Politecnico di Torino (logo)

Carena, Luca

Smart mobility della citt.

Rel. Liliana Bazzanella, Giuseppe Roccasalva. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale, 2014

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Introduzione

In un periodo di crisi economica-fmanziaria e di profondi cambiamenti nel contesto legislativo italiano, l’evoluzione tecnologica ha portato alla costruzione di città in grado di rispondere sempre più alle esigenze del cittadino. L'inserimento delle infrastrutture ICT (Information and Communication Tecnology) offre un insieme di possibilità in varie tematiche quali: la mobilità, internet, le risorse ambientali, le politiche dell’abitare e il metodo di amministrazione. Negli ultimi anni si è andata a formare una nuova visione della città, in grado di racchiudere in un solo termine, “Smart City”, concetti come sostenibilità, intelligenza, competitività, inclusività, creatività, iperconnessione, tecnologia ed efficienza.

Seppur avviate da una tecnologia in continua evoluzione, per Smart City s'intende un insieme di fattori che non dovranno essere collegati unicamente alla presenza di infrastrutture di informazione e comunicazione al cittadino/turista (come reinserimento di rete wi-fi o HotSpot1), ma anche al ruolo del capitale umano, sociale e relazionale (istruzione, cultura, etc.).

L’attenzione su com’è percepita la Smart City dal punto di vista sociale, cioè di come il cittadino stia diventando sempre più consapevole del suo ruolo fondamentale affinché una città diventi “Smart", è evidenziata dal crescente interesse dell’Europa verso questa tematica. L’Unione Europea, infatti, ha mostrato, con bandi europei e nazionali, come quello “Smart Cities and Communities”, e sta mostrando tuttora, una forte volontà a incentivare questa ricerca, con nuovi bandi, al fine di elaborare una strategia per far diventare la città sempre più “Smart”.

In questo panorama, risulta quindi evidente l’interesse verso il tema della “smartness”, sia in termini di opportunità ed investimenti, sia in termini di redditività nel medio e lungo periodo. Al tempo stesso, si riscontra di particolare importanza il livello

urbano di questo termine, “City”, dove la figura della città risulta un punto focale per la definizione di politiche e strategie economiche e nazionali. Questo è dovuto alla presenza, al loro interno, di un’elevata densità di problematiche eterogenee, che hanno portato le città a diventare una piattaforma ideale per la sperimentazione di nuovi processi di trasfonnazione. La città è quindi rimessa al centro della scena; riacquista nuovamente il ruolo da protagonista nel promuovere occasioni di sviluppo e pratiche utili per ripartire.

Il termine Smart City sembrerebbe traducibile in "città intelligente”, ma bisogna portare particolare attenzione, al fine di non considerare la città solamente orientata all'uso di ICT, ma capace anche di mettere insieme visioni diverse di sviluppo.

Come vedremo nel proseguo del documento, per spiegare al meglio questo nuovo modo di pensare e costruire la città, si è deciso di analizzare quelli che sono i motori del cambiamento di quest’ultimo decennio, evidenziando i problemi emergenti e guardando ai nuovi bisogni della società.

In questo modo si è potuto, successivamente, prendere in considerazione alcune delle definizioni date da economisti, pianificatori, sociologi e geografi a riguardo il concetto di “Smart City”, in base agli studi da loro effettuati. Oltre ad evidenziare le varie definizioni, si sono presi in considerazione anche i vari stakeholder che partecipano attraverso la mappatura dei soggetti attivi che si grado di abilitare il processo di pianificazioneart City”, ndi lanciati a livello europeo e nazionale, vello europeo: l’Agenda Europa 2020, il Patto deillo Nazionale Smart City e ai bandi lanciatil documento, invece, si può considerare il preambolobilittropolitana di Torino. In questa parte si pconcentrandosi in particolar modo su quello del

