Politecnico di Torino (logo)

Bergantino, Fabio

Incidenza dei VOC sulla qualità dell'aria nell'ambiente costruito.

Rel. Jean Marc Christian Tulliani. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, 2014

Abstract:

INTRODUZIONE

I composti organici volatili (COV o VOC in inglese) sono dei composti emessi sotto forma di gas da alcuni solidi o liquidi, essi evaporano facilmente a temperatura ambiente. Viene definito come C.O.V. qualsiasi composto organico che abbia a 293,15 K una tensione di vapore di 0,01 kPa o superiore, oppure che abbia una volatilità corrispondente in condizioni particolari d'uso. Essi includono una varietà di sostanze chimiche, alcune delle quali possono avere effetti negativi sulla salute a breve e lungo termine. Le concentrazioni di COV sono in casa sempre più elevate (fino a dieci volte superiori) rispetto a quelle esterne. I COV sono emessi da una vasta gamma di prodotti e se ne contano a migliaia. Gli esempi includono: pitture e vernici, prodotti svernicianti, prodotti per la pulizia, pesticidi, materiali da costruzione e arredi, apparecchiature per ufficio come fotocopiatrici e stampanti, correttori liquidi e carta autocopiante, grafica e materiali artigianali tra cui colle e adesivi, pennarelli indelebili e le soluzioni fotografiche. I composti chimici organici sono ingredienti ampiamente usati nei prodotti per la casa. Pitture, vernici, cera, contengono solventi organici come in molti prodotti di pulizia, per la disinfezione, i cosmetici, gli sgrassatori ed i prodotti per il bricolage. Anche i combustibili sono costituiti da sostanze chimiche organiche. Tutti questi prodotti possono rilasciare composti organici durante l'utilizzo e in una certa misura, quando sono conservati. In generale, il principale effetto ambientale dei COV è il loro ruolo nella formazