Politecnico di Torino (logo)

Lerda, Giulia

Restauro e rifunzionalizzazione della fornace della Vallera, nel comune di Caraglio.

Rel. Manuela Mattone, Pia Davico. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, 2015

Abstract:

La tesi riguarda il progetto di restauro e di rifunzionalizzazione della fornace da calce della Vallera, situata nel comune di Caraglio, in provincia di Cuneo. Un documento reperito presso l'Archivio di Stato del Comune di Cuneo testimonia che l'attività estrattiva era già avviata nel 1778, tuttavia l'impianto così come si presenta attualmente è stato realizzato a partire dagli anni venti del Novecento da alcuni imprenditori locali. La fornace, composta da due alti forni a tino, e gli edifici aggregati sorgono in un'area pedemontana, in prossimità di una formazione di origine calcarea. Tale posizione, analoga a quella delle altre fornaci da calce del cuneese, permetteva di disporre agevolmente sia della materia prima da cuocere, sia del combustibile ligneo necessario all'alimentazione dei forni, essendo i rilievi limitrofi fortemente boscati. Il complesso produttivo è composto da diversi fabbricati, aventi destinazione sia industriale sia residenziale. Fatta eccezione per i due forni, dei quali si hanno informazioni più dettagliate, la costruzione delle diverse parti costitutive il sito non è riconducibile a datazioni precise a causa della documentazione assente. Tuttavia è stato possibile effettuare delle ipotesi, analizzando in maniera più approfondita le architetture in esame e usufruendo del materiale fotografico reperito. Lo studio ha portato avanti diverse indagini distinte tra loro e di diversa natura, ma condotte parallelamente in modo da fungere da supporto le une alle altre. L'approccio metodologico impiegato è suddiviso in tre fasi consecutive e strettamente legate tra di loro: conoscenza, restauro e valorizzazione. La prima ha preso in considerazione molti aspetti, da quelli costruttivi e architettonici della fabbrica a quelli storici locali, costituendo il momento più delicato del processo. Fondamentale al fine di comprendere al meglio il funzionamento e la conformazione di un opificio di questo tipo, è stato lo studio del processo di fabbricazione della calce, in particolare della fase di cottura, che ha permesso di capire la struttura di un forno stabile a fuoco continuo. E' importante affrontare al meglio e nella maniera più precisa possibile questa fase, in modo da operare correttamente nelle successive parti del progetto. La conoscenza raggiunta durante l'indagine preliminare è il punto di partenza per il successivo processo di restauro, che ha come interesse principale la conservazione del bene costruito; mediante le tecniche di intervento va a risanare e a risolvere le condizioni di degrado, rimuovendo anche gli eventuali interventi non idonei eseguiti durante il periodo in cui lo stabilimento era attivo. L'analisi dei degradi è volta a individuare i meccanismi e le cause primarie che hanno provocato un peggioramento e una variazione delle caratteristiche dei materiali - lapidei, metallici e lignei - sotto il profilo conservativo. I metodi di intervento seguono gli attuali principi del restauro, ossia il mantenimento dell'autenticità, il restauro della materia e non dell'immagine, la riconoscibilità, la reversibilità e la compatibilità delle aggiunte. Infine, il progetto di valorizzazione elaborato si propone di recuperare l'esistente piuttosto che demolirlo e ricostruirlo: l'intervento si è adattato alle caratteristiche del sito, all'orientamento, alla forma e alle dimensioni del manufatto che si presentano già definiti e consolidati, e si è concentrato, quindi, solo sul riuso dei diversi fabbricati, implementandone il valore mediante l'inserimento di nuove funzioni. Le nuove destinazioni d'uso previste nei diversi fabbricati appartenenti allo stabilimento produttivo, sono volte alla valorizzazione del territorio e hanno lo scopo di incrementare il processo di sviluppo locale attraverso il conferimento di una nuova competitività all'area di antica industrializzazione, ridefinendo la sua identità economica e sociale.

