Politecnico di Torino (logo)

Amadio, Leonardo

L'interoperabilità degli strumenti di pianificazione territoriale - Il caso del PRGC.

Rel. Gabriele Garnero, Franco Vico. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale, 2014

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Il tema centrale della tesi è l'interoperabilità degli strumenti di pianificazione nel governo del territorio. La trattazione del tema è nata in occasione del tirocinio che si è svolto da aprile a luglio 2014 presso il CSI Piemonte in collaborazione con la regione Piemonte. E’ sulla base dell’attività che si è svolta in tale periodo che si è innescata l’idea di tesi e ampliata la trattazione. Durante tale periodo la maggior parte del lavoro si è focalizzato su alcune fasi di realizzazione del progetto “urbanistica senza carta”. Questo progetto è volto alla creazione di regole tecniche per la redazione informatizzata dei PRG comunali e per la gestione del loro iter di adozione/approvazione, al fine di rendere le informazioni in esso contenute patrimonio informativo condiviso e utilizzabile nel sistema di strumenti di supporto al governo del territorio degli Enti pubblici piemontesi. Il tema dell’interoperabilità ovviamente è trasversale a tutti questi processi e requisito teorico fondamentale di questa attività. La trattazione si snoda come segue:

Nel primo capitolo viene affrontato proprio il tema dell’interoperabilità nella pianificazione del territorio, quali siano i motivi della sua importanza nei processi di governo del territorio e come si manifesta a livello comunale. In questo capitolo si tratterà anche la direttiva INSPIRE, riferimento legislativo europeo su questo tema e, alcune leggi nazionali riguardanti i dati territoriali.

Nel secondo capitolo vengono illustrate alcune best practices a livello nazionale, analizzando il modello dati di base del piano strutturale comunale della regione Emilia Romagna, con un approfondimento sul sistema informatico di pubblicazione e gestione degli strumenti urbanistici del comune di Bologna, e le attività della regione Veneto, con una breve digressione finale su un caso olandese.

Nel terzo capitolo verrà trattato lo stato di fatto della “dematerializzazione” in regione Piemonte, verrà presentato il progetto urbanistica senza carta, quali obbiettivi si pone il progetto rispetto al passato e con quali strumenti dovrebbe materializzarsi l’interoperabilità”.

Nel quarto capitolo si tratterà nello specifico l’attività di tirocinio, quindi la definizione delle specifiche per la redazione dei piani regolatori comunali, attraverso un’analisi dei contenuti dei piani e una conseguente definizione di glossari e dizionari che dovrebbero andare a popolare un modello dati strutturato. In questo capitolo si affronta il problema delle “aree normative" e dell’individuazione dell’oggetto fondamentale del piano. Vengono descritti inoltre sommariamente i risultati di un test di mappatura di un piano di un comune piemontese con i dizionari e i glossari forniti da CSI-Regione Piemonte.

Nel quinto capitolo si tratteranno le soluzioni informatiche per strutturare tali specifiche, in particolare la GeoLIML metodology.

Infine negli allegati vengono riportate, oltre ad alcuni documenti fondamentali per la stesura della tesi, anche le sintesi di due interviste condotte durante la stesura della tesi a Carlo Alberto Barbieri, professore ordinario al Politecnico di Torino dove insegna nel corso di laurea magistrale in pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale, e all’ing. Giorgio Sandrone dello studio di architettura Mellano e associati.

Relatori: Gabriele Garnero, Franco Vico
Soggetti: U Urbanistica > UH Pianificazione regionale
U Urbanistica > UK Pianificazione urbana
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3767
Capitoli:

LISTA DEGLI ACRONIMI

SINTESI DEI CONTENUTI

INTRODUZIONE

1. L’INTEROPERABILITA’ DEI DATI NELLA PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO

1.1. La necessità di interoperabilità nella pianificazione territoriale

1.2. L’importanza dell'interoperabilità nei nuovi processi di pianificazione (copianificazione, sviluppo locale, riforme istituzionali, coesione territoriale)

1.3. L'interoperabilità alla scala comunale

1.4. L’infrastruttura di dati territoriali

1.5. La direttiva INSPIRE

1.5.1. Il tema del Land use

1.5.2. Il tema del Land use e il piano regolatore

1.5.2.1 I dati perla pianificazione

1.5.2.2 I dati della pianificazione

1.6. La legislazione nazionale :il “codice dell’amministrazione digitale” e le “regole tecniche per la definizione di specifiche di contenuto dei database geotopografici”

2. LA SCENA NELLE REGIONI ITALIANE E IN EUROPA

2.1. Lo stato di fatto del processo in Italia

2.1.1. Il modello dati di base del piano strutturale comunale della regione Emilia-Romagna

2.1.2. La Regione Veneto

2.2. Spatial planning SDÌ in the Netherlands

3. LO STATO DI FATTO DELLA DEMATERIALIZZAZIONE IN REGIONE PIEMONTE E IL PROGETTO “URBANISTICA SENZA CARTA”

3.1. Il tema nella legge regionale

3.2. Urbanistica senza carta

3.3. La dematerializzazione dei processi di formazione del piano

3.4. La dematerializzazione dei procedimenti urbanistici

3.5. Pian Piemonte

3.6. Dalla mosaicatura ex-post alla dematerializzazione ex-ante

4. L’ANALISI DEI CONTENUTI DEL PIANO IN PIEMONTE

4.1. Gli elaborati del piano secondo la legge regionale

4.2.1 livelli informativi che compongono il piano

4.3. Dai livelli informativi alla definizione dei glossari

4.4. Il problema delle aree normative

4.4.1. Analisi di piani vigenti in relazione alle aree normative

4.4.2. Mappatura di un piano secondo le specifiche date

5. DALL’ANALISI DEGLI ELABORATI ALLA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE DI CONTENUTO E ALLA STRUTTURAZIONE NEL MODELLO DATI

5.1. Il modello concettuale e l’implementazione fisica

5.2. Il modello geo UML

5.2.1. GeoUML catalogue e Validator

CONCLUSIONI

BIBLIOGRAFIA

RINGRAZIAMENTI

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

- Africani P. et Al (2012), “Il sistema informatico di gestione e pubblicazione degli strumenti di pianificazione urbanistica del comune di Bologna”, Atti 16° conferenza nazionale ASITA, 6-9 novembre 2012, Fiera di Vicenza, pp. 11-18

- Barbieri C.A. (1999), “La necessita di riforma dei principi e delle regole del governo del territorio, fra nuove leggi regionali e governi locali” in Giaimo C., Governo del territorio e innovazione del piano, Franco Angeli, Milano, pp. 183-200

- Belussi A., Negri M. (2011), “Controllo qualità dei dati e interoperabilità in aggiornamento”, Atti 15° conferenza nazionale ASITA, 15-18 novembre 2011, Reggia di Colorno, pp. 293-298.

- Camerata F. et Al (2010), “La pianificazione territoriale in Europa : Una proposta di modello dati per il tema del Land Use di INSPIRE”, Atti 14° conferenza nazionale ASITA, 9-12 novembre 2010, Brescia, pp. 429-434

- Camerata F. e Pineschi G. (2011), “Il testing dei modelli dati di INSPIRE” in Regione Lazio, “Sistemi di informazione geografica e governance territoriale: azione strategica, programmazione e gestione progetto eContenpIus plan4all, sintesi dei risultati e contributi disciplinari”, pp 87-90

- Campus S. et Al (2013), “Governo collaborativo del territorio”, Atti 17° conferenza nazionale ASITA, 5-7 novembre 2013, Riva del Garda

- Ciasullo G. (2012), “Regole tecniche sui dati territoriali e repertorio nazionale”, workshop ISPRA-AMFM “INSPIRE prepararsi all’atterraggio”, 14 marzo 2012, Roma

