Politecnico di Torino (logo)

Protti, Emanuele

I luoghi della terza rivoluzione industriale : spazi per nuove economie.

Rel. Matteo Robiglio. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta', 2015

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

INTRODUZIONE

Nel 2011 Jeremy Rifkin pubblica il suo più importante volume "The Third Industrial Revolution".

In questo libro, l'economista statunitense, introduce l'avvento della terza Rivoluzione Industriale in seguito alla compresenza di quelli che ritiene siano i fattori fondamentali per il crearsi delle condizioni per una nuova rivoluzione produttiva.

Nuove risorse energetiche, le energie rinnovabili, e nuovi mezzi di comunicazione, basati su internet, insieme all'impellente necessità di prevenire una catastrofe climatica, sono gli elementi che stimolano questo avvenimento.

In seguito all'esaurimento dei principali combustibili fossili, del petrolio e delle obsolete tecnologie da essi alimentate, Rifkin dichiara la fine dell'era del carbonio e introduce la nuova era industriale.

Secondo la sua teoria, questa nuova era energetica collegherà tramite una smart grid, le nostre case, gli uffici e qualsiasi altro edificio in un sistema distribuito di produzione dell'energia, congiungendo tutto il mondo. Seguendo l'esempio e il potenziale messo in campo da Internet, il futuro del regime energetico diventa collaborativo e distribuito al contrario dell'attuale sistema centralizzato e gerarchico.

Appoggiandosi ai 5 pilastri: 1) il passaggio alle fonti di energia rinnovabile, 2) la trasformazione del patrimonio immobiliare esistente tramite impianti di microgenerazione per la raccolta in loco delle energie rinnovabili, 3) l'applicazione dell'idrogeno e di altre tecnologie di immagazzinamento dell'energia in ogni edificio e in tutta l'infrastruttura al fine di conservare l'energia intermittente, 4) l'utilizzo delle tecnologie di internet per trasformare la rete elettrica in una interrete e infine 5) la transizione della flotta di veicoli da trasporto passeggeri e merci, pubblici e privati, in veicoli plug-in con cella a combustibile, mostra i passi necessari a questo cambiamento e i motivi che spingono a orientare il nostro futuro in questa direzione. Ma assieme al cambiamento economico-energetico è necessario perseguire anche una rivoluzione culturale, il cui principale obbiettivo secondo l'economista sarà lo sviluppo di una "conoscenza biosferica".

Partendo dalle considerazioni di Rifkin all'interno della sua teoria, vediamo come le nostre abitudini, il nostro modo di rapportarci con le risorse energetiche e con lo spazio che ci circonda ha bisogno di essere rivisto e di essere integrato con una coscienza maggiore delle nostre azioni. Questo insieme di cambiamenti viene sostenuto dal nuovo mezzo di comunicazione, Internet, che rappresenta una sovrastruttura capace di assistere alla costruzione di un nuovo processo sulla scala globale.

Egli afferma l'assoluta necessità di un cambiamento su scala a grande scala, che prenda in considerazione dal singolo utente che vive nella sua casa nella sconfinata prateria americana fino alle megacity con venti milioni di abitanti sulle coste del Pacifico. Nel fare questo definisce il motore di questo cambiamento, la scala e l'interfaccia: il processo industriale.

Il sostenere un cambiamento del paradigma industriale vuole sottendere un cambiamento in tutta la sfera del sociale, in quello che è la nostra cultura, cosi profondamente plasmata sul di esso.

Dal 1850, quando la meccanizzazione inizia a prendere forma in modo ufficiale da quella che era una sperimentazione informale, essa cambia drasticamente ogni ambito della vita dell'uomo.

I caratteri inventivi dell'epoca trovano presto applicazione all'interno del contesto della produzione, aumentadone la quantità e sottraendo l'uomo dalle mansioni di faticose, susseguono la creazione delle fabbriche, l'invenzione di nuovi sistemi di trasporto, nuovi strumenti di comunicazione, per arrivare presto all'interno della vita domestica.

La storia dell'uomo si lega indissolubilmente alla meccanizzazione e all'industria che ne aumenta le qualità della vita così radicalmente da soverchiare i ritmi naturali che da sempre governano il nostro mondo.

Nel 2000, il premio Nobel per la chimica Paul Crutzen assume il termine coniato da Eugene Stoermer, Antropogene, dichiarando che l'uomo è entrato in una nuova era geologica dove le sue azioni hanno più influenza sui fattori climatici che non la Natura stessa PI. La vita dell'uomo è segnata fino all'intimità dal suo rapporto con l'industrializzazione e ogni cambiamento che avviene all'interno di essa, ha di riflesso, una conseguenza sulla nostra vita.

Ma oltre ad un discorso sociale la meccanizzazione e l'industrializzazione cambiano lo spazio in cui viviamo, il modo in cui ci rapportiamo con esso e le azioni che compiamo al suo interno. Questa materialità del rapporto tra uomo e industria rientra a pieno titolo nell'ambito dell'architettura, nella discussione sul nostro Habitat: la Città.

La città industriale sottolinea una rottura con lo spazio urbano precedente, amplifica gli effetti delle trasformazioni spaziali e ne complica i processi. Luoghi nuovi richiedono spazio nelle città, stazioni ferroviarie, fabbriche, quartieri operai, aeroporti, magazzini di stoccaggio, macelli, impianti riassemblano il tessuto cittadino in risposta alla trasformazione degli altri settori. Nascono nuove tensioni e nuove abitudini.

La rivoluzione industriale ha creato spazi e luoghi che prima non esistevano e a cui l'immaginario umano ha saputo dare forma per rispondere ai bisogni della propria società.

L'obbiettivo di questa tesi è studiare i Luoghi della Terza Rivoluzione Industriale, analizzando e studiando dove e come nasce la stretta relazione tra società e industria durante l'Ottocento e il Novecento e cercando di ipotizzare in che direzioni, un cambiamento di questo rapporto possa modificare lo spazio in cui viviamo e le relazioni al suo interno.

Un'analisi dei processi industriali avvenuti nell'arco delle due rivoluzioni ha l'obbiettivo di andare a scandagliare i punti di contatto tra i differenti ambiti industriali e come questi hanno condizionato l'evoluzione del vivere umano.

Dall'osservazione di questi fenomeni e delle manifestazioni che ne derivano, scaturisce l'importanza assegnata ad una terza rivoluzione industriale e all'impatto che questa può avere sulla vita urbana. La ricerca si focalizza sul rapporto tra il luogo di eccellenza dell'industrializzazione, la Fabbrica, e il rinnovato rapporto che essa ha con la città. Attraverso l'analisi di come una nuova produzione si colloca all'interno dello spazio urbano contemporaneo si delinea una narrativa per la sua riqualificazione, andando ad operare all'interno di quel tessuto abbandonato e dismesso che caratterizza la città industriale.

Le riflessioni urbane che ne derivano sono da interpretare come parte di una ricerca personale sul tema che non è da considerarsi conclusa ma piuttosto all'inizio di un lungo percorso.

Relatori: Matteo Robiglio
Soggetti: A Architettura > AJ Edifici e attrezzature per l'amministrazione, il commercio e la difesa
A Architettura > AS Storia dell'Architettura
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta'
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4384
Capitoli:

INTRODUZIONE

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

LA PRIMA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

Introduzione

L'industria tessile

L'industria del Ferro

L'energia e la macchina a vapore

Miniere metallifere e carbonifere

L'industria chimica

La rivoluzione dei trasporti

La rivoluzione dell'architettura

I materiali della rivoluzione industriale

Le costruzioni civili

I ponti

Le coperture di grandi luci e le grandi strutture

Conclusioni

LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

Introduzione

Elettricità

L'industria petrolifera

I trasporti

L'industria chimica

L'industria delle comunicazioni

La rivoluzione dell'architettura

I materiali della rivoluzione industriale

Metodi costruttivi

Impianti e protezione antincendio

Teoria e progettazione

Conclusioni

STANDARD CUSTOMIZZATO

La standardizzazione nell'era della meccanizzazione

La standardizzazione della società

Dal movimento alla fluidità

Nuovi processi produttivi

LA CITTÀ E LA FABBRICA

Introduzione

La città e l'industria: una storia di produzione

La città post-industriale

La manifattura sta riurbanizzando

I caratteri della città re-industrializzata

Focus: trasformazioni in Cina

La città re-industriale: la manifattura urbana

Casi studio

Analisi dei costi

TORINO CITTÀ INDUSTRIALE

Introduzione

Una mappatura di possibilità

Ex Mercato dei Fiori

Ex Diatto

CONCLUSIONI

Bibliografia

Sitografia

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

Aaron Chatterji, Edward Glaeser e William Kerr, "Clusters of Entrepreneurship and Innovation", Innovation Policy and the Economy Forum, April 2013.

Ajay Agrawal e Iain M. Cockburn, "The anchor tenant hypothesis: Exploring the role of large, local, R&D-intensive firms in regional innovation system", International Journal of Industrial Organization", Boston University School of Management, 2003

Andrea Branzi, "Modernità debole e diffusa", Skira, Milano, 2006

Andrew L. Russel, "Standardization in History: A Reuieu; Essay with an Eye to the Future" The Johns Hopkins University, 2007.

Aurora Lopez Corduente, "22@ Barcelona: 10 anos de renovación urbana", Ebook, Barcelona Libraries, Barcelona, 2011

Bert F. Hoselitz, "Papers and Proceedings of the Sixty-seventh Annual Meeting of the American Economic Association", The American Economic Review Vol. 45, No. 2, May 1955, pp. 166-184

Bruce J. Hunt, "Doing Science in a Global Empire: Cable Telegraphy and Electrical Physics in Victorian Britain", The Univer-sity of Chicago Press, Chicago, 1997, pp. 313.

Bruce J. Hunt, "The Ohm Is Where the Art Is: British Telegraph Engineers and the Development of Electrical Standards", Osiris 9, 2nd Series, Instruments (1994), pp. 48-63.

Bruce Katz and Jennifer Bradley, "The Metropolitan Revolution: How Cities and Metros Are Fixing Our Broken Politics and Fragile Economy" Brookings Institution Press, Washington, 2013

Bruce Katz and Julie Wagner, "The Rise of Innovation Districts: A New Geography of Innovation in America", Brookings Institution Press, Washington, 2013

Catherine Roche, Patrick Ducasse e Carol Liao, "Navigating the New Consumer Realities" Boston Consulting Group, Boston, 5 May, 2011.

Charles Singer, "A History of Technology", Vol. 4, Oxford University Press, Oxford, 1954

Chris Anderson, "Makers: The Neu; Industrial Revolution" Random House Inc, 2012. Ed. Italiana Rozzoli, 2013

Daniel Bell, "The Coming of Post-Industrial Society: A Venture in Social Forecasting", Basic Books, New York, 1976

Daniele Jalla, "La parabola di un quartiere operaio, in Storia illustrata di Torino", Sellino, Milano, 1993, pag. 1824

David Hounshell, "From the American System to Mass Production, 1800-1932", The Johns Hopkins University Press, Baltimore, 1984

David Noble, "America by Design: Science, Technology, and the Rise of Corporate Capitalism", Oxford University Press , Oxford, 1979

Donald R. Hoke, "Ingenious Yankees: The Rise of the American System of Manufactures in the Private Sector", Columbia University Press, New York, 1990

Enrico Milito, "Torino: sviluppo industriale e barriere operaie ai primi del '900", Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della scteie'tà contemporanea, 2002

fabrique de la citè, "What economic activities and siting strategies for cities?" Regional seminar - 2014, Lille, France, 2014

Fiat. Archivio storico, "Fiat: le fasi della crescita. Tempi e cifre dello sviluppo aziendale", Torino, 1996.

Franco Borsi e Paolo Portoghesi, "Victor Horta", Laterza, Bari-Roma, 1969

Gaston Tissandier, "Les Merueiììes de la photographie", Paris, 1874, p. 62

George Constable, Bob Somerville, "A Century of Innovation: Twenty Engineering Achievements That Transformed Our

Liues"Joseph Henry Press, Washington, 2003

Georgia Daskalakis, Charles Waldheim and Jagon Young, "Stalking Detroit", ACTAR, Barcelona, 2001

Giampaolo Vitali, "Le caratteristiche socio-economiche dei cluster di imprese in Piemonte", Rapporto di ricerca per Regione Piemonte, Direzione Industria "Osservatorio settori produttivi industriali", 2008

Giovanni V. Galliani, "Effetti della rivoluzione industriale sul costruire - Episodi del costruire prima e dopo la rivoluzione industriale", Ecig, Genova, 1981

Gooding P. e Halsteadt P.E , "The Early History of cement in England. Proceedings of the third international symposium on the Chemistry of Cement", Cement and Concrete Association, London, 1952

J. G. Landels, "Engineering in the Ancient World", Chatto and Windus, London, 1978

Jane Jacobs, "The Economy of Cities", Mass Market Paperback, 1970, pp 88-89.

Jeremy Rifkin, "The third Industrial Revolution: How Lateral Power Is Transforming Energy, the Economy, and the World", Palgrave Macmillan, 2011, Ed. Italiana Oscar Mondadori, Milano pp. 46

John F. Kain, David Harrison, "Essays on urban spatial structure", Ballinger Publishing, Pensacola, 1975.

John Friedmann, "World Cities Hypothesis", Development and Change, ISI Journal Citation Reports, Volume 17, Issue 1, pages 69-83, January 1986.

John Perry, "The Story of Standards", Funk & Wagnalls Company, New York, 1955

Jonathan V. Beaverstock, Richard G. Smith and Peter J. Taylor, " World-City Network: A New Metageography? ", Annals of the Association of American Geographers, Volume 90, Issue 1, pages 123-134, March 2000

Joroff, M. with D. Frenchman, F. Rojas. Report "New Century City Developments: Creating Extraordinary Value", MIT City Design and Development Program & ULI The Urban Land Institute, Cambridge 2008

Kim, Minjee e Ben-Joseph, "Manufacturing and the City", paper presented at the annual meeting for the American Collegiate Schools of Planning, Dublin, Ireland, July, 2013

Loris Gaio e Enrico Zaninotto, "Standardizzazione e modelli di produzione post-fordisti", CEDAM , Padova,1998

Manfredo Tafuri, "Progetto e Utopia", Laterza, 1973.

Manuel Castells, "End of Millennium, The Information Age: Economy, Society and Culture", Voi III, Blackwell, Cambridge, 1998

Manuel Castells, "The Informational City: Information Technology, Economic Restructuring, and the Urban Regional Process", Oxford University Press, Oxford, 1989

Marco Biraghi, "Progetto di Crisi: manfredo Tafuri e L'architettura contemporanea", Cristian Marinotti Edizioni, 2005

Marian R. Chertow, "The Eco-industrial Park Model Reconsidered", Journal of Industrial Ecology, Volume 2, Issue 3, pages 8-10, July 1998

Matt Christie,Mark PowneyBen Johnson,Gemma Hotchkiss,Chris Horton,David Jowsey " City Fringe:Opportunity Area Planning Framework", Greater London Authority, 2014

Mauro F. Guillén, "The taylorized Beautiful of the mechanical" Princeton University Press, Princeton, 2006

Mercedes Delgado, Michael E. Porter e Scott Stern "Clusters, Convergence, and Economic Performance" Harvard Busin- nes School, Boston, 2014, pp. 1785-1799

Michael E. Porter, "The Competitive Advantage of the Inner City", Harward Businnes Review, May-June 1995

Miquela Craytor, Speech "Building a Healthy Business Ecosystem", Institute for a Competitive Inner, summit 2012.

MIT Taskforce on Innovation and Production, "A Previeu; of the MIT Production in the Innovation Economy Report", Massachusetts Institute of Technology, Cambridge, 2013

Nancey Green Leigh, Nathanael Z Hoelzel, "Smart Growth's Blind Side: Sustainable Cities Need Productive Urban Industrial Land", Journal of the American Planning Association, January 2012; pp. 87-103

Nina Rappaport,, Essay "The Vertical Urban Factory", Parsons School of Design journal, New York, January 2009.

Nisha Mistry e Joan Byron, "The Federal Role in Supporting Urban Manufacturing", Pratt Center for Community Development, New York, 2011.

Paolo Sica, "Storia dell'urbanistica. L'Ottocento", vol. I, Laterza, Bari, 1977

Paul A. David, "Standardization Policies for Network Technologies: the Flux Between Freedom and Order Revisited", MERIT, Maastricht, 1994

Paul Crutzen, "Benvenuti nelVAntropocene!", a cura di Andrea Parlangeli, Mondadori, Milano, 2005

Paul gompers, Josh Lerner e David Scharfstein, "Entrepreneurial Spawning: Public Corporations and the Genesis of New Ventures, 1986 to 1999", The american finance association, Volume 60, Issue 2, pages 577-614, April 2005

Paul gompers, Josh Lerner, David Scharfstein, "Entrepreneurial Spawning: Public Corporations and the Genesis of New Ventures, 1986 to 1999", The Journal of Finance, Volume 60, Issue 2, pages 577-614, April 2005

Phillip Cooke e Kevin Morgan, "The Associated Economy: firms, region and Innovation", Oxford University Press, Oxford, 1998

Phyllis Deane, La prima rivoluzione industriale, II mulino, Bologna, 1967

Rem Koolhaas, "Junk Space", Quodlibet, Macerata, 2001

Report "Manufacturing the future: The next era of global growth and innovation", Mckinsey Global Institute, 2012

Report "Metropolitan Chicago's Manufacturing Cluster: A Drill-Down Report on Innovation, Workforce, and Infrastructure", Chicago Metropolitan Agency for Planning, 2013

Reyner Banham ae François Dallegret, "Home is not a house", Art in America n 2,1965

Richard. Florida, Martin Kennet, "Venture Capital: Financed Innovation and Technological Change in the US", Research Policy, Vol. 4,J\I^4,_pp 345-360

Saskia Sassen, "Cities Today: A New Frontier/or Major Developments", ANNALS, AAPSS, 626, November 2009

Saskia Sassen, "The Global City: Neiv York, London, Tokyo", Princeton University Press, Princ^on, 1991

Serge Latouche, "Usa e getta: le follie dell'obsolescenza programmata", Bollati Boringhieri Editore, 2013.

Siegfired Ghiedion, "Mechanization Takes Command", Oxford University Press, Oxford, 1948. Edizione italiana 1967 Feltrinelli editore, pp. 634

Smil Vaclav, "Creating the Twentieth Century: Technical Innovations of 1867-1914 and Their Lasting Impact" Oxford Uni-versity Press, Oxford, 2005

Smith Merritt Roe e Ferry Harpers, "Armory and the New Technology: The Challenge of Change", Cornell University Press, Ithaca, 1977

Stefano Musso, "La società industriale nel Ventennio Fascista, in Storia di Torino, voi. 8: Dalla Grande Guerra alla liberazione (1915/1945)", Einaudi, Torino, 1999, pag.319

Stephen S. Cohen, John Zysman, "Manufacturing Matters: The Myth of the Post-Industrial Economy", Basic Books, September, 1988

Susan Helper, Timothy Krueger and Howard Wial, "Locating American Manufacturing: Trends in the Geography of Production", brookings Institution Press, report may 2012.