In questo modo s'intende attribuire un valore presente a una fabbrica del passato, cercando di adattare le nuove funzioni alle caratteristiche dei fabbricati esistenti e riducendo al minimo le variazioni degli spazi e dei diversi elementi che li costituiscono.

Relatori: Manuela Mattone, Pia Davico
Soggetti: A Architettura > AO Progettazione
A Architettura > AP Rilievo architettonico
R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4478
Capitoli:

Introduzione

1. Dall'archeologia industriale al patrimonio industriale

1.1 La salvaguardia del patrimonio industriale

2. L'industria della calce

2.1 La calce nella storia

2.2 II ciclo di produzione della calce

2.3 Tipi di calce

3. Le fornaci da calce nel cuneese

3.1 Individuazione dei siti: tipologie e tecnologie

3.2 Schedature delle fornaci

4. Caraglio: paese di cultura, lavoro e gastronomia

4.1 II territorio

4.2 Le origini e lo sviluppo del paese tra storia ed economia

4.3 II patrimonio di Caraglio: beni materiali e immateriali

4.3.1 Luoghi ed edifici di interesse

4.3.2 Cultura e gastronomia

5. Caso studio: la fornace della Vallera

5.1 Inquadramento territoriale

5.2 La storia della fabbrica

6. Analisi della struttura architettonico-distributiva

6.1 II rilievo

7. Progetto di restauro

7.1 Analisi dello stato dei difetti: dissesti e degrado

7.2 Interventi di restauro

7.3 Schedature degradi e interventi

8. Progetto di valorizzazione

8.1 Proposta di rifunzionalizzazione della fornace

Bibliografia/sitografia

Appendice: tavole di progetto

Bibliografia:

F. Nonnis-Marzano, Trattato di costruzione, Negro, Torino 1882

E. Corti, La costruzione dei forni industriali: i forni a combustibile, Lavagnolo, Torino 1937

E. Schiele, L.W. Berens, La calce: calcare, calce viva, idrato di calcio, fabbricazione, ca-ratteristiche, impieghi, Edizioni Tecniche, Milano 1976

V. Borasi, L. Cussino, C. Goria, Cemento: storia, tecnologia, applicazioni, Fabbri, Milano 1976

Società Italiana per l'Archeologia Industriale, Atti del Convegno di Archeologia Industriale, Milano 24-25-26 giugno 1977, Clup, Milano 1978

Comune di Cuneo, Regione Piemonte, Radiografia di un territorio. Beni culturali a Cuneo e nel Cuneese, L'arciere, Borgo S. Dalmazzo 1980

M. Mandrile, G. Riba, Riconoscimento e analisi dei beni storico-culturali e ambientali nel Comune di Caraglio, rei. V. Comoli Mandracci, tesi di laurea, Politecnico di Torino, dicembre 1984

E. Tamagno, Fornaci. Terre e pietre per l'ars aedificandi, U. AIIemandi & C., Torino 1987

U. Menicali, I materiali dell'edilizia storica. Tecnologia e impiego dei materiali tradi¬zionali, NIS, Roma 1992

D. Bodino, La fornasa della Voliera: conservazione di un ambiente di prima industrializzazione, rel. C. Bartolozzi, L. Mamino, tesi di laurea, Politecnico di Torino, luglio 1995

G. Astrua, Manuale pratico del mastro muratore, Hoepli, Milano 1995 M.A. Giusti (a cura di), Temi di restauro, Celid, Torino 2000

M. Dalla Costa, Il progetto di restauro per la conservazione del costruito, Celid, Torino 2000

A. Negro, J.M. Tulliani, L. Montanaro, Scienza e tecnologia dei materiali, Celid, Torino 2001

E. Battisti, Archeologia industriale: architettura, lavoro, economia e la vera Rivoluzione Industriale, a cura di F.M. Battisti, Jaca Book, Milano 2001

E. Dansero, C. Gaimo, A. Spaziante (a cura di), Se i vuoti si riempiono. Aree industriali dismesse: temi e ricerche, Alinea Editrice, Firenze 2001