- Di Donato P. (2008), "Infrastrutture di dati territoriali e la direttiva INSPIRE”, in Murgante B. (a cura di), L’informazione geografica a supporto della pianificazione territoriale, Franco Angeli, Milano, pp. 212-226

- Eremitaggio A. et Al (2010), “Plan4all: l’armonizzazione dei dati per la pianificazione territoriale in accordo con INSPIRE”, Atti 14° conferenza nazionale ASITA, Brescia 9-12 novembre 2010, pp. 935-940

- Giaimo C., (1999), Governo del territorio e innovazione del piano, Franco Angeli, Milano, pp. 153-173

- GINIE (2003), “Infrastrutture di dati spaziali : raccomandazioni per agire (D5.3.2.a)”. (http://www.ec-qis.org/qinie/ ultima consultazione: 3/09/2014)

- INSPIRE thematic working group Land Use (2010), “D2.8.III.4 INSPIRE Data Spécification on Land Use - Draft Guidelines”. (http://inspire.ec.europa.eu/index.cfm/paqeid/2 ultima consultazione 26/07/2014)

- Janssen P. (2010), “Spatial planning SDÌ in thè Netherlands", workshop nazionale italiano di plan4all, Roma 6 ottobre 2010

- Laurini R. e Murgante B. (2008), “Interoperabilità semantica e geometrica nelle basi di dati geografiche nella pianificazione urbana”, in Murgante B. (a cura di), L’informazione geografica a supporto della pianificazione territoriale, Franco Angeli, Milano, pp. 229-244

- Laurini R. e Murgante B. (2009), “Ontologie, informazione geografica e pianificazione territoriale”(http://www.qeoforus.it/index.php?option=com_content&view=article&id=133:ontoloqie-informazione-qeoqrafica-e-pianificazione-territoriale&catid=23:archivio ultima consultazione 4/09/2014)

- Mazza L., (2004), Prove parziali di riforma urbanistica, Franco Angeli, Milano, pp 42-47

- Murgante B. (2008), “L’informatica, i Sistemi Informativi Geografici e la Pianificazione del Territorio”, in Murgante B. (a cura di), L’informazione geografica a supporto della pianificazione territoriale, Franco Angeli, Milano, pp. 7-36

- Pineschi G. (2011), in Regione Lazio, “Sistemi di informazione geografica e governance territoriale: azione strategica, programmazione e gestione progetto eContenpIus plan4all, sintesi dei risultati e contributi disciplinari”, pp 141-144

- Pineschi G. (2011), “Interoperabilità verticale del dato di assetto : necessità e opportunità della definizione di protocolli di scambio per un governo più efficiente del territorio”, conferenza AMFM 2011, Roma

- Politecnico di Milano - Spatial DB group (2010), “Il modello Geo UML-Regole di interpretazione delle specifiche di contenuto per i database geotopografici” (http://www.spatialdbqroup.polimi.it/documenti ultima consultazione 20/07/2014)

- Politecnico di Milano - Spatial DB group (2012), “Guida alla lettura di uno schema GeoUML”. (http://www.spatialdbqroup.polimi.it/documenti ultima consultazione 20/07/2014)

- Regione Emilia-Romagna (2011), "Modello dati di base del piano strutturale comunale”, revisione marzo 2014. (http://terriiorio.reqione.emilia-romaqna.it/urbanistica-ed-edilizia/temi/piani-urbanistici-comunali ultima consultazione 4/08/2014)

- Regione Veneto (2009), “Specifiche tecniche per la formazione e l'aggiornamento delle banche dati nonché per la redazione degli strumenti urbanistici generali su carta tecnica regionale e perl'aggiornamento della relativa base cartografica da parte dei comuni”. (http://www.reqione.veneto.it/web/ambiente-e-territorio/atti-di-indirizzo ultima consultazione 7/09/2014)

