Politecnico di Torino (logo)

Lanza, Tommaso and Negrin, Flavio and Turati, Carlo

Rifügiu : valorizzazione di un percorso tra le fortificazioni della Valle Gesso.

Rel. Antonio De Rossi, Daniela Bosia. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta', 2015

Abstract:

Rìfugiu è il termine con cui oggi nel dialetto dell'alta valle Gesso si Identifica quell'edificio, che protegge l’uomo e lo supporta per raggiungere le sue ambizioni. Questo luogo nel passato non esisteva, la montagna, e i suoi abitanti, conoscevano solo il rifugio come un qualcosa di necessario, il rifugio come il riparo di chi questi ambienti li viveva, e che da loro traeva i frutti che gli permettevano di vivere in un ambiente cosi incantato quanto duro. Arcaico occitano di questa valle non dava un nome a un edificio di questo genere, anzi, con il termine Gias o Ciabot, intendeva il rifugio di chi in quel paesaggi doveva sopravvivere. Progettare In montagna assume quindi differenti caratteri, definiti dallo scorrere del tempo, dall'altitudine e dall’antropiz-zazione, Il contesto architettonico, nella maggior parte dei casi è semplicemente un paesaggio naturale, arricchito dall’uomo solo con consolidamento dei terreni, canalizzazione dei corsi d'acqua, ma anche abitazioni e costruzioni, Impiegando sempre materiali reperibili nell'ambiente circostante. Tali paesaggi rappresentano dunque la sintesi di un'Intensa e continua attività dell’uomo nel corso della storia; In questo senso, essi testimoniano un "passato vissuto" che non solo contempla le tracce visibili, ma anche i valori socio culturali e spirituali delle generazioni passate. Questo tipo di contesto molto caratteristico a volte viene sopravvalutato, indicandolo come ultimo e unico fino a dove svettano le creste. Citando l'architetto Enrico Giaco- pelli, mentre parla del progettare in alta montagna "Lo abbiamo fatto senza mai Indulgere nell'ossequio ad uno stile alpino tradizionale nel quale non crediamo e che sappiamo non avere cittadinanza alle quote in cui il primo ed unico segno della presenza dell’uomo è proprio il nostro rifugio” . Questo per cercare di fare una doverosa distinzione tra i contesti architettonici presenti In montagna, divisi per prima cosa da una semplice quanto fondamentale differenza di altitudine, e in secondo luogo dalla presenza di un contesto antropizzato, che può in alcuni casi spingersi anche a quote elevate. In quest’ultimo caso però si parla quasi sempre di edifici isolati, preesistenze storiche uniche e sole a un’altezza cosi elevata. Progettare oggi in alta montagna quindi vuol dire aver preso coscienza di determinate caratteristiche, uniche di questo ambiente. Le soluzioni progettuali che ben si sposano con queste particolarità, sono molte e permettono di ideare sistemi capaci di convivere con esse, Con lo scopo di uno studio tecnico e formale, la questione dei progetti a queste quote ha generato negli ultimi anni sempre più Interesse. L'alta montagna sta infatti attraversando un nuovo periodo di estremo richiamo e passione a livello architettonico, probabilmente non ancora paragonabile agli anni di Mollino, Albini, GelIner o Charlotte Perriand, ma in ogni caso è evidente come qualcosa negli ultimi due decenni sia cambiata. Basti pensare alla sperimentazione che in quest'ultimo periodo è stata portata avanti, e forse proprio questo tema è ciò che ha più influenzato le scelte progettuali in alta quota degli ultimi anni, Il tema dell'innovazione contemporanea, non come rottura delle tradizioni costruttive, ma piuttosto con le pratiche di costruzione ordinaria degli ultimi sessant’anni , è forse quello che accomuna tutti i progetti di questo tipo, Progettare oggi in montagna vuol dire, poter creare dei "Landmark" o soluzioni di mimesi, restaurare con progetti in contrasto con l'esistente o viceversa. Guardando a esempi come l'elvetica Monte Rosa Hutte, che ha creato un immenso interesse per la sua spigolosa forma e le sue caratteristiche tecniche innovative. Rimanendo sul tema dell’evoluzione tecnica, il bivacco Gervasuttl è probabilmente l’esempio più avanzato per questa definizione applicata all'architettura alpina, sulle pareti del Grandes Jorasses e con le sue forme più da immaginario aerospaziale che da montagna, svetta solitario a 2835 metri. Con questo esempio si vuole evidenziare come sia stato portato all'estremo il progettare e programmare gli edifici, i moduli, in modo tale che tutto in alta quota ruoti attorno alle parole assemblaggio, rapidità e funzionalità, il lavoro per questa tesi nasce dall'ormai storica relazione tra il Politecnico di Torino e le terre alte, e cerca di inserirsi in quel contesto di studi e ricerca che da motti anni avanza condiviso tra le mura del castello del Valentino e realtà simili. Il Parco delle Alpi Marittime ha negli ultimi due decenni giocato un ruolo importante per lo sviluppo dei processi di ricerca del Politecnico, e ad oggi vanta un sempre maggior numero di visitatori, con un conseguente aumento della domanda di servizi e di strutture adeguate. La combinazione dei due elementi, ha fatto si che nascesse l'occasione per lo sviluppo di questa tesi, li processo di studio è partito infatti da una concreta necessità del Parco che a oggi risulta avere delle carenze, di posti letto e comfort, L’occasione di ripensare a un rifugio in un luogo così particolare, crea una dipendenza da valori molto importanti, a volte trascurati a quote inferiori. Uno su tutti è la Razionalità, perché gli ambienti devono essere studiati per riuscire a risparmiare il massimo dello spazio alla ricerca però del comfort che deve rispondere alla domanda del turismo odierno. Progettare un rifugio è già di per sé una sfida estremamente accattivante, e creargli attorno un percorso studiato, con dei punti di interesse per rendere ancora più seducente il suo raggiungimento, è la conclusione perfetta per un progetto davvero stimolante in alta quota, Quello però di cui si fa anche carico questa tesi, è un proposito persino più particolare di un intervento ad un rifugio, Una delle volontà del parco Infatti, data la grande testimonianza storica presente nel suo territorio, è sempre stata quella di rifunzionalizzare uno degli edifici che ancora resistono alla prova del tempo. Nello specifico, lungo le strade costruite durante la prima parte del secolo scorso per scopi militari, si trovano una moltitudine di ruderi che hanno ormai evidentemente perso il loro scopo. Tra di questi si trova un edificio imponente a quasi 2500 metri , una caserma della Grande Guerra che esattamente 100 anni fa portò in questi luoghi migliaia di giovani speranzosi di poter far ritorno a casa. La struttura ha superato la prova del tempo, nonostante non subisca lavori da ormai settant’anni infatti la copertura rimane ancora saldamente ancorata a proteggere i vani interni dell'edificio. Il progetto si fa quindi carico di rifunzionalizzare l'edificio, cercando quindi non solo di renderlo fruibile, ma di dargli una connotazione accattivante che tenga sempre presente il suo passato, e lo proietti verso il futuro.