2007, c della Smart City. Si è così andati a considerare quelli che sono stati gli obiettivi di questi ricercagli assi individuati: smart economy, envirrado di smartness delle città europee di medie dimenspresa in esame l’area oggetto di studio. Città metropolitana di Torino, e su di questa è stato calcolato il livello di Smart Mobility di ciascun comune. Per il raggiungimento di questo obiettivo, si è proceduto andando, in primo luogo, ad inquadrare l’area non solo a livello territoriale e infrastrutturale, ma facendo riferimento anche a quelle che sono le leggi nazionali inerenti questo nuovo ente, dalla prima legge

del 1990, Legge n. 142/90, all'ultima, Legge Deirio n.56/14. In questa fase si è deciso anche di suddividere l’analisi del comune di Torino nelle dieci circoscrizioni che lo compongono, in modo da avere un più facile confronto con gli altri comuni dell’area. Successivamente a questa prima fase, è stato preso nuovamente in considerazione lo studio del Politecnico di Vienna, individuando gli indicatori utilizzati per il calcolo dei quattro fattori che compongono l’asse della Smart Mobility. Degli indicatori individuati, sono stati presi in considerazione solamente quelli che si ritengono più significativi per il raggiungimento dell’obiettivo finale e, soprattutto, quelli di cui si dispongono i dati. Una terza fase ha riguardato la spiegazione metodologica con cui è stato calcolato ciascun indicatore e le fonti alle quali è stato fatto riferimento per poter reperire i dati utilizzati. Ottenuti i valori per ciascun comune, è stato possibile calcolare i fattori presi in considerazione, attraverso la normalizzazione e la pesatura di ogni indicatore. Infine, ottenuti i fattori considerati, è stato possibile calcolare il livello di Smart Mobility di ciascun comune della Città metropolitana di Torino e poter così valutare la situazione attuale dell’area e quelle che risultano essere le “mancanze" di ciascun comune.

Relatori: Liliana Bazzanella, Giuseppe Roccasalva
Soggetti: O Opere generali > OF Normativa
U Urbanistica > UG Pianificazione del paesaggio
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3841
Capitoli:

Indice

Introduzione

Parte Prima

“Smart City”

1. Che cosa sono le “Smart City”

2. Definizioni e studi riguardo le “Smart City”

3. Gli attori di una Smart City

3.1. Identificazione e mappatura per ambiti ed integrazione dati

3.2. Identificazione e mappatura in base a ruolo e posizionamento rispetto alle finalità progettuali

3.3. Gli attori della programmazione in ambito Smart City

4. Leggi e piani a livello Europeo

4.1. Agenda Europa 2020

4.1.1. Agenda Digitale Europea

4.1.2. Unione dell’innovazione

4.1.3. Youth on thè move

4.1.4. Un’Europa efficiente sotto il profilo delle risorse

4.1.5. Una politica industriale per l’era della globalizzazione

4.1.6. Agenda per nuove competenze e nuovi posti di lavoro

4.1.7. Piattaforma europea contro la povertà

4.2. Patto dei sindaci

4.3. Piano Strategico per le Tecnologie Energetiche (SET Pian)

4.4. Smart Cities and Communities Initiative

4.5. Smart Cities and Communities European Innovation Partnership

5. Leggi e Piani a livello italiano

5.1. Agenda Digitale Italiana (ADI)

5.2. Benessere Equo e Sostenibile (BES)

5.3. Osservatorio Nazionale Smart City

5.4. Bandi del MIUR

Parte Seconda

“Studio del Politecnico di Vienna”

6. Studio del Politecnico di Vienna - “European smart cities 1.0”

6.1. Perché città di medie dimensioni

7. Obiettivi

7.1. Definizione di Smart City

7.2. Rendere operativa una Smart City

8. Metodologia

8.1. Individuazione delle città

8.2. Identificazione indicatori e ricerca dati

8.3. Standardizzazione e aggregazione dei dati

9. European smart cities 2.0 (2013) e European smart cities 3.0 (2014)

Parte Terza

“Caso studio: Città metropolitana di Torino”

