Politecnico di Torino (logo)

Pagani, Giulia

[In]formale.Lisbona.

Rel. Cristina Bianchetti, Francesca Governa. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta', 2017

Abstract:

INTRODUZIONE

La città nel corso della storia è stata descritta in molti modi, si è sempre cercato di "domarla" e programmarla, ma di fatto la si potrebbe paragonare ad un grande organismo che si evolve, muta, si divide, si unisce portando sempre a qualcosa di inaspettato, di imprevedibile, ma troppi sono gli individui e i fattori coinvolti al suo interno per permetterci di controllarla pienamente. Forse potremmo solo limitarci a cercare di comprenderla e interpretarla dando ascolto alla sua "voce", alle sue esigenze e necessità.

Se si ritorna, come dice Careri, a considerare la pratica del camminare come primario strumento conoscitivo della città, ci si può imbattere in realtà nascoste, marginali che si nutrono di residui, realtà che erano state dimenticate o forse semplicemente ignorate: le baraccopoli.

Questi piccoli focolai si stagliano sul panorama urbano europeo con una connotazione quasi virale, formando una costellazione di "piccole città" parallele che crescono e nascono su terreni inaspettati come mine esplose. Si potrebbero dunque definire come città dentro la città perché ne fanno parte ma allo stesso tempo ne sono fuori, segregate, ignorate e nascoste.

La contrapposizione è molto forte e l'appartenenza ad una città europea, per come si è abituati ad intenderla, concepirla e vederla, fasiche si rifiuti in qualche modo l'appartenenza di queste piccole realtà alla grande città.

Al posto però di guardare all'inaspettato, al rifiuto, al brutto, come ad un ostacolo all'utopia europea, potremmo fermarci ad osservare queste piccole città guardando ad esse come possibilità di cambiamento ed evoluzione.

Il primo passo da fare è integrarle nel concetto stesso di città, perché volente o nolente fanno parte della nostra realtà.

La città ha bisogno dunque di una nuova definizione, di un nuovo significato. Forse ha bisogno di essere ridisegnata con una nuova rete di collegamenti e di ripensare quegli spazi apparentemente vuoti.

Creare dei punti di sutura, questo potrebbe essere l'intento della ricerca, cercando di dar inizio a un dialogo, una connessione tra le diverse città che creano la città, favorendo un nuovo approccio alla realtà cittadina, allo studio e al progetto.

Le baraccopoli rappresentando la provvisorietà della città rivendicano il loro diritto ad apparire.

Per quanto questo fenomeno si manifesti spontaneamente e senza controllo ha in realtà una sua organizzazione, sfruttando le materie prime più facilmente reperibili e le possibilità della gente che le popola.

Camminando e attraversando la realtà degli insediamenti informali si notano con una certa sorpresa degli elementi paragonabili agli spazi urbani: luoghi di ritrovo, suddivisioni spesso connesse alle diverse nazionalità delle persone, piccole "infrastrutture" caratterizzate da passaggi improvvisati, camminamenti che connettono diversi piccoli centri. Questo ci fa capire come siano delle vere e proprie città che devono essere studiate con uno sguardo diverso secondo un nuovo punto di vista.

Oggetto di studio di questo lavoro è Lisbona, capitale del Porto-gallo, famosa da sempre per le sue residenze sociali e per i suoi programmi urbanistici.

Si è organizzato il lavoro in tre parti.

In una prima fase si è introdotto il fenomeno delle baraccopoli nell'ambito del dibattito sulla città contemporanea, realizzando in parallelo un piccolo atlante dell'Area Metropolitana di Lisbona con mappe scelte in relazione alla tematica della tesi e utili alla comprensione del fenomeno.

In una seconda fase ci si è avvicinati progressivamente alla realtà delle baraccopoli, andando ad indagare la storia delle residenze sociali e in parallelo II processo di formazione dei vari Bairros e la loro costituzione a livello etnografico.

Si è poi deciso di approfondire l'analisi, attraverso una restituzione grafica e un'esplorazione iconografica, di due Bairros, Bairro da Torre e Bairro Terras da Costa, che hanno subito nel tempo diversi interventi che hanno portato oggi a soluzioni e realtà differenti.

Dopo aver cercato di indagare a fondo il fenomeno si è arrivati infine ad elaborare un' ipotesi progettuale sperimentale, che al posto di intervenire direttamente sulle baracche si concentra, in una fase che si potrebbe definire preliminare, sul ricucire i frammenti che compongono la città, includendo la realtà informale nella realtà cittadina rimettendo in gioco di conseguenza l'intera questione urbana.

