Politecnico di Torino (logo)

Marangon, Sadia

Progetto di rifunzionalizzazione dell'ex ospedale civile di Asti : un contenitore dismesso come potenziale risorsa per la città.

Rel. Silvia Gron, Annalisa Dameri. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il restauro e valorizzazione del patrimonio, 2016

Abstract:

INTRODUZIONE

Lo studio da me proposto tratta la rifunzionalizzazione dell'ex ospedale civile di Asti. Dopo la mia carriera universitaria a Torino, ho ritenuto corretto che il tema dello studio al termine di questo percorso dovesse essere nella mia città: Asti. Ho scelto di applicare le conoscenze da me acquisite in un contesto che sentissi mio, e non allontanarmi in cerca di problematiche e dinamiche a me lontane e non conosciute quando è la mia stessa città ad offrirmi temi e sfide da affrontare. La scelta è ricaduta sul complesso edilizio dell'ex ospedale civile, perché questo manufatto ha sempre destato il mio interesse, lo e la mia famiglia ricordiamo ancora gli anni in cui era in funzione e le attività intorno ad esso vivevano di riflesso la vivacità dovuta al grande transito di persone e alle dinamiche intorno al polo ospedaliero. Con la sua dismissione nel 2006 molte di queste attività fallirono e l'area sovrastata da questo immenso corpo di fabbrica abbandonato a sé stesso e col tempo degradato subì un impoverimento. Inoltre il complesso edilizio è collocato di fronte al parco della Resistenza e nei pressi delle più note piazze di Asti, piazza Alfieri e piazza del Palio, nelle quali si svolgono rispettivamente il Palio di Asti e il Festival delle Sagre, gli eventi certamente più famosi e redditizi per la città.

Insieme all'ospedale di via Botallo vennero anche dismessi la sede della maternità in via Duca d'Aosta e agli ambulatori in via Orfanotrofio.

Rimane quindi questo immenso contenitore privo di una funzione nel cuore del centro cittadino, davanti agli occhi dei cittadini che si interrogano, come me, su quale sorte lo attenda. Averlo visto ancora in funzione e poter ascoltare le persone che hanno vissuto il cambiamento, come i miei genitori, sono tutti i motivi che mi hanno indirizzata alla scelta di questo tema.

Il Comune propone con la variante del 2008 per la definizione delle previsioni per il riuso degli edifici dismessi da parte dell'A.S.I. il recupero di questi contenitori per fare fronte all'ingente somma erogata dalla Regione Piemonte per attrezzare la nuova sede ospedaliera, in località Fontanino, di ciò che necessita, e la variante deve quindi risolvere questa situazione. Su alcune porzioni del complesso architettonico dell'ex ospedale civile è previsto un premio di volumetria sulle demolizioni, e cioè è possibile, demolendo un fabbricato, ricostruirlo in un'altra ubicazione, con volume maggiore fino al 40% dell'esistente. Questo meccanismo permetterebbe il trasferimento di volumi da una zona della città ad un'altra. Ma nell'ipotesi dell'inserimento di nuove destinazioni d'uso all'interno della città, prima di sfruttare ulteriormente la disponibilità del suolo occorrerebbe considerare il patrimonio già esistente presente in Asti, e cioè i numerosi edifici dismessi e ancora oggi inutilizzati distribuiti all'interno del tessuto urbano della città, i quali costituiscono un patrimonio nonché potenziale risorsa per il territorio astigiano.

Il Comune ha fornito la cittadinanza di un sistema di biciclette pubbliche, anche se il servizio ad oggi è inattivo, ma purtroppo la pista ciclabile segue un percorso lontano dal centro storico in aree dove in realtà non vi sono gravi problemi di parcheggio dell'auto, e dove quindi le persone non sarebbero incentivate a ricorrere all'uso della bicicletta (probabilmente questo è uno dei motivi dell'insuccesso di questo servizio) e di conseguenza non porterebbe benefici eliminando dal traffico un certo numero di auto. Il cuore della città di Asti come la maggior parte delle città storiche d'Italia ha un tessuto urbano impostato su un disegno medievale con vie strette e tortuose e quartieri fitti caratterizzati dalle stratificazioni dovute alle trasformazioni nelle varie epoche ed è qui che l'eliminazione o almeno la riduzione del transito delle automobili porterebbe un beneficio in termini di vivibilità e di salubrità. Di tutt'altra tendenza è il consiglio comunale che in merito a questa problematica propone come soluzione la costruzione di nuovi parcheggi multipiano.

