piemonte
Soggetti: T Tecnica e tecnologia delle costruzioni > TE Tecnologia dei materiali
A Architettura > AF Edifici e attrezzature per il tempo libero, le attività sociali, lo sport
R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
Corso di laurea: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/683
Capitoli:

CAP 1 Inquadramento sul territorio astigiano

1.1 II territorio

1.2 II paesaggio

1.3 I fabbricati rurali

1.4 Possibilità di recupero

CAP 2 Analisi tipologica e morfologica

2.1 Trasformazioni e aggregazioni

CAP 3 I materiali da costruzione utilizzati

3.1 Materiali lignei

3.2 Materiali lapidei

3.3 Materiali fittili

3.4 Materiali metallici

3.5 Malte per murature ed intonaci

3.6 Tinteggiature e colori murali

CAP 4 Analisi dei particolari costruttivi

4.1 Le coperture

4.2 Finestre, porte, balconi e aperture

4.3 Murature e strutture portanti

CAP 5 Aspetti paesaggistico-naturali e

potenzialità ricettive della zona

5.1 La Riserva Naturale speciale di Valleandona

e della Valle Botto

5.2 Le risorse turistiche

5.3 L'Ingegneria naturalistica

CAP 6 Promemoria operativo

Bibliografia:

Testi

AA.Vv., Il recupero degli edifìci rurali nella provincia di Asti, Espansione Grafica, Asti 2000

Acocella A., L'architettura del mattone faccia a vista, Roma 1989 Agostini S., Architettura rurale. La via del recupero:alternative di intervento sull 'esistente, Angeli, Milano 1999

Angelo Conterio in Cartoguide De Agostini, La provincia di Asti,Istituto Geografico De Agostini, Novara 1985

Associazione Italiana delle Enoteche, Piemonte. Le strade del vino, Sagittario editore, Asti 1999

Barbieri G., Gambi L., (a cura di), La casa rurale in Italia, Olschki, Firenze 1970

Brambilla G.F., Il manuale del mattone faccia a vista,Edizioni Laterservice, Roma 2000

Bravo G.L., (a cura di), Vino e pane. Lavoro e vita contadina nel museo Ber sano, Provincia di Asti 1999

C. Amerio, G. Canavesio, Materiali per l'edilizia, Società Editrice Internazionale, Torino 1999, Firenze, 1989

Castagno L., Bifronte ali 'architettura contadina, Einaudi, Torino 1982

Castellano A., La casa rurale in Italia, Electa, Milano 1986 Catalogo "ZAF", Laterizi per murature

Catalogo generale "Fornace Ballatore"

Ceccacci G., Agriturismo, con riferimenti alle diversi leggi

regionali, FAG, Milano copyr. 1996

Ceccarini I., Case rurali, Hoepli, Milano 1952

Cisar,(a cura di), II rame nell'architettura: i tetti, CISAR, Milano 1964

De Gasperini A.E.P., Trattato di archittettura rurale, Firenze 1847

Di Muzio R., Dota S., Faggioli F., Manilla M., Tibiletti E.,

Agriturismo e sviluppo delle aree rurali, Calderoni Ed agricole, Bologna 1998

Formenti C, La Pratica del Fabbricare, Milano 1893

G.K. Koenig,B. Furiozzi,F. Brunetti, G. Ceccarelli, Tecnologia delle

costruzioni, vol. 1,2,3, Le Monnier, Firenze 1995

Galiazzo L., Due mondi due stili, in Ville e giardini n° 388, Febbraio 2003 pp. 22-29

Gambi L., La casa contadina in Storia d'Italia, Vol. 6, Einaudi, Torino 1976

Ghisleri A., (a cura di), Cascine: l'architettura, il paesaggio, la storia, Libreria Ponchielli, Cremona 1991

Gribaudi Rossi, Cascine e ville della pianura torinese: briciole di storia torinese rispolverate nei solai delle ville e nei granai delle

cascine, Le Bouquiniste, Torino 1970 ristampa 1988

I Guzzini, Sistemi di illuminazione per interni, 2000-2001

Ing. Mario Corsetti, Costruzioni rurali, ed. Paravia, Torino 1940 pag 182

Istituto Nazionale di Sociologia Rurale, Italia rurale, Laterza, Bari 1988

La Regina F., Architettura rurale, Calderoni, Bologna, 1980

Lacche F., Vacanze Verdi 1995. Itinerari dell'agriturismo di qualità, Ed agricole S.p.A., Bologna 1994

