Politecnico di Torino (logo)

Orabona, Elisa

Le teorie comparate del colore e la teoria della forma come supporto progettuale nella rifunzionalizzazione di un edificio di interesse culturale : la Caserma Cesare di Saluzzo.

Rel. Anna Marotta, Gaetano De Simone. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il restauro e valorizzazione del patrimonio, 2017

Abstract:

PREMESSA

La attualissima questione del restauro e del recupero funzionale di piccoli e grandi edifici, caduti oggi in disuso, è un argomento che ha da sempre attirato la mia attenzione e curiosità. Costruiti nel passato con scopi molto chiari e precisi, questi edifici, finita l'esigenza funzionale, magari momentanea, si trovano intrappolati in questioni burocratiche, economiche e politiche che non ne permettono una sopravvivenza nel nostro presente ma anzi, spesso, ne determinano un lento degrado, precludendone il futuro. L'impegno di cui ogni generazione dovrebbe farsi carico è quello di raccogliere il meglio del proprio passato, del patrimonio ideale e concreto, per consegnarlo a quelle future, al fine di mantenerne la memoria storica e culturale.1 il fulcro emblematico della questione del restauro sta spesso nella necessità di compiere una scelta di intervento che de-termini una destinazione d'uso che sia in grado di assicurare la sopravvivenza dell'edificio stesso per un lungo periodo. L'architettura costruita infatti, ha molto più di un valore artistico, culturale o storico, ingloba, nella sua bellezza, anche il valore di spazio percorribile al suo interno il che rapporta in modo imprescindibile l'oggetto con il soggetto che la contempla. Trovo che sia una sfida, ardua quanto necessaria, promuovere progetti di restauro capaci di far convivere due realtà che appartengono a epoche temporali diverse, in un uni-co intervento in grado di non far prevalere l'una sull'altra. Un esempio che rispecchia molto bene questa problematica sfida è stato il recente intervento cautelativo dello stato nei confronti delle caserme diffuse sul territorio nazionale ormai inutilizzate dal ministero della difesa. Le sempre più lampanti emergenze abitative che in questi anni hanno toccato picchi altissimi hanno in qualche modo influenzato l'organo del demanio che si è detto disposto a cedere i beni ormai inutilizzati. La presenza di vincoli legislativi, economici e di tipologia costruttiva hanno rallentato per molto tempo la strada del recupero che solo recentemente ha trovato nell'intervento pubblico la soluzione meglio percorribile. Dopo un approfondimento storico sullo sviluppo urbano di Torino, che va di pari passo con quello militare, l'elaborato affronterà lo snodo burocratico che va dalla dismissione degli immobili alla stesura dei piani di recupero contenuti nelle varianti di piano regolatore. Tolto il vincolo demaniale, che in pratica bloccava in ogni modo i meccanismi di riqualifica, portando necessariamente a optare per la conversione ad uso museale degli immobili dismessi, questi edifici trovano nuova vita nei protocolli d'intesa preparati ad hoc dai comuni interessati. Il sindaco del comune di Torino, Piero Fassino, nel 2014 ha firmato quattro protocolli d'intesa per le varianti riguardanti le caserme, Ettore de Sonnaz, Alessandro la marmora, cesare di Saluzzo e il magazzino per l'artiglieria e la difesa chimica. Il caso studio sul quale la tesi si è concentrata è la caserma cesare di Saluzzo, come testimonianza più antica e più centrale in termini territoriali. Partendo dallo studio storico della caserma si è cercato di comprendere i motivi strategici e funzionali della sua ubicazione storica ricavati da studi di archivio, sino ad arrivare a capire i motivi della sua dismissione alla ricerca di una possibile e consapevole rifunzionalizzazione.

Relatori: Anna Marotta, Gaetano De Simone
Soggetti: A Architettura > AO Progettazione
AR Arte > ARB Arti visive
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il restauro e valorizzazione del patrimonio
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/6112
Capitoli:

1 LA PREMESSA

1.1 I MOTIVI DELLA SCELTA

1.2 LA SCELTA METODOLOGICA

2 L'INDAGINE SULLA CITTA': TRA FORMA E STRATEGA

2.1 TORINO, UNA STORIA TUTTA MILITARE

2.1.1 IL DISARMO DELLE FORTIFICAZIONI

2.1.2 IL NUOVO ASSETTO MILITARE TRA OTTO E NOVECENTO

2.2 II RAPPORTO TRA FORMA E LOCALIZZAZIONE

2.3 L'ISOLATO S.VENCESLAO, UN PROGETTO MILITARE NEL SISTEMA DELLA DIFESA URBANA

2.4 II COMPLESSO NEL TEMPO

3 IL PUNTO DI VISTA NORMATIVO

3.1 DALLA DISMISSIONE ALLA VALORIZZAZIONE

3.2 I PROTOCOLLI D'INTESA

3.3 LA VENDITA TRAMITE BANDO PUBBLICO

4 LA CONOSCENZA DEL CONTESTO

4.1 INQUADRAMENTO :

4.1.1 TERRITORIALE

4.1.2 URBANO

4.2 FUNZIONI INSEDIATE NEL QUARTIERE

5 LE LINEE GUIDA E LE MATRICI CULTURALI

5.1 LA TEORIA DELLA FORMA: LA GESTALT

5.2 LA TEORIE COMPARATE: IL COLORE COME SIMBOLO

5.3 LA TEORIA DEL RECUPERO FUNZIONALE

6 LE SUGGESTIONI PROGETTUALI

6.1 II VERDE COME ELEMENTO PROGETTUALE

6.2 LA MORFOLOGIA STRUTTURALE COME SUPPORTO FUNZIONALE

6.3 II LIGHT DESIGN COME GUIDA VISIVA

7 IL PROGETTO DI RIPRISTINO FUNZIONALE

7.1 II MASTERPLAN E IL CONCEPÌ PROGETTUALE

7.2 LA CONSISTENZA DEGLI EDIFICI

7.3 L'IPOTESI DEL PROGETTO: FUNZIONI ED ADEGUAMENTO TECONOLOGICO

8 LE CONCLUSIONI E I RINGRAZIAMENTI

9 LA BIBLIOGRAFIA

TORINO

TESTI

SITI

RILIEVO E CONOSCENZA

TESTI

RIVISTE

SITI

PROGETTO

TESTI

SITI

ALLEGATI

TAVOLE

Bibliografia:

