Politecnico di Torino (logo)

Raineri, Paolo

L’approccio BIM ( Building Information Modeling) per la documentazione dell’architettura storica : una proposta applicativa al Castello del Valentino.

Rel. Antonia Teresa Spanò, Filiberto Chiabrando. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, 2015

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

L’obiettivo di questo lavoro è di fornire un contributo alla documentazione metrico-critica di un bene di interesse storico-architettonico utilizzando tecnologie di nuova generazione, e quindi di poter valutare le potenzialità delle stesse in un terreno di così elevato interesse per tutta la comunità degli specialisti che si occupano di conservazione dei Beni culturali. Il bene che ho preso in considerazione è il Castello del Valentino di Torino, uno dei simboli della città e sede dell’Area di Architettura del Politecnico di Torino; più precisamente mi sono occupato dello studio dei locali posti al primo piano interrato, ambienti attualmente destinati a magazzini e depositi ma che in passato costituivano le stanze d’accoglienza del palazzo.

Data la complessità degli elementi costituenti i locali da rilevare (muri, pavimenti, coperture a volta,...) e soprattutto la loro attuale condizione di partizione e presenza di impianti e controsoffitti, per riuscire a restituire i dati nella maniera più realistica possibile, è stato necessario servirsi degli strumenti e delle tecniche maggiormente avanzati nel campo del rilievo architettonico. Con un rilievo tradizionale sicuramente non si sarebbero potuti cogliere tutti gli aspetti caratteristici di questi ambienti, come ad esempio l’andamento a scarpa di alcune murature o la forma irregolare di alcune coperture a volta.

Per queste ragioni è stato necessario eseguire delle scansioni utilizzando un Laser Scanner, strumento che consente di ricavare una nuvola di punti dei quali è possibile conoscere le coordinate 3D di ogni punto rilevato dallo strumento, in modo da conoscere i dati spaziali degli ambienti. Questo laser è stato impiegato prevalentemente per rilevare le coperture a volta di queste stanze, mentre per quanto riguarda i pavimenti sono state utilizzate delle altre tecniche.

Sono state quindi eseguite delle riprese fotografiche dei pavimenti dei locali in modo da ottenere delle ortofoto di tali superfici, ovvero una rappresentazione del pavimento contenente le informazioni geometriche degli stessi.

I rilievi sono stati eseguiti dalle Professoresse arch. Antonia Spanò e arch. Cristina Bonfanti tra il giugno 2008 e il febbraio 2009 nell’ambito delle documentazioni metriche resesi necessarie in vista degli interventi conservativi che stanno interessando varie zone del castello e che in proiezione interesseranno anche i locali in oggetto.

Dalla nuvola di punti ottenuta e dalla sua successiva elaborazione, si sono potuti ricavare degli elaborati 2D quali piante, prospetti e sezioni, utili per testimoniare lo stato di fatto degli ambienti e di valutare dalle geometrie d’impianto possibili informazioni sulla conformazione e destinazione originaria dei locali.

Il mio compito è stato quello di ricostruire virtualmente gli ambienti rilevati servendomi della tecnologia BIM (Building Information Modeling), la quale prevede di realizzare un modello tridimensionale accompagnato da informazioni che possono essere svariate.

La tecnologia BIM, come si chiarirà meglio nei prossimi paragrafi, anche se nata per supportare con un sistema informatico l’intero processo edilizio, dalla progettazione al controllo del cantiere fino alla realizzazione del manufatto, nel mio caso studio sarà asservita a corredare le informazioni del rilievo con altre riguardanti la storia della fabbrica, e per esempio relative ai caratteri dello stato di conservazione degli elementi edilizi o architettonici. Si parlerà pertanto di Historical Bulding Information Modeling, HBIM.