Relatori: Cristina Bianchetti, Francesca Governa
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GA Antropologia
U Urbanistica > UE Igiene Urbana
U Urbanistica > UJ Pianificazione rurale
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta'
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/6133
Capitoli:

Introduzione

Ringraziamenti

1 LISBONA

1.1 Uno sguardo critico sulla città europea di oggi

1.2 Atlante Area Metropolitana di Lisbona

1.3 Appendice n°1

2 IL BAIRRO

2.1 Un Salto temporale

2.2 Costruire clandestino

2.3 Un intreccio di etnie

2.4 Bairro da Torre, Camarate, Loures

2.5 Bairro Terras da Costa, Costa de Caparica, Almada

2.6 Due Bairros a confronto

2.7 Appendice n°2

2.8 Appendice n°3

3 IL PROGETTO

3.1 Percorso Informale

3.2 Be(e) formal

4 CONCLUSIONI

5 BIBLIOGRAFIA

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

AGUILERA THOMAS, VITALE TOMMASO; Baraccopoli europee: le responsabilità delle politiche pubbliche, in Aggiornamenti Sociali; 2016; pp.111-119

ASCHER FRANÇOIS; Mètapolls ou l'avenir des villes, in Revue de géographie de Lyon; Volume 72; Numero 2; 1997; p. 126

ASCENÇAO EDUARDO; Following engineers and architects through slums: the technoscience of slum intervention in the Portuguese-speaking landscape, in Analise Social n° 206, Volume XLVIII (1); 2013; pp.155-177

ASH AMIN; Telescopic urbanism and the poor, in City; 17:4; 2013; pp.476 - 492

BAPTISTA ISABEL, PEREIRA ALVARO PIRES, PERISTA PEDRO, SILVE DELTA Souso; Habitat e minorías, Processos de (des)inte- graçâo de grupos étnicos em Lisba e o Porto, in Cidades- Comunidade e Territorio n°3; 2001 ; pp. 93-109

BERNARDI CLAUDIA; Temporalità urbane. Politiche dei controllo e reti migranti; in U3 i quaderni n°3; Settembre- Dicembre 2013; pp.103-110

BIANCHETTI CRISTINA; // novecento è davvero finito, Considerazioni sull'urbanistica, Roma; Donzelli editore; 2011 BOERI STEFANO; L'anticittà, Bari; Edizione Laterza; 2013; pp.13

BRUTO DA COSTA ALFREDO, PIMENTA MANUEL; Minorías étnicas pobres em Lisboa, Lisboa; Centro de Reflexâo Crista/ Cámara Municipal de Lisboa; 1991

CAMPLONE STEFANIA; Territorio fragili, territori duttili, in Recycland (Re-cycle Italy n°4); Aracne editore s.r.l.; 2013; pp. 151

CARDOSO ANA; A outra face da cidade-pobreza em bairros degradados de Lisboa, Lisboa; 1993;, Camera Municipal de Lisboa

CARDOSO ANA, PERISTA HELOISA; A cidade esquecida, Pobreza em bairros degradados de Lisboa, in Sociología-Problemas e pràticas n°15; Lisboa; 1994; pp.99-111

CARERI FRANCESCO; Walkscapes, Camminare come pratica estetica, Torino; Einaudi; 2006

CARPENZANO ORAZIO; La Post-produzione in architettura, in Recycland (Re-cycle Italy n°4); Aracne editore s.r.l.; 2013; pp. 35

CARREIRAS MARINA GABULEIRA; A integragäo socioespacial dos bairros de habitagào social: um estudo da situagäo na Área Metropolitana de Lisboa ; Tesi magistrale nella gestione territoriale e urbanistica, Università di Lisbona; 2015; pp. 57-80

CIORRA PIPPO; Astuti come le colombe, in True-topia, città adriatica riciclasi (Re-cycle Italy n°3); Aracne editore s.r.l.; 2014; pp.23

D'ANNUTIIS MARCO; Apologia dei luoghi reali, in True-topia, città adriatica riciclasi (Re-cycle Italy n°3); Aracne editore s.r.l.; 2014; pp.41

DIAS RODRIGUES PAULA CRISTINA; Procedimentos de legalizagäo da habitagöes existentes em territorios de genese ilegal (TGI) : Loures ¡Amadora ;Oeiras e Casca/s, Tesi Magistrale presso l'UniversiDADE Tecnica di Llsboa-Faculta- de de Arquitectura; 2011; pp.55-80,94-06, 132-138,

FERREIRA R., SILVA J.; Evolugao das Rendas das Habitagöes, Lisboa; 1961 ; p. 21

FOUCAULT MICHEL; Utopie Eterotropie, Parigi; Cronopio; 2004

FREITAS ANTONIO; "Bairros Clandestino^'-, in Arquitectura n°73; 1961 ; pp.27-35

FRIEDMAN YONA; L'architettura di sopravivenza, Una filosofia della povertà, Parigi; Bollati Boringhieri; 2009

GALLARDO FRANCISCO JOSÉ CUBEROS; Djunta-mon: migración caboverdiana y prácticas de ayuda mutua en ia periferia de Lisboa, in Perifèria n°19; Dicembre 2014; pp.4-28

GUERRA ISABEL, MATÍAS NELSON; Elementos para urna anáiise sociológica do movimento clandestino, in C. M. Rodrigues et al.¡Clandestinos em Portugal, Leituras; 1989;Lisboa, Livros Horizonte, pp. 68

INDOVINA FRANCESCO; Dalla città diffusa all'arcipelago metropolitano, Venezia; Franco Angeli, Studi urbani e ragionali; 2009; 124-135

MOTA NELSON; The SAAL Spring. Revolution, Housing and Bureaucracy in Portugal, in 68th SAH Annual Confernce; Chicago; 2015

Pereira Silvia; Problemàtica de Habitagao em Portugal, in Anàlise Social, 1 e 2; 1963

SALGUEIRO TERESA; Bairros Clandestinos na Periferia de Lisboa, Instituto de Alta Cultura, Centro de Estudos Geográficos; Lisboa; 1972; pp. 58

SALGUEIRO TERESA; Bairros clandestinos na periferia de Lisboa, in Finisterra; Lisboa; 1977; pp.28-55

SANTOS ANA ISABEL, DE SILVA ALMEIDA; Construgao urbana de origem ilegal, capital sodai e percepgao de problemas.

O caso d Casal de Cambra, Tesi Magistrale presso Università Tecnica di Lisbona, Istituto Superiore di scienze sociali e politiche; 2008; pp. 7-32

SECCHI BERNARDO; La città dei ricchi e dei poveri, Bari; Laterza; 2013 SILVA MANUELA; Pobreza Urbana em Portugal, Lisboa; 1989; Càritas/CRC

SOARES CRISTINA, CAVACO RIBEIRO GOMES; Formas de habitat sburbano. Tipologías e modelos residenciáis na Area Metropolitana de Lisboa, Tesi di dottorato in Architettura, Università tecnica di Lisboa; 2013; pp.11 -25

RAPOSO ISABEL .VALENTE ANA; Diàlogo social ou deverde reconversào? As Áreas Urbanas de Génese Ilegal (AUGI) naÀrea Metropolitana de Lisboa, in Revista Critica de Ciencias Sociais n°91, 2010, pp.221 -235

SIT0GRAFIA

www.aml.pt - sito ufficiale dell'Area Metropolitana di Lisbona

www.analisesocial.ics.uLp - consultazione dell'archivio on-line della rivista Anàlise Social, rivista dell'istituto di scienze dell'Università di Lisbona

www.archdaily.com - sito di progettazione

www.architizer.com - sito di architettura

www.boamistura.com - sito ufficiale del collettivo Boamistura

www.ccdr-lvt.pt - sito ufficiale del Coodinamento allo sviluppo regionale di Lisbona e della valle del Tejo

www.cm-lisboa.pt - sito ufficiale della municipalità i Lisbona

www.dn.pt - sito ufficiale del giornale Diàaio de Noticias

www.elementalchile.cl - sito ufficiale di Alejandro Aravena e del suo studio Elemental

www.favelapainting.com - Sito ufficiale della fondazione Favelas Painting |208

www.ine.pt - Istituto National Estatìstica de Portugal K

www.igeo.pt - Portale geografico

www.istat.it - sito ufficiale dell'Istituto Nazionale di Statistica

www.pgdlisboa.pt - sito ufficiale della Procura Generale Distrettuale di Lisbona

www.pordata.pt - Banca dati portoghese

www.portaldahabitacao.pt - sito ufficiale del portale dell'abitazione portoghese, normative.

www.publico.pt - sito ufficiale del giornale Publico

www.scielo.mec.pt -sito della libreria scientifica elettronica

www.unhabitat.org - sito ufficiale del Programma delle nazioni unite per gli insediamenti umani

www.warehose.pt - sito ufficiale del progetto Cucina Comunitaria, Caparica

www.warkawater.org - sito ufficiale del progetto warkawater

FILMOGRAFIA

Ossos, 1997, Pedro Costa, Portogalllo In Vanda's room, 2000, Pedro Costa, Portogallo

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)