Bibliografia

Vera comoli mandracci, torino (collana ''le città nella storia d'italia"), laterza, roma-bari 1983

Redatto da vera comoli, micaela viglino, beni culturali ambientali nel comune di torino catalogo della mostra, celid, torino, 1984

Vera comoli mondracci, la capitale per uno stato torino studi di storia urbanistica, celid, torino, 1985

Maria grazia cerri, architettura tra storia e progetto, le arti grafiche giacone, chieri, 1985

Vera comoli, rosanna roccia, città di torino (catalogo della mostra), salone del libro, torino, 1991

Redatto e pubblicato da paola scarzella, ambienti e tessuti urbani storici nella zona centrale di torino, politecnico di torino dipartimento di ingegneria dei sistemi edilizi e territoriali, torino, 1993

luca mozzati, torino, electa, milano, 1996

vera comoli, rosanna roccia, progettare la città, arti grafiche dial, mondovì, 2001

A cura di giuseppe bracco, vera comoli, il disegno della città (1850- 1940), (collana torino da capitale politica a capitale dell'industria), archivio storico della città di torino, torino, 2004

Claudio de consoli, la metropolitana automatica di torino, litografica geda, 2006

Paolo cadeddu, le caserme di piazza d'armi a torino, da Niela piazza editore, torino 2008

Pia davico chiara devoti giovanni maria lupo micaela viglino, la storia della città per capire il rilievo urbano per conoscere, nuova stampa tipolitografia, revello, 2014

Benedetto camerana e eugenio bosco, rivista n°097, the plan, articolo: ''torino mapping moderna e inclusiva ma anche romantica e tradizionale", aprile 2017

www.comune.torino.it/geoportale/prg/cms/media/files/ albo_pretorio/accordi_di_programma/adp_caser-me2014/adp_52_valor_caserme_cesare_saluzzo allegato al decreto n°160/2012, relazione storico-artistica : torino caserma "cesare di saluzzo", già sala per gli esercizi delle regie truppe, corso valdocco 7, ministero per i beni e le attività culturali,

www.comuni-italiani.it/

www.to.camcom.it

www.comune.torino.it annuario statistico della città di torino (pdf), città di torino - servizio telematico pubblico

www.comune.torino.it/geoportale/pdf/circoscrizione_l .pdf

www.edisu.piemonte.it

Stefania franceschi, leonardo germani, linee guida per il recupero architettonico, dei tipografia del genio civile, roma, 2004

A cura di stefano brusaporci, sistemi informativi integrati per la tutela, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio architettonico e urbano, gangemi editore, roma, 2006

Claudio galli, indicazini ed elaborati grafici per il progetto di restauro architettonico, (collana guide di ricerca storica e restauro) liguri editore, napoli, 2009

Territorio n° 46

Francesca turri, viola cappelletti, emanuele zamperini, il recupero delle caserme: tutela del patrimonio e risorsa per la collettività, università degli studi di pavia, dipartimento di inge-gneria edile e del territorio, 2008

Città e storia n° 02

Massimiliano savorra, spazi e cultura militare nella città dell'ottocento, università roma tre-croma, 2009

Costruire in laterizio n° 135

Francesca turri, dismissione e valorizzazione delle caserme, maggio giugno 2010

Urbanistica informazioni n° 239-240

Ruben baiocco, francesco gastaldi, aree militari dismesse e rigenerazione urbana, settembre dicembre 2011

Quotidiani regionali n° 3

Francesco gastaldi, federico camerin, immobili pubblici e aree militari dismesse: occasioni per le città italiane fra ritardi e incertezze, settembre dicembre 2012

Territorio n° 62

Davide ponzini, marco vani, immobili militari e trasformazioni urbane, politecnico di milano, dipartimento di architettura e pianificazione, 2012

siti

www.linkiesta.it, fabrizio patti, ex caserme le mele avvelenate che non sappiamo come riusare

www.flpdifesa.org, giancarlo pittelli, dismissioni di immobili della difesa i protocolli del 7 agosto con i comuni di roma milano e torino, notiziario n° 88 del 19 agosto 2014

www.architettura.it

www.floornature.it

www.museotorino.it, storia dell'edificio

www.investinitalyrealestate.com/it/property/torino-ex-caser- ma-saluzzo

Umberto barbisan, francesco laner, capriate e tetti in legno progetto e recupero. Franco angeli, milano, 2007

Anna marotta, policroma. Dalle teorie comparate al progetto del colore, celid, torino, 1999

Jorrit tornquist, colore e luce teorie e pratica, istituto del colore, milano, 1999

Frank mahnke, il colore nella progettazione. Unione tipo- grafico-editrice torinese, torino, 1998

Claudio widmann, il simbolismo dei colori, edizioni magi, Roma, 2003

Massimo hachen, scienza della visione. Spazio e cestalt, Design e comunicazione, apogeo, milano, 2007

Http://www.phillyliving.com/blog/city-fitness-one-zba-appro-Val-away-from-becoming-reality-in-fishtown.html

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)