Politecnico di Torino (logo)

Moi, Giuseppe

Centri commerciali artificiali: un'aplicazione della Conjoint Analysis.

Rel. Marina Bravi. Politecnico di Torino, NON SPECIFICATO, 2006

Abstract:

I centri commerciali artificiali, secondo la definizione fornita dall'Intemational Council of Shopping Centers nel 1976, sono, a differenza di quelli naturali, "progettati e realizzati al fine d'imporre ai consumatori orientamenti e abitudini nuove".

Suburbani o urbani che siano, tali luoghi presentano caratteristiche, in termini urbanistici e architettonici, del tutto peculiari, strettamente legate alla funzione economica che ne è all'origine. Essi si avvalgono della pubblicità e di attività di promozione coordinate metodicamente da chi li gestisce al fine di ricavarne un reddito. Al centro di tutto vi è il `consumatore', con il suo sistema di preferenze, sempre più informato e orientato a un comportamento di consumo che si intreccia strettamente alla ricerca del piacere e a una serie di aspettative, relative all'uso del proprio tempo libero, legate a una prospettiva prettamente edonistica.

Allo stesso tempo, i luoghi destinati al commercio - artificiali e naturali - coinvolgono le politiche pubbliche, che coincidono sempre più spesso con quelle per la città e il territorio. Nuove formule commerciali e distributive assumono un ruolo sempre più forte nel definire la morfologia delle città. Assieme alle infrastrutture, a cui sono intrinsecamente legati, i centri commerciali artificiali, contribuiscono a delineare l'assetto territoriale, creando l'immagine urbana, modificando la percezione di centri storici e periferie, definendo nuove polarità, nuove città dello shopping e del divertimento.

Se è vero che, nella città post-industiale, non sono più le attività produttive a definire gli equilibri territoriali, ma sono invece le attività commerciali e del tempo libero - del loisir - a delineare i nuovi assetti - e l'esperienza olimpica lo sta dimostrando a Torino - è importante superare la settorialità nella quale è stata confinata sino ad oggi la progettazione.

Se il consumatore - o'ttente finale' o cittadino - è posto al centro degli obiettivi economici e delle azioni pubbliche, non si capisce perché non debba informare attentamente il percorso progettuale che conduce alla definizione di un oggetto così complesso, una "piccola città dentro la città".

L'analisi della domanda e dell'area di gravitazione commerciale si è sviluppata, in letteratura, parallelamente alla nascita dei primi centri commerciali artificiali che, negli Stati Uniti, risale addirittura agli anni '20 del `900 (Cfr. Cap.II).

L'individuazione delle aree commerciali ai fini di una loro corretta localizzazione e le analisi di mercato costituiscono oggi un'area di studio eclettica, dove esperti di discipline diverse forniscono il loro contributo: analisti del mercato immobiliare, studiosi di marketing, geografi urbani, matematici ed economisti. In particolare, l'analisi di mercato per l'insediamento delle attività commerciali nello spazio è stata affrontata, da una lato, attraverso il processo di scelta del consumatore (store choise models) e, dall'altro, attraverso la scelta, o verifica del sito, o dei siti, in base all'ampiezza, alle caratteristiche del negozio e della

concorrenza (store location models).

Il presente lavoro di ricerca si basa essenzialmente sul primo tipo d'approccio, che `pone al centro', come si è detto, il consumatore-utente. Esso si basa sull'osservazione empirica del comportamento dei visitatori dei centri commerciali artificiali in un'area urbana consolidata, come quella torinese.

Il suo obiettivo è la valutazione dell'apprezzamento, in termini di utilità, che il consumatore attribuisce alle caratteristiche più rilevanti di un centro: la dimensione, l'assortimento merceologico, la presenza di servizi, di attività complementari alla vendita e così via.

Il principio fondamentale sul quale è fondato è quello della valutazione congiunta; la possibilità, in altre parole, di inferire, attraverso un giudizio complessivo su un oggetto complesso e composto, le preferenze relative agli attributi che lo qualificano. Queste informazioni, tradotte in una scala d'utilità idonea alla valutazione, possono essere utilizzate, a vario titolo, oltre che a scopo analitico, anche per il miglioramento dell'offerta commerciale esistente o per il design e la progettazione di un nuovo insediamento all'interno di una specifica area di mercato. Possono, allo stesso tempo, essere utili alla definizione di politiche pubbliche finalizzate al miglioramento dei luoghi urbani storici, dei cosiddetti `centri commerciali naturali'.

La tecnica utilizzata a scopo sperimentale è quella della conjoint analysis, una delle metodologie più conosciute e diffuse a livello internazionale nell'ambito del marketing, applicata ai settori più svariati e rispetto alla quale esiste un'enorme e variegata letteratura, assai ricca di suggestioni e che si è riusciti, per ovvi motivi, a esplorare solo parzialmente.

In particolare, l'analisi si è avvalsa di una ricerca sul campo, basata su interviste vis à vis a un campione di 403 consumatori,

intercettati in quattro tra i più importanti centri commerciali artificiali dell'area urbana e metropolitana.

I primi risultati sperimentali appaiono, a un primo sguardo, molto interessanti e coerenti; l'ordine di preferenza non varia sostanzialmente in base ai centri commerciali e i consumatori assegnano una grande importanza ai servizi e alle attività complementari a quella principale dello shopping. Ciò delinea il profilo di un consumatore consapevole e attento ai diversi aspetti connessi all'offerta commerciale. Questi attributi sono considerati addirittura più importanti dell'assortimento merceologico, che pure risulta rilevante. Interessante è anche l'importanza assegnata agli spazi di intrattenimento e per le attività culturali, che non fa che confermare quanto appena affermato a proposito di un visitatore che considera l'esperienza del consumo come attività complessa, caratterizzata anche da aspetti ricreativi, legati al tempo libero. Di conseguenza, corrobora l'idea del centro commerciale artificiale come oggetto altrettanto complesso, in grado di riassumere in sé aspetti di carattere architettonico e morfologico, ma anche economico e psicologico. Un altro risultato degno di nota è, ad esempio, la grande importanza assegnata, tra i diversi aspetti architettonici e progettuali, ai percorsi e alla sistemazione degli spazi interni, più che alla forma e alla sistemazione degli spazi esterni. Poca attenzione è riservata ai parcheggi, considerati forse maggiormente scontati.

Anche per quanto concerne la stima delle utilità parziali associate a ciascun livello degli attributi individuati si deve sottolineare l'omogeneità delle risposte fornite dai quattro campioni in esame.

Dai risultati conoscitivi emerge un profilo di consumatore come un soggetto `evoluto', che concepisce l'esperienza dello shopping interrelata a numerose valenze, caratterizzate, in particolare, dal tema del divertimento e del tempo libero.

Emergono, in particolare, da questo tipo di studio, numerose suggestioni per la progettazione, che vengono delineate nei seguenti punti:

- si conferma la necessità di un approccio progettuale attento non unicamente ad aspetti formali, ma volto a cogliere l'interessante e complessa `rappresentazione mentale' che il consumatore ha di un centro commerciale artificiale; innanzi tutto come luogo chiuso', artificiale appunto, protetto e isolato dal contesto urbano, potremmo dire `diverso' dal luogo urbano storicamente determinato e connotato; diverso da quelli che usualmente definiamo `centri commerciali naturali';

- occorrerebbe sviluppare, rispetto alle classificazioni tipologiche e formali tradizionali (Cfr. Par.1.4), una maggiore attenzione al valore dei percorsi e alla distribuzione interna, in relazione ai diversi tipi di attività, tipicamente commerciali, oppure complementari;

- l'emergere dell'importanza assegnata all'attività di leisure dovrebbe sollecitare nuove soluzioni e nuove `formule commerciali', in grado di catturare maggiormente l'attenzione del consumatore, in un contesto di mercato `maturo', caratterizzato da elevata competitività;

- il ruolo dell'architetto si delinea, in questo caso, non tanto come demiurgo, quanto come `mediatore' di istanze economiche,

psicologiche e ambientali, considerato anche l'impatto che, a livello urbanistico, un grande centro commerciale possiede.

