Politecnico di Torino (logo)

Vacca D’Avino, Simone

SchOOl: progetto per una scuola temporanea in contesti di emergenza.

Rel. Lorena Alessio. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta', 2017

Abstract:

La tesi proposta è il risultato di un insieme di esperienze che mi hanno permesso di sviluppare più approfonditamente l’argomento relativo all’architettura per l’emergenza.

Oggi più che mai si parla di architettura sociale come risposta pratica ai differenti tipi di emergenze e al contempo come strumento per il recupero del tessuto urbano già costruito.

In questa ricerca si è voluto analizzare l’architettura dei contesti poveri e di guerra poiché in tali situazioni il progetto è obbligato a seguire dei processi di semplificazione relativi all’efficienza energetica e ambientale contemporaneamente all’utilizzo di strutture

realizzabili in tempi rapidi e con materiali facili da reperire. Nello specifico l’intenzione è stata quella di offrire degli spazi che possano aiutare a prevenire l’interruzione dell’apprendimento, evento che si genera solitamente nei momenti dell’emergenza.

L’elaborato proposto ha avuto come oggetto lo studio di una soluzione per uno spazio educativo temporaneo da inserire nei diversi scenari colpiti da un evento emergenziale;

questo ha determinato l’ideazione di un concept di base adattabile e trasformabile nei differenti contesti climatici e culturali. Nel processo d’ideazione sono stati approfonditi una serie di focus in modo da definire le principali difficoltà che si presentano solitamente in

una situazione di emergenza e nel contempo le possibili soluzioni impiegate in questo tipo di circostanze. Inoltre, con l’intenzione di rendere il progetto sostenibile nei diversi ambiti, sono state individuate quattro parole chiave che hanno permesso di definire i criteri

generali della proposta, questi sono: l’adattabilità, l’identità, la fattibilità e la trasportabilità.

Da queste intenzioni si è cercato di stabilire le dimensioni di una cellula base attraverso l’utilizzo di un’unica soluzione strutturale utilizzabile sia come elemento verticale di interpiano sia come elemento orizzontale di piano. La ricerca tecnologica si è concentrata sullo studio di una soluzione mirata che permettesse il giusto compromesso tra la qualità

del prodotto e il costo di produzione, a tal proposito la scelta è ricaduta sull’adozione di un elemento classico della produzione del legno: il listello. I motivi di questa decisione sono dovuti alla possibilità di reperire il prodotto in tutto il mondo, anche in situazioni dov’è

carente la presenza di macchinari industriali. L’utilizzo del listello, come elemento di base dell’intero progetto, ha definito una serie di regole generali sia nella fase di realizzazione dei singoli elementi che in quella del montaggio. Nel dettaglio, la soluzione proposta definisce un sistema costruttivo a telaio di 2,5 x 2,5 metri composto da elementi lineari trave e pilastro. Per semplificare questo sistema ed evitare la presenza in cantiere di

elementi con dimensioni e funzioni differenti, si è scelto di predisporre il listello in base alle diverse soluzioni in modo da utilizzare la stessa entità come elemento orizzontale di piano quando prevale il comportamento di flessione o come elemento verticale d’interpiano, e

quindi come pilastro, nei casi dove prevale il comportamento di sforzo normale.

A livello concettuale SchOOl è uno spazio vuoto destinato ai differenti utilizzi che una scuola può offrire. Infatti, nonostante la regolarità del modulo, il progetto è pensato per offrire ai bambini la possibilità di sperimentare spazi alternativi e mai ripetitivi. Nel progetto si è cercato di coniugare gli aspetti della pedagogia con l’architettura in modo da formare il bambino all’interno di un vuoto, inteso come realtà fisica, che gli permetterà di scoprire le

infinite possibilità di muoversi dentro una porzione di mondo; l’intenzione è quindi quella di offrire ai bambini la possibilità di distrarsi e di dimenticare l’emergenza che si trovano ad affrontare. Il progetto definisce prima di tutto uno spazio sicuro capace di ispirare i bambini

ad aprire la mente e avere una visione alternativa del mondo.

Per ulteriori informazioni contattare:

Simone Vacca D’Avino, simonevaccadavino@gmail.com

Relatori: Lorena Alessio
Soggetti: A Architettura > AO Progettazione
A Architettura > AQ Spazi funzionali dell'abitazione
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta'
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/6063
Capitoli:

PREMESSA

1 INTRODUZIONE

PARTE 1: FASE DI RICERCA

2 L'EMERGENZA

2.1 DEFINIZIONE E CLASSIFICAZIONE

2.2 LE FASI DELL'EMERGENZA

2.3 LE REAZIONI UMANE

2.4 L'ARCHITETTURA NELL'EMERGENZA

2.5 LO STATO DELL'ARTE

3 LA SCUOLA

3.1 LO SPAZIO EDUCATIVO

3.2 L'APPROCCIO PEDAGOGICO

3.3 TIPOLOGIE EDILIZIE

3.4 CASI STUDIO

PARTE 2: FASE DI PROGETTO

4 IL PROGETTO

4.1 IL BANDO DI CONCORSO

4.2 CONCEPT DEL PROGETTO

4.2.1 ADATTABILITÀ

4.2.2 IDENTITÀ

4.2.3 FATTIBILITÀ

4.2.4 TEMPORANEITÀ

5 LE COSTANTI E LE VARIABILI - "LA REGOLA E IL CASO" di Bruno Munari

5.1 LE COSTANTI "LA REGOLA"

5.1.1 IL MODULO

5.1.2 I MATERIALI

5.1.2.1 IL LEGNO

5.1.2.2 IL POLICARBONATO

5.1.2.3 IL TESSUTO

5.1.2.4 LA LAMIERA

5.2 LE VARIABILI "IL CASO"

5.2.1 L'AMBIENTE

5.2.1.1 PROTEZIONE DALLA PIOGGIA

5.2.1.2 ORIENTAMENTO

5.2.1.3 SCHERMATURE

5.2.1.4 RACCOLTA DELL'ACOUA PIOVANA

5.2.2 IL CLIMA

5.2.2.1 VENTILAZIONE

5.2.2.2 SERRE

6 MANUALE DI COSTRUZIONE

7 IL CASO STUDIO: SCH00L_5X5_TR0PICAL CLIMATE

CONCLUSIONI

BIBLIOGRAFIA

SITOGRAFIA

RINGRAZIAMENTI

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

Aa. Vv., La Biennale di Venezia. 15" Mostra internazionale di architettura. Ediz. illustrata, Marsilio, 2016

Alessio L.. L'empatia dei luoghi, Casa Naturale n. 82, 2016, Edizioni Morelli

Alessio L., Shigeru Ban, Edilstampa, Roma 2008

Anzalone M., L'urbanistica dell'emergenza: progettare la flessibilità degli spazi urbani, Alinea Editrice, Firenze 2008

Bergdoll B., Christensen P., Home Delivery - Fabrica- ting thè modern dwelling, Birkhauser, 2008

Bernasconi A., Schickhofer G., Traetta G., I prodotti j di legno per la costruzione, promo_legno. 2005

Bernasconi A., Piazza M., Il calcolo delle strutture di legno. Normative di riferimento, basi tecniche, esempi di applicazione, prmo_legno, 2010

I Bertoldini M., Campioli A., Ferrari B., Grandi G.,

I Giastaroba E., Lavagna M., Zanelli A., Progettare J oltre l'emergenza. Il sole 24 ore, 2009

Bertolozzi P., Ghini A., Guardigli L.. Le forme della ? tradizione in architettura: esperienze a confronto.

I Franco Angeli, 2005

Castoldi A., Romamwe primary school : progetto per un'aula polifunzionale a Ndaragwa, Kenia, Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per

il progetto sostenibile, rei. Filippi F. D. , Gron S., 2015

Ceppi G., Zini M., Bambini, spazi, relazioni, Reggio Children e Comune di Reggio Emilia - Nidi e scuole dell'infanzia, Reggio Children Editore, Reggio Emilia 1998

Ciadossin L., La gestione dell'emergenza abitativa post catastrofe : il caso di New York City, Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione città, rei. Alessio L., Camorali F., 2015

Ciasullo A., Giordano A., Scuola e tempo, RTH - Rubrica Scuola. Punto e a capo

Conran Terence, La Casa Ecologica, Guido Tommasi Editore-Datanova, 2012

Cuzzolato M., Frighi L., Reazioni Limane alle Catastrofi, Fondazione Adriano Olivetti, 1991

D'Auria A., Abitare nell'emergenza - progetto perii post disastro, Edizioni Firenze, Firenze 2014

Davis I., Learning from Disaster Recovery Guidance for Decision Makers, 2016

Dudek M., Schools and Kindergartens - a design Manual, Birkhauser, Germania 2007

Ersen T., FARE Studio, D. Gans, I. Davis, ARCò, A.gor.a Architects, R. Vannucci, L. Sampò, Vecchiato P., Burtynsky E., Architectures for Emergencies II, Boundaries, 2014

Espuelas F., Il vuoto - riflessioni sullo spazio in architettura, Milano, Marinotti Edizione, 2004

Friedman Y., Roofs for people - part 1-2, Unesco, 1991

Friedman Y., L'architettura di sopravvivenza. Una filosofìa della povertà, Bollati Boringhieri Editore, Torino 1995

Félix D., Monteiro D., Branco J.M., Bologna R., Feio A. (2015) The role of temporary accommodation buildings for post-disaster housing reconstruction, Journal of Housing and the Built Environment 30, pp 683-699.

