Politecnico di Torino (logo)

Gandolfo, Davide

Proteggere, valorizzare, dare un'identità : una casa comune su Place du Refuge a Marsiglia.

Rel. Silvia Gron, Jean-Marc Huygen. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, 2015

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Dal supermanzana alla casa comune

una nuova visione per il Panier

Il lavoro che si ci appresta a presentare in questa tesi è frutto delle considerazioni e degli obiettivi che sono stati portati all'interno dell'Atelier di Progettazione Finale del prof. Arch. Jean-Marc Huygen docente della scuola di Architettura di Marsiglia, seguito all'interno del progetto Doppia Laurea stipulato tra le due scuole.

Tutti i lavori condotti all'interno di questo Atelier si basano su un nuovo concetto di città, chiaramente descritto da Alberto Magnaghi nel suo libro "Il Progetto Locale'. Partendo da un pensiero molto in uso negli ultimi anni, lo sviluppo sostenibile, che si basa di fatto sulla dicotomia dei due termini, l'autore ci trasporta nella sua idea di sviluppo locale auto sostenibile, che comporta un approccio molto più impegnativo e multidisciplinare in quanto mette in campo le principali variabili dell'organizzazione socioeconomica e le loro relazioni. Per l'autore di fatto, esistono tre modi dì poter interagire in un progetto in modo sostenibile: funzionale, ambientale e territoriale. Il primo metodo è quello utilizzato per contrastare esclusivamente il consumo indiscriminato di risorse energetiche, attraverso un forte utilizzo delle nuove tecnologie. Esso è sempre spinto da logiche economiche, che hanno causato il declino della città contemporanea. Il secondo metodo si pone come problema quello dell'interazione tra l'uomo e il sistema natura, considerando l'ambiente naturale come una risorsa e un'opportunità e non come un vincolo. Il terzo metodo affronta il problema della sostenibilità focalizzando l'attenzione sull'ambiente dell'uomo, riferito come un sistema virtuoso di relazioni tra le componenti del territorio stesso: l'ambiente naturale, l'ambiente costruito e l'ambiente antropico. Questo metodo quindi supera il secondo e lega l’idea di ambiente al concetto di cultura, natura e storia.

La visione di sviluppo sostenibile territoriale ha portato così a una nuova considerazione della società partendo dalla sua scala locale (territoriale) e cercando di stabilire delle forti interazioni con il luogo.

A questa idea generale è legata quella di super- itot (in italiano super-isolato) nata attraverso il lavoro di Rueda2 svolto a Barcellona. Partendo dalla dimensione dell'elemento più piccolo che costituisce la città spagnola (manzana. ovvero l'isolato) si è cercato di costruire una città a misura d'uomo3. Portando la stessa ambizione all'interno di questo atelier e volendo trasformare Marsiglia in una "città frugale ', si è cercato di partire da una sua piccola porzione, quale il quartiere storico del Panier. Il lavoro dell'Atelier è stato suddiviso in cinque macro¬gruppi che hanno cercato di focalizzare l'attenzione ognuno su un determinato aspetto: la mobilità: la diversità e la densità: la referenza identitaria (sviluppata nel progetto che si ci appresta a presentare in queste pagine): gli spazi abbandonati legati al concetto di terzo- luogo: le relazioni con l'esterno e gli altri quartieri. Solo attraverso un appurato lavoro di studio e di sintesi di tutti i cinque aspetti trattati sarà possibile costruire, sviluppare e poi abitare una vera e snella città frugale del XXI secolo. Per poter ambire a ottenere una vera città frugale quindi bisogna procedere dal particolare al generale partendo dai più semplici rapporti che costituiscono la vita cittadina: rapporto interno/esterno, spazio pubblico/privato, uso civico/privato...

Fra i diversi argomenti, la tematica su cui mi sono più focalizzato è stata quella dell'identità, per rinforzare la coesione del quartiere Panier e i suoi abitanti, e trasformare gli spazi in luogo di incontro, di scambio e di interazione interpersonale.