Relatori: Antonia Teresa Spanò, Filiberto Chiabrando
Soggetti: A Architettura > AP Rilievo architettonico
S Scienze e Scienze Applicate > SD Computer software
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/4007
Capitoli:

INTRODUZIONE

CAPITOLO 1 - BIM

1.1 Evoluzione del disegno informatizzato e nascita del BIM

1.2 Principali caratteristiche e descrizione del BIM

1.3 Le potenzialità dei sistemi BIM nello scenario historical: l’HBIM

1.4 Stato dell’arte sugli usi del BIM

CAPITOLO 2 - SINTESI CRONOLOGICA DEL CASTELLO DEL VALENTINO

CAPITOLO 3 - IL RILIEVO METRICO

3.1 Fondamenti del sistema GPS/GNSS

3.2 Sistemi a scansione

3.3 Rilievo fotogrammetrico

3.4 Rilievo topografico tradizionale

3.5 Il rilievo eseguito nel Nucleo di primo impianto del Castello

CAPITOLO 4 - MODELLAZIONE PARAMETRICA

4.1 Autodesk Revit

4.1.1 Famiglie di sistema

4.1.2 Famiglie caricabili

4.1.3 Famiglie locali

4.2 Modellazione dei locali del Nucleo di primo impianto del Castello

4.2.1 Pavimentazioni

4.2.2 Murature e pilastri

4.2.3 Coperture a volta

4.2.4 Scale

4.2.5 Serramenti

4.2.6 Pavimentazione del Cortile d’Onore

4.3 Inserimento delle informazioni

4.4 Elaborati grafici

CAPITOLO 5 - CONCLUSIONI E PROSPETTIVE

CAPITOLO 6 – BIBLIOGRAFIA

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA:

-Osello A., Il futuro del disegno con il BIM per ingegneri e architetti, Torino, Dario Flaccovio Editore, 2012

-Ciribini A. L. C., L 'information modeling e il settore delle costruzioni: IIMe BIM, Santarcangelo di Romagna (RN), Maggioli, 2013

-EASTMAN C., TEICHOLZ P., SACKS R., LISTON K., BIM Handbook. A guide to Building Information Modeling for Owners, Managers, Designers, Engineers, and Contractors, Jonn Wiley & Sons, Hoboken, New Jersey, 2008

-NATIONAL INSTITUTE OF BUILDING SCIENCE, United States. National Building Information Modeling Standard. Version 1 - Part l:Overwiew, Principles, and Methodologies

-Murphy, M., et al. Historic Building Information Modeling - Adding intelligence to laser and image based surveys of European classical architecture. ISPRS J. Photogram. Remote Sensing (2013), http://dx.doi.Org/10.1016/j.isprsjprs.2012.l 1.006

-Filiberto Chiabrando, Antonia Spanò (2012), I sistemi laser scanning nei progetti e percorsi formativi d’Architettura. In: BOLLETTINO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI FOTOGRAMMETRIA E TOPOGRAFIA n. 3

-Abmayr, T., F. Hortl, et al. (2005). Terrestrial laser scanning - applications in cultural heritage conservation and civil engineering. Proceedings of the ISPRS working group v/4 workshop 3d-arch 2005: “virtual reconstruction and visualization of complex architectures”, Mestre-Venice, Italy, International Archives of Photogrammetry, Remote Sensing and Spatial Information Sciences

-Chevrier, C., Y. Maillard, et al. (2009). A method for the 3d modelling of historic monuments: the case of a gothic abbey. Proceedings of the 3rd ISPRS International Workshop 3D-ARCH 2009:”3D Virtual Reconstruction and Visualization of Complex Architectures”, Trento, Italy, International Archives of Photogrammetry, Remote Sensing and Spatial Information Sciences

-Oreni D., Brumana R., Della Torre S., Banfi F., Barazzetti L., Previtali M. (2014). Survey turned into HBIM: the restoration and the work involved concerning the Basilica di Collemaggio after the earthquake (L Aquila). ISPRS Annals of the Photogrammetry, Remote Sensing and Spatial Information Sciences, Volume II-5, ISPRS Technical Commission V Symposium, 23 - 25 June 2014, Riva del Garda, Italy

-Bernardi M., Il Castello del Valentino, Torino, SIP, 1949

-Mattirolo O., Cronistoria dell ’Orto Botanico /Valentino) della R. Università di Torino, Torino, 1929