Gorman J. M., Buckminster Fuller - Architettura in movimento, Skira, 2005

Grassa E., Mancini T., Strutture temporanee per l'e-mergenza : approdo esigenziale per la proposizione di soluzioni spazio-distributive adeguate ad una utenza anziana, Politecnico di Torino, Coreo di laurea in Architettura, rei. Monzeglio E., Giacardi A., Marchiori S., 2004

Gist, Lubin, Psychosocial Aspects of Disasters, Wiley, 1989

Horden R., John Dikeloo Memorial Lecture 1996,

Light Architecture

Lobos. J., Architecture Humanitarian Emergencies,

The Royal Danish Academy of Fine Arts & Archi-tecture of Alghero, University of Sassari, Italy, 2011

Magnaghi A., Il progetto locale. Verso la coscienza di luogo, Torino, Bollati Boringhieri, 2010

Masotti C., Manuale di architettura di emergenza e I temporanea: soluzioni per l'edilizia temporanea, nomade ed estrema, Sistemi Editoriali, Napoli 2010

Mihiel C.C.S., Strategie integrate per la progettazione e produzione di strutture temporanee per le emergenze insediative, Clean Edizioni, Napoli 2003

j Munari B., Verbale Scritto, M. Corrami, Roma 2008

Nazioni Unite, Shelter after Disasters: Guidelines for Assistance, 1982

Neutra R J., Progettare per sopravvivere, Edizioni di comunità, Roma 2010

NTC 2008, Norme tecniche per le costruzioni, D.M. 14 Gennaio 2008

OCHA. CRED, MunichRE, UNHCR, Report 2015, Word Humanitarian - Data and Trends

OCHA. CRED, MunichRE, UNHCR, Report 2016, Word Humanitarian - Data and Trends

Pagliolico S. L., Renata G., Scienza dei materiali - Il legno, Celid, Torino 2013

Paolino L., Cagelli M., Pavesi A. S., Guida alla progettazione degli edifici scolastici, Maggioli Editore, 2011

Pawley M., Buckminster Fuller, Design Heroes, 1999

Perriccioli M., La temporaneità oltre l'emergenza - strategie insediative per l'abitare temporaneo, Edizioni Kappa, Roma 2005

Random M., Giappone: la strategia dell'invisibile, Genova, ECIG, 1988

Sanderson D., Architects are often the last people needed in distaster reconstruction, The Guardian (3 Marzo 2010)

Santoianni F., Giordano A., La scuola insegna la Felicità?, RTH - Rubrica Scuola. Punto e a capo

Santoianni F., Lo spazio e la formazione del pensiero: la scuola come ambiente di apprendimento, RTH - Sezione Evolving Education

Sass L., Botha M., The Instant House: A model of Design Production with Digital Fabrication, MIT

Save the Children Onlus, Report 2005, Educazione per tutti i bambini. Un obiettivo possibile

Spinelli M., Progettare in Africa Occidentale : la realizzazione di un orfanotrofio nel sul del Togo, Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, rei. Bocco A., 2014

Tarn Associati, Taking care. Progettare per il bene comune. Ediz. integrale, Becco Giallo, 2016

Turri E., Il paesaggio degli uomini - la natura, la cultura, la storia, Zanichelli, 2003

Unesco, EFA Global Monitoring 2015, Education for all 2000-2015: Achievements and Challenges

UNHCR, Report 2015, The environment & climate change

United Nations, Global Education Monitoring 2016, Education for people and planet - creating sustainable futures for all

United Nations, Global Humanitarian Overview 2017, A consolidated appeal to support people affected by disaster and conflict

Weyland B., Attia S., Progettare Scuole tra Pedagogia e Architettura, Guerini Scientifica, 2015

Weyland B., Progettare scuole insieme: strategie e processi tra spazi e didattiche, RTH - Sezione Evolving Education

World Heath Organization, Report of an Intercountry Meeting Khao Lak 2006, The Mental Health and Psychosocial Aspects of Disaster Preparedness

SITOGRAFIA

www.archdaily.com/

www.archipanic.com/

www.archiportale.com/

www.architecture.mit.edu/

www.architectmagazine.com/

www.bettershelter.org/

www. berardengolegnami. it/

www.cemec-sanmarino.eu/

www.cri.it/

www.dataholz.com/

www.designboom.com/

www.dezeen.com/

www. divisare .com/

www.domusweb.com/

www.economist.com/

www.en.unesco.org/

www.finsa.com/

www.google.com/culturalinstitute/

www.huffingtonpost.it/

www.ifa.finsa.com/

www. ielapigroup. it/

www.iiep.unesco.org/

www.ilgiornaledellarchitettura.com/ www.inspiration.detail.de

www.larchitetto.it

www.living.corriere.it/

www.manomano.it/

www.nleworks.com/

www.opam.it/

www.relazione.ambiente.piemonte.gov.it/

www.revistacodigo.com/

www.shigerubanarchitects.com/

www.treccani.it/

www.policarbonato.online/

www.polito.it

www.promolegno.com/

www.uis.unesco.org/

www.unhcr.it/

www.unicef.org/

www.unipd-centrodirittiumani.it/

www.unocha.org/

www.unric.org/

www.wikipedia.org/

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)