Politecnico di Torino (logo)

Perosino, Gianni

Tecniche innovative di rilievo metrico e rappresentazione 3d : il caso studio del salone centrale dela Palazzina di Caccia dib Stupinigi.

Rel. Antonia Teresa Spanò, Filiberto Chiabrando. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2014

Abstract:

1. Introduzione

1.1 Qualche spunto sul rilievo metrico con le nuove tecnologie

“Il rilievo (da rilevare, dal latino relevare, « sollevare ») è l'insieme di operazioni atte a determinare le dimensioni e la forma di un oggetto o, in senso architettonico, di un edificio; il rilievo viene eseguito sulla base delle conoscenze della posizione di un certo numero di punti appartenenti all'oggetto da rilevare, anche individuati rispetto a certi punti di riferimento. Il rilievo architettonico in genere si conclude con una serie di elaborati grafici (piante, prospetti e sezioni) capaci di indicare sia la forma e le dimensioni di un manufatto,sia i caratteri architettonici, sia lo stato di conservazione; è uno strumento di conoscenza necessario e preliminare a qualsiasi tipo di intervento su edifici esistenti; la restituzione grafica dei dati raccolti avviene secondo le regole e modalità del disegno tecnico architettonico.

La rappresentazione architettonica è il complesso di disegni,modelli, plastici, studi inerenti e necessari alla progettazione architettonica e alla verifica dei risultati in sede critica”.

1.1.1 Obiettivi della tesi

Il rilievo e la rappresentazione sono gli strumenti attraverso i quali si possono ottenere la comprensione delle architetture, dei complessi di interesse storico ed archeologico e del territorio, fornendo i mezzi essenziali per la lettura critica e la valutazione attenta degli interventi di conservazione e restauro, nella convinzione che qualsiasi intervento sul patrimonio e sui beni culturali, sia attuale negli obbiettivi, nelle strategie e nelle politiche messe in campo, non può che basarsi oggi su un solido e aggiornato patrimonio di conoscenze.

“Il rilievo dell'architettura, si propone come fondamentale strumento di indagine per la registrazione, la lettura e la discretizzazione di un universo di dati e segni prodotti dalla storia e dalla cultura. Il risultati delle indagini di rilevamento costituiscono quindi una base conoscitiva fondamentale per molti scopi, dalle divulgazione alla previsione dei necessari interventi di conservazione e restauro”.

“Non c'è dubbio che la più importante novità tecnologica nel campo del rilievo sia stata il laser a scansione, sopratutto per il rilievo architettonico”.

Lo straordinario incremento delle tecnologie a nostra disposizione e l'espandersi del campo delle applicazioni specifiche, a livello sia scientifico che divulgativo, hanno imposto mutati orizzonti al nostro tradizionale quadro di riferimento scientifico e culturale.

Nell'ambito del rilievo una delle problematiche che mostra maggiore intensità è la questione della gestione della complessità e quantità dei dati, questa emerge come una delle tematiche predominanti dovute allo sviluppo tecnologico ed allo strutturale incremento dei dati prodotti dall'attività contemporanea.

“Vi è quindi una forte esigenza di organizzare la struttura stessa della conoscenza in maniera che la quantità di dati non sia eccessiva e vanifichi la conoscenza stessa; il nocciolo del problema sta nella selezione dei dati, nell'accurata strutturazione di rapporti tra le informazioni in maniera tale che, tramite l'utilizzazione della tecnologia come vera e propria estensione dell'intelligenza umana, si giunga al senso e sia in grado di produrre effettiva conoscenza”.

“Il rilievo è una disciplina che ha subito negli ultimi anni, così come l'ambito della rappresentazione più in generale, profondi cambiamenti in relazione allo sviluppo di nuove tecnologie informatiche e a nuove possibilità”.

Sarebbe da non i considerare il rilievo come uno strumento fine a se stesso orientato quasi unicamente alla ricerca della perfezione metrica, ma un efficace, flessibile ed indispensabile strumento di lettura e comprensione dell'architettura, a cui principalmente si rivolge il suo interesse, capace di piegarsi alle necessità e alle richieste degli obiettivi a cui il rilievo sempre deve riferirsi.

“Vi è l'attenzione ai temi della comunicazione dell'architettura, le cui competenze, in modo estremamente sintetico, si riferiscono a quell'insieme di trattamenti tecnologici e digitali di immagini statiche e dinamiche che hanno il preciso scopo di dialogare, attraverso l'integrazione con i media che il mezzo digitale può veicolare, con un osservatore non necessariamente esperto della disciplina ma desideroso fruitore della bellezza e del valore dell'architettura e della città.

Competenze che non possono che continuare a riferirsi principalmente al disegno e alla rappresentazione, ma una integrazione di diversi ambiti”.

Il grande patrimonio architettonico italiano necessita di una adeguata tutela, la conservazione del costruito e il restauro sono le fasi finali di una precedente conoscenza e documentazione che ha un carattere multidisciplinare tale da garantirne la completezza, vi sono quindi indagini che spaziano da quelle storiche, che ci permettono di conoscere la nascita e l'evoluzione del bene durante la sua vita, a quelle metriche, che ci aiutano a capirne la forma e la geometria, le indagini strutturali, termiche, etc. le quali ci fanno capire il grado di salute del bene.

