Politecnico di Torino (logo)

Enrico, Matteo

Le immagini della città contemporanea.

Rel. Alfredo Mela, Roberta Spallone. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, 2014

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

La nascita di questa tesi di laurea è legata all'osservazione appassionata delle trasformazioni in atto della città contemporanea.

L'ossessione verso la continua metamorfosi urbana è iniziata da bambino quando, pur vivendo in una realtà agricola, passavo del tempo a studiare la mappa della città di Torino, a ritagliare gli articoli di giornale che parlavano dell'argomento e a leggere la Storia del Piemonte a fumetti. I miei primi ricordi della città, vista con gli occhi infantili di vent'anni fa, erano di un luogo invivibile, poi ho assistito al periodo positivo ed entusiasta dei Giochi Olimpici e infine ho vissuto il periodo attuale osservandolo come studente di architettura.

L'interesse verso la città post-industriale mi ha accompagnato per tutti gli anni universitari, stavolta assieme a contributi tecnici adeguati a comprenderne parte della loro complessità. In parallelo ho continuato a coltivare la passione per le arti figurative, specie il fumetto, alternando la pratica alla ricerca di testi che mi aiutassero a comprendere, da autodidatta, le peculiarietà della comunicazione visiva. È stato questo spunto a farmi conoscere nel 2012 la professo-ressa Spallone con la quale ho potuto collaborare all'interno del laboratorio di Disegno del primo anno della Laurea in Architettura.

Nello stesso periodo ho avuto modo di avvicinarmi maggiormente all'analisi dei tessuti urbani grazie ai colloqui con il professor Giacopelli, con la professo-ressa Gabardi e con la frequentazione del corso di Composizione Architettonica del professor Camasso. Soprattutto in quest'ultima esperienza sono riuscito a trovare modo di mettere in chiaro i miei pensieri riguardo all'evoluzione fisica e concettuale dello spazio urbano. È stato lo stesso Camasso, in seguito, a prestarmi La città postmoderna: Magie e paure della metropoli contemporanea2, testo di partenza da cui ho potuto sviluppare tutto questo lavoro e che mi ha portato alla scelta di un relatore di sociologia urbana quale il professor Mela.

Analizzare i progetti di urbanistica contemporanea da un punto di vista sociale e da un punto di vista grafico sono stati la mia sfida personale per comprendere come potrebbero cambiare le città del XXI secolo.

Riuscire a comunicare un concetto in poco tempo, in maniera chiara e comprensibile è molto difficile.

Eppure ciò viene richiesto a molte categorie di persone (docenti e studenti, dirigenti e impiegati ) indipendentemente dalla complessità del lavoro che essi devono presentare. Il tempo è diventato la risorsa più rara e preziosa dell'uomo contemporaneo che si deve fronteggiare da aggiornamenti continui in tempo reale e una competizione planetaria.

L'utilizzo delle presentazioni Power Point è un fenomeno nato nel mondo delle grandi imprese che si è esteso all'istruzione, alla politica, a qualunque esposizione in pubblico di concetti. Però, l'attenzione oggi si è ridotta notevolmente. Scrive Goleman che "fino a pochi anni fa, per la presentazione a un'agenzia pubblicitaria, si poteva preparare un video di cinque minuti. Oggi è necessario stare entro il minuto e mezzo: se non si riesce a catturare l'attenzione in quei novanta secondi, tutti iniziano a controllare i loro messaggi sul cellulare".

Per sopravvivere al costante afflusso di informazioni si è costretti ad affrontare molte cose in modo superficiale, come messaggi pubblicitari, notizie, prodotti di intrattenimento e artistici. "Nell'era meccanica sembrava che il messaggio fosse il "contenuto" e la gente soleva chiedersi cosa volesse rappresentare un quadro, anche se non si poneva questa domanda a proposito di una melodia, di una casa, di un abito, in quanto di queste cose conservava un certo senso di schema generale, cioè dell'unità di forma e funzione".

Con la sovrabbondanza attuale di stimoli visivi, sarebbe impossibile chiedersi "cosa voglia rappresentare" ogni "quadro" che ci si prospetta innanzi, ora come forma di fotografia, di fotogramma, di schermata, di slide. Parafrasando McLuhan, il messaggio non è più contenuto nel medium, ma è il medium stesso a farsi messaggio.

"Il nostro è un mondo nuovo di zecca fatto di subitaneità. Il “tempo” è cessato, lo "spazio" svanito. Ora noi viviamo in un villaggio globale [...], un accadimento simultaneo".

L'abitudine delle ultime due generazioni agli strumenti della comunicazione di massa come la radio, la televisione e solo per ultimi computer e cellulari è evidente anche nello spazio fisico che ci stiamo costruendo intorno, dalla mancanza di approccio artigianale, dallo smaterializzare qualunque processo.

I monumenti di una città, nella Storia, non hanno mai avuto bisogno di essere spiegati. Le chiese hanno il proprio nome sulla facciata, ma soltanto negli ultimi dieci anni hanno avuto bisogno di un cartello (in Italia colorato di marrone) per "essere spiegati". Senza, probabilmente, molti oggi si troverebbero smarriti nell'interpretare cosa hanno innanzi, segno di quanto sia mutata la nostra società.

Se esistono difficoltà nell'interpretare ciò che è materico e percepibile con l'esperienza, l'interpretazione di ciò che ancora non esiste, ma è soltanto un progetto da realizzarsi, diventa ancora più ostica. Se il progetto riguarda una realtà estremamente grande e complessa le difficoltà si sommano ulteriormente.

I monumenti di una città nel passato non avevano bisogno di cartelli, ma l'insieme dei monumenti, per quanto riconoscibili, nell'insieme della città avevano bisogno di essere etichettati e l'immagine di una città necessitava di scritte che l'accompagnassero, come nell'esempio della prossima pagina. Ne risulta una immagine molto chiara e comprensibile, sia ad un'occhiata veloce che a un'osservazione attenta.

