Politecnico di Torino (logo)

Floridia, Stefano

Cura e riuso dei beni comuni urbani.

Rel. Alfredo Mela. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale, 2015

Abstract:

INRODUZIONE

Questo tema si colloca in due congiunture del nostro presente: la crisi del sistema economico tradizionale e la crisi del mercato urbano. Un'implicazione logica attualissima tra queste due crisi, e mette in luce le criticità della società del consumo parallelamente alle nuove vocazioni che le città del XXI secolo stanno avendo durante la globalizzazione dei mercati.

I due discorsi si fondono generando un'analisi critica deduttiva lineare, che fornisce inizialmente attraverso un'indagine teorica del contesto attuale un quadro dei rapporti tra beni e soggetti nella società contemporanea - teorie sociali e modelli di sviluppo, per una nuova concezione dello spazio urbano.

A seguito della letteratura raccolta nella prima fase sulle interpretazioni economiche e giuridiche dei beni comuni, sono state discusse le potenzialità della cittadinanza attiva nella risoluzione di problemi collettivi, ricercando un più stretto rapporto con la dimensione amministrativa più vicina cittadino. Manifesti, movimenti e patti collaborativi orientati a tale approccio, si sono palesati come ingredienti principali per affrontare una applicazione pratica più concreta della sussidiarietà orizzontale della Costituzione italiana.

Non basta l'evidente impegno che i cittadini impiegano per il territorio in cui vivono. Come e in quali condizioni l'azione della cittadinanza attiva influisce creativamente sulla capacità delle istituzioni di innovare le proprie politiche pubbliche? E’ necessario dunque un cambiamento nelle istituzioni, favorendo nuovi strumenti. Gli spazi abbandonati e i beni comuni sono legati dall’assenza di un quadro giuridico adeguato. Attualmente vi sono dei processi di revisione legislativa in Italia: è quindi questo un contributo di riflessione al tema.

Relatori: Alfredo Mela
Soggetti: R Restauro > RC Restauro urbano
U Urbanistica > UK Pianificazione urbana
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4336
Capitoli:

INDICE

1.APPARTENENZA_______A cosa apparteniamo

1.1 Verso un cambio del paradigma: da economico a sociale

1.2 I limiti dello sviluppo

1.3 Interagire con le cause e non con gli effetti: modelli per una decrescita

1.4 Dalla parte di chi? Lo spazio urbano come scuola per l'autogoverno degli spazi collettivi

2. RICONOSCIMENTO_______Tassonomia e contestualizzazione nella rigenerazione urbana

2.1 Definizione e tassonomia dei beni comuni

2.2 Prendersi cura dei beni comuni: nuove pratiche per un cambiamento individuale

2.3 Comunità e istituzioni: quale relazione possibile nella rigenerazione urbana

3 CONFRONTO_______ Due modelli di gestione e riuso dei beni comuni urbani in Italia

3.1 Ricostruire un dialogo: il "Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani di Bologna.

3.2 Pratiche di riuso temporaneo: convenzioni, patti etici ed inviti alla creatività

3.3 Diffusione e adozione dei nuovi modelli nella pubblica amministrazione

4. RIAPPROPRIAZIONE DEL PATRIMONIO_______il caso della Cavallerizza Reale di Torino

CONCLUSIONI

BIBLIOGRAFIA

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

Ardoino J. (1980), Education et relations,Villars, Parigi, in Manuale critico della sperimentazione e della ricerca educativa a cura di Becchi E. e Vertecchi B. (1984), Angeli, Milano.

Arena G. (2006), “Cittadini attivi”, Laterza, Roma-Bari.

Augustoni A. (2005), Comunità,ambiente e identità locali, FrancoAngeli, Milano.

AA.VV., A cura di: De Santoli L. e Consoli A. (2013), Territorio Zero, Minimum Fax, Roma.

AA.VV., A cura di: Boeri S. (2003), Multiplicity Use - Uncertain states of europe, Skira Editore, Milano.

Barbier R. (2007),La ricerca - azione, Armando, Roma.

Bartolini S. (2010),Manifesto per la Felicità Come passare dalla società del ben-avere a quella del ben-essere, Donzelli, Roma.

Bobbio L. (1999),La concezione della politica dei beni culturali, in I beni culturali: istituzioni ed economia (Tavola rotonda, Roma, 20 maggio 1998), Roma.