Nel mio studio, in seguito ad un'analisi preliminare, mi sono posta l'obbiettivo di offrire delle alternative che cerchino di rispondere ai problemi della città, indagando sulle esigenze dei cittadini.

Relatori: Silvia Gron, Annalisa Dameri
Soggetti: A Architettura > AH Edifici e attrezzature per l'abitazione
A Architettura > AQ Spazi funzionali dell'abitazione
R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il restauro e valorizzazione del patrimonio
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4714
Capitoli:

0.Introduzione

1.Analisi territoriali sul Comune di Asti

1.1.Inquadramento territoriale

1.2.Dati demografici

1.3.Servizi ed infrastrutture

1.3.1.Trasporti pubblici

1.3.2.Aree verdi

1.3.3.Strutture sportive

1.3.4.Cultura

1.3.5.Servizio sanitario

1.4 Turismo

1.4.1.Musei

1.4.2.Palazzi storici e chiese

1.4.3.Manifestazioni ed eventi

2.Conoscenza ed analisi preliminare dell'ex ospedale civile di Asti

2.1.Inquadramento e descrizione dell'ambito territoriale

2.2.Descrizione degli immobili

2.3.Fasi storiche del Borgo di Santa Maria Nuova e deH'immobile

2.3.1.II borgo di Santa Maria Nuova

2.3.2.L'ospedale

2.3.3.Oggi: Le aste fallite degli immobili dismessi dell'A.S.I. AT

3.Prospettive future per l'ex ospedale ed esigenze della cittadinanza

3.1.La variante proposta dal Comune di Asti

3.1.1.Edilizia autofinanziata

3.1.2.Edilizia pubblica

3.2.Proposte al consiglio comunale

4.Masterplan di progetto

4.1.Considerazioni pre-progettuali

4.2.Rifunzionalizzazione dell'ex ospedale civile

4.2.1.Cohousing

4.2.2.Albergo

4.2.3.Residenze temporanee

4.2.4.Residenze

4.2.5.Cortile interno: area verde privata, orti urbani e vendita prodotti agricoli

4.2.6.Book-bar

4.2.7.Palestra

4.2.8.Area verde pubblica

4.2.9.Area gioco per bambini coperta e temporary- shop

4.2.10.Servizi di pubblica utilità ed attività commerciali

5.Punti di servizio nella rete della pista ciclabile Conclusioni

6.Bibliografia

7.Sitografia

8.Fonti immagini utilizzate

9.Indice delle tavole

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

Ugo FOSCOLO, I Sepolcri, Brescia, Tipografia Dipartimentale del Mella, 1807. Introd. e note di C. F. Goffis. - Torino: Paravia, 1943. -Bibliografia storica astese, Paravia, Torino, 1888.

Nicola GABIANI, Asti nei principali suoi ricordi storici, Tipografia Michele Varesio, voi. 1, Asti, 1927.

Stefano ROBINO, Rievocazioni e attualità di Santa Maria Nuova. Cenni storici, artistici, liturgici, Tipografia Moderna, Asti, 1936.

Achille BOROLI, Adolfo BOROLI, Città e paesi d'Italia: enciclopedia illustrata di tutti i comuni italiani, Istituto geografico De Agostini, Novara, 1966.

Vera COMOLI MANDRACCI, Studi di storia dell'urbanistica in Piemonte: Asti, n Studi piemontesi / Centro studi piemontesi, Voi. 1, fase. 1 (mar. 1972), entro studi piemontesi, Torino, 1972.

Noemi GABRIELLI, con la collaborazione di Mario ABRATE, Arte e cultura ad Asti attraverso i secoli, Istituto bancario San Paolo di Torino, Torino, 1977.

Carlo VILLATA, L'ospedale degli Infermi di Asti: 1681-1914, Tesi di laurea, Università di Torino: Facoltà di Lettere e filosofia, a.a. 1985-1986.

Venanzio MALFATTO, Piero ROGNA, Asti nella storia delle sue vie, Editrice Basegrafica, Cuneo, 1990.

Giuseppe CROSA, Asti nel Sette - Ottocento, Gribaudo, Cavallermaggiore, 1993.