Relatori: Antonio De Rossi, Daniela Bosia
Soggetti: A Architettura > AF Edifici e attrezzature per il tempo libero, le attività sociali, lo sport
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta'
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4159
Capitoli:

INTRODUZIONE

IL PARCO DELLE ALPI MARITTIME

IL TERRITORIO

LA STORIA

IL PARCO OGGI

SULLE STRADE DEI RE E DEGLI ALPINI

IL TERRITORO DELLA VALLE GESSO

LA STORIA DELLA STRADA

UN PERCORSO TRA LE FORTIFICAZIONI ALPINE

DA TERME DI VALDIERI AL PIANO DEL VALASCO

L’ITINEERARIO

L’OPERA 276

IL RIFUGO DEL VALASCO

IL PROGETTO DEGÙ "SCHELETRI"

DAL PIANO DEL VALASCO AI LAGHI DI VALSCURA

L’ITINERARIO

DEPOSITO VALSCURA A131

RICOVERO COLLE DROUS

344 BATTERIA DA 100/17

CASERME™ DA COMBATTIMENTO COLLE DELLA LAUSA

LO "SCHELETRO" AI LAGHI DI VALSCURA

LA CASERMA CAPTANO LONGÀ

IL PROGETTO DELLA CASERMA LONGÀ

DETTAGLI TECNOLOGICI

DAI LAGHI DI VALSCURA AL LAGO DELLE PORTETTE

L’ITINERARIO

IL RIFUGO EMILIO QUESTA

IL PROGETTO PER IL NUOVO RIFÙGIU QUESTA

I DETTAGLI TECNOLOGICI DEL RIFUGIU

DAL LAGO DELLE PORTETTE AL PIANO DEL VALASCO

L’ITINERARIO

CONCLUSIONI

BIBLIOGRAFIA

Bibliografia:

LIBRI

- AA. W. Api Marittime-Mercantour. Un mondo senza frontiere". - Valdieri : Parco naturale delle Alpi Marittime, 2006

- AA. WLa guide del Parco Alpi Marittime- Natura Storia Itinerari, Blu Edizioni, Cuneo 2000

- AA. W. Mercantour-Marittime : atlante del patrimonio naturab e culturale = atlas du patrimoine nature! et culture/. - [Valdieri] : Parco Naturale delle Api Marittime, 2006

- AA.W, Rifugi fra tradizione e innovazione: quale rapporto con la montagna, atti del convegno dell'Acca- demia della Montagna del Trentino, 20 maggio 2011

- Bobba G., Vaccarone L., "Guida delle Alpi Occidentali. Voi. Il, Gràe e Pennine. Parte seconda, le Valli di Aosta, di Bella, della Sesia e dell'Ossola". Stamperia Reale di G. B. Paravia, Torino, 1896

- Bogge P. .Boggia G. , La valle Gesso, Larciere, Cuneo 1996

- Bogilone M, 2003 “Le strade del cannoni - In pace sui percorsi di guerra" - Torino, Blu Edizioni

- Bologna P. (a cura di) “ Sentieri della libertà In provincia di Cuneo" - Editore Più Eventi, Cuneo 2011

- Callegari G,, De Rossi A,, Pace S., Paesaggi in verticale. Storia, progetto e valorizzazione del patrimonio alpino, Marsilio, Venezia 2006

Carnami E. Il fuoco e il gelo. La Grande Guerra sulle montagne, Editori LaTerza, Roma 2014

- Cintino F., Studio Azzurro, Ambienti sensibili: esperienze tra interattività e narrazione, Electa, Milano 2005

- Comba R., Cordero M., Sereno P. La scoperta delle Marittime: momenti di storia e di alpinismo Cuneo, Mostra in San Francesco : dicembre 1984- marzo 1985 Cuneo. Assessorato per la cultura, Club alpino italiano. Sezione di Cuneo, L’Arciere, Cuneo, 1984

- Cordero M., Victor De Cessole. Il signore delle marittime, Editrice artistica Piemontese, Savigliano, 2003

- De Rossi A. Marnino L. Regis D. Le terre alte. Architettura luoghi paesaggi delle Alpi sud-occidentali, LArciere Blu, Cuneo 1998

- De Rossi A,, Achitettura alpina moderna in Remonte e Valle d'Aosta, Umberto Allemandi & C., Torino 2005

- De Rossi A., Moncalvo E., Cultura architettonica e ambiente alpino, Celici, Torino 2011

- De Rossi A,, Dini R., Achitettura alpina contemporanea, Priuli e Veriucca Editori, Scarmagno (70) 2012