Oggi si potrebbe fare lo stesso? Il soggetto “città” è notevolmente più complesso e vasto rispetto al passato, e perdendo la forma ha perso gran parte della sua immaginabilità. La velocità di trasformazione degli spazi, dello skyline, è tale che un'immagine di insieme rischia di diventare obsoleta in pochissimo tempo. L'arte si è pian piano disinteressata nel rappresentare la città come un soggetto a sè stante e ha spostato la propria attenzione verso i soggetti della città: persone, aspetti, storie, situazioni.

È con questa sensibilità e con la consapevolezza della vastità dell'imma-ginario collettivo, che si può agire sulla città post-moderna.

L'importanza della singola immagine in questo contesto è enorme. Nel dover condensare tante informazioni in poco tempo, l'uso sapiente dell'immagine è essenziale. Con l'immagine si veicolano in maniera istantanea un numero enorme di informazioni che raggiungono il ricettore anche nel subconscio e, soprattutto, con un linguaggio universale che è quello della forma.

Il serbatoio di forme da cui attingere è infinito ed è sempre più vasto e condiviso. L'immaginario collettivo ha inglobato i medium moderni, e i prodotti della fiction ne fanno parte. La globalizzazione ha portato la diffusione di questi prodotti a culture diverse che le hanno assorbite in modo proprio. In tal modo, segni e forme che un tempo avevano un significato solo per certi popoli adesso si stanno estendendo ad altri; inoltre i ricettori non sono più categorie a sé stanti poiché non c'è più distinzione tra prodotti di cultura alta e cultura popolare. Tutti sono ricettori di qualunque tipo di prodotto visuale.

Per l'architetto questo concetto è essenziale nella comunicazione dei progetti. Il progetto, specie quello urbanistico, deve essere comprensibile a politici, tecnici, giornalisti, imprenditori, commercianti, cittadini, bambini e pensionati della città interessata, ma anche di tutte le altre. La sintesi estrema proposta da una singola immagine è il principale (ma non l'unico) strumento di persuasione di massa. Se il disegno è bello e convincente, per estensione anche il progetto sarà con probabilità percepito come tale.

In questo scenario il render di architettura diventa un tassello fonda-mentale, anche nella competizione tra architetti che, come nella competizione tra aziende e tra città, è diventata globale. In questo campo da gioco ristrettissimo, un rettangolo di pochi centimetri, si gioca una partita importante dell'architettura e della progettazione della città del futuro.

Le città sono un infinito serbatoio di immagini e opportunità esperibili da una grande quantità di persone. Ogni diversa selezione e combinazione di questi elementi può portare a progetti diversi che possono essere semplificati in forma di immagine utile alla comunicazione. Il render è il tassello più piccolo che si può trovare in questo percorso di sintesi ed è l'unico equidistante tra le opportunità di partenza e le opportunità future della città.

Il render, pur nella sua visione parziale del progetto, deve contenere in potenziale tutte le scelte del passato e le opportunità del futuro. Esso è il solo presente. Nel momento in cui viene realizzata l'immagine essa esiste come progetto, è sia assenza che presenza, è una soluzione che influirà qualunque altra soluzione successiva. E ciò lo farà in maggiore misura a seconda di quanti ne usufruiranno.

La comunicazione deve tenere conto della sua capacità di diffusione, perché solo attraverso questa l'opera può raggiungere i suoi scopi, che si possono riassumere in questo: influire sulla società, modificandola attraverso l'uso che questa fa dei suoi segni.

Quando l'immagine raggiungerà un numero elevato di ricettori essa rappresenterà il presente entrando nell'immaginario collettivo e farà parte delle opportunità del futuro. Essa funziona tanto meglio quanto è in grado di condividere esperienze con il ricettore. Più essa attinge dalle opportunità della città, più sarà in grado di essere compresa dai cittadini e imporsi come migliore. È qui l'importanza dello studio dei processi comunicativi dell'architettura. Come scriveva Koening, "se non ci si preoccupa di agire anche in questa direzione, persino la più sensata delle critiche ed il più interessante dei progetti rischia di apparire un vaniloquio, una comunicazione intellegibile solo a coloro che l'hanno emessa".

In questa tesi si cercherà di dimostrare quindi l'importanza di una corretta comunicazione del progetto a scala urbana in virtù del coinvolgimento delle aspettative della gente.

Nella prima parte si affronterà la rappresentazione della città nella Storia per comprendere i meccanismi che hanno influito nel creare una o più determinate idealtipi di città nell'immaginario collettivo; si procederà poi ad analizzare come i render realizzati da professionisti esperti si siano adeguati al linguaggio della comunicazione di massa e del marketing trasformandosi in un vero e proprio strumento di persuasione.

Nella seconda parte invece si cercherà di approfondire i meccanismi di questo scambio tra immaginazione, partecipazione e persuasione proponendo sette idealtipi della città desiderata. La città contemporanea propone sia esplicitamente che implicitamente dei desideri che i render vanno a soddisfare, a volte indipendentemente dalla qualità del progetto. Come in una campagna pubblicitaria, a livello visuale i render offrono al consumatore quello che lui desidera vedere ... o che è convinto di desiderare.