Il luogo progettuale scelto per meglio sperimentare un tale studio è place du Refuge, che si trova in posizione baricentrica rispetto l'antico quartiere. Questo spazio, ancora oggi indefinito, è il risultato di una serie di demolizioni avvenute nel corso del secolo scorso. Queste hanno permesso anche la scoperta di rinvenimenti storici di non poca importanza: una villa romana con resti dì pavimentazione in mosaico, altre rovine di epoche successive e numerosi utensili oggi esposti all'interno del museo della storia cittadina, presso il Centre Bourse.

Il progetto proposto, percependo il suo forte potenziale, mira a costruire in questo spazio il luogo principe del Panier su cui il passato e il presente si legano per costruire il futuro del più antico quartiere della Francia; dove ciascun cittadino possa sentirlo proprio e dove possa collaborare allo sviluppo del luogo e del quartiere; dove ciascun abitante possa essere

il protagonista e avviare una serie di relazioni costruttive con gli altri.

Tutto questo attraverso un progetto che prevede il ridisegno della piazza (più omogeneo e di più facile lettura), il rinvenimento e la valorizzazione delle rovine storiche attraverso un giardino della memoria, la realizzazione di una casa comune per tutti gli abitanti in cui poter organizzare eventi, mostre, spettacoli ed incontri di diverso carattere. La casa comune dove poter socializzare e crescere insieme, dove condividere emozioni e speranze, o solamente improvvisarsi contadini nell'orto urbano previsto sul tetto.

La relazione finale consta principalmente di tre parti; la prima, dal carattere di ricerca, che punta a descrivere Marsiglia sotto i vari aspetti che la caratterizzano (storia, morfologia...); la seconda, dal carattere progettuale, che cerca di porre l'attenzione sul luogo scelto con le sue caratteristiche e i suoi problemi che sono alla base del nostro progetto; la terza, presenta i principali riferimenti e gli allegati utili a comprendere in toto il progetto proposto.

Relatori: Silvia Gron, Jean-Marc Huygen
Soggetti: A Architettura > AH Edifici e attrezzature per l'abitazione
A Architettura > AO Progettazione
U Urbanistica > UB Architettura del Paesaggio
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4153
Capitoli:

Introduzione

Dal supermanzana alla casa comune

una nuova visione per il Panier

capitolo 1

Marseille

la città più antica di Francia

capitolo 2

Marsiglia e i suoi colori

capitolo 3

Il Panier

capitolo 4

Una casa comune per il Panier

Cosa, Dove e Perchè

Riferimenti progettuali

Allegati

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA INTRODUZIONE

- Albert Garcia Espuche, Salvador Rueda (dir.), La ciutat sostenible. Centre de Cultura Contemporània de Barcelona, Urbanitats, Barcellona 1999

- J. Haéntjens, La ville frugate - Un modèle pour préparer iaprès-pétrole. ed. FYP, Parigi 2011

- A. Magnaghi, Il progetto locale. Verso la coscienza di un luogo, Bollati Boringhieri, Torino 2010

SITOGRAFIA INTRODUZIONE

- http : //bcnecolog ia. net/es/modelo- conceptual/supermanzana

BIBLIOGRAFIA CAP 1

- M. Agulhon, N. Coulet, Histoire de la Provence, ed. PUF, Parigi 1987

- O. Allard, V Desptats, U.P.A.M La mémoire des lieux, d'un port à l'autre, in «Quartiers d'hier et d'aujourd'hui», n. 220 marzo 2008

- R. Bertrand, Marseille, Histoire d'une ville, ed. CRDP, Marsiglia 2012

- W. Boesiger, Le Corbusier, Œuvre complète, vol.5,1946-1952, Girsberger, Zurigo 1953

- J-L. Bonillo, La Reconstruction a Marseille, ed. Imbernon, Marsiglia 2008

- J-L. Bonillo (a cura di), Marseille ville et port, ed. Parenthèses, Marsiglia 1991

- M. Bonifay, M.-B. Carre, Y. Rigoir (a cura di). Fouilles à Marseille. Les mobiliers (ler-Vlle siècles ap. J.-C.), ed. Errance-Adam, Parigi 1998