- Salvemini M. (2013), “Definizione delle linee guida strategiche, tecniche ed amministrative per la realizzazione di IDT regionali e per un sistema federato di IDT regionali”, CISIS/CPSG, Roma. (http://www.centrointerreqionale-qis.it ultima consultazione 8/09/2014)

- Salvemini M. (2013), "Verso una IDT federata delle regioni italiane”, GEOmedia voi 17 n°1 (2013) (http://www.mediaqeo.it/ois/index.php/GEOmedia/article/view/254/227 ultima consultazione 29/08/2014)

- Salvemini M. (2004), "Proposte per azioni orientate alla realizzazione delle infrastrutture di dati territoriali, contributo al dibattito ad ai lavori circa la direttiva INSPIRE e le azioni da intraprendere”, quaderno del LABSITA, (http://nettuno.arc.uniroma1.it/ ultima consultazione 8/09/2014)

- Salvemini M., Vico F., lannucci C. (2011), Plan4all project, interoperability for spatial planning, Plan4all consortium

- Spaziante A., Barbieri C.A., (1998), Il ciclo informativo intorno alla formazione e approvazione del PRGC: problemi e proposte, CSI Piemonte, Torino

- Spaziante A., Cipriano P. (2000), “Valorizzare il patrimonio informativo di SIT locali”, Atti della quinta conferenza nazionale di statistica, 15,16,17 novembre 2000, Roma

- Toth K, Portele CJIIert A., Lutz M,Nunes de Lima V. (2012), A conceptual model for develoloping interoperability specifications in spatial data infrastructure, European union

- Vico F. (1996), Gis e pianificazione urbanistica: due casi studio, Editrice II Rostro, Segrate (MI)

- Vico F. (2000), "Le infrastrutture dell’informazione geografica: cooperazione e condivisione dei dati geografici di base”, Atti della quinta conferenza nazionale di statistica, 15, 16, 17 novembre 2000, Roma

- Vitillo P. (2010), "Dimensione strutturale e dimensione operativa del piano”, in Bossi P., Moroni S., Poli M., La città e il tempo :interpretazione e azione, Maggioli editore, Milano, pp. 272-276.

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

- Decreto legislativo 27 gennaio 2010 , n. 32, attuazione della direttiva 2007/2/CE, che istituisce un’infrastruttura per l’informazione territoriale nella comunità europea (INSPIRE)

- Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni, recante il codice dell’amministrazione digitale.

- INSPIRE Directive (2007), Directive 2007/2/EC of the European Parliament and of the Council of 14 March 2007 establishing an Infrastructure for Spatial Information in the European Community (INSPIRE)

- L.u.r, Piemonte, codice dell’urbanistica in piemonte 56+3+17, Testi predisposti a seguito dell’entrata in vigore della legge regionale 25 marzo 2013, n. 3 “Modifiche alla legge regionale 5 dicembre 1977, n. 56 (Tutela ed uso del suolo) e ad altre disposizioni regionali in materia di urbanistica ed edilizia”

- L.r. Emilia-Romagna 20/2000, Disciplina generale sulla tutela e l’uso del territorio.

- L.u.r 23 aprile 2004, n. 11, norme per il governo del territorio ed in materia di paesaggio.

TESI

- Amadio L., Baiocco F. (2012), Modellizzazione di piani urbanistici territoriali secondo i modelli dati della direttiva INSPIRE 2007/2/EC, Tesi di laurea, Sapienza università di Roma, Roma

- Biason A. (2007), L’informazione territoriale di base nei sistemi informativi geografici, Tesi di dottorato di ricerca, Politecnico di Torino, Torino

- Mulassano A. (2011), Il mosaico dei piani regolatori: il caso della Provincia di Torino, Tesi di laurea, Politecnico di Torino, Torino

- Scidà I. (2013), L'interoperabilità dei dati territoriali tra I diversi livelli di pianificazione, Tesi di Laurea, Politecnico di Torino, Torino

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)