Politecnico di Torino (logo)

Amati, Emanuele

Nozioni di base sulle stufe ad accumulo.

Rel. Andrea Bocco, Alfonso Capozzoli, Paolo Piantanida. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, 2015

Abstract:

1 INTRODUZIONE

“Il più tangibile di tutti i misteri visibili - il fuoco.” (Leigh Hunt)

La stufa non è soltanto uno degli strumenti con il quale l'uomo si scalda, cucina e socializza, è contenitore del più grande di tutti i misteri visibili all'uomo, il fuoco. Come si è arrivati alla realizzazione delle stufe? Come si realizzano e qual è il loro futuro? Questa tesi vuole dare delle risposte a queste domande, basandosi su ciò che è stato scritto, sulla mia esperienza personale maturata negli ultimi anni e soprattutto sull'esperienza diretta di chi le stufe le realizza ogni giorno. La stufa è un oggetto del passato, oggi in grado di proiettarsi nel futuro dando risposte concrete ad alcune tematiche di sviluppo sostenibile e tecnologico a cui noi architetti siamo chiamati a dare delle risposte.

1.1 DI COSA SI TRATTA

L'etimologia della parola "stufa" proviene dall'antico germanico e ha la medesima radice del termine frisone "Stoev" o "Stoevchen" indicava dei piccoli scaldini in ceramica o ottone. Questo termine racchiude molte varietà di prodotti e viene usato comunemente per le apparecchiature che emettono calore: tuttavia esistono diverse tipologie di stufe e alcune di queste le vedremo in seguito.

Secondo l'enciclopedia Treccani questo termine ha due significati: uno più vago, che descrive una apparecchiatura atta al riscaldamento e uno, più appropriato a questa trattazione, che mette l'accento sul valore artistico e culturale della stufa.

Con l'espressione "ad accumulo" si specifica un tipo di stufa che è caratterizzato in particolare dalla proprietà di accumulare calore.

Esistono peraltro termini più specifici come "Kachelofen" che dimostrano le influenze culturali legate alle popolazioni che l'hanno impiegata: tra queste la più importante è la cultura germanica dell'arco alpino (in particolare del Tirolo) che han avuto un ruolo centrale intorno a questo tema e vedremo infatti che alcuni termini rimandano proprio alla lingua parlata in quell' area geografica.

Nello specifico la "stufa ad accumulo" è una stufa costituita da una importante massa che può essere in mattoni, in pietra, in terra o in piastrelle di ceramica e nella quale vengono realizzati canali percorsi dai fumi provenienti dalla camera di combustione. Queste serpentine vengono ricavate nella muratura della stufa in modo che essa possa accumulare più facilmente il calore dei gas di combustione che entrano nella canna fumaria ed escono all'esterno dopo avere disperso almeno il 70% del loro calore alla massa di accumulo. È quindi possibile consumare grandi quantitativi di legna in un'unica combustione senza surriscaldare l'ambiente: le pareti massicce della stufa, infatti, accumulano e smorzano il calore permettendo un rilascio graduale per tempi prestabiliti (di un massimo di 24h).

In tedesco con "Kachelofen" si intende la stufa ad accumulo tipicamente rivestita da piastrelle in maiolica. Il termine infatti è composto dalla parola "Kachei", che in tedesco significa "piastrella" (in olandese "stufa") e dal termine "Ofen" che significa "forno".

L'origine del nome "Kachel" è da attribuire al termine latino "cacabus" che indicava una pentola che poteva essere in metallo o in terracotta, inserita nel forno o posata sul focolare per scaldare l'acqua al suo interno. Nel Trentino, invece, le formelle di rivestimento della stufa erano chiamate "olle" perché venivano spesso ricavate dalla pietra oliare (come la steatite o pietra saponaria) caratterizzata dalla tinta verde tipica dei rivestimenti in ceramica delle stufe più antiche.

Relatori: Andrea Bocco, Alfonso Capozzoli, Paolo Piantanida
Soggetti: S Scienze e Scienze Applicate > SH Fisica tecnica
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4313
Capitoli:

SOMMARIO

1 INTRODUZIONE

1.1 Di cosa si tratta

2 LA SCOPERTA DEL FUOCO

2.1 II fuoco spontaneo

2.1.1 La fase passiva

2.1.2 La fase attiva

2.1.3 Fuoco e sviluppo

2.2 Fuoco domestico e l'antenato della stufa

2.2.1 L'antenato dell'hypocaustum

3 LA STUFA AD ACCUMULO

3.1 Dalla preistoria alla stufa ad accumulo

3.2 Verso la stube

3.3 La maiolica

4 DIFFUSIONE GEOGRAFICA DELLA TRADIZIONE

4.1 Nel mondo

4.2 In Italia

4.2.1 Distribuzione geografica nelle Alpi

4.2.2 La tradizione in Trentino e in Toscana

4.3 II fuoco nelle abitazioni alpine

4.4 Evoluzione della stufa ad accumulo in Germania

4.4.1 Gotico

4.4.2 Rinascimento

4.4.3 Innovazioni stilistiche

4.4.4 Verso le stufe convettive

5 CENNI SUL RISCALDAMENTO A LEGNA

5.1 L'hypocaustum

5.1.1 Hammam

5.2 II focolare e i primi caminetti nel medioevo

5.3 Periodo di innovazioni

5.3.1 Franklin e Thompson

5.4 Esempi di stufe e impianti

5.4.1 Le stufe convettive

5.4.2 Un esempio di integrazione architettonica

5.4.3 Un nuovo combustibile

6 LE STUFE A LEGNA

6.1 Categorie

6.1.1 Stufa ad accumulo (o stufa piena)

6.1.2 A parete singola

6.1.3 A doppia parete

6.1.4 Stufa ad aria ( o stufa leggera)

7 ASPETTI TEORICI

7.1 IL CALORE

7.1.1 Propagazione del calore

7.1.2 Le proprietà performanti dei materiale

7.2 LA COMBUSTIONE

7.3 RENDIMENTO

7.3.1 Le perdite di calore

7.4 II confort termico

8 IL CANTIERE.

8.1 IL MESTIERE DEL FUMISTA

8.2 REALIZZAZIONE DI UNA STUFA

8.2.1 II sopralluogo

8.2.2 Progettazione

8.2.3 Costruzione

9 II rapporto tra edificio e impianto

9.1 INTEGRAZIONE AMBIENTE/EDIFICIO/IMPIANTO

9.1.1 ACCUMULO - Gestione delle masse

9.1.2 IRRAGGIAMENTO - Rapporto stufa/superfici interne

9.1.3 ARCHITETTURA - rapporto interior design/impianto

9.2 Sostenibilità

9.2.1 sostenibilità economica

9.2.2 sostenibilità ambientale

10 Resa e Misure della stufa ad accumulo

10.1 INTRODUZIONE

10.2 Caso "L"

10.2.1 Lo spazio riscaldato

10.2.2 La stufa ad accumulo

10.2.3 TERMOGRAFIE

10.3 CASO "C"

10.3.1 Lo spazio riscaldato

10.3.2 La stufa ad accumulo

10.3.3 TERMOGRAFIE

10.4 CASO "G"

10.4.1 Lo spazio riscaldato

10.4.2 La stufa ad accumulo

10.4.3 TERMOGRAFIE

10.5 STUFA monolitica

10.5.1 FRONTE

10.5.2 RETRO

10.5.3 PIASTRA

10.6 STUFA pirolitica

10.6.1 FRONTE

11 PROGETTAZIONE E INSTALLAZIONE

11.1 Inquadramento

11.2 II progetto dell'edificio

11.3 Progetto della stufa

11.3.1 Progettazione

11.3.2 Dimensionamento

11.3.3 Progetto

11.3.4 Conclusioni

12 BIBLIOGRAFIA

SITOGRAFIA

13 ALLEGATI: Export dati bestclass

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

G. & V. BEARZI, Architettura degli impiantìi, da una ricerca esemplicativa nel passato, una prospettiva per il futuro, Tecnologie nuove, Milano, 1997.

C. ANFOSSO, Il fuoco: storia, teorie, applicazioni, Treves, Milano, 1876.

G. VARVELLI, Stufe a legna ed a carbone: manuale pratico, Lavagnolo, Torino, 1943.

L. ILARIONI, Il legno come combustibile: Caratteristiche energetiche e di prodotto, Silvae.

J. GOUDSBLOM, Storia del fuoco, dalla preistoria ai giorni nostri, Donzelli editore, Roma, 1996. F. MAGNANI, La stufa: il fascino della tradizione, di Baio editore, Milano, 1991.

F. BLÜMEL, Vecchie stufe europee, dal XV al XXsecolo, tradotto da M. Natoli dall'edizione tedesca Deutsche oefen, Der deutsche Kunstofen, Suddeutscher Verlag, München, 1910.

L. DEMATTEIS, Il fuoco di casa, nelle tradizioni dell'abitare alpino, quaderni di cultura alpina, Priuli & Verlucca, Ivrea, Torino, 1996.

Ente autonomo Fiera internazionale di Padova, Atti 1° convegno del riscaldamento e della ventilazione, Padova 4-5 Giugno 1961, Padova, editrice Fiera di Padova, 1961.

A. CAFORIO & A. FERILLI, Le leggi della fisica 2, 2005, Le Monnier, Firenze.

P. ANDREINI & L. IARIA, Il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, Ulrico Hoepli Milano, 2012.

A. P. MERLO & M. STOPPEL, Il riscaldamento a legna in bioedilizia, soluzioni tradizionali e innovative per il confort termico, P. Scacco & D. Flaccovio Editori, Palermo, 2014.

S. COURGEV & J. OLIVA, La conception bioclimatique, Terre vivante, Mens, Francia, 2006.

SITOGRAFIA

www.assocosma.org/associazione

http://www.alfredoneri.com/breve storia del caminetto.htm

http://it.rbth.com/societa/2014/01/29/misteri e segreti dellizba 29193.html

http://www.diemme.com/dest.php?dest=Marocco&l=it&arg=show&scope=approf&id=14 http://www.ercolano.unina.it/ercolano.php7id ist=88&id namespace=2&padre nodo=10

http://en.wikipedia.org/wiki/Ondol

http://www.istitutocamozzibg.it/pane/storia.htm

http://www.stufecaminivandini.com/Storia-della-Stufa/

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)