Levi C, Trattato teorico-pratico di costruzioni civili, rurali e idrauliche, Vol. 2, Hoepli, Milano 1924

Medici A., Architettura rurale. Esperienze della bonifica., Edizioni Ed agricole, Bologna, 1956

Musso G., Copperi G., Particolari di Costruzioni Murali e Finimenti di Fabbricati, Torino 1887/1912

Nardelli P., I rustici, ristrutturazione e arredamento, De Vecchi Editore, Milano 1995

Ortensi D., Costruzioni rurali in Italia, Società Anonima Poligrafica Italiana, Roma 1931

Pagano G., Guarniero D., Architettura rurale italiana, Hoepli, Milano 1936

Raspino G., L'edilizia rurale piemontese: nuove prospettive ed orientamenti, estratto da "7problemi dell'agricoltura piemontese di fronte allo sviluppo economico ", a cura del Centro Studi e Ricerche Economico Sociali delle Camere di Commercio del Piemonte, Torino 1967

Regione Piemonte, II Camminapiemonte Guida WWF, Edizioni Ambiente

Ronchetta C, Palmucci L., Cascine a Torino: la più bella prospettiva d'Europa per l'occhio di un coltivatore, Edifir, Firenze 1996

Tesi

S.Botti, O.V.Garone, Riabituare l'architettura contadina: rustici, casali e dimore rurali in "Ville e giardini" n° 280, 1993 Salvagnini G., Culturaed architettura della casa rurale: Montefoscoli, Caldera. Indagine su un campione di edilizia mezzadrie, Medicea, Firenze 1977

Singer C, (a cura di), Storia della Tecnologia, Einaudi, Torino 1964 Turri E., Antropologia del paesaggio, Hoepli, Milano 1978 Tutino Vercelloni I., (a cura di), Costruire per l'agricoltura: storia, sperimentazioni, ipotesi, Skira, Milano 1996

Cameirana D., Recupero Cascina Coda, struttura ricettiva e didattica: fra vecchi e nuovi muri, Torino, Ottobre 1997, rel. Prof. Marnino Lorenzo

Capellino A., Coffaro S., Progettare per il vino: l'ampliamento della cantina sociale di Vinchio e Vaglio Serra, Torino, Luglio 2000, rel. Prof. Marco Vaudetti

Irico P., La cascina padana e le sue origini: un esempio a Trino Pia S., Recupero e trasformazione di una azienda agricola nella Maremma grossetana, Torino, Settembre 2004, rel. Prof. Piergiorgio Tosoni

Ribero R., Tra le aziende vinicole di Canelli: un'ipotesi di percorso,Torino, a.a. 1992-1993, rel. Prof. Sasso Laura, corr. Prof. Varaldo Giuseppe

Sharma S., Perché l'agriturismo? Ipotesi di progetto, Torino, Ottobre 2003 rel. Prof. Giacomo Donato

Irico P., La cascina padana e le sue origini: un esempio a Trino Vercellese, Torino, Luglio 1997, rel Prof, Piergiorgio Tosoni

Siti Internet

www.aqricamDinq.it/FarmHolidavs/Diemonte.html

www.aqriturismoitalia.it

www.aqriturismoitalv.it/ reqione/piemonte/colledeisaraceni.htm

www.casepiemontesi.asti.it/bed-breakfast-piemonte/bed-breakfast-associazione/associazione-asti-chisiamo.htm

www.ciaoasti.it/Darchi/valleandona.htm

www.comune.asti.it

www.comune.asti.it/turismo/promozione-territorio/casabianca-valleandona-monteqrossocinaqlio/index shtml

www.Diemondo.it/archivi/aqriturismo-asti.htm

www.piemondo. it/natura/parchi. htm

www.primitaly.it/aqriturismi/Diemonte/asti.htm

www.provincia.asti.it/edu

www.terredasti.it

www.terredasti. it/italia-piemonte/territorio-asti. htm www.turismo.asti.it

www.turismo.it/hotels/province/asti.phD

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)