- M. Buiron e H. Treziny, Marseille. Trames et paysages urbaines de Gyptis au Roi René, Marsiglia, Edilsud 2001

- M. Culot, D. Crocourt (a cura di), Marseille La passion des contrastes. Institur français d'architecture, Atelier du patrimoine de la ville de Marseille, ed. Mardaga, coll. «Villes», Liège 1991

- J-M David, Marseille et le Roi Soleil. Le siècle de Louis XIV, in «Revue Marseille», n° 243 dicembre 2013

- T. Durousseau, Belsunce, une figure de ville. Un quartier de l'agrandissement de Marseille au XVIle siècle. "Atelier du Patrimoine de la ville de Marseille", Edisud, Aix-en-Provence 2001

- T. Durosseau, Ensembles et résidences à Marseille 1955-1975, Notice de présentation suivie de notes sur l'élaboration du répertoire et profil statistique, region PACA, Marseille 2005

- L-F. Gantes, Marseille grecque et la Gaule, atti dell'incontro internazionale di storia e archeologia e del V congresso di archeologia della Gallia meridionale, Marsiglia 1990

- A. Hermary, H. Tréziny, Les Cultes des cités phocéennes. Actes de colloque international Aix-en-Provence/Marseille, 4-5 juin 1999, ed. Edisud, Aix-en-Provence 2000

- A. Hesnard, Parcours de villes : Marseille: 10 ans d'archéologie, 2600 ans d'histoire, Edisud, Aix- en-Provence 1999

- F. Indovina, L. Fregolent, M. Savino (a cura di), i esplosione della città : Barcellona, Bologna, Donosti-Bayonne, Genova, Lisbona, Madrid, Marsiglia, Milano, Montpellier, Napoli, Porto, Valencia, Veneto centrale, Compositori, Bologna 2005

- T. Pecout, Marseille au Moyen Âge - Entre Provence et Méditerranée - Les horizons d'une ville portuaire, ed. Désiris, Marsiglia 2009

- A. Picon (a cura di), La ville et la guerre, Les Edition de l'Imprimeur, Besançon-Paris 1996

- B. Régis, Le patrimoine de Marseille. Une ville et ses monuments, ed. Jeanne Lafitte, Marsiglia 2001

- rivista culturale Marseille n° 45, Marsiglia 1997

- P. Joutard, Histoire de Marseille en treize événements, ed. Jeanne Laffitte, Marsiglia 1988

- M. C. Boyer, Le Corbusier : homme de lettres, Princeton Architectural Press, New York 2011

- S. Caccia (a cura di), Charles Edouard Jeanneret: gli anni della formazione 1887-1920, ETS, Pisa 2008

- R, Gargiani, A. Rosellini, Le Corbusier: béton brut and ineffable space, 1940-1965: surface materials and psychophysiology of vision, EPFL, Lausanne 2011

- L. Holm, Brunelleschi, Lacan, Le Corbusier: architecture, space and the construction of subjectivity, Routledge, New York 2010

- J. Jenger, Le Corbusier, Choix de lettres; Bàie, Birkhäuser 2002

- J. J. Lahuerta, Le Corbusier, Mondadori Electa, Milano 2011

- A, B. Oliva, E. Mouchet, V. Sanfo (a cura di), Le Corbusier : dipinti e disegni, Electa, Milano

2007

- F. Samuel, Le Corbusier and the architectural promenade, Birkhäuser, Basel 2010

- J. Sbriglio, Le Corbusier: l' Unité d' habitation de Marseille et les autres nités d'habitations à Rezé-les-Nantes, Belin, Briey en Fôret et Firminy, Fondation Le Corbusier, Parigi 2004

- J. Sbriglio (a cura di), Le Corbusier et ta question du brutalism, ed. Parenthèse, Marsiglia 2014

- S. Suma, Le Corbusier, Motta architettura, Milano 2006

- R. Tamborrino (a cura di), Le Corbusier, Einaudi, Torino 2003

SITOGRAFIA CAP 1

www.massalia.net

www.marseille.pytheas.free.fr

www.iexilogos.com/marseille_massalia.htm

www.marseiile.fr

www.marseilleforum.com

www.euromediterranee.fr

www.euromediterraneeacte2.fr

www.inrap.fr

http://www.biog.kamisphere.fr/

www.wikipedia.fr/Marseilie

BIBLIOGRAFIA CAP 2

- V. Dayan, Marseille, la place du végétal en ville, Master Parme, Marsiglia 2007/2008. Studio realizzato per l'agAM