Nella tesi si è deciso di trattare gli aspetti del rilievo metrico e della successiva rappresentazione, utilizzando le più innovative tecniche messe a disposizione, così che si rendano tangibili le grandi possibilità che ne derivavano dall'uso.

Si è utilizzato un rilievo metrico avanzato tridimensionale dell’oggetto di studio, il laser scanner e programmi di modellazione tridimensionale, dalla sinergia dei quali sono risultati elaborati grafici e stampa in 3d.

La tesi si articola in tre parti, quella iniziale in cui vengono descritti i metodi e gli strumenti per il rilievo metrico, la seconda invece è dedicato alla descrizione geografica, storica e architettonica del fabbricato, nella terza ed ultima parte, si descrive di come si è arrivati ad ottenere gli elaborati grafici e il successivo utilizzo per la stampa in 3d.

Relatori: Antonia Teresa Spanò, Filiberto Chiabrando
Soggetti: A Architettura > AP Rilievo architettonico
S Scienze e Scienze Applicate > SD Computer software
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3758
Capitoli:

Premessa

1. Introduzione

1.1 Qualche spunto sul rilievo metrico con le nuove tecnologie

1.1.1 Obiettivi della tesi

2. Excursus sulla documentazione delle legislazioni nazionali ed internazionali dei beni architettonici

3. Metodi di rilievo metrico

3.1 Potenzialità dei sistemi innovativi di rilievo

3.2 II progetto del rilievo

3.3 I metodi e gli strumenti innovativi disponibili per il rilievo metrico

3.4 II metodo topografico: il GPS e GNNS

3.5 II metodo fotogrammetrico

3.6 II metodo a scansione laser terrestre: il LIDAR

3.6.1 Principi di funzionamento dei sistemi a scansione terrestri

3.6.2 II rilievo laser per i Beni Architettonici a scansione terrestri

3.7 La stampa 3D

4. Il complesso di Stupinigi

4.1.1 Inquadramento geografico

4.1.2 Inquadramento Storico

4.2 La palazzina di caccia di Stupinigi

4.2.1 Caratteri tipologici e compositivi dell'edificio

4.2.2 Costruzione e ampliamenti

4.2.3 II salone centrale della palazzina

4.2.4 II giardino e il parco

4.2.5 Recenti utilizzi della palazzina

5. L'esecuzione del rilievo laser, restituzione grafiche e modellazione nuvole di punti

5.1 II rilievo e l'elaborazione dei dati

5.1.1 Le finalità del rilievo

5.1.2 L'inquadramento topografico

5.1.3 II progetto e l'acquisizione laser

5.1.4 L'acquisizione fotografica

5.1.5 Le elaborazioni fotogrammetriche

5.1.6 L'elaborazione dei dati laser

5.2 Elaborazione dati per le rappresentazioni

5.2.1 La realizzazione grafica di piante e sezioni attraverso PointCab e 3dReshaper

5.2.2 La fase di elaborazione

5.2.3 Pulitura delle nuvole

5.3 La modellazione delle nuvole di punti (3d Reshaper)

5.3.1 Creazione della mesh

5.3.2 Completamento della mesh

5.3.3 Texturizzazione del modello

5.3.4 Rappresentazione architettoniche prodotte

5.3.5 Modello delle volte con curve di livello

5.3.6 Realizzazione modello volta con il processo di stampa 3d

Conclusioni

Bibliografia/Sitografia/Allegati

Ringraziamenti

Bibliografia:

Bibliografia

Bartolucci Daniele, Principi di laser scanning 3D : hardware, metodologie applicative, Dario Flaccovio Editore,Palermo, 2009

Bertocci Stefano, Bini Marco, Manuale di rilievo architettonico e urbano, Città studi Edizioni, Torino 2014

Battistoni Carlotta, Segni del passato, regole del presente : bibliografia ragionata sulla normativa per i beni ambientali e architettonici, Alinea, Firenze , 1993

Clini Paolo, Il rilievo dell’architettura:tecniche, metodi ed esperienze/Paolo Clini Firenze:Alinea,2008

Docci Mario, Chiavoni Emanuela, Monica Filippa, Metodologie integrate per il rilievo, il disegno, la modellazione dell’architettura e della città, Gangemi, Roma 2011

Docci Mario,Manuale di rilevamento architettonico e urbano, Laterza, Roma 2009

Gritella Gianfranco, Stupinigi:dal progetto di Juvarra alle premesse neoclassiche,Edizioni Panini, Modena, 1987

Report, del Rilievo laser scanning ed elaborazioni orto fotogrammetriche del Salone Centrale della Palazzina di Caccia di Stupinigi. Prof. SPANO’, Prof. CHIABRANDO, Torino 2014

Saint Aubin, Jean-Paul, Il rilievo e la rappresentazione dell’ architettura, Ed. italiana / a cura di Laura Baratin e Attilio Selvini, Moretti e Vitali, Bergamo1999

Spantigati Carla Enrica, con Elisabetta Ballaira e Anna Maria Bava La Palazzina di Stupinigi,

Allemandi, Torino 2007

Sitografia

http://www.pointcab-software.com

http://www.ordinemauriziano.it/palazzina-di-caccia-stupinigi

http://www.faro.com/it

http://www.makerbot.com/

http://www.technodigit.com

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)