- De Rossi A., La costruzione delle Alpi. Immagini e scenari del pittoresco alpino, Donzelli, Roma 2014

- De Rossi A., Achitettura e territorio alpino. Scenari di sviluppo e di riqualificazione energetico - edilizia del patrimonio costruito, Editore Regione Piemonte, Torino 2015

- Loos A. Parole nel vuoto. Adelphi edizioni, 12a ediz., Milano 1992

- RosaP, Studio Azzurro, Immagini vive, Electa editore, Milano 2005

- Kapfinger 0., Hermann Kaufmann wood works Hermann Kaufmann wood works : okorationaie Bau-kunst = architecture durable, Springer, Vienna, 2009

- Parodi A, Pockaj R. Costa A. Sentieri e meraviglie delle Alpi Marittime - Parodi Editore, Cogoleto 2010

- Passerin P. d' Entreves, Le cacce reali nelle alpi marittime, Blu edizioni, 2014

- Regls D, , Gli ecomusei nella provincia di Cuneo, Ce- lid, 2009

- Ruskin J. , Pittori moderni, Einaudi, Torino 1998

- Pockaj R, Garrone G,, Le fortificazioni della valle Ges¬so, Blu edizioni, Cuneo 2013

- Schlorhaufer B. DegondaL., Cui zuffel e l'aura dado: GionA. Caminada, QuartVeriag, Lucerna (CH) 2008

- Ungaretti G.,Vita d'un uomo - Tutte le poesie, Arnoldo Mondadori Editore, Segrate 1969

- Valle M., Spazio transfrontaliero Marittime Mercantour, Celid, 2013

- Vaschetta D., A piedi sul Vallo Alpino. Itinerario storico-escursionistico dalle Api Marittime ai Lago Maggiore, Trofarello, Edizione del Capricono,2009

- Vaschette D., Le più belle fortezze delle alpi occidentali, 2013

TESI

- Alzu, Federico, Il rifugio alpino d'alta quota : il caso del rifugio Torino Nuovo, Rei, Marco Vaudetti - Politecnico di Torino, 1. Facoltà di architettura, Torino, 2006

- Bertola, Giulia, LinkProgetto di un bivacco alpino tipo : per il 150° del CAI, Rei. Massimo Crotti, Antonio De Rossi, Correi. Osvaldo Marengo - Politecnico di Torino, 1. Facoltà di architettura, Corso di laurea in architettura costruzione città, Torino, 2013

- Catalano, Dario, Rifugio "Chaberton" : una proposta di progettazione architettonica e tecnologica in condizioni di sito estreme, Rei. Valentino Mannl, Correi. Roberto Dini, Alessandro Pasquale Fantini - Politecnico di Torino, 2, Facoltà di architettura, Corso di laurea in architettura, Torino, 2012

- Clemente, Damiano, UnkUn rifugio eco-compatibile nel parco naturale delle Alpi Marittime, Rei, Paolo Mellano, Correi. Mario Grosso - Politecnico di Torino, 2. Facoltà di architettura, Corgo di laurea specialistica in architettura (ambiente e paesaggio), sede di Mondovì, Mondovì, 2007

- Costa, Filippo, La Casa di Caccia del Valasco ed il paesaggio circostante : progetto di nuove strutture e servizi per il Parco delle Alpi Marittime, rifugi e percorsi, Rei, Paolo Melano, Laura Palmuccl, Charles Roche, J.F, Lyon Caen - Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura. Sede di Mondovl, Mondovì, 2002

- De Angelis, Daniele, Recupero della caserma Capitano Longà in alta Valle Gesso (CN), Rei. Carla Bartolozzi - Politecnico di Torino, 2. Facoltà di Architettura, corso di laurea specialistica in restauro e valorizzazione, Torino, 2010

- Giuliano, Roberta, Il progetto dell'alta quota : un nuovo rifugio al lago di Vaiscura, Valle Gesso, Parco naturale Alpi marittime, Rei. Antonio De Rossi - Politecnico di Torino, Corso dì laurea in architettura costruzione città, Torino, 2010