Relatori: Marina Bravi
Parole chiave: centri commerciali - Conjoint Analysis
Soggetti: D Disegno industriale e arti applicate > DI Grafica digitale
S Scienze e Scienze Applicate > SF Elettronica, computers, Computer science
S Scienze e Scienze Applicate > SD Computer software
Corso di laurea: NON SPECIFICATO
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/480
Capitoli:

Introduzione

1 1. I centri commerciali al dettaglio e la loro classificazione

1.1 Definizione di centro commerciale. Centri naturali e

artificiali 4

1.2 Terminologia di base 10

1.3 Evoluzione storica delle forme distributive 12

1.4 Tipologie dei centri commerciali 21

1.5 La situazione italiana 32

1.6 L'evoluzione dei Centri Commerciali nell'area

torinese 43

2. La scelta localizzativa di un centro commerciale

2.1 La scelta localizzativa e i modelli gravitazionali 47

2.2 Store choice e store location models 54

3. L'applicazione sperimentale

3.1 Le indagini sulle scelte del consumatore attraverso il

metodo della conjoint analysis 74

3. 1.1 Disegno dell'indagine e formati di intervista 76

3.2 Scelta del formato dell'intervista, degli attributi e del disegno sperimentale 82

3.3 Costruzione del campione e analisi delle variabili socio

anagrafiche 104

3.4 Risultati sperimentali stima delle utilità 115

3.5 Conclusioni 123

Bibliografia 137

Bibliografia:

AA.VV. (1982) 1 centri commerciali integrati al dettaglio: una formula innovativa, a cura del1ISCOM Piemonte, in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino, Torino.

AA.VV. (1984) Studio di fattibilità per un centro commerciale integrato al dettaglio nel Comune di Ciriè, a cura dell'ISCOM Piemonte, in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino, Torino.

AA.VV. (1997) Relazione sulla situazione economica, sociale e

territoriale del Piemonte 1996, IRES, Torino.

AA.VV. (2002) I centri commerciali naturali, Pagnini, Studi

Ricerche Documenti.

AA.VV. (2004) La qualificazione dei luoghi del commercio. Nuovi scenari per i consumi, Atti del Convegno, Torino 11-12 febbraio 2004, Regione Piemonte.

ACHABAL D. D., GORR W. L., MAHAJAN V. (1982) Multiloc: a Multiple Store Location Decision Model, Journal of Consumer Research, 2, 5-23.

ADAMOWICZ W.L., LOUVIERE J.J., WILLIAMS M. (1994) Combining Stated and Revealed Preferences Methods for Valuing Environmental Amenities, Joumal of Environmental Economics Management, 26, 3, 271-296.

BELTRAMINI E., TAYLOR T. (1993) 1 centri commerciali.

Promozione, realizzazione, gestione: aspetti amministrativi,

immobiliari, commerciali, Etas Libri, Milano.

BERTOZZI P., VIGANO M. (1996) Metodologie di valutazione

dell'impatto dei centri commerciali, Note di ricerca CESCOM,

35, Università commerciale Luigi Bocconi, Milano. BOMBARDINI B. (1986) I centri commerciali al dettaglio: analisi

delle esperienze francesi, CERCOMINT, Bologna.

BORGES A., TIMMERMANS H.J.P. (1987) Choice Model Specification, Substitution and Spatial Structure Effects: A

Simulation Experiment, Regional Science and Urban Economics, 17,51-61,

BOTTINI F. (2005) I nuovi territori del commercio: società locale, grande distribuzione, urbanistica, Alinea, Firenze.