10. Obiettivi e scelta

11. Metodologia

11.1. Individuazione dell'area

11.1.1. Inquadramento territoriale

11.1.2. Inquadramento infrastrutturale

11.1.3. Inquadramento legislativo

11.1.3.1. Legge Deirio n.56/14

11.2. Scelta degli indicatori e ricerca dati

11.2.1. Reti di trasporto pubblico per abitante

11.2.1.1. Dati di riferimento

11.2.1.2. Metodologia

11.2.1.3. Risultati

11.2.2. Accessibilità internazionale

11.2.2.1. Dati di riferimento

11.2.2.2. Metodologia

11.2.2.3. Risultati

11.2.3. Computer nelle famiglie

11.2.3.1. Dati di riferimento

11.2.3.2. Metodologia

11.2.3.3. Risultati

11.2.4. Accesso internet nelle famiglie

11.2.4.1. Dati di riferimento

11.2.4.2 Metodologia

11.2.4.3. Risultati

11.2.5. Quota della Green Mobility

11.2.5.1. Dati di riferimento

11.2.5.2. Metodologia

11.2.5.3. Risultati

11.2.6. Sicurezza del traffico

11.2.6.1. Dati di riferimento

11.2.6.2. Metodologia

11.2.6.3. Risultati

11.3. Calcolo dei fattori: normalizzazione e pesatura degli indicatori

11.3.1. Metodologia

11.3.2. Risultati della metodologia e calcolo dei fattori

11.3.2.1. Accessibilità locale

11.3.2.2. Accessibilità (Inter-)nazionale

11.3.2.3. Disponibilità di infrastrutture ICT

11.3.2.4. Sistema di trasporto sicuro, sostenibile ed innovativo

11.4. Calcolo della Smart Mobility: pesatura dei fattori

12. Considerazioni

Conclusioni

Formulario

Bibliografia e Sitografia

Allegati

Bibliografia:

Bibliografia e Sitografia

- Bazzanella L.; Caneparo L.; Corsico F.; Roccasalva G., “Future Cities and Regions. Simulation, Scenario and Visioning, Governance and Scales”, 2012, New York-Dordrecht-Heidelberg-London, Springer.

- Club The European House - Ambrosetti, “Smart Cities in Italia: un ’opportunità nello spirito del Rinascimento per una nuova qualità della vita”, 2012.

- Giffinger R., Pichler-Milanovic N., Meijers E. et al., “Smart cities - Ranking of European medium-sized cities,\ Centre of Regional Science, Vienna UT, ottobre 2007

- Osservatorio Nazionale Smart City, “Vademecum per la città intelligente'', Edizioni Forum PA, pp. 19-22.

Pubblicazioni ed articoli

- Agenzia per l’Italia Digitale, Architettura per le Comunità Intelligenti: visione concettuale e raccomandazioni alla pubblica amministrazione”, Versione 2.0 del 3/10/2012, pp. 15-20.

- Automobile Club d'Italia - Area Professionale Statistica da fonti varie, presa da Automobile Club d'Italia (ACI), “Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano''.

- A.Caragliu, C.Del Bo, P.Nijkamp, “Smart Cities in Europe”, Series Research Memoranda 0048, VU University Amsterdam, Faculty of Economics, Business Administration and Econometrics, 2009.

•Bevilacqua D., Micali S., “Indice di valutazione economica del paesaggio”, 2014, pp.50-53.

- Club The European House-Ambrosetti, “/ nuovi Megatrend che impattano sul business e sulle nostre vite”, marzo/aprile 2010 - n°44; con riferimento a dati Nazioni Unite (Population Division - UN-Habitat), Banca Mondiale.

- Commissione Europea, “Comunicazione della Commissione al Parlamento Europeo, al Comitato Economico e Sociale Europeo e al Comitato delle Regioni - Un ’agenda digitale europea”, COM(2010)245 definitivo, Bruxelles, 19.5.2010, pp. 8-37.

- Commissione Europea, “Iniziativa faro Europa 2020 - L’Unione dell’innovazione, SEC(2010) 1161”, COM(2010) 546 definitivo, Bruxelles, 6 ottobre 2010, p. 18.

- Commissione Europea, “Youth on thè move - Un’iniziativa per valorizzare il potenziale dei giovani ai fini di una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva nell’Unione europea {SEC(2010) 104T\ COM(2010) All definitivo, Bruxelles, 15 settembre 2010, pp. 2-4.

- Commissione Europea, “Un Europa efficiente nell ’impiego delle risorse - Iniziativa faro nell’ambito della strategia Europa 2020”, COM(2011) 21 definitivo, Bruxelles, 26 gennaio 2011, pp. 2-5.

- Commissione Europea, “Una politica industriale integrata per l'era della globalizzazione - Riconoscere il ruolo centrale di concorrenzialità e sostenibilità“, COM(2010) 614 definitivo/4, Bruxelles, 24 gennaio 2011, pp.2-6.

- Commissione Europea, “Un’agenda per nuove competenze e per l’occupazione: Un contributo europeo verso la piena occupazione”, COM(2010) 682 definitivo, Strasburgo, 23 novembre 2010, pp. 2-3.

- Commissione Europea, “La Piattaforma europea contro la povertà e l’esclusione sociale: un quadro europeo per la coesione sociale e territoriale - SEC(2010) 1564 definitivo”, COM(2010) 758 definitivo, Bruxelles, 16 dicembre 2010, pp. 3-6.