E. Dansero, C. Manuel, F. Governa (a cura di), I patrimoni industriali: una geografia per lo sviluppo locale, Franco Angeli, Milano 2003

S. Franceschi, L. Germani, M. Pasquini, E. Ulivi, Il progetto di restauro. Protocolli operativi, Alinea, Firenze 2003

P. Chierici, Fabbriche, opifici, testimonianze del lavoro: storia e fonti materiali per un censimento in provincia di Cuneo, Celid, Torino 2004

G.L. Fontana, M.G. Bonaventura, E. Novello, R. Covino, A. Monte (a cura di), Archeologia industriale in Italia: temi, progetti, esperienze, AIPAI-Grafo, Brescia 2005

C. Ronchetta, M. Trisciuoglio, Progettare per il patrimonio industriale, Celid, Torino 2008

R. Parisi, M. Ramello (a cura di), Percorsi del patrimonio industriale in Italia, Crace, Perugia 2008

E. Testa, Calci e fornaci da calce. Il complesso Deaglio di Rossana in provincia di Cuneo, rei. Prof. M.L. Barelli, tesi di laurea, Politecnico di Torino, dicembre 2010

A. Battaglia, A. Rattazzi, V. Kafetsis (a cura di), Terra, fuoco, acqua, aria: la calce, Ermes S.r.l., Ariccia (RM) 2011

F. Cona, Un polo scolastico per Caraglio, rel. P. Mellano, tesi di laurea, Politecnico di Torino, settembre 2012

G. Palmieri, La furnasetta di Casale Monferrato: una proposta progettuale di valorizzazione, rel. C. Bertolini Cestari, correi. M.F. Ramello, tesi di laurea, Politecnico di Torino, luglio 2012

R. Pellerino, L. Conforti (a cura di), Val Grana, un piccolo territorio dalla straordinaria ricchezza di paesaggi e tesori, L'artistica, Savigliano 2015

Sitografia

http://www.storiaefuturo.com/it/numero_29/archivi/2_conservazione-patrimonio-industriale~1509.html

http://www.instoria.it/home/archeologia_industriale.htm

http://aimol.altervista.org/archeologia-industriale/

http://www.infobuild.it/approfondimenti/un-patrimonio-da-salvare-conoscenza-e-conservazione-delle-fornaci/

http://www.forumcalce.it/

http://www.inforestauro.org/appuntamenti-architettura/98-arc-segnalazioni/1410-convegno-calce-2009.html

http://www.scalve.it/calchere/libro/10usicalce.htm

http://www.calceviva.it/

http://www.inalessandria.it/index.cfm/cronaca-attualita/mercoledi-convegno-di-confindustria-alessandria

http://www.ilmonferrato.it/articolo.php

http://www.fondazionefornace.org/valori.asp

http://www.unionemonregalese.it/index.php?id_articolo=3697

http://www.magicoveneto.it/euganei/CintoEuganeo/CavaBomba-l.htm

http://foursachaux.free.fr/

http://www.archilovers.com/p27572/Restauro-dellex-Fornace-Hoffmann-e-realizzazione-di-un-museo-tecnologico-dei-laterizi

http://www.associazionefornacebianchi.org/ita/documenti/universit%C3%A0/Rel123-it.pdf

http://www.treccani.it/enciclopedia/materiali_%28Enciclopedia-del-Novecento%29/

http://passionarte.wordpress.com/2014/02/27/affresco-parte-4-la-pietra-e-il-fuoco-estrazione-e-cottura-della-roccia-calcarea/

http://www.marmocarrara.com/

http://www.cimentetarchitecture.com/it/content/view/full/5492

http://www.sic-lime.it/

http://www.rivistadiagraria.org/articoli/anno-2015/sofran-lo-zafferano-di-caraglio-e-della-valle-grana/

http://www.terradelcastelmagno.it/

http://www.provincia.imperia.it/Portals/_jardindesalpes/

http://www.castelliaperti.it/

http://www.piemontemese.it/

http://www.va.camcom.it/files/pubblicaz/2002-2 dumassi.pdf

http://www.valligranaemaira.it/

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)