Sebastiano PROVENZALE / Carlo RAMPONE, Ricerche di storiografia ecclesiastica piemontese: l'Asta Sacra, Tesi di laurea, Università degli Studi di Torino: Facoltà di Lettere e Filosofia, 1993.

Francesco PEZZA, L'ordine Mortariense e l'abbazia mitrata di S. Croce, in “Bollettino Storico per la provincia di Novara", Società Storica Novarese, Novara, 1996, anno LXXXVII, fase. 1, 1996.

Aris DANELLI, Il cuore dell'antico convento, Il Platano, Asti, 1995.

Aris DANELLI, Un ospedale, una città: dagli antichi hospitia a cronache astesi più recenti, Il Platano, 1997.

Gaspare BOSIO, Storia della Chiesa d'Asti, Asti, Scuola Tipografica Michelerio, 1894; ristampa anastatica, Asti, 2003.

Alberto BEATA, Alessandro SCASSA, Giovanni SIMULA, Nuovo complesso Uiniversitario Hastae, University Campus, Tesi di laurea, Politecnico di Torino, facoltà di architettura, a.a. 2002-2003.

Alberto PIRANI, Il verde in città- La progettazione del verde negli spazi urbani, Edagricole, Bologna, 2004.

Renato BORDONE, Dalla carità al credito: ricchezza e povertà ad Asti dal medioevo all'Ottocento, Cassa di Risparmio: Omnia, Asti, 2005.

Aris D'ANELLI, Astinovecento: cronache della città e non solo, viste dalla finestra del suo ospedale, Il Platano, Asti, 2006.

3TI Progetti Italia, Studio di fattibilità (ex art. 128 D.lgs. 163/06), Comune di Asti, Settore Urbanistica, 2008.

Comune di Asti, Variante strutturale per la definizione delle previsioni per il uso degli immobili in corso di dismissione da parte dell'a.s.l. at (redatta ai sensi del 4° comma del'art.17 della L.R. 56/77 e s.m. ed i.), Asti, 2009.

Monica DE PAOLI, Maria NIVES IANNACONE, Per chi compra casa- IV EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, Associazione Sindacale Notai della Lombardia, 2009.

Francesca GUIDOTTI, Ecovillaggi e cohousing: dove sono, chi li anima, come me parte o realizzarne di nuovi, hanno partecipato con propri contributi: Lucilla Borio ... [et al.], Terra Nuova, Firenze, 2013.

Aldo CANNILLO, Daniele CASONI, Quando il malato è la città: la ' riqualificazione degli edifici dismessi dell ASL di Asti, Tesi di laurea, Politecnico ¡Torino, Facoltà di architettura, Corso di Laurea in Architettura, Costruzione Città, a.a. 2012-2013.

Achille MARIA IPPOLITO, Spazi urbani aperti- Strumenti e metodi di analisi ria progettazione sostenibile, Franco Angeli, Milano, 2014.

SITOGRAFIA

https://it.wikipedia.org/wiki/Asti

http://www.astiturismo.it

http://www.bibliotecastense.it/fondazione-biblioteca-astense-giorgio-faletti/

http://www.comune.asti.it

http://www.comuninrete.at.it/Web-comuni-

new/sitiComuni/MAST_file/mastmappa/78.html

http://www.comuni-italiani.it

http://www.doujador.it/festival-delle-sagre-2015/

www.gazzettadasti.it/index.php/primo-piano/attualita/vendita-immobili-asl-

lasta-spezzatino-e-andata-deserta

http://www.granparadiso-amici.it/memorialpi.html

http://www.lanuovaprovincia.it/

ittp://www.lastampa.it/2014/04/01/cronaca/fassino-via-garibaldi-dimostra- perch-via-roma-va-pedonalizzata-Nyzk2ma9Xbgok6ICaPUIvl/pagina.html

http://www.linkiesta.it/it/article/2014/06/06/riuso-degli-edifici-cosi-si-sblocca- italia/21619/

d://www.museodeifossili.org/museo/

d://www.palazzomazzetti.it/

d://www.palio.asti.it/index.shtml

https://www.veneto.beniculturali.it/tutela-strumenti-e-risorse/tutela-definizioni-concetti-nel-codice-dei-beni-culturali-e-del-paesaggio

https://it.wikipedia.org/wiki/Assedio_di_Asti

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)