Politecnico di Torino (logo)

Capece, Antonio

Tradizioni e architettura del XV secolo.

Rel. Giacomo Donato. Politecnico di Torino, NON SPECIFICATO, 2005

Abstract:

La mia tesi si propone di analizzare i motivi per cui nell'Italia del XV secolo si arrivò ad avere un'evoluzione delle fortificazioni, conseguenza obbligatoria per l'introduzione di nuove tecniche, tattiche e strategie militari. Inoltre ho illustrato quelli che potevano essere gli usi, i costumi e le tradizioni della vita quotidiana delle varie figure che abitavano le fortezze. Ho quindi voluto far risaltare la situazione politica partendo dall'Italia della fine del XIV secolo, per poi passare a quella del Quattrocento, epoca che impose le forme e l'organizzazione dello sforzo bellico. Di fatto la tendenza dei maggiori stati italiani ad ampliare il proprio territorio e a mettere in piedi un'organizzazione politica più coerente e centralizzata portò inevitabilmente a concepire con maggiore sollecitudine dispositivi permanenti di difesa. Agli inizi del XV secolo predominarono nella scena politica italiana fattori di divisione e di anarchia e di tale stato di cose i condottieri approfittarono appieno. Molti dei condottieri suggerirono essi stessi queste nuove forme di operazione bellica e promossero la costruzione di fortificazioni di tipo nuovo. Anzi, ogniqualvolta si doveva eseguire un progetto di fortificazione si chiedeva sempre che cosa ne pensassero i maggiori capitani del tempo e, d'altra parte, come era naturale, i condottieri ebbero sempre un'importanza capitale nel settore delle fortificazioni campali e nelle opere tattiche di ingegneria militare. E' quindi per tale motivo che ho voluto spiegare quali erano le armi, le tattiche, le strategie e le tecnologie adottate dagli eserciti, in pratica l'arte della guerra.In seguito ho esposto vari esempi di fortificazioni rimodernizzate in quell'epoca. Quindi anche i materiali e le innovazioni tecnologiche adottate per rispondere al mutamento delle armi di offesa e di difesa. Infine ho voluto mostrare quella che era una società civilizzata o quantomeno un popolo sofisticato. Ho quindi voluto spiegare come si vestivano, cosa mangiavano, come vivevano queste persone così lontane ma anche così vicine a noi, cercando di comprendere appieno le loro abitudini vestendomi, combattendo, mangiando e dormendo proprio come poteva fare un fante di un esercito pronto all'assedio o alla battaglia nel XV secolo.

Relatori: Giacomo Donato
Parole chiave: storia - fortificazioni - costruzioni militari - arte della guerra
Soggetti: A Architettura > AJ Edifici e attrezzature per l'amministrazione, il commercio e la difesa
A Architettura > AS Storia dell'Architettura
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GI Tradizioni popolari
Corso di laurea: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/628
Capitoli:

1. INTRODUZIONE 3

2. L'ARTE DELLA GUERRA 5

2.1.Situazione politica e militare 5

2.2.I condottieri e i loro committenti 37

2.3.La societa' e i militari 79

2.3.1. La cavalleria 82

2.3.2. La fanteria 88

2.3.3. L'artiglieria 96

2.3.4. La guerra fluviale 101

2.3.5. Tattica e strategia 106

2.3.6. Le invasioni straniere 112

3. FORTIFICAZIONI E COSTRUZIONI MILITARI 122

3.1.Tattiche e strategie di difesa 122

3.2.A prova di cannone 142

3.2.1. Assisi 142

3.2.2. Brisighella 143

3.2.3. Cività castellana 144

3.2.4. Dozza 146

3.2.5. Forlì 147

3.2.6. Gaiole in chianti 148

3.2.7. Imola 150

3.2.8. Mondavio 151

3.2.9. Narni 152

3.2.10. Nettuno 153

3.2.11. Ostia 155

3.2.12. Poggio imperiale 156

3.2.13. San Leo 157

3.2.14. San Sepolcro 159

3.2.15. Sarzana 160

3.2.16. Sassocorvaro 161

3.2.17. Senigallia 162

3.2.18. Spoleto 163

Bibliografia:

L. Fabbri, Alleanza matrimoniale e patriziato nella Firenze del '400, Olschki, Firenze, 1991;

A. G. G. Merendoni, Armi e armati nell'Italia dei secoli XV-XVI, Il Cerchio, Rimini, 1993;

F. Conti, Castelli e rocche. Le fortiftcazioni italiane del Medioevo e del Rinascimento,Novara, 1999;

AA. VV., Dalla crisi del Trecento all'espansione Europea, in La Storia, Vol. VI, La Biblioteca di Repubblica, Novara, 2004;

G. Tabacco, Egemonie sociali e strutture del potere nel medioevo italiano, Einaudi, Torino, 1991;

C. Rendina, I capitani di ventura, Newton & Compton Editori, Roma, 1999; O. Bagnasco, Il banchetto, Mondadori, Milano, 1997;

AA.VV., Il basso Medioevo, in Storia Universale, Vol. VII, editorial So190, Barcellona, 2001;

G. Embleton, Il costume militare medievale, Ermanno Albertelli Editore, Parma, 2003;

B. Laurioux, I libri di cucina italiani alla fine del Medioevo: un nuovo bilancio, in Archeologia Medioevale, XVI (1989), pp. 227-242;

C. Gargiolli, Il libro segreto di Gregorio Dati, Forni, Bologna, 1968;

D. Balestracci, I materiali da costruzione nel castello medioevale, in Archivio Storico Italiano, 154 (1996), pp. 33-38;

L. Gatto, Il Medioevo, Newton Compton, Roma, 1994;

M. Del Treppo, I mercanti catalani e 1'espansione della Corona d'Aragona nel secolo XV, L'Arte Tipografica, Napoli, 1972;

G.A. Embleton e C. Rothero, Italian Medieval Armies 1300-1500/The Nenetian Empire 1200-1670, Osprey ublishing Ltd, London, 1999;

F. Melis, I trasporti e le comunicazioni nel Medioevo, L. Frangioni, Le Monnier, Firenze, 1984;

E. Sori, La città e i rifiuti. Ecologia urbana dal Medioevo al primo Novecento, Il Mulino, Bologna, 2001;

A. Capatti e M. Montanari, La cucina Italiana. Storia di una cultura, Editori Laterza, Roma-Bari, 1999;

Ph. Contamine, La guerra nel Medioevo, Il Mulino, Bologna, 1986;

L. Molà, R. C. Mueller e C. Zanier, La seta in Italia dal Medioevo al Seicento, Marsilio, Venezia, 2000;

M. Romanello, La stregoneria in Europa, Il Mulino, Bologna, 1981;

R. Delort, La vita quotidiana nel Medioevo, Editori Laterza, Roma-Bari, 1989;

L. Gatto, L'Italia nel Medioevo. Gli Italiani e le loro città, Tascabili Economici Newton, Roma, 1995;

L. Puppi, Lo splendore dei supplizi, Berenice, Milano, 1990;

R. Delort, L'uomo e gli animali dall'Età della Pietra a oggi, Editori Laterza, Roma-Bari, 1987;

J. Le Goff, L'uomo medievale, Editori Laterza, Roma-Bari, 2002;

B. Dini, Manifattura, commercio e banca nella Firenze medievale, Nardini, Firenze, 2001;

AA.VV., Medioevo, De Agostini Rizzoli Periodici, Anno 1, n° 8, Settembre 1997

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)