- Commissione delle Comunità Europee, “Un Piano Strategico europeo per le Tecnologie Energetiche (Piano SET) - Verso un futuro a bassa emissione di carbonio”, COM(2007) 723 definitivo, Bruxelles, 22 novembre 2007, pp. 9-15.

- Lawson Sandra, David Heacock and Anna Stupnytska, “Beyond thè BRICS: a look at the.Next 11. ”, Aprii 18, 2007, cap. 13, p.161.

- M.Bozzetti, “ICT GOVERNANCE - Che cosa èMondo Digitale n.3, settembre 2006.

- Massimo Pellegrino - PwC, “Un approccio per la progettazione di Smart Cities -Digital Cities of thè Future”, Trento, 2 settembre 2013.

- M.Sismondi C., “Non facciamo diventare la Smart City una moda vuota”, editoriale Forum PA, luglio 2012.

- MIUR, Art.l - “Finalità e oggetto dell ’intervento”, D.D. n.84/Ric., “Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013 per le Regioni dell’obiettivo Convergenza - Campania, Puglia, Calabria, Sicilia”, Roma, 2 marzo 2012.

- MIUR, Art.l - “Finalità e oggetto dell'intervento”, D.D. n.319/Ric., “Avviso per la presentazione di idee progettuali per Smart Cities and Communities and Social Innovation”, Roma, 5 luglio 2012.

- MIUR, Art.l - “Finalità e oggetto dell’intervento”, D.D. n.257/Ric., “Avviso per lo sviluppo e potenziamento di Cluster Tecnologici Nazionali”, Roma, 30 maggio 2012, pp.4-6.

- Tav. OD 3, “Graduatoria Passeggeri commerciali Collegamenti con i Paesi dell’Unione Europea 2013”, da Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, “Dati di Traffico 2013”, Direzione Sviluppo Aeroporti, pp.47-52.

- Wirth U., “European smart cities - Un nuovo strumento scientifico per la valutazione delle città europee di media grandezza”, Conferenza Expo Reai di Monaco di Baviera, 10 ottobre 2007.

Normative

- LEGGE 8 giugno 1990, n. 142 “Ordinamento delle autonomie locali”, (GU n.135 del 12-6-1990), capo VI “Aree metropolitane”, artt. 17-21.

(http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?um:nir:stato:legge: 1990-06-08; 142)

- LEGGE 2 novembre 1993, n. 436, “Differimento di taluni termini previsti dalla legge 8 giugno 1990, n. 142, in materia di aree metropolitane e di istituzione di nuove province”, (GUn.262 del 8-11-1993 ), art.l.

(http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?um:nir:stato:legge: 1993-11-02;436)

- LEGGE 15 marzo 1997, n. 59, “Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa”, (GU n.63 del 17-3-1997 - Suppl. Ordinario n. 56).

(http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?um:nir:stato:legge:l 997-03-15;59! vi g=)

- LEGGE 3 agosto 1999, n. 265, “Disposizioni in materia di autonomia e ordinamento degli enti locali, nonche' modifiche alla legge 8 giugno 1990, n. 142”, (GU n.183 del 6-8-1999 - Suppl. Ordinario n. 149), capo II “Aree metropolitane”, artt. 16-17.

(http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?um:nir:stato:legge:1999;265)

- DECRETO LEGISLATIVO 18 agosto 2000, n. 267, “Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali”. (GU n.227 del 28-9-2000 - Suppl. Ordinario n. 162), Capo III “Aree metropolitane”.

(http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?um:nir:stato:decreto.legislativo:2000-08-18;267)

- Legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, "Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione", (GU n. 248 del 24 ottobre 2001).

(http://www.parlamento.it/parlam/leggi/010031c.htm)

- LEGGE 5 giugno 2003, n. 131, “Disposizioni per l'adeguamento dell'ordinamento della Repubblica alla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 5”. (GU n.132 del 10-6-2003).