- Le chantier naval de Marseille liquidé, Le Parisien, 10 marzo 2009

- L'OCDE vante le dynamisme économique de -Marseille, capital.fr, 6 dicembre 2013

- Marseille, premier port d'Europe, lesechos.fr, 20 luglio 2014

- Clémentine Vaysse, Comment le port d'Algésiras a doublé celui de Marseille, marsactu.fr, 5 marzo 2014

- Rapporto nazionale Trafic total des ports français métropolitains et des principaux ports européens voisins en 2000, Ministère de l'Écologie, de l’Énergie, du Développement durable et de l'Aménagement du territoire, Parigi 2001

SITOGRAFIA CAP 2

www.wikipedia.fr/marseille

www.fashion-dailynews.com/telex/la-

mode-marseillaise-coloree-et-cosmopolite-

conquete-du-monde.html

www.amse-aixmarseille.fr/sites/default/files/

aix-marseille_ocde.pdf

www.marseille.fr/sitevdm/environnement/

espaces-verts/la-faune-et-la-flore/la-flore

http://fr.wikipedia.org/wiki/Sabline_de_

Provence

www.quelleestcetteplante.fr/especes.

php?genre=Astragalus&variete=tragacantha www.tela-botanica.org/bdtfx-nn-67422-

synthese

BIBLIOGRAFIA CAP 3

- E. Temime, Migrance, histoire des migrations à Marseille, Édisud, Aix-en-Provence, 1989

- K, Direche-Sümani, F. Le Houerou, Les comoriens de Marseille : D'une mémoire à l'autre, Autrement, Parigi 2002

- L, Mucchielli, Les batailles de Marseille: Immigration, violences et conflits (XIX-XX siècles), stampa universitaria della Provenza, Marsiglia 2013

- M-F. Attard, Le Panier village corse à Marseille, ed. Autrement, Parigi 1997

- P. Douart, La ville méditerranéenne : le renouvellement durable des éléments patrimoniaux dans un contexte de gouvernance, Tesi di Dottorato. Université Aix- Marseille, Marsiglia 2008

- P. Spano, La Réhabilitation privée du quartier du Panier à Marseille, Facoltà di Diritto e Scienze Politiche, Université Aix-Marseille, Marsiglia 1990

- S. Mourlane, C. Regnard-Drouot, Empreintes italiennes, Marseille et sa région, 1830-1960, Lieux Dits Editions, Marsiglia 2013

- UGO NELSON, Une Opération d'habitat groupé autogéré, thèse 3ème cycle, U.P.A Marseille- Luminy, 1985

- G. Brino, D. Brino, Marseille et ses couleurs tradition et architecture, Edisud, Aix-en- Provence 2001

- D. Drocourt, P. Urbain, Architectures historiques à Marseille. Éléments de l'habitat ancien, Édisud, Aix-en-Provence 1987

SITOGRAFIA CAP 3

www.geoportail.fr

www.cadastre.gouv

www.googlemap.fr

www.sudwall.superforum.fr

www.paca.culture.gouv.fr

www.medmem.eu/fr/notice/INA00398

BIBLIOGRAFIA CAP 4

- A. Magnaghi, II progetto locale. Verso la coscienza di luogo, ed. Bollati Boringhieri, Torino 2013

- André Bouyala dArnaud, Évocation du vieux Marseille, les éditions de minuit, Parigi 1961

- P. Mellinand, L-F Gantés, A-M d'Ovidio, M. Moliner (a cura di), Rapport final d'opération Diagnostic. Place du Refuge, INRAP, Marsiglia

2008

- A. van Eyck, W hatever Space an Time Mean, Place and Occasion Mean More 'Forum', 1960- 1961

SITOGRAFIA CAP 4

http://desrevesurbains.free.fr/?p=448

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)