- Popescu, Alexandru, Achitettura per una valorizzazione mediata : oltre le memorie di Stella, Rei. Antonio De Rossi, Correi. Cario Tosco, Arturo Lanzani - Politecnico di Torino, 1. Facoltà di architettura, Corso di laurea in architettura (costruzione), 2011

- Rosso, Enrico, Architettura dei rifugi alpini : progetto di ampliamento e riqualificazione del complesso militare della Gardetta, Rei, Roberto Dlnl, Correi. Antonio De Rossi - Politecnico di Torino, Facoltà di architettura, Corso di laurea In architettura per il progetto sostenibile, Torino, 2014

PERIODICI

- AA.W, Il nuovo vestito dell'antico, ArchALP, n, 0, Torino 2010

- AA.W, Achitetture per piccoli centri alpini, ArchALP, n, 1, Torino 2011

- AA.W, Costruire in alta quota, ArchALP, n, 2, Torino 2011

- AA.W, Insegnare l'architettura alpina, ArchALP, n. 3, Torino 2012

- AA.W, Modernità versus tradizione, ArchALP, n, 4, Torino 2013

- AA.W, Costruire in legno, ArchALP, n. 5, Torino 2013

- AA.W, Vini, paesaggi, architetture, ArchALP, n. 6, Torino 2013

- AA.W, Parchi, architetture, territorio, ArchALP, n, 7, Torino 2014

- AA.W, Metasemie artistiche dell'alpe, ArchALP, n. 8, Torino 2014

- AA.W, /4 nord delle Api, Cantieri d'äta quota, n, 4, Biella 2014

- AA.W, I rifugi all'università / 2, Cantieri d'alta quota, n. 5, Biella 2015

- AA.W, Concorsi in alta quota, Turrisbabel, n. 91, Bolzano 2013

- AA.W, Costruire in alta quota, Turrisbabel, n. 92, Bolzano 2013

SITI CONSULTATI

- Afasia

- http://afasiaarq.bbgspot.com Arch ALP

- http://areeweb, polito. it/ricerca/IAM/archalp/ Arch Daily

- http : //www, archdaily, com

- Bernardo Bader Architekten

- http ://www, bernardobader, com/aktuell

- Cantieri d'alta quota http://www.cantieridaltaquota.eu

- Club Alpino Italiano http://www.cai.it

- DK/isare by Europaconcorsi http://divisare.com

Designspiration

- http://deslgnspiration.ne1/popular/Hermann Kaufmann http://www.hemTann-kaufmann.at

- Istituto di architettura montana http://areeweb.polito.il/ricerca/IAM/cose-iam/Landezlne

- http ://www. iandezine.com

- Parco Api Marittime http://www.parcoalpimarittime.lt

- Parco national Du Mercantour http://www. mercantour. eu

- Provincia di Cuneo

http : //www. provincia. cuneo. gov. it

- Regione Piemonte http://www. regione. Piemonte, it

- Relulf Ramstad Arkitekter http://www.reiulframsfadarchitects.com

- Rheinzink

http : //www. rheinzink, it RifugioPlus

http : //rilig Ioplus. weebly. com

- Rifugio E. Questa http://www. rifugloquesta. it

- Rifugio Väasco

- http : //vwwv. rifugiovalasco. it

- Ruch & Partner Architekten

- http : //www.ruch-arch.ch/index,php/en/

- Savioz Fabrizzi Architectes http://Vwwv.sf-ar.ch

SfiAD

- http://www.sistemaplemonte.it/serviziositad/Snohetta

- http://snohetta.com Tunis Babel

- http://fondazione.arch.bz.it/it/turrisbabel/la-rivista/ WernerTscholl

- http://www.wemer-tscholl.com

- Xlam Dolomiti http://www.xlamdolomiti.it

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)