Politecnico di Torino (logo)

Fusaro, Erika

Torino barriera - Cultural Planning come strategia di rigenerazione urbana per l'area ex Incet.

Rel. Massimo Camasso. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, 2014

Abstract:

SEZIONE A

Da tempo si guarda alla cultura esclusivamente come ad un bene immateriale che, se pur utile ad illuminare le menti e lo spirito, è ritenuto scarsamente produttivo dal punto di vista economico; nei casi di visioni di più ampio respiro è stato tenuto conto del suo valore al fine della crescita complessiva degli individui e delle comunità in cui vivono, ma negli altri casi si è guardato alla cultura come elemento "inutile", penalizzandola ed emarginandola dall'attenzione delle istituzioni.

L'attenzione fino ad ora si è prevalentemente concentrata sul culto del tempo libero, ignorando il potenziale di crescita e sviluppo dell'industria culturale e dei servizi creativi. E' rappresentativo vedere che i soggetti economici impegnati nel settore culturale sono spesso considerati di secondo livello rispetto ad altri settori produttivi; la conseguenza di tale non curanza è l'inserimento della cultura e del suo sistema economico nell'insieme dei beni superflui oltre a garanzie contrattuali degli stessi operatori indiscutibilmente inferiori rispetto a quelli impiegati in altri settori produttivi. A rilento anche in Italia, forse in considerazione dei risvolti positivi delle significative esperienze internazionali, sta maturando la consapevolezza che la cultura è indispensabile per il “welfare” e può essere alla base della rinascita economica e di sviluppo del Paese.

La cultura è divenuta in tempi relativamente recenti una priorità per il legislatore comunitario al fine di determinare il PIL (Prodotto Interno Lordo) ed è entrata a pieno titolo tra i diritti della società nonché strumento per la determinazione del BIL (Benessere Interno Lordo). L'industria e i servizi culturali-creativi, vettori del Made in Italy in tutto il mondo, attraversano oggigiorno un periodo di costante crescita ed evoluzione oltre ad assumere sempre più il ruolo di risorsa competitiva fondamentale per i diversi settori e per la loro influenza sull'intera economia nazionale.

Attualmente il sistema culturale contribuisce al PIL nella misura del 5,4% pari al 74,9 miliardi di euro, che potenzialmente raggiungono gli 80 miliardi se si considerano tutte le istituzioni pubbliche e no profit; se a questa voce associamo quella del turismo culturale, in evidente crescita rispetto agli altri flussi turistici, l'incidenza sul PIL rasenta il 20%. Se si considera inoltre l'effetto moltiplicativo che la cultura ha sull'economia di terzi settori, gli 80 milioni di euro passano a 214 miliardi con un incremento quasi triplicato.

I patrimonio storico-artistico italiano ha valore inestimabile, se pur strategico per la produzione culturale, risulta difficilmente quantificabile nelle orme tradizionali; nel territorio regionale i dati parlano di circa 1500 imprese nell'ambito culturale (spettacolo dal vivo, cinema, musica, ecc.) e di oltre 25.000 tra imprese individuali e piccole imprese nell'ambito dei servizi creativi (architettura, design, pubblicità, multimedialità, comunicazione, produzione software, ecc.) che danno occupazione a 77 mila addetti, pari all'7,3% delle imprese e al 5,8% degli addetti dell'intera economia regionale.

SETTORE B

La ricerca svolta e descritta nel IV capitolo di questa tesi, tenta di individuare quali siano state le tappe fondamentali relative all'evoluzione urbanistica nella città di Torino; il filtro con il quale vengono esaminati i piani di Torino è rappresentato dall'analisi delle politiche culturali.

Ancor prima di individuare i cambiamenti fisici della città, la ricerca persegue l'obiettivo di comprendere quali dinamiche e quali strategie siano state alla base delle trasformazioni urbane; quali i vincoli e le decisioni di varia natura prese dall'amministrazione pubblica e da tutti i soggetti coinvolti nella redazione dei Piani.