The economist, "Manufacturing and Innovation" 21 aprile 2012

The Economist, "Technology isn't working", 4 ottobre 2014

The Economist, "The third great wave", 4 ottobre 2014

The Economist, "Manufacturing: The End of Cheap China", Special Report, 2012

The Economist, "Outsourcing and offshoring", Special Report, 19 January, 2013.

The Economist, "The Services Sector: The Post-Industrial Future Is Nigh", Special report, 2013

Valerio Castronovo, "Torino", Laterza, Bari, 1987, p.226

Valerio Castronovo, "La rivoluzione industriale", Sansoni, Firenze, 1973

Walter Benjammin, "L'opera d'arte nell'era della sua riproducibilità tecnica", Enaudi Editore, 1966

William Robson, "Socialism and the Standardised Life", London: Fabian Society, 1926, Fabian Tract no 219, pp. 9

SITOGRAFIA

Adam Davidson, "Skills Don't Pay the Bills", The NewYork Times, November 20, 2012 http://www.nytimes.com/2012/ll/25/magazine/skills-dont-pay-the-bills.html

Cory Doctorow, "The slou; death of Silicon Roundabout", The Guardian, 2015 http://www.theguardian.com/cities/2014/mar/10/slow-death-of-silicon-roundabout

Gordon G. Chang, ''Moue Ouer, Michigan, China Is The World's Next Rust Belt", Forbes, 2012. http://www.forbes.com/sites/gordonchang/2012/12/09/move-over-michigan-china-is-the-worlds-next-rustbelt/

http://www.britannica.com/event/Industrial-Revolution

http://www.treccani.it/enciclopedia/intercambiabilita/

https://it.wikipedia.org/wiki/Standardizzazione

Jessica Bruder, "In Detroit, the Green Garage Is a Different Kind of Incubator", The New York Times, 21 June, 2012 http://boss.blogs.nytimes.com/2012/06/21/in-detroit-the-green-garage-is-a-different-kind-of-incubator/

Mark Landler, "Obama Announces Institute to Create Manufacturing Jobs", The New York Times, 15 January, 2014, http://www.nytimes.com/2014/01/16/us/politics/obama.html?_r=0.

Michele Nash-Hoff, "American Manufacturing Has Declined More Than Most Experts Have Thought", The Huffington Post, 2012 http://www.huffingtonpost.com/michele-nashhoff/manufacturing-jobs_b_1382704.html

Motoko Rich, "Factories Ready to Hire, but Skilled Workers Scarce", The NewYork Times, July 2010, http://www.nytimes.com/20I0/07/02/business/economy/02manufacturing.html

Patrick Kingsley, "Tech City: the magic roundabout", The Guardian, 27 November 2011. http://www.theguardian.com/business/2011/nov/27/tech-city-digital-startups-shoreditch

Ravi Belani, "Education,mentorship and often investment |We asked two of the leading accelerators in the USA 'What really makes the difference?", Silicon Roundabout press, 2015

http://www.siliconroundabout.org.uk/2015/07/educationmentorship-and-often-investmentwe-asked-two-of-the-lea-ding-accelerators-in-the-usa-%E2%80%98what-really-makes-the-difference%E2%80%99/

Steve Ranger, "First came the artists, then came the hackers: The strange history of London's own Silicon Valley", The TechRepublic, 2014

http://www.techrepublic.com/article/first-came-the-artists-then-came-the-hackers-the-strange-history-of-londons-own-silicon-valley/

The new York Times, "Does a Skills Gap Contribute to Unemployment? - Room for Debate", The New York Times, April 21, 2013, http://www.nytimes.com/roomfordebate/2012/07/09/does-a-skills-gap-contribute-to-unemployment

Thomas A. Hemphill,Waheeda Lillevik e Mark J. Perry, "Confronting the U.S.Advanced Manufacturing Skills Gap", The American Enterprise Institute, January 28,2013 http://www.american.com/archive/2013/january/confronting-the-u-s-advanced-manufacturing-skills-gap/articleprint.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)