Relatori: Alfredo Mela, Roberta Spallone
Soggetti: AR Arte > ARB Arti visive
D Disegno industriale e arti applicate > DI Grafica digitale
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3951
Capitoli:

Prefazione

0. La rappresentazione

0.1 La città rappresentata

0.2 Prefigurazioni urbane Urban Rendering

0.3 Sette immagini di città

1. La Città dei Flussi

1.1 La Città delle Comunicazioni

1.2 Città Regionali e Città Globali

1.3 La Città Digitale

1.4 Porte, porti e aeroporti

1.5 Trasporti

1.6 La rappresentazione della Città dei Flussi

2. La Città Icona

2.1 La Città e il popolo

2.2 Landmark urbani

2.3 Città e simboli

2.4 I marchi

2.5 L'architetto icona

2.6 La rappresentazione della Città Icona

3. La Città Impresa

3.1 La competizione

3.2 Creatività

3.3 Innovazione

3.4 Cultura

3.5 Formazione

3.6 La rappresentazione della Città Impresa

4. La Città Sostenibile

4.1 Gli squilibri odierni

4.2 La spinta ecologica

4.3 Vivibilità e spazi pubblici

4.4 Il rapporto col passato

4.5 La rappresentazione della Città Sostenibile

5. La Città Spettacolo

5.1 La città e l'Arte

5.3 Città come scenografia

5.4 La Città dei Media

5.5 Città dell'intrattenimento

5.6 Città come giostra

5.7 La rappresentazione della Città dello Spettacolo

6. La Città Cosmopolita

6.1 Mescolanza e immigrazione

6.2 Turismo

6.3 Eventi

6.4 La rappresentazione della Città Cosmopolita

7. La Città Chiusa

7.1 Tradizione

7.2 Idealizzazione

7.3 Tematizzazione

7.4 Sicurezza

7.5 Recinto

7.6 La rappresentazione della Città Chiusa

Conclusioni

-Conclusione I

-Conclusione II

-Conclusione III

Bibliografia

-Testi

-Fumetti

-Siti internet

-Film

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA:

-AAVV, Attraverso l'Italia del Novecento : immagini e pagine d'autore, Milano, TCI, 1999.

-AAVV, Dreamlands: des pare d'attractions aux cités dufutur, Centre Pompidou 2010.

-AAVV, Fantastico Walt, Disney libri, Milano 2001.

-AAVV, 1969-1999: neoavanguardie, postmoderno e arte globale, Skira, Milano 2009.

-AAVV, Progettare la città dei superluoghi, Damiani, Bologna 2007.

-ABBRUZZESE Alberto, Lessico della comunicazione, Melterni, Roma 2003.

-ABBRUZZESE Alberto, Spettacolo e metropoli: attore, messa in scena, spettatore, Liguori, Napoli 1981.

-ADAMS Scott, Il principio di Dilbert: manuale di autodifesa da manager, consulenti, budget, riunioni e altri flagelli aziendali, Garzanti, Milano 2003.

-AL-KODMANY Kheir, The future of the city, Witpress, Boston 2013.

-AMENDOLA Giandomenico, La città postmoderna : magie e paure della metropoli. contemporanea, Laterza, Bari 2007.

-AMENDOLA Giandomenico, Scenari della città nel futuro prossimo venturo, Laterza, Bari 2000.

-AMENDOLA Giandomenico, Tra Dedalo e Icaro: La nuova domanda di città, Laterza, Bari, 2010. -APPIANO Ave, Manuale di immagine, Molterni, Roma 1998.

-AS ARCHITECTURE STUDIO, La città ecologica, Silvana, Milano 2009.

-ARNHEIM Rudolf, Il pensiero visivo, Einaudi, Torino 1974.

-ARGAN Giulio Carlo, Storia dell'Arte come storia della città, Editori Riuniti, Roma 1983.

-ARGAN Giulio Carlo, Storia dell'Arte Italiana, voll.2,3, Sansoni, Firenze 1975.

-BACHELARD Gaston, La poetica dello spazio, Dedalo, Bari 1994.

-BAIROCH Paul, Storia delle città : dalla proto-urbanizzazione all'esplosione urbana del terzo mondo, Jaca Book, Milano 1992.

-BARBIERI Daniele, Guardare e leggere : la comunicazione visiva dalla pittura alla tipografia, Carocci, Roma 2011

-BARTHES Roland, La camera chiara: nota sulla fotografia, Einaudi, Torino 1980.

-BENEVOLO Leonardo, La città nella storia d'Europa, Laterza, Bari 1993.

-BENJAMIN Walter, Immagini di città, Einaudi, Torino 1971

-BENJAMIN Walter, L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica, Einaudi, Torino 1955.

-BIRAGHI Marco, DAMIANI Giovanni, Le parole dell'architettura: un'antologia di testi teorici e critici: 1945-2000, Einaudi, Torino 2009.

-BOSSELMANN Peter, Representation of places : reality and realism in city design, University of California Press, Los Angeles 1998.

-BURKE Peter, Testimoni oculari : il significato storico delle immagini, Carocci, Roma 2003.

-BRYSON Bill, Breve storia della vita privata, Guanda, Parma, 2011.

-BROADBENT Geoffrey, Emerging concepts in urban space design, Van Nostrand Reinhold, Londra 1990.

-BROWN Lance Jay, DIXON David, GILLHAM Oliver, Urban design for an urban century: placemaking for people, Wiley, Hoboken 2009.

-CACCIARI Massimo, "Metropoli della mente" in Casabella, n. 523, 1986, pp.14-15.

-CALVINO Italo, Le città invisibili, Einaudi, Torino 1972.

-CAPESTRO Antonio, L'immagine del progetto urbano, Alinea, Firenze 2001.

-CARMONA Matthew, TIESDELL Steve, Urban design reader, Architecture Press, Amsterdam 2007.

-CASSARÀ Laura, D'URSO Sebastiano, Goodbye Topolinia. su architettura e fumetto, Malcor D', Catania 2013.

-CATANI MariaChiara, VALENTE Renata, Intorno alle autostrade urbane, Alinea, Firenze 2008.

-CHANCEREL Pierre, Percezione e comunicazione visiva, relatore Marotta Anna, Politecnico di Torino 2009.

-CIAFFI Daniela, MELA Alfredo, La partecipazione : dimensioni, spazi, strumenti, Carocci, Roma, 2006.

-CIANCI Antonio, Eureka! 100 invenzioni che ci hanno cambiato la vita, Mondolibri, Milano 2010.

-COLE John P, Gli squilibri territoriali : un'analisi spaziale della povertà e dell'ineguaglianza del mondo, Franco Angeli, Milano 1987.

-COATES Nigel, Guide to ecstacity, Lawrence King, Londra 2003.

-CODELUPPI Vanni, La società pubblicitaria: consumo, mass media, ipermodernità, Costa&Nolan, Genova 1996.

-CODELUPPI Vanni, Lo spettacolo della merce: i luoghi di consumo dai passages a Disney World, Bompiani, Milano 1996.

-COMOLI MANDRACCI Vera, Torino, Laterza, Bari 1989.

-CONTESSI Gianni, Il luogo dell'immagine: scrittori, architetture, città, paesaggi, Lubrina, Bergamo 1989.

-COYLE Stephen, Sustainable and resilient communities, Wiley, Fioboken 2011.

-COOKE Philip, LAZZARETTI Luciana, Creative cities: cultural clusters and local development, Elgar, Cheltenham 2008.

-CRICCO Giorgio, DI TEODORO Francesco Paolo, Itinerario nell'arte vol 3, Zanichelli, Bologna 2005.

-CROPLEY Arthur John, La creatività, La nuova Italia, Firenze 1969.

-CROSBY Theodore, Architettura: Il senso della città, Calderini, Bologna 1971.

-CROWE Philip, Architectural rendering, Studio Vista, Londra 1991.

-CULOT Maurice, KRIER Leon, "La sola via per l'architettura" in Archives d'Architecture moderne, 1978, n.14, pp. 348-57, ora in BIRAGHI Marco, DAMIANI Giovanni, Le parole dell'architettura:un'antologia di testi teorici e critici: 1945-2000, Einaudi, Torino 2009.

-CURTIS William J.R., L'architettura moderna dal 1900, Phaidon, Londra, 2006.

-DE FUSCO Renato, L'architettura come mass medium, note per una semiologia architettonica, Dedalo, Bari 1967.

-DE LEONARDIS Ota, "Il Governo con in rendering", in Crios n.5, gennaio/giugno 2013, pp.19-32.

-DE RUBERTIS Roberto, CLEMENTE Matteo,^artezione e comunicazione visiva dell'architettura, Officina, Roma 2001.

-DE SETA Cesare, La città europea. Origini, sviluppo e crisi della civiltà urbana in età moderna e contemporanea, ilSaggiatore, Milano 2010.

-DE SETA Cesare, Ritratti di città: dal Rinascimento al secolo XVIII, Einaudi, Torino 2011.

-DE SETA Cesare, Vedutisti e viaggiatori in Italia tra Settecento e Ottocento, Bollati Boringhieri, Torino 1999.

-DI CAPUA Marco, IOVANE Giovanni, MATTARELLA Lea, MetropolitanScape, Silvana Editoriale, Milano 2006.

-DICHTER Ernest, Strategia del desiderio, Garzanti, Milano, 1963.

-DI NOCERA Alessandro, Supereroi e superpoteri: miti fantastici e immaginario americano dalla Guerra Fredda al nuovo disordine mondiale, Castelvecchi, Roma, 2000.

-DONÀ Massimo, Il segreto dell'immagine. Potenza e ambiguità della rappresentazione, Medusa Milano 2004.

-Renzo Renzo, Geografie dello sguardo: visione e paesaggio in età moderna, Einaudi, Torino 1994.

-ECO Umberto, Come si fa una tesi di laurea, Bompiani, Milano 1977.

-ECO Umberto, Il segno, Isedi, Milano 1974.

-ECO Umberto, Storia delle terre e dei luoghi immaginari, Bompiani, Milano, 2013 EISNER Will, L'arte del fumetto, Rizzoli, Milano 2010.

-FACCIOLI Patrizia, Mondi da vedere, verso una società più visuale, Franco Angeli, Milano 1999.

-FERRARESI Mauro, Pubblicità e comunicazione, Carocci, Roma 2002.

-FEXEUS Henrik, Quando fai quello che voglio io: tecniche di manipolazione occulta, Vallardi, Milano, 2013.

-FEVRE Anne-Marie, "J'affirme une culture de combat", in Liberation, Parigi, 28 luglio 2007 in Il Magazine dell'Architettura, anno 2, n.7, marzo 2008 FORTIS Marco, Il Made in Italy, Il Mulino, Bologna 1988.

-FLORIDA Richard, L'ascesa della nuova classe creativa : stile di vita, valori e professioni, Mondadori, Milano 2003.

-FREGOLE NT Alessandra, I vedutisti : ritratti del mondo tra ragione e sentimento, Leonardo Arte, Milano, 2000.

-GIACOPELLI Enrico, Progetto e rappresentazione, Compendio al Corso di Composizione Architettonica, Politecnico di Torino 2011.

-GOLEMAN Daniel, Focus, Mondadori, Milano 2013.

-GOLINI Antonio, La popolazione del pianeta, Il Mulino, Bologna 2003 GOMBRICH Ernst Hans, Freud e la psicologia dell'arte, Einaudi, Torino 1973.

-GOTTMANN Jean, La città invincibile: una confutazione dell'urbanistica negativa, Franco Angeli, Milano 1988.

-GLANCEY Jonathan, "The great ecotown land grab"in The Guardian, Londra, 25 giugno 2008, in II Magazine dell'Architettura, n.14, novembre 2008.

-GREGOTTI Vittorio, Architettura e postmetropoli, Einaudi, Torino 2011.

-HAYDEN Dolores, A field guide to sprawl, Narfon&Company, New York-London, 2004.