Torino attualmente è un cantiere a cielo aperto: percorrendo in macchina la città, dalla cinta metropolitana sino a raggiungere il centro cittadino, si ha la netta percezione di una città in trasformazione; non c'è zona o quartiere che non sia marcato dalla presenza di una gru o di una centrale di betonaggio, ma che direttive seguono le trasformazioni? A che velocità procedono i cambiamenti urbani?

Percorrendo a ritroso la normativa comunale si individuano tre tappe amministrative fondamentali, ciascuna caratterizzata da regole e obiettivi differenti, ma con comune denominatore il posizionamento di Torino ad un livello europeo: il Piano Regolatore Generale Comunale e i Piani Strategici. E' in via conclusione l'elaborazione del Terzo Piano Strategico che, in base a recenti aggiornamenti, dovrebbe essere pubblicato a metà del mese di dicembre.

SEZIONE C

Il capitolo V trae spunto da una riflessione sulle potenzialità dell'arte, della creatività, più in generale, della cultura; ci si riferisce in questa sede a quella cultura che la costante brama di potere e la grande cecità della classe dirigente del Paese hanno oscurato, ma che presenta tutti i requisiti per essere lo strumento di ripresa dalla crisi dei nostri tempi.

Gli eventi di una città quali festival, fiere, esposizioni museali, letteratura, cinema, performing arts, quindi tutte quelle attività produttive che non rappresentano in sé un bene culturale, ma che dalla cultura traggono linfa creativa e competitività, costituiscono l'insieme di prodotti dalle industrie creative.

Aseguito di un'analisi sull'evoluzione del concetto di Loisir nel tempo, sono stati presi in analisi alcuni degli eventi che si susseguono nella città di Torino nell'arco di un anno; un'analisi qualitativa e critica di queste manifestazioni ha permesso di avanzare alcune considerazioni sull'impatto che tali eventi hanno nel territorio e su come essi possano contribuire al suo sviluppo e favorire le dinamiche sociali.

La città di Torino è ricca di eventi culturali, di luoghi capaci di ospitare queste manifestazioni (patrimonio architettonico) ed è inoltre terreno fertile per l'industria creativa; l'interazione tra questi tre elementi costituisce la linfa vitale per la rinascita dell'Italia e la loro cooperazione, se ben organizzata, può elevare la qualità urbana della una città. Ecco dunque che luoghi abbandonati o dismessi nella città potrebbero ritrovare un'identità e non rimanere scatole vuote e inattive.

Relatori: Massimo Camasso
Soggetti: A Architettura > AO Progettazione
U Urbanistica > UK Pianificazione urbana
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3939
Capitoli:

Premessa

Sezione A

Introduzione

1 Politiche territoriali e creatività

1.1 Logiche di Marketing applicate del territorio: City Marketing e City Branding

1.2 I processi di rigenerazione urbana e la cultura come risorsa

1.3 Città creative e sviluppo urbano

1.4 I presupposti della città creativa

2 Cenni sulle politiche culturali urbane in Europa

2.1 Contaminazioni d'oltre Oceano: le origini del Cultural Planning

2.2 Le politiche europee attuali

2.3 Un'Agenda europea per la cultura

2.4 II Piano Strategico Urbano

3 Gli strumenti dell'Unione Europea: le Capitali Europee della Cultura

3.1 Nascita ed evoluzione del sistema "Capitali Europee alla Cultura"

3.2 Da Capitale a Capitali

3.3 Alcuni casi rilevanti

3.4 II progetto Vedrò

3.5 II libro verde delle Industrie Creative

3.6 Esiti dell'attuazione della strategia Europa 2020

3.7 Forum Europeo per la Cultura

Sezione B

INTRODUZIONE

4 Geografie post-industriali. Torino, l'arte ridisegna la città.

4.1 Considerazioni sul P.R.G.C.

4.2 I primi Piani Strategini della città

4.3 Previsioni future: il Piano Strategico 2025

4.4 Connessioni con la candidatura di Torino a Capitale Europea alla Cultura

4.5 Esempio di Cultural Planning a Torino: rigenerazione a Urban Barriera

Progetto B-Art: Artifici

4.6 Ricerca empirica: la mappatura degli edifici industriali abbandonati Schede Casi Studio

Sezione C

INTRODUZIONE

5 Evoluzione del concetto di Loisir

5.1 Dal dopoguerra agli anni ‘90

5.2 Il tempo libero oggi

5.3 Dal concetto di tempo libero a quello di Event Marketìg e Marketing Culturale

5.4 II tempo per la cultura in Piemonte

6 Gli eventi della città di Torino

6.1 Lingotto Fiere

6.1.1 La tipologia di eventi

6.1.2 Cadenza durata e tempi

6.1.3 Bacino di attrazione, numero di visitatori, target di riferimento

6.1.4 Pacchetto di attrazioni e servizi offerti

6.1.5 Soggetti coinvolti: Organizzatori, Sponsor e Partnership

6.1.6 A proposito di Artissima...

6.2 Riflessioni sui luoghi ospitanti

6.2.1 La tipologia degli eventi

6.2.2 Cadenza, durata e tempi

6.2.3 Bacino di attrazione, numero di visitatori, target di riferimento

6.2.4 Pacchetto di attrazioni e servizi offerti

6.2.5 Soggetti convolti: Organizzatori, Sponsor e Partnership

6.2.6 A proposito di Paratissima...

Proposta Progettuale

Conclusioni

Bibliografia

Appendice

Interviste

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

- Società degli architetti e degli ingegneri (a cura di), Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, 2 Volumi, Dipartimento Casa-Città del Politecnico di Torino, Torino, 1984.

- I.Scott Armstrong, The Value of Formai Planning for Strategie Decisions: A Reply, in Strategie Management lournal, Vol. 7, 1986.

- D. De Masi, il futuro del lavoro, Rizzoli, Milano, 1990.

- I.Calvino, Le città invisibili, Mondadori, Milano, 1993.

- F. Bianchini, M. Parkinson (a cura di), Cultural Policyand Urban Regeneration: The West European Experience, Koinonia limited,Manchester, 1994.

- C. Landry, F. Bianchini, The Creative City, Demos, London, 1995.

- Z. Bauman, Il disagio della postmodernità, Mondadori, Milano, 1997.

- M. Auge, Disneyland e altri non luoghi, Bollati Boringhieri, Variantine, Torino, 1999.

- GARTNER W.C., LIME D.W., Trends in outdoor recreation, leisure and tourism, CABI Publishing, New York, 2000.

- N. Bourriaud, Postproduction, come l'arte riprogramma il mondo, Postmedia, Milano, 2004.

- P. Virilio, Città Panico, Cortina editore, Milano, 2004.

- A.A.V.V., (a cura di) Città di Torino, Torino MOI da Mercati generali a Villaggio Olimpico, OfficinaCittà Torino/ Racconti Multimediali, Torino, 2005.

- Associazione Culturale "Officina della Memoria" (a cura di), Storia della Barriera di Milano dal 1946, Star-grafica, Grugliasco (To), 2005.

- Z. Bauman, Paura liquida, Laterza, Roma-Bari,2006.

- C. Landry, The Art ofCity Making, Mapset Itd, UK and USA, 2006.

- S. Ferrari, Eventi Marketing: i grandi eventi e gli eventi speciali come strumenti di marketing, Cedam, Padova, 2007.

- S. Marini, Architettura parassita, strategie di riciclaggio per la città, Quodlibet Studio, Macerata, 2008.

- G. Amendola, La città postmoderna : magie e paure della metropoli contemporanea, Laterza, Roma-Bari, 2008. Richards, G. and Palmer, R., European Cultural Capital Report, Voi. 2., ATLAS, 2009.

- G. Friedman, The Next 100 Years: A Forecastfor thè 21st Century, Black Ine., NY, 2009.

- G. Amendola, Tra Dedalo e Icaro : la nuova domanda di città, Laterza, Roma-Bari, 2010.

- W. Benjamin, L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica, Einaudi, Torino, 2011.

- C. Bordoni, La Società Insicura, convivere con la paura del mondo liquido, Aliberti editore, Reggio-Emilia, 2012. R. Venturi, D. Scott Brown, S. Izenour, Imparare da Las Vegas, il simbolismo dimenticato della forma archi-tettonica, Quodlibet, Macerata, 2012.

