Politecnico di Torino (logo)

Giana, Marco and Prato, Christian

Il paesaggio delle cave di montagna - Ipotesi di riuso della Lauziero di Monterosso Grana per la valorizzazione dell'Ecomuso "Terre del Castemagno".

Rel. Daniele Regis, Roberto Olivero. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, 2015

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Abbiamo sviluppato, nel corso dei nostri studi, un grande interesse per la progettazione del paesaggio montano, a nostro parere uno dei più gradi patrimoni dell'intero territorio italiano.

Quindi per il progetto della nostra tesi la scelta era ovvia: la valorizzazione di un paesaggio dimenticato che ancora avesse tanto da fornire in termini di unicità ed interessi.

Quando l'Associazione "La Cevitou" di San Pietro di Monterosso ci ha proposto il sito estrattivo della Ruera abbiamo subito capito che quello era il progetto giusto per i nostri interessi.

Un luogo fortemente antropizzato ma ancora molto legato con la sua componente naturale e soprattutto un luogo che ha contribuito indirettamente alla creazione del paesaggio del cuneese: le lose di ardesia cavate dalla Ruera, particolarmente leggere ma molto resistenti, coprono ancora oggi molti tetti del cuneese.

Abbiamo quindi voluto prendere alla lettera le parole del presidente de "La Cevitou", il Signor Claudio Luciano, che durante un momento di riflessione dopo un sopralluogo ci disse: "vorremmo che le cave continuino a darci qualcosa."

Dopo una serie di sopralluoghi abbiamo focalizzato la nostra ricerca su di una serie di esempi, raccolti in tutto il mondo, che potessero fornirci utili indicazioni su come sviluppare al meglio il nostro progetto.

Per espandere al meglio la nostra ricerca siamo anche andati a visitare un percorso museale sviluppato all'interno di una vecchia cava per capire le potenzialità ma anche le problematiche a cui un simile progetto potesse andare incontro.

In parallelo con la nostra indagine abbiamo sviluppato un'approfondita analisi socio-economica per valutare la fattibilità del progetto ed individuare la giusta indicazione progettuale.

Il tema uscito dalle nostre valutazione è quello dell'escursionismo, per cui abbiamo cominciato a valutare l'inserimento di questo grande patrimonio estrattivo in un percorso escursionistico; in questo frangente ci è venuto in contro il grande progetto dell'ecomuseo "Terre del Castelmagno": La Curnis.

Con un'estensione di circa 45 Km alla quota media di 1000 m "La Curnis" è un grande itinerario escursionistico che si sviluppa tra i comuni di Pradleves e Monterosso Grana toccando anche Castelmagno e Valgrana percorrendo una vasta zona di media e alta montagna attraverso 52 piccole borgate.

La Curnis vuole far conoscere e apprezzare le opere realizzate dall'uomo in secoli di faticoso lavoro in questo angolo di Alpi, quindi l'inserimento della Ruera ci sembrava il suo naturale sviluppo.

Il nostro progetto quindi si prefigge di riportare un grande interesse intorno a quest'area con una connotazione davvero unica attraverso un percorso che si sviluppi internamente alle cave ed una serie di installazioni che permettano di conoscere al meglio il contesto ed il paesaggio, inserendo il tutto in un sistema di sentieri già esistente per allargare maggiormente l'utenza alle cave.

Vorremmo anche che il sistema estrattivo diventi "contenitore" per altre tipologie di proposte: dai workshop sull'ardesia o addirittura alcuni piccoli laboratori di produzione delle lose fino all'invito di artisti che possano con la loro arte rivitalizzare il paesaggio partendo dalle materia prime che esso fornisce.

Il nostro progetto vuole essere questo: la valorizzazione del paesaggio esistente attraverso piccoli interventi utilizzando ciò che il contesto ci propone per operare.

Relatori: Daniele Regis, Roberto Olivero
Soggetti: A Architettura > AD Bioarchitettura
A Architettura > AO Progettazione
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4141
Capitoli:

INTRODUZIONE METODOLOGICA

1. IL PAESAGGIO DELLE CAVE DI MONTAGNA

1.1 IL PAESAGGIO DELLE CAVE DI MONTAGNA

- Scheda descrittiva 1.1 - Dyonissos

- Scheda descrittiva 1.2 - Cathedrale des Images

- Scheda descrittiva 1.3 - Landesplattenberg

- Scheda descrittiva 1.4 – Gambatesa

- Scheda descrittiva 1.5 - Isolona

- Scheda descrittiva 1.6 - Murisengo underground gallery

- Scheda descrittiva 1.7 – Scopriminiera

1.1 L'ECOMUSEO

L'ecomuseo "Terre del Castelmagno”

- Scheda descrittiva 2.1 - Ecomuseo dell'Alta Valle Maira

- Scheda descrittiva 2.2 - Ecomuseo della Pastorizia

- Scheda descrittiva 2.3 - Ait Iktel

1.2 L'ARDESIA

- Scheda descrittiva 3.1 - Igloo Ticino

- Scheda descrittiva 3.2 - Heaven and Hearth

1.3 LE CAVE DI MONTEROSSO GRANA

2. ANALISI SOCIO ECONOMICA

2.1 VALLE GRANA, MAIRA, STURA

Popolazione

Turismo

Servizi

2.2 VALLE GRANA

Popolazione

Economia

Turismo

- Servizi

2.3 COMUNI DELLA VALLE GRANA

Bernezzo

- Caraglio

- Castelmagno

Montemale

Pradleves

- Valgrana

- Monterosso Grana

- San Pietro di Monterosso

3. PIANIFICAZIONE STRATEGICA

3.1 ANALISI SWOT

3.2 ANALISI SWOT PESATA

3.3 TEMATICHE ED OBIETTIVI

3.4 SCENARI ED OBIETTIVI

3.5 SCENARI VINCENTI

ALLEGATO 1/2 CIA

4. PROGETTO

5. CONCLUSIONI

6. TAVOLE DI PROGETTO

- TAVOLA 1: Ecomusei Regione Piemonte

- TAVOLA 2: Ecomusei e Territorio

- TAVOLA 3: Terre del Castelmagno-La Curnis

- TAVOLA 4: Monterosso Grana-Inquadramento Territoriale

- TAVOLA 5: La cava della Rouera-Lettura Territoriale

- TAVOLA 6: La cava della Rouera-lnquadramento Fotografico

- TAVOLA 7: La cava della Rouera-Rilievo

- TAVOLA 8: La cava della Rouera-Masterplan

- TAVOLA 9: Masterplan-Area Campeggio

- TAVOLA 10: Masterplan-Area Teatro

- TAVOLA 11: Masterplan-Area Didattica

- TAVOLA 12: Area Didattica-La Teleferica

- TAVOLA 13: Masterplan-Area Installazioni

- TAVOLA 14: Masterplan-Museo del Cavatore

- TAVOLA 15: La cava della Rouera-Nuovi Sviluppi

Bibliografia:

Assente

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)