-Audiberti C. M., Regiae Villae, Torino, 1711

-Millin A.L., Voyage en Savoie, en Piémont, à Nice et à Génes, Parigi, 1816

-Roggero C., Scotti A., Il Castello del Valentino, Torino, Politecnico di Torino, 1994

-A.A.V.V., Le grandi residenze sabaude. Il Castello del Valentino, a cura di Costanza Roggero, Annalisa Dameri; testi di Maria Carla Visconti, et al., Torino, Umberto Allemandi

& Co., 2007

-AST, Camerale, Art.252, Conti dei Redditi del Valentino, fol.21

-ASF, Corporazioni soppresse dal Governo francese, n. 119, filza 1273, Convento della SS. ma Annunziata di Firenze, disegni n. 123-127.1 disegni sono pubblicati in: I disegni di Amedeo di Castellamonte (scheda di CRISTINA CUNEO e FIORELLA RABELLINO), in COSTANZA ROGGERO BARDELLI, Amedeo di Castellamonte e Donato Rossetti: due progetti per San Salvario, in VERA COMOLI MANDRACCI, Antologia di ritrovamenti..., cit., marzo 1990

-Cuneo C., Rabellino F., La fabbrica del Valentino tra Cinquecento e Seicento, Tesi di Laurea, Torino, 1990

-Bonfanti C., Spanò A., “Relazione del rilievo metrico integrato dei fronti architettonici Nord e Sud delle maniche laterali del Castello del Valentino, della cancellata del fronte principale, della pavimentazione del Cortile d’Onore e della zona aulica al piano interrato e terreno del primo impianto Cinquecentesco del Castello”, Torino, 2010

-Nadia Guardini, Sistemi Informativi Spaziali per la Valorizzazione: sperimentazione in ambiente GIS per il Castello del Valentino, Tesi di Laurea, Torino, 2009

-Dispense del corso di Topografia/Rilievo e metodologie del rilevo, Politecnico di Torino, A.A. 2010/2011

-Cina A., Dal GPS al GNSS (Global Navigation Satellite System): per la geomatica, Torino, Celid, 2014

-Biagi L., Ifondamenti del GPS, Geomatics Workbooks, volume 8, Como, 2009

-Balla E., Defilippi M., Odello M., Raineri P., L’approccio metrico per il rilievo e la rappresentazione dell ’architettura: metodologie, potenzialità, strumenti e prodotti. Il caso studio di Leri Cavour (VC), Tesi di Laurea, Mondovì, 2013

-Leandro Bomaz, “L’analisi ed il trattamento dei dati laser scanner terrestri”, Tesi di dottorato in Geodesia e Geomatica, XVII ciclo

-Matteo Sgrenzaroli e Giorgio P. M. Vassena, “Tecniche di rilevamento tridimensionale tramite laser scanner”, Starrylink Editrice, Brescia, 2007

-KARL KRAUS, Fotogrammetria, Ferd. DummlersVerlag, D-53113 Bonn, KaiserstraBe, 1993

-Pozzoli S., “Autodesk Revit Architecture 2013. Guida avanzata. Personalizzazione delle Famiglie: caricabili parametriche, locali e di sistema.”, Milano, Tecniche nuove, 2012

SITOGRAFIA:

-http://www.unibg.it/dati/corsi/38001/51463-CG.pdf

-http://www.rhino3d.com/it/nurbs

-http://buildingsmart.com/

-http://www.buildingsmart.org/standards/technical-vision/open-standards-101/

-http://www.wbdg.org/bim/nbims.php

-http://www.innovation.gov.au/INDUSTRY/BUILDINGANDCONSTRUCTION/BEIIC/Pag es/BuiltEnvironBuiltEnvironmentDigi.aspx

-http://bim.natspec.org/

-http://bim.natspec.org/

-http://www.construction-innovation.info/index6d6d.html?id=1083

-http://aecuk.wirdpress.com/

-http://www.ibc-bim.ca/resources.asp

-http://www.caddigest.com/subjects/revit/select/grabowski_autodeskpurchase.htm

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)