Politecnico di Torino (logo)

Faletto, Mattia

Progetto di recupero dell'ex Cotonificio Vallesusa : strategia di riqualificazione territoriale con sistemi di retrofit architettonico e realizzazione impianto cogenerativo a biomassa.

Rel. Mauro Berta. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta', 2015

Abstract:

PREMESSA

Il corso di studi della laurea magistrale che ho frequentato in molte occasioni ha posto l'accento sul termine “sostenibilità” dell’architettura, dal punto di vista ambientale economico e sociale, ritenendolo un principio fondamentale per il nostro presente e per il nostro futuro. Era mia intenzione quindi svolgere una tesi che trattasse di tale principio applicato all’architettura e declinato nelle sue diverse accezioni, facendo della sostenibilità il prerequisito che rende organico il progetto: trattare del recupero del costruito e del recupero energetico.

Sono fortemente convinto che il patrimonio industriale, di cui oggi disponiamo, sia una risorsa da cui attingere per uno sviluppo sostenibile; il recupero e la rigenerazione sono la chiave per limitare il consumo del suolo e per valorizzare allo stesso tempo ambiente e patrimonio. Un progetto di recupero su un’area dismessa è una opportunità per restituire alla comunità un vuoto urbano e può inoltre costituire un occasione di ridisegno del tessuto locale.

Questa mia sensibilità nasce dalle esperienze vissute durante il percorso di studi, il quale diverse volte ci ha fatto avvicinare a queste tematiche senza però darci la possibilità di affrontarle in un progetto completo.

Durante il percorso degli studi accademici mi sono confrontato con varie strategie di recupero e diversi modi di relazionarsi con l'esistente, imparando ad analizzare come le innovazioni possono intervenire sul costruito e recuperarlo in modo efficiente; queste conoscenze apprese sono diventate, quindi, le basi per affrontare in maniera responsabile questo percorso di tesi.

Questo impulso è il risultato non solo di studi universitari, bensì anche della curiosità che è stata in me prodotta dall’attività di mio padre, anch’egli architetto, che spesso si è occupato di questi temi, confrontandosi di continuo su argomenti e tematiche nuove.

Pertanto il mio interesse è quello di lavorare sul nuovo, ma anche di confrontarmi con l’esistente, e raffrontarmi con un tessuto ricco di storia, che però mi lasci la possibilità di inserire al suo interno un elemento di attuale progettazione per poter riflettere al meglio sui rapporti tra vecchio e nuovo, con l’obiettivo di restituire vita all’area.

La ricerca mi ha condotto, tramite il Prof. M. Berta, ad entrare a far parte di un progetto della Regione Piemonte, il Politecnico di Torino e Alpine Space, denominato Alp.BC, con l’obiettivo di sviluppare il capitale territoriale per mezzo della cultura del costruire, sfociando nella riqualificazione energetica territoriale.

L’area scelta come punto di partenza del progetto è l’Ex Cotonificio Vallesusa di Lanzo.

La prima fase del lavoro è stata di fondamentale importanza per lo sviluppo di tutto il seguito, basandosi su dei momenti conoscitivi del luogo, prima partecipando alle conferenze degli attori locali poi, all'interno del Comune di Lanzo, ricercando tutta la documentazione cartografica e tecnica relativa all’area in esame.

Avvalendomi di rilievi parziali del primo Piano Particolareggiato del 1987 ho elaborato una restituzione grafica dell'impianto. Questo mi ha innanzitutto permesso di avere il rilievo completo su cui basare il progetto, ma cosa ancora più importante mi ha fatto comprendere a pieno la spazialità, le peculiarità e le criticità del luogo.

Terminata questa operazione è iniziata la fase di progettazione vera e propria. Il lotto di progetto è disomogeneo formato da edifici costruiti in tempi diversi e secondo logiche differenti. Sulla base di quanto detto, per riuscire a lavorare in maniera unitaria, mi sono posto alcune linee guida:

- non negare la storia e l’identità del luogo

- intervenire con materiali della tradizione o a loro vicini.

- intervenire con l’idea di ridare vita sia energeticamente che architettonicamente

Seguendo questi parametri l’area ritorna ad essere affine alla tradizione del luogo e si discosta da un'urbanizzazione disordinata.