Boeri S. (2011), L’Anticittà,Laterza, Roma.

Bonesio L. (2007),Paesaggio, identità e comunità tra locale e globale, Reggio Emilia.

Bonomi A. (2010),Sotto la pelle dello Stato. Rancore, cura, operosità, Feltrinelli, Milano.

Carestiato Nadia (2008),Beni comuni e proprietà collettiva come attori territoriali per lo sviluppo locale,Dottorato di Ricerca in Territorio Ambiente Risorse Salute Indirizzo “Uomo e Ambiente”, Università degli Studi di Padova.

Cassano F. (2004),Homo civicus. La ragionevole follia dei beni comuni, Dedalo, Bari.

Cecchi R. (2007),I beni culturali. Testimonianza materiale di civiltà, Milano.

Coscia C., Pano C. (2007),Proprietà demaniali e pubbliche: convenienze all’investimento e strategie di valorizzazione attraverso un caso studio.

Cottino, Zeppetella (2009),Creatività, sfera pubblica e riuso sociale degli spazi. Cittalia, in: Calamèo, http://ita.calameo.com/read/00011796551208471b735 Ultimo accesso 21 agosto 2015.

Davico L., Mela A., Staricco L. (2009),Città Sostenibili. Una prospettiva sociologia Carocci, Roma.

De Marchi (2000),Proprietà collettive, logiche territoriali e sviluppo sostenibile, in Nervi P. (a cura di), Le terre civiche tra l’istituzionalizzazione del territorio e il declino dell’autorità locale di sistema, Cedam, Padova.

Douglas M. (1994), Credere e pensare, Il Mulino, Bologna.

Eco U. (1988),Osservazioni sulla nozione di giacimento culturale, in Le isole del tese Proposte per la riscoperta e la gestione delle risorse culturali, Venezia.

Georgescu-Roegen (1971), The Entropy Law and the Economic Process, Harvard University Press, Cambridge (Mass.).

Grossi P., (1977),Un altro modo di possedere: l’emersione di forme alternative di proprietà alla coscienza giuridica postunitaria, Giuffrè, Milano.

Inti I., Cantaluppi G., Persichino M. (a cura di) (2014), Temporiuso. Manuale per il riuso temporaneo degli spazi in abbandono, in Italia, Altraeconomia, Milano.

Israel. (1998), Il giardino dei noci, CUEN, Napoli.

Latouche S. (2008),Breve trattato sulla decrescita serena, Bollati Borinchieri, Torino.

Latouche S. (2014),Decolonizzare l’immaginario, Emi, Bologna.

Latouche S. (2006),La pari de la décroissance, Fayard, Paris (trad. It. La scommessa della decrescita, Feltrinelli, Milano 2007).

Maddalena P. (5 ottobre 2011), I beni comuni nel Codice Civile,nella tradizione romanistica e nella Costituzione della Repubblica Italiana,

www.federalismi.it/document/04102011104436.pdf.

Magnaghi A. (2000), Il progetto locale: verso la coscienza di luogo, Bollati Boringhieri, Torino.

Mattei U. (2000),Beni comuni. Un manifesto, Laterza, Bari.

Mattei U. Reviglio E. Rodotà S. (a cura di) (2007),Invertire la rotta. Idee per una riforma della proprietà pubblica, Il Mulino, Bologna.

Meadows D. H., Meadows D. L.,Randers J.,Beherens III W. W. (1972), I nuovi Limiti dello Sviluppo, Mondadori, Milano. 

Meadows D. H., Meadows D. L.,Randers J. (2006), I nuovi limiti dello sviluppo, Mondadori, Milano.

Mela A. (2006) Sociologia della Città, Carocci Editore, Roma.

Montanari T. (2015), Privati del patrimonio, Einaudi, Torino.

Montanari T. (2014),Istruzioni per l’uso del future, Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà, Minimum Fax, Roma.

Nivarra L. (2012),Alcune riflessioni sul rapporto tra pubblico e comune, in M. R. Marella (a cura di), Oltre il pubblico e il privato. Per un diritto dei beni comuni, Ombre Corte, Verona.

Olson M. (1965),The Logic of Collective Action, Cambridge (Mass.), Harvard Univerisity Press, trad. it. Olson M. (1983),La logica dell’azione collettiva, Feltrinelli, Milano.

Ostrom E., Gardner R., Walker J. (1994),Rules, Games,& Common-Pool-Resources, the University of Michigan Press, Ann Arbor.