BRAVI M., FREGONARA E. (2004) Promozione e sviluppo immobiliare. Analisi dei processi e tecniche di valutazione, Celid, Torino.

BRAVI M., GIACCARIA S. (2005) Forecasting Consumer Choices: Conjoint Analysis (CA) in Real Estate Market Research, Paper presentato alla 12t1, Annual European Real Estate Society (ERES) Conference in association with the International Real Estate Society, Dublin, Ireland, June 15-18th 2005 (tr. it. per gentile concessione degli Autori).

BRUNETTA G., SALONE C. (2002) Commercio e territorio un'alleanza possibile? Il factory outlet center di Serravalle Scrivia, Regione Piemonte, Torino.

C.N.C.C. (Consiglio Nazionale Centri Commerciali) (1990) I centri commerciali come strumento di innovazione, CESDIT, Milano, 5-19.

CATTIN P., WITTINK D.R. (1989) Commercial Use of Conjoint Analysis: An Update, Journal of Marketing, 53, 91-96.

CHASCO YRIGOYEN C., OTERO J.V. (1998) Spatial Interaction Models Applied to the Design of Retail Trade Areas, 38° Congress of the European Regional Science Association, L.R. Klein Institute, Autonoma University of Madrid.

CHRISTALLER W. (1933) Die Zentralen Orte in Siiddeutschland, tr. it. Le località centrali della Germania meridionale, 1980, Franco Angeli, Milano.

CODELUPPI V. (2000) Lo spettacolo della merce: i luoghi del

consumo dai passages a Disney World, Bompiani, Milano. COLLA E. (1989) La scelta localizzativa dei punti vendita, in Lugli

G., Manuale di gestione delle imprese commerciali al dettaglio,

Franco Angeli, Milano, 85-125.

CRIVELLO S., DAVICO L. (2005) I frequentatori dei centri commerciali, in Città, commercio e grandi eventi n.12, Celid, Torino, 49-77.

DAVICO L. (2004) La distribuzione piccola e grande in Italia: un quadro di insieme, in Commercio e città n.l l, Celid, Torino, 1347.

DELLAERT B.G.C., ARENTZE T.A., BORGERS A.W.J., TIMMERMANS H.J.P. (1997) Consumer Activity Pattern Choice Development and Test of Stage Dependent Conjoint Choice Experiments, Joumal of Retailing and Consumer Services,4, 1, 25-38.

FERRERO C. (2000) Multisale cinematografiche. Centri commerciali. Potenzialità di sviluppo immobiliare e sostenibilità economica, Egea, Milano.

FERRETTI C. (1990) L'animazione dei centri commerciali al dettaglio, Unioncamere Emilia-Romagna, Bologna.

FLYNN R.J. (eds.) (1984) Carpenter's Shopping Center Management. Principles and Practices, LC.S.C., New York.

GONZALEZ-BENITO 0., (2002) Overcoming Data Limitations for Store Choice Modelling. Exploiting Retail Chain Choice Data by Meeans of Aggregate Logit Models, Journal of Retailing and Consumer Services, 9, 259-268.

GREEN P., RAO V.R. (1971) Conjoint Measurement for Quantifying Judgmental Data, Journal of Marketing Research, 8, August, 355-363.

GREEN P., RAO V.R. (1998) Conjoint Analysis: Methods and Applications, in Handbook of Technology Management, (eds.) Duff R., CRC Press.

GREEN P.E. (1984) Hybrid Model for Conjoint Analysis: An Expository Review, Joumal of Marketing Research, 21, 155169.

GREEN P.E., SRINIVASAN V. (1978) Conjoint Analisys in Consumer Research: Issues out Outlook, Journal of Marketing Research, 5, 103-123.

GREEN P.E., SRINIVASAN V. (1990) Conjoint Analysis in Market Research: New Developments and Directions, Journal of Marketing, 54, October, 3-19.

HORVATH E.( 2000) 1 centri commerciali integrati. Protagonisti ed evoluzione internazionale di una formula complessa, CEDAM, Padova.