Pertanto le linee guida iniziali mi hanno condotto a progettare una centrale a biomassa legnosa in grado di ricoprire il fabbisogno dell’intero complesso edilizio, così da renderlo autonomo ed energeticamente sostenibile; nel mentre gli altri parametri mi hanno spinto a recuperare parte del complesso, senza negare l’identità, progettando un polo multifunzionale, in grado di garantire un uso più ampio, sia per le fasce d’età sia per le fasce orarie.

Questa operazione si riavvicina alla tradizione che caratterizza l’intorno e la regione, ovvero la volontà di mostrare i nuovi interventi sul costruito fa sì che su di esso si vada a posare un nuovo strato che innesca un dialogo tra vecchio e nuovo.

Relatori: Mauro Berta
Soggetti: A Architettura > AD Bioarchitettura
A Architettura > AK Edifici e attrezzature per l'industria
R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta'
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4256
Capitoli:

CONTENUTO

PREMESSA

ARCHITETTURA SOSTENIBILE

QUARTIERE "LE ALBERE"

QUARTIERE "NANCYSTRASSE"

RETROFIT E RECUPERO EDILIZIO

EX OFFICINE SAVIGLIAND

EX ZUCCHERIFICIO ERIDANIA

ENERGIA RINNOVABILE

UNIONE COMUNI DI VALDARNO

TELERISCALDAMENTO A SESTO

PROGETTON E STRATEGIE DI RECUPERO

PROGETTO ALP.BC IN VAL DI LANZO

EX COTONIFICIO VALLESUSA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

STRUTTURA E DIMENSIONAMENTO CENTRALE

CALCOLO E VALUTAZIONE COSTI

CONCLUSIONE

ALLEGATI

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

P. CAPUTO, “Impianti a biomassa”, Edizione Ambiente, Milano, 2011.

M. HEGGER - M. FUCHS - T.STARK - M.ZEUMER, “Atlante della Sostenibilità e della efficienza energetica degli edifici’’, in “Grande Atlante di Architettura", vol XX, UTET, Torino, 2008.

S. RUSSO ERMOLLI - V. D'AMBROSIO, “The Building Retrofit Challenge - Programmazione, progettazione e gestione degli interventi in Europa”, in “Procedimenti e strumentazioni tecniche e sostenibili" dir. da S. Dierna, vol. XII, Alinea Editrice, Firenze, 2012

R. GIORDANO, “I prodotti per l’edilizia sostenibile”, in “Architettura Sostenibile” a cura G. Scudo e M. Grosso, vol. XX, Esselibri, Napoli, 2010

M.I. AMIRANTE, “La compatibilità ambientale nella riqualificazione urbana”, in “La riqualificazione delle aree dismesse” a cura di R. Valente, Il ed., Liguori Editore, Napoli, 2008

M.CORRADO, “Architettura Bio-Ecologica”, De Vecchi Editore, Milano, 2000

G.V. FRACASTORO - A.M. BARBERO - F. BACCON, “Requisiti tecnici per impianti a cippato superiori a 350 kW”, a cura del Dipartimento di Energetica del Politecnico di Torino, datato 2004, reperibile su www.provincia.torino.it

Aggiornamento e adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale approvato dal Consiglio della Regione Piemonte con deliberazione n° 121-29759 del 21/07/2011

I. GOLDMANN - A. CICALO’, “Architettura Sostenibile”, Edizioni FAG, Milano, 2012

M. BERTA, A.DE ROSSI, “Progetto Alp.BC - scenari di sviluppo e cultura del costruire nei territori montani”, Novara, 2015

A. SALSOTTO, “Osservazione sulla vegetazione forestale delle valli di Lanzo”, in “ Vivant, Crescant, Floreant! - Atti dell'adunanza comune tra Accademia di Agricoltura di Torino e Società Storica delle Valli di Lanzo. 26 giugno 1999” a cura di S.Scannerini, B. Gugliemotto - Ravet, Lanzo torinese, 2000

SITOGRAFIA

www.turboden.eu/it/home/index.php

www.kohlbach.at/it/lazienda/

www.arketipomagazine.it/it/quartiere-le-albere-a-trento-renzo-piano-building-workshop/

www.vecoplan.de/it_index.htm

www.provincia.torino.gov.it/

www.regione.piemonte.it/

www.gse.it

www.legambiente.it/

www.cittametropolitana.torino.it/

www.lealbere.it/eco.php

www.tecnologia-ambiente.it/

www.enea.it/

www.sportelloambientenergia.it/le-fonti-energetiche-rinnovabili/biomasse

www.eniscuola.net/

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)