-HARVEY David, La crisi della modernità, Il Saggiatore, Milano 1993.

-HOLLEIN Hans, "Tutto è architettura" in Bau. Schrift fur Architektur und Stadtebau 20, XXIII, 1968, n.1-2, pp.1-32, ora in BIRAGHI Marco, DAMIANI Giovanni, Le parole dell'architettura:un'antologia di testi teorici e critici: 1945-2000, Einaudi, Torino 2009, pp. 162-166. -HOLTZ KAY Jane, Asphalt Nation, Berkeley, university of California Press, 1997.

-HUXTABLE Ada Louise, The Unreal America: architecture and illusion, The Free Press, New York, 1997.

-JACOBS Jane, Vita e morte delle grandi città: saggio sulle metropoli americane, Einaudi, Torino 1961.

-KANIZSA Gaetano, Grammatica del vedere, Il Mulino, Bologna 1980.

-KOENING Giovanni Klaus, Architettura e comunicazione, Libreria Editrice Fiorentina, Firenze 1974.

-KLEIN Naomi, NoLogo: economia globale e nuova contestazione, Baldim&Castoldi, Milano 2000.

-KOOLHAAS Rem, Delirious New York, Electa, Milano 1978.

-KOOLHAAS Rem, MAU Bruce, S,M,L,XL, Monacelli, Londra, 1995.

-LEONARDI Franco, Elementi di sociologia vol III: forme e processi culturali, Franco Angeli, Milano 1961.

-LERNER Jaime, "Le città non sono problemi, sono soluzioni!", in MATTEOLI L., PAGANI R., City Futures, Hoepli, Milano 2009, pp.117-126.

-LEOTTA Nicolò, Photometropolis, per una sociologia visuale della città, Le Vespe, Pescara 2000.

-LYNCH Kevin, L'immagine della città, Marsilio, Venezia 2013 (originale The image ofthe city, MIT, 1960).

-MALDONADO Tomas, Il futuro della modernità, Feltrinelli, Milano 1987.

-MALDONADO Tomas, La speranza progettuale, Einaudi, Torino 1971.

-MARETTO Marco, Ecocities: il progetto urbano tra morfologia e sostenibilità, Franco Angeli, Milano 2012.

-MARIANI TRAVI Elisa, La città moderna vista dai pittori, Testo&lmmagine, Torino 1996.

-MARINONI Giuseppe, Metamorfosi del progetto urbano, Franco Angeli, Milano 2005.

-MATTEOLI Lorenzo, PAGANI Roberto, City Futures, Hoepli, Milano 2009.

-MCLUAN Marshall, Gli strumenti del comunicare, Garzanti, Milano 1974.

-MCLUHAN Marshall, The medium is the message, Penguin, Londra 1967.

-MERRICK Jay, "Empty vessels: eye-con architecture", in The indipendent, Londra, 15 ottobre 2008, in Il Magazine dell'Architettura, anno 2, n.15, dicembre 2008, pp. 19-21.

-MIDDLETON Robin, WATKIN David, Architettura Ottocento, Electa, Milano 1977.

-MINARDI Everardo, LUSETTI Marialuisa, I parchi di divertimento nella società del loisir, Franco Angeli, Milano 1998.

-MITCHEL William J., La città dei bits : spazi, luoghi e autostrade informatiche, Electa, Milano 1997 (1944).

-MORBELLI Guido, Un'introduzione all'urbanistica, Franco Angeli, Milano 1986.

-MORIN Edgar, L'industria culturale: saggio sulla cultura di massa, Il Mulino, Bologna 1963.

-MUMFORD Lewis, In difesa della città, Testo&lmmagine, Torino 2001.

-NIESSEN Bertram M., Città creative: una rassegna critica sulla letteratura e sulle definizioni, working paper UrbEur PhD, University of Milano-Bicocca, ottobre 2007.

-NIGRELLI Fausto Carmelo, Metropoli immaginate, Manifesto libri, Roma 2001 OCKMAN Jean, Out of Ground Zero: case studies in urban reinventation, 2002.

-OLMO Carlo, "Opinione pubblica o consenso?", in il Giornale dell'Architettura, n.31, luglio/agosto 2005, Allemandi, Torino, pp.1-2.

-PEVSNER Nikolaus, Dizionario di architettura, Einaudi, Torino 1994 PICCINATO Giorgio, Un mondo di città, Edizioni di comunità, Torino 2002.

-PORTER Tom, Architectural drawing masterclass : graphic techniques of the world's leading architects, Maxwell Macmillan International, New York 1993.

-POVERO Marta, Immagini metropolitane: il fumetto incontra la città, relatore Montanari Guido, Politecnico di Torino, dicembre 2012.

-PUGNO Giuseppe Maria, Storia del Politecnico di Torino: dalle origini alla vigilia della seconda guerra mondiale, Stamperia artistica Nazionale, Torino 1959.

-PURINI Franco, Una lezione sul disegno, Gangemi, Roma 2007.

-ROSSI Aldo "Considerazioni sulla morfologia urbana e la tipologia edilizia" in AAVV, Aspetti e problemi della tipologia edilizia, Cluva, Venezia 1964, ora in BlRAGHI Marco, DAMIANI Giovanni, Le parole dell'architettura:un'antologia di testi teorici e critici: 1945-2000, Einaudi, Torino 2009, pp.123-139.

-ROMANO Marco, La città come opera d'arte, Einaudi, Torino 2008 ROMANO Marco, L'estetica della città europea: forme e immagini, Einaudi, Torino 1993.

-ROSS Andrew, Celebration: la città perfetta, Arcana, Roma 2001.

-ROSSO Michela e PACE Sergio," Archistar", in Il Magazine dell'Architettura,anno 2, n. 11 luglio-agosto 2008, pp.32-41.

-ROWE Colin, KOETTER Fred, "Collage City" in The Architectural Review, CLVIII, agosto 1975, n.942, pp.66-91, ora in BIRAGHI Marco, DAMIANI Giovanni, Le parole dell'architettura: un'antologia di testi teorici e critici: 1945-2000, Einaudi, Torino 2009.

-SALZANO Edoardo, Fondamenti di urbanistica : la storia e la norma, Laterza, Bari 1998.

-SARTORI GENNARI Flaminia, Osservatorio nomade: immaginare Corviale, Mondadori, Milano 2006.

-SASSEN Saskia, Città globali: New York, Londra e Tokyo, Utet, Torino 1997.

-SPALLONE Roberta, "Vero, falso, finto. Rappresentazioni digitali di paesaggi urbani in trasformazione fra comunicazione e seduzione" in DisegnareCon, n.13, aprile 2014.

-TRUFFAUT François, II cinema secondo Hitchcock, Pratiche, Parma 1985.

-TSCHUMI Bernard, "De-, Dis-, Ex-" in KRUGER B., Remaking History, Bay Press, Seattle 1989, ora in BIRAGHI Marco, DAMIANI Giovanni, Le parole dell'architettura:un'antologia di testi teorici e critici: 1945-2000, Einaudi, Torino 2009.

-TURRI Eugenio, La megalopoli padana, Marsilio, Venezia 2000.

-VAN EYCH Aldo, "Passi verso una disciplina configurati va" in Forum, n.3, agosto 1962, pp. 81-93, ora in BIRAGHI Marco, DAMIANI Giovanni, Le parole dell'architettura:un'antologia di testi teorici e critici: 1945-2000, Einaudi, Torino 2009, pp.75-99.

-VENTURI Robert, SCOTT BROWN Denise, Learning from Las Vegas, MIT press, London 1972.

-VILLA Daniele, "Visualizzare la Massa: Le pratiche di partecipazione basate sul Web come strumenti innovativi nel disegno e nella mappatura di Milano Città Metropolitana", in DisegnareCon, n.13, aprile 2014.

Fumetti:

-AAVV, "Il trucco del coltello" Batman n.l, maggio 2012 AAVV, The Losers, USA,2003-06.

-AUSTER Paul, KARASIK Paul, MAZZUCHELLI David, Città di vetro, Coconino, Bologna 2009. -BIG, Yes is more, Taschen , Koln , 2011.

-CRUMB Robert, Breve storia dell'America, 1988 EISNER Will, Dropsie Avenue, Fandango, Roma 1995.

-EISNER Will, New York: the city, W.W: Norton & Company, New york- London, 2006.

-GOTTFREDSON Floyd, Topolino e l'uomo nuvola, Walt Disney Comics, 1936.

-JODOROWSKY e MOEBIUS, L'Incal, 1981.

-KACZYNSKI Tom, Beta testing the Apocalypse, Fantagraphics Books, Seattle 2012.

-KIDD Chip, TAYLOR Dave, Batman: Death by Design, DC Comics 2012.

-MAZZUCHELLI David, Asterios Polyp, Coconino, Bologna, 2011.

-MATHIEU Marc-Antoine, Mémoirie morte, Delcourt, Parigi, 2000.

-MATHIEU Marc-Antoine, L'Origine, Delcourt, Parigi, 1990.

-MOORE Alan, LLOYD David, V per vendetta, USA, Vertigo 1982-9.

-OTOMO Katsuhiro, Domu: sogni di bambini ,La Repubblica, Roma 1983.

-RECCHIONI Roberto e BRINDISI Bruno, Il modulo A38, Dylan Dog n.268, Bonelli Editore, gennaio 2009.

-RESSA Franco, MANARA Nives, Storia del Piemonte a fumetti, La Stampa, Torino 1993.

-ROTA Marco, "Paperino Pendolare" in Almanacco Topolino n.245, Arnoldo Mondadori, maggio 1977.

-SCHUITEN, PEETERS, "L'etrange cas du docteur Abraham", in À suivre, 109, febbraio 1987.

-SCHUITEN e PEETERS, La fièvre d'Urbicande, 2008.

-SISTI Alessandro e BARBUCCI Alessandro, "Ritratto dell'eroe da giovane" in PKNA n.5, Walt Disney Italia, 1997.

-TANIGUCHI Jirò, L'arte di Jiro Taniguchi, La repubblica, Roma 2003.

SITOGRAFIA:

-http://www.emilyallchurch.com/emily-allchurch.html

-http://www.all-worldwide.com/

-http://\y ww.arch2o.com/

-http:f/archdaily.com

-http://www.arup.com/

-http://www.architecture-studio.fr

-http://www.francescobarbieri.eu/

-http://cbmp.fr/

-http:// www.mostraberengogardin.it/

-http://www.big.dk/#projects

-http://www.stefanoboeriarchitetti.net/en/

-http://www.piercarlobontempi.it

-http://www.boriomangiarotti.eu/home

-http://www.thebrucehighqualityfoundation.com/

-http://www.edwardburtynsky.com/

-http://www.caiguoqiang.com/

-http://mauriziocattelan.altervista.org/

-http://www.philippechancel.com/

-http://celebrationtowncenter.com/

-http://www.celebration.fl.us

-http://www.rchstudios.com/

-http://corviale.it/

-http://www.calatrava.com/

-http://www.princeofwales.gov.uk/

-https://www.centrepompidou.fr/

-http://www.pruechilesarchitects.co.uk/

-http://www.christojeanneclaude.net/

-http://www.city-life.it/it/

-http://www.lacittanuova.it

-http://www.cjlim-studio8.com/

-http://www.popelcoumou.nl/photography/

-http://www.crumbproducts.com/

-http://www.mcarchitects.it/

-http://www.dailymail.co.uk

-http://www.darkroastedblend.com

-http://www.dbox.com

-http://allande-souza.com/

-http://wv\^w.designingdisney.com/

-http://architecture.nd.edu/about/driehaus-prize/

-http://www.filipdujardin.be/

-http://hello.eboy.com/eboy/

-http://www.effekt.dk/

-http://www.eisenmanarchitects.com/

-http://www.enricomics.blogspot.com

-http://www.olafureliasson.net/

-http://europaconcorsi.com/

-http://falconcity.com/

-http://shangwhy.blogspot.it/

-http://www.leonferrari.com.ar

-http://www.ft.com/home/uk

-http://www.fosterandpartners.com/

-http://www.sou-fujimoto.net/

-http://www.juliafullerton-batten.com/

-http://www.gaylechongkwan.com/

-http://www.lboro.ac.uk/gawc/

-http://www.carlosgaraicoa.com

-https://www.foga.com

-http://pretty-teeth.blogspot.it/

-http://www.gettyimages.it/

-http://www.richardgiblett.com

-http://www.ilgiornaledellarchitettura.com/

-http://www.graingearchitects.co.uk/

-http://grimshaw-architects.com/

-http://www.kallegustafsson.com/

-http://www.ernst-haas.com/

-http://www.zaha-hadid.com/

-http://www.hafencity.com/

-http://www.kennhardy.com/

-http://www.hartnessvision.com/

-http://www.hawkinsbrown.com/

-http://vvww.hanninen.it/

-http/www. stevenholl.com/

-http://www.huasen.com.cn/

-http://www.huffingtonpost.it

-http://erikjohanssonphoto.com/

-http://www.thearchitectureensemble.com/

-http://ilsole24ore.com

-http://www.isozaki.co.j p/

-http://dati.istat.it

-http://www.transatlantis.net/blog/

-http://anishkapoor.com/

-http://www.tk-onthetable.com/

-http://mikekelley.com/

-http://www.barbarakruger.com/

-http://www.lastampa.it/

-http://espresso.repubblica.it/

-http://daniel-libeskind.com/

-http://www.lokomotiv-archs.com/

-http://www.pablolopezluz.com

-http://luxigon.com

-http://www.mackenziewheeler.co.uk/

-http://www.pierpaolomaggiora.com/

-http://www.michaelmccannassociates.com/

-http://stevemccurry.com/

-http://www.alexmaclean.com/

-http://www.pepimerisio.it/

-http://joachimmogarra.blogspot.it/

-http://moma.org

-http://www.charlesmoore.org/

-http://www.museodeicavatappi.it/intro/landing.php

-http://www.museodelrubinetto.it/

-http://www.museodellafrutta.it/

-http://mvrdv.nl

-http://www.divergence-images.com/manolo-mylonas/

-http://www.nationalgeographic.it/

-http://ww\&.neobrussels.com [

-http://www.niemeyer.org.br/

-http://www.nongrattiamoilcielo.org/

-http://www.jeannouvel.com/

-http://www.openstreetmap.org

-http://www.oppenoffice.com/

-http://www.psoles.com/

-http://olschinsky.at/

-http://www.alessandropapetti.co.za/

-http://www.martinparr.com/

-http://parkeharrison.com/

-http://www.kpf.com/

-http://pcparch.com/

-http://www.matteopericoli.com/

-http://www.lucianopia.it/

-http://www.plimoth.org/

-http://www.pointsupreme.com

-http://www.portzamparc.com/en/

-http://www.alexprager.com/

-http://www.progettocomenio.it/

-http://www.pushwagner.no/

-http://www.carloratti.com/

-http://www.peterroot.com/

-http://www.photography.at

-http://www.rpbw.com

-http://www.edruscha.com/

-http://www.bensackart.com/

-http://kaysagecatalogue.com/

-http://eddyburg.it/

-http://www.seura.fr/

-http://www.makearchitects.com

-http://www.smaq.net/?lang=en

-http://www.robertsmithson.com/

-http://socks-studio.com

-http://ww\i.soco.org.hk/

-http://www.som.com

-http://starno.net/index.html

-http://strandeast.com/

-http://www.sherlock-holmes.co.uk/

-http://www.squintopera.com/

-http://www.barcel0nacheckin.c0m/it/r/guida_barcellona/articoli/startup-barcellona

-http://www.startuplisboa.com/

-http://www.as-p.de/

-http:// www.joostswarte.com/

-http://sethtaras.wordpress.com/

-http://www.newyorker.com

-http://www.independent.co.uk/

-http://time.com

-http://saveriotodaro.com/

-http://www.olivierotoscanistudio.com/it/portfolio.htm

-http://www.tschumi.com/

-http://www.tsengkwongchi.com/

-www.unesco.org

-http://unhabitat.org

-http://www.nlgelvanwieck.com/

-http://madelonvriesendorp.com/

-http://vyonyx.com/

-http://www.mackenziewheeler.co.uk

-http://www.wengfen.com/

-http://lebbeuswoods.net/

-http://photomichaelwolf.com

-http://www.museowow.it/

FILMOGRAFIA:

-ALLEN Woody, Midnight in Pans, USA-Spagna, Gravier Productions 2011.

-ALLEN Woody, Provaci ancora, Sam,USA, Paramount, 1972.

-ANDERSON Michael, 1984, Gran Bretagna, Holiday Film Productions 1956.

-BACON Lloyd, 42nd street, con Ruby Keeler, USA, Warner Bros, 1933.

-ARGENTO Durio, Profondo Rosso, Italia, Rizzoli Film, 1975.

-BENIGNI Roberto, Il mostro, Italla-Franci#, ÌRIS Film, 1994.

-BROOKS Mel, Che vita da cani!, USA, Brooks Films, 1991.

-BURTON Tim, Alice in Wonderland, con Mia Wasikowska, USA, Disney, 2010.

-BURTON Tim, Edward mani di forbice, USA, Colleen and Richard Halsey, 1990.

-CARPENTER John, 1997: fuga da New York, USA, AVCO Embassy Pictures,. 1981.

-CASTELLANO e PIPOLO, Il ragazzo di campagna, Italia, Achille Manzotti, 1984.

-COLLlNSON Peter, The Italian Job, UK, Oakhurst Productions , 1969.

-COOPER Merian, King Kong , USA, RKO, 1933.

-CURTIZ Micheál, Casablanca, USA, WarnerBros, 1942.

-DONNER Richard, superman, USA, Warner bros, 1978.

-EASTWOOD Clint, Oran Torino, USA, Warner Bros, 2008.

-EDWARDS Blake, Colazione da Tiffany, USA, Jurow-Shepherd, 1961.

-EPHRON Nora, Insonnia d'amore, USA, Robert M. Reitano, 1993.

-Fantastic Norway, Bottled Message, 2007.

-FELLINI Federico, 814, Italia, Cineriz, 1963.

-FELLINI Federico, La Dolce Vita, Italia, Riama Film, 1960.

-FINCHE R David, The Social Network, USA, Relativity Media, 2010.

-GUILLERMIN John, L'inferno dì cristallo, USA, 20th Century Fox, 1974.

-HITCHCOCK Alfred, Frenzy, UK, John Jympson, 1972.

-HITCHCOCK Alfred, La donna che visse due volte,USA, Paramount, 1958.

-HOWARD Ron, Il codice Da Vinci, USA, UK, Francia, 2006.

-HOWITT Peter, Sliding Doors, UK, Intermedia 1998.

-JACKSON Mick, Pazzi a Beverly Hills, USA ,Carolco Pictures, 1991.

-KUBRICK Stanley, 2001: Odissea nello spazio, USA, Metro-Goldwin-Mayer, 1968.

-LANG Fritz, Metropolis, Germania UFA, 1927.

-LEONE Sergio, Il buono, il brutto, il cattivo, Italia, Spagna, Germania O., PEA, 1966.

-LISBERGEN Steven, Tron, USA, Walt Disney Productions 1982.

-LLOYD Harold, Preferisco l’ascensore, USA, Pathé Excharge 1923.

-LUMET Sidney, Quinto Potere, USA, Metro Goldwin Meyer, 1976.

-MASTROCINQUE Camillo, Totò, Peppino e la... malafemmina, D.D.L., 1956.

-MCCAREY Leo, La guerra lampo dei fratelli Marx, USA, Paramount, 1933.

-MCTEIGUE James, Vper vendetta, Virtual Studios, USA- Germania, 2006.

-MENZIES William Cameron, La vita futura, Gran Bretagna, London Film Productions, 1936.

-MOORE Micheál, Bowling for Columbine, USA, Alliance Atlantis, 2002.

-OK GO, I won't let you down, 2014 .

-OTOMO Katsuhiro, Akira, Giappone, Akira C., 1988.

-PASOLINI PierPaolo, La ricotta, in Ro.Go.Pa.G., Italia-Francia, Gneriz 1963.

-PLÀ Rodrigo, La zona, Messico-Spagna-Argentina, Morena Films, 2007.

-REITAN Ivan, Ghostbusters, USA, Black Rhino Delphi Productions, 1984.

-ROSS Gary, Pleasantville, USA, Larger Than Life Productions, 1998.

-SATRAPI Marjane, Persepolis, Francia, Sony, 2007.

-SHARP Don, The thirty nine steps, UK, Norfolk International, 1978.

-SHARPSTEEN Ben, I pulitori di orologi, USA, Walt Disney production, 1937.

-SINGLETON John, Boyz in the hood - strade violente, USA, Columbia, 1991.

-REGGIO Godfrey, Koyaanisqatsi, musiche di GRASS Philip, USA, 1982.

-ROSI Francesco, Le mani sulla città,con Rod Steiger, Italia, Galatea film 1963.

-SALCE Luciano, Fantozzi, Italia, Rizzoli film, 1975.

-SCOTT Ridley, A good year, USA, 2006.

-SCOTT Ridley, Blade Runner, USA, The Ladd Company, 1982.

-SPIELBERG Steven, The Terminal, USA, DreamWorks 2004.

-STEVENSON Robert, Un professore fra le nuvole, USA, Walt Disney Prod. 1961.

-STILLER Ben, Zoolander, USA, Village Roadshow Pictures, 2001.

-TARANTINO Quentin, Le iene, USA, Live Entertainment, 1992.

-TATI Jacques, Trafic, Francia-ltalia, Les Films Corona 1971.

-WENDERS Wim, Il cielo sopra Berlino, Germania Ovest-Francia, Road Movies Filmproduktion, 1987.

-WEIR Peter, The Truman Show, USA, Scott Rudin 1998.

-WELLS Orson, Quarto Potere, USA, RKO Pictures, 1941.

-WIMMER Kurt, Equilibrium, USA, Dimension Films, 2002.

-ZAZ, L'aereo più pazzo del mondo, USA, Patrick Kennedy 1980.

-ZEMECKIS Robert, Ritorno al Futuro, USA, Universal, 1985.

-ZEMECKIS Robert, Ritorno al futuro II, Amblin Entertainment, 1989.

-ZHANGKE Jia, The World, Cina, Kong Jinglei, 2004.

PROGRAMMI TELEVISIVI:

-Crozza Italia, Italia, La7, 2006-2009

-Disneyland, USA, ABC, 1954-presente

-How I met your mother, USA, CBS, 2006-2014

-Monty Python's Flying Circus, UK, BBC, 1965:1074

-Saturday Night Live, USA, NBC, 1975-presente

-The O.C., USA, FOX, 2003-2007

-The Simpsons, USA, FOX, 1987-presente

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)