HUFF D.L. (1963) A Probability Analysis of Shopping Center

Trade Areas, Land Economics, February, 81-90.

HUFF D.L. (1964) Defining and estimating a Trading Area, Journal of Marketing, 28, 34-38.

I.F.O.A. (Istituto Formazione Operatori Aziendali) (1989) Le aree commerciali - dal centro commerciale naturale al centro commerciale integrato, Ed. Analisi, Bologna, 93-100.

JALLAIS J., ORSONI J., FADY A. (1992) Marketing della distribuzione. Mercato, strumenti e sussidi tecnici, Etas Libri, Milano.

JOHNSON RM. (1974) Trade-off Analysis of Consumer Values, Journal of Marketing Research, 11, 121-217.

JOHNSON R.M. (1987) Adaptive Conjoint Analysis, ID: Sawtooth Software Conference Proceedings, Ketchum, July, 253-265.

JOHNSON R.M. (1989) Assessing the Validity of Conjoint Analysis,ID: Sawtooth Software Conference Proceedings, Ketchum, June, 273-280.

JOHNSON R.M. (2001) History of ACA, Sawtooth Software Inc., Research Paper Series, Sequim, WA, USA.

KOTLER P., ARMSTRONG G., SAUNDERS J., WONG V. (1996) Principles of Marketing, Prentice-Hall, Hemel Hempstead, tr. It. 2001, Principi di marketing, ISEDI, Torino.

KRANTZ D., LUCE R.D., SUPPES P., TVERSKY A. (1971) Foundations of Measurement, Vol. 1, San Diego, CA, Academic Press.

KRANTZ D., TVERSKY A. (1971) A Conjoint-measurement Analysis of Composition Rules in Psychology, Psychological Review, 78, 151-169.

KRIEGER A.M., AGARWAL M.K. (1991) Adaptive Conjoint Analysis: Some Caveats and Suggestions, Joumal of Marketing Research, 28, 215-222.

LANCASTER K. (1966) A New Approach to Consumer Theory Joumal of Political Economy, 74, 132-157.

LAPIN L.L. (1993), Statistics far Modem Business Decisions, Orlando, Fla. Harcourt.

LOUVIERE J.J. (1988) Analysing Decision Making Metric Conjoint Analysis, Quantitative Applications in the Social Sciences, 67, Sage University Paper, SAGE.

LOUVIERE J.J. (1988) Analyzing decision making, Newbury Park, SAGE.

LOUVIERE J.J. (1996) Conjoint Analysis, in Bagozzi R.P. (eds.), Advanced Methods of Marketing Research, Blachwell, Cambridge, MA.

LOUVIERE L., WOODWORTH G. (1983) Design and Analisys of Simulated Consumer Choise or Allocation Experimentes: an Approach Based on Aggregate Area, Journal of Marketing Research, 20, 350-367.

LUCE D.R. (1996) The Ongoing Dialog Between Empirical Science and Measurement Theory, Joumal of Mathematical Psychology, 40,83-88.

LUGLI G. (1989) Manuale di gestione delle imprese commerciali al dettaglio, Franco Angeli, Milano.

MAHAJAN V., SHARMA S., KERIN R. A. (1988) Assessing Market Penetration Opportunities & Saturation Potential for Multistore, Multi-market Retailers, Journal of Retailing, 64, 3, 315333.

MANSKI C.F. (1977) The Structure of Random Utility Models. Theory and Decision, 8, 229-254.

MAUGER R(1993) Centri commerciali, ed. it. a cura di Marco Albini, Tecniche nuove, Milano.

MCFADDEN D. (1974) Conditional Logit Analysis of Qualitative

Choice Behaviour, in Zarembka P. (ed. by), Frontiers in

Econometrics, Academic Press, New York, 105-142. MCFADDEN D. (2001) Economic Choices, American Economic Review, 91, 351-378.