Ostrom E. (8 dicembre 2009), Beyond markets and states: polycentric governance of complex economic systems,discorso tenuto in occasione del premio Nobel, Private and common property rights,2000.

Ostrom E. Hess C. (2007),Private and Common property right,in “Workshop in Political Theory and Policy Analysis”, Indiana University.

Oswalt P., Overmeyer K., Misselwitz P., (2013), Urban Catalyst. The power of temporary uses. DOM publisher, Berlin.

Pastori G. (1997), “La redistribuzione delle funzioni: profili istituzionali”, in “Le Regioni”, Il Mulino, Bologna.

Patel R. (2007), Il valore delle cose e le illusioni del capitalismo, Feltrinelli, Milano.

Perrone C. (2011), Per una pianificazione a misura di territorio: regole insediative,beni comuni e pratiche interattive, Hoepli, Firenze.

Petrella R. (2006),Le risorse per i beni comuni in Petrella R. et al. (2006), La casa dei beni comuni, EMI, Bologna.

Pieroni O. (2002),Fuoco, acqua, terra e aria. Lineamenti di una sociologia dell’ambiente, Carocci, Roma.

Polanyi K. (1974),La grande trasformazione. Le origini economiche e politiche della nostra epoca, Einaudi, Torino.

Police A. (A cura di) (2006), I Beni Pubblici: tutela, valorizzazione e gestione, da “Pubblicazioni della Facoltà di Giurisprudenza NUOVA SERIE” Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”,Roma.

Pollice F. (2005),Il ruolo dell’ identìtà territoriale nei processi di sviluppo locale, in “Boll. Soc. Geogr. Ital.”, vol.X, n.1. 

Rostow W. (1962),Gli stadi dello sviluppo economico, Einaudi, Torino

Rifkin J. (2014),La società a costo marginale zero, Mondadori, Milano

Rullani E., (2009),L’economia dei commons e delle reti che popolano la terra di mezzo tra mercato e piano, Uninomade.org

Sachs W. (2006),I beni comuni capaci di futuro, In La casa dei beni comuni, EMI, Bologna

Sachs I. (1988),I nuovi campi della pianificazione, Edizioni Lavoro, Roma.

Sachs I. (1978),Civiltà, in Enciclopedia Einaudi, vol III,Einaudi, Torino.

Salio N. (2002), La scelta della semplicità volontaria per uno stile di vita non-violento e sostenibile, in www.arpnet.it/regis/centro.

Ricerca del Center for Society Studies (1991), http://ccss.jhu.edu/research- projects/comparative-nonprofit-sector-project/ Johns Hopkins University, Baltimora

Semi G. (2015),Gentrification. Tutte le città come Disneyland?, Il Mulino, Bologna.

Sennet R. (2012),Insieme. Rituali, piaceri, politiche della collaborazione,Feltrinelli, Milano.

Settimo Programma Quadro, approvato dal Parlamento europeo e dal Consiglio, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’UE con L. 354 del 28 dicembre 2013.

Settis S. (2005),Battaglie senza eroi: i beni culturali tra istituzioni e profitto, Mondadori Electa, Milano.

http://cordis.europa.eu/result/rcn/85852_it.html.

Tarasco A.L. (2006), La redditività del patrimonio culturale. Efficienza aziendale e promozione culturale, Torino.

Tosi S. (2004),Azioni Locali nella Crisi del Welfare State, Libreria Clup, Milano

Tosco C. (2014), I beni culturali - Storia, tutela e valorizzazione, il Mulino, Bologna

Touraine, A. (1965),Sociologie de l’action,Editions du Seuil, Paris.

Touraine, A. (1998),Libertà,uguaglianza,diversità. Si può vivere insieme?, Il Saggiatore, Milano.

Vassallo W. (2014),Crowdfunding nell’Era della Conoscenza. Chiunque può realizzare un progetto. Il futuro è oggi. FrancoAngeli, Milano.

Viale G., La democrazia dei beni comuni, ADISTA n°6 del 18-2-2012.

Zagrebelsky G. (2007), Imparare democrazia,Einaudi, Torino.

Zamagni S. (Postato il 16 Novembre, 2014),Cooperazione e beni comuni, www.fondazionebarberini.it /la-rivista—articolo-24.html.

Zanardi B. (1999), Conservazione, restauro, tutela. 24 dialoghi,Milano.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)