- M. Sassatelli, Identità, cultura, Europa le città europee della cultura, Franco Angeli, Milano, 2012.

ARTICOLI

- A. Porrello, E. Pozzou, Dispensa di Sociologia Urbana Processi sociali e strumenti di governo del territorio:Il Cultural Planning, IUAV Facoltà di Pianificazione, 2004-2005.

- M. Paglieri, Sarah Cosulich: Artissima, una grande edizione anche per gli affari. Crescono gli stranieri, 2011.

- P. Versienti, Belleville venduta ai privati? la circoscrizione dice no, Torino Cronaca, 2011.

- S. Musso, Le officine: la fabbrica per antonomasia del borgo, in «Rivista Museo Torino», Speciale OGR, 2011.

- R. Albano, A. Bollo, L. Carnelli, A. Gariboldi, Indagine sul pubblico del Week-End delle Arti Contemporanee di Torino, Osservatorio culturale del Piemonte, Camera di commercio, 2012.

- R.Grandi, Creatività e politiche territoriali, Cultura&Creatività ricchezza per l'Emilia-Romagna, in Rapporto Cultura Creativa, Assessorato alla Cultura, Emilia- Romagna, 2012.

- R. Calari, ICC e valore social, Cultura&Creatività ricchezza per l'Emilia-Romagna, in Rapporto Cultura Creativa, Assessorato alla Cultura, Emilia- Romagna, 2012.

- P. Versienti, Una residenza universitaria sulle ceneri dell'ex Belleville, Torino Today, 2012.

- J. Dogliani, Dal 6 al 10 c'è Paratissima. Nell'ex M.O.I. la manifestazione diventa sempre più grande, in La Stam pa Speciale, Torino, 2013.

- Fondazione Symbola-Unioncamere, lo sono Cultura, Rapporto 2014.

- G. Richards, Le "Capitali europee della cultura": evoluzione e successo dell'iniziativa, Tatanto Capitale Europea della Cultura 2019, 2014.

- A. Rossi, La seconda vita di Torino Esposizioni comincia dal design, in La Stampa Torino, 2014.

SITOGRAFIA

- https://www.youtube.com/.

- http://www.ocp.piemonte.it/.

- http://www.torinojazzfestival.it/.

- http://www.variantebunker.com/.

- http://www.treccani.it/.

- http://video.ilgazzettino.it/.

- http://www.gazzettaufficialeunioneeuropea.it./

- http ://www.keanet.eu./

- http://cultura.regione.emilia-romagna.it/

- http://www.taranto2019.it/

- http://www.esteri.it/

- http://www.cr.piemonte.it/

- http://culture-forum-2011.ec.europa.eu/

- http://europa.eu/legislation_summaries/culture/

- http ://www.fitzcarraldo.it/

- http://www.capitalicultura.beniculturali.it

- http://paratissima.it/J.

- http://www.artissima.it/.

- http://www.resetfestival.it/.

- http://www.orientaldesignweek.it/.

- http://www.lingottofiere.it/.

- http://www.tofringe.it/.

- http://www.torinospiritualita.org/.

- http://www.torinostrategica.it/.

- http://www.operae.biz/.

- http://www.theothersfair.eom/it/#homepage/.

- http://www.torinofilmfest.org/.

- http://www.urban-reuse.eu/.

- http://www.torinotoday.it/cronaca/.

- http://www.europaconcorsi.com/.

- http://www.fondazionemerz.org/.

- http://www.hiroshimamonamour.org/.

- http://www.torino.repubblica.it/.

- http://www.artedifferenza.it/.

- http://www.dev.cortiledelmaglio.it/.

- http://www.nietzschefabrik.com/.

- http://www.museotorino.it/.

- http://www.spazio211.com/.

- http://www.museotorino.it/.

- http://www.caffebasaglia.org/.

- http://www.sistemateatrotorino.it/.

Attività culturali svolte nei Centri.

- http://www.cecchipoint.it/.

- https://www.flickr.com/.

- http ://www. Igbtearts.com/.

- http://www.unito.it/.

- http://www.comune.torino.it/urbanbarriera/.

- http://www.comune.torino.it/portapalazzo/.

- http://startup.registroimprese.it/.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)