MCFADDEN D., RICHTER K. (1991) Stochastic Rationality and Revealed Stochastic Preference, in Chipman J., McFadden D., Richter K. (eds.), Preferences, Uncertainty and Rationality, Westview Press, 187-202.

MCGOLDRICK P.J., THOMPSON M.G. (1992) Regional Shopping Centres : out-of-town versus in-town, Aldershot, Avebury.

MORAS G., CODATO G., FRANCO E. (2004) L'approccio integrato alla qualificazione urbana. Modelli e strategie di urbanistica commerciale, Torino, CELID.

OPPEWAL, H., & TIMMERMANS, H.J.P. (1991) Context Effects and Decompositional Choice Modeling. Papers in Regional Science, 70, 2, 113-131.

OPPEWAL, H., LOUVIERE, J.J., TIMMERMANS, H.J.P. (1994) Modeling Hierarchical Conjoint Processes with Integrated Choice Experiments, Joumal oJ Marketing Research, 31, 1, 92-105.

ORME B.K. (2005) Getting Started with Conjoint Analysis. Strategies for Product Design and Pricing Research, Research Publisher LLC, Madison WI, USA.

POPKOWSKI LESZCZYCI P.T.L., TIMMERMANS H.J.R (2001) Experimental Choice Analysis of Shopping Strategies, Jounal of Retailing, 77, 493-509.

ROTARIS L. (2003) Indagini CA: fondamenti teorici e valenza descrittiva, in Borruso G., Polidori G. (a cura di), Trasporto merci, logistica e scelta modale, Franco Angeli, Milano.

SERNINI M. (1988) 1 centri commerciali integrati in Italia: quando il developer diventa urbanista, Franco Angeli, Milano.

SHETH J.N. (1983) An Integrative Theory of Patronage Preference and Behaviour, in Darden W.R., Lusch R.F. (eds.), Patronage Behaviour and Retail Management, Elsevier-North Holland, Amsterdam, 7-28.

STANGHELLINI A. (2004) Differenze territoriali nella distribuzione commerciale in Italia, in Commercio e città n.l l, Celid, Torino, 49-73.

STANGHELLINI A., STARICCO L. (2005) L'articolazione spaziale dei grandi centri commerciali dell'area torinese, in Città, commercio e grandi eventi n. 12, Celid, Torino, 13-47.

STEVENS S.S. (1946) On the Theory of Scales of Measurement, Science, 103, 677-680.

SUPPES P., KRANTZ D., LUCE R.D., TVERSKY A. (1989) Foundations of Measurement, Vol.2, San Diego, CA, Academic Press.

TARPANI M. (1999-2000) Il processo di modenizzazione e riposizionamento delle formule distributive: il Centro Commerciale Lodi, Tesi di Laurea, Relatore: Zanderighi R., Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano.

THURNSTONE L. (1927) A Law of Comparative Judgement, Psychological Review, 34, 273-286.

TIMMERMANS H.J.P. (1984) Decompositional Multiattribute Preference Models in Spatial Choice Analysis: a Review of Some Recent Developments, Progress in Human Geography, 8, 2, 189221.

TRAIN K.E. (2000) Discrete Choice with Simulation, Cambridge University Press

VANDELL K. D., CARTER C. C. (1993) Retail Store Location and Market Analisys: A Review of the Research, Journal of Real Estate Literature, 1, 13-45.

VONA R. (1996) Economia e gestione dei centri commerciali al dettaglio, Giannini, Napoli.

WHITE J. R., GRAY K. D. (in association with the Urban Land Institut) (1996) Shopping Centers and Other Retail Properties: Investment, Development, Financing and Management, Wiley, New York.

WRIGLEY N. (1986) Quantitative Methods: the Era of Longitudinal Data Analysis, Progress in Human Geography, 10,84-102

ZAPPI F. (1994) Modelli organizzativi dei centri commerciali al dettaglio. Alcuni casi italiani, CERCOMINT, Bologna.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)