(http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?um:nir:stato:legge:2003-06-05;131 !vig=)

- LEGGE 5 maggio 2009, n. 42, “Delega al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dell'articolo 119 della Costituzio«e"(09G0053), (GU n.103 del 6-5-2009),

- DECRETO-LEGGE 6 dicembre 2011, n. 201, “Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità' e il consolidamento dei conti pubblicf\\\G0241), (GU n.284 del 6-12-2011 -Suppl. Ordinario n. 251 ). Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 22 dicembre 2011, n. 214 (in SO n. 276, relativo alla G.U. 27/12/2011, n. 300). (http://www.normattiva.it/urires/N2Ls?um:nir:stato:decreto.legge:2011 ;201 )

- DECRETO-LEGGE 6 luglio 2012, n. 95, “Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini ((nonche' misure di rafforzamento patrimoniale delle imprese del settore bancario))”. (12G0117) (GU n.156 del 6-7-2012 -Suppl. Ordinario n. 141 ). - --

- Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 7 agosto 2012, n. 135 (in SO n. 173, relativo alla G.U. 14/8/2012, n. 189), Titolo IV -“Razionalizzazione e riduzione della spesa degli enti territoriali”, art. 18.

(http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?um:nir:stato:decreto.legge:2012-07-06;95)

-DECRETO-LEGGE 2012, n. 118, “Disposizioni urgenti in materia di Province e Citta' metropolitane” (G.U. n. 259 del 06/11/2012).

- LEGGE 7 aprile 2014, n. 56, “Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni” (14G00069), (GU n.81 del 7-4-2014), art.l.

(http://www.nonnattiva.it/uri-res/N2Ls?um:nir:stato:legge:2014-04-07;56)

Sitografia

http://www.simplespot.it/cosa-sono-gli-hotspot-wifi/

http://www.agenda-digitale.it/agendajiigitale/index.php/strategia-italiana/agenzia-per-litalia-digitale

http://www.salute.gov.it/portal e/temi/p2_6.jsp?lingua=italiano&id=2509&area=eHealth& menu=iniziative

http://it.wikipedia.org/wiki/Cloud_computing

http://ec.europa.eu/europe2020/europe-2020-in-a-nutshell/index_it.htm

http://ec.europa.eu/europe2020/europe-2020-in-a-nutshell/targets/index_it.htm

http://ec.europa.eu/europe2020/europe-2020-in-a-nutshell/flagship-initiatives/index_it.htm

http://ec.europa.eu/digital-agenda/digital-agenda-europe

http://europa.eu/rapid/press-release_IP-12-1389_it.htm

http://europa.eu/legislation_summaries/enterprise/industry/et0002_it.htm

http://europa.eu/legislation_summaries/employment_and_social_policy/social_inclusion_f ight_against_poverty/em0011 en.htm

http://pattodeisindaci.upinet.it/p/8/il_patto_dei_sindaci

http://europa.eu/legislation_summaries/energy/european_energy_policy/127079_it.htm

http://setis.ec.europa.eu/set-plan-implementation/technology-roadmaps/europeaninitiative-smart-cities

http://www.assoelettrica.it/partnership-europee-per-promuovere-le-smart-city/ http://www.alcotra-innovazione.eu/finanziamento/iniziativa.shtml https://www-304.ibm.com/easyaccess/settorepubblico/contenttemplate/! !/xmlid=200160

http://www.pubblicaamministrazione.net/connettivita/news/1830/reggio-emilia-e-ibm-al-via-il-progetto-smarter-town.html

https://www-304.ibm.com/easyaceess/settorepubblico/eontenttemplate/! !/xmlid=l 84782

http://osservatoriosmartcity.it/cos-e/

http ://www. smart-cities. eu/? cid= 1 &ver=3

http://www.progetica.it/educationonline/InvestmentProfiler/LaStrategiaComportamentale/int02/06int02d.htm

http ://www.smart-cities. eu/?cid=01 &ver=2 http://www.smart-cities.eu/?cid=l&ver=3

http://www.pleecproject.eu/documents/viewcategory/14-reports.html

http://www.bergamosmartcity.com/smart-mobility.html

http://www.demos.piemonte.it/site/images/stories/caricafile/territori/E_area_metropolitana.pdf

http://www.istat.it/it/archivio/82599

http://www.provincia.torino.gov.it/urp/comuni_montane/presentazione

http://www.pngp.it/

http://geoportale.agenziapo.it/cms/index.php?option=com_content&view=article&id=128

http://www.grupposias.it/

http://www.gtt.to.it/urbana/mappa/index.shtml

http://www.sfintorino.it/sfr-piemonte/

http://www.sfmtorino.it/

http://italia.voyages-sncf.eu/products/trains/tgv-italia-francia

http://www.istat.it/it/istituto-nazionale-di-statistica

http://www.comune.torino.it/statistica/osservatorio/annuario/2002/pdf/03_Territorio.pdf

http://www.extrato.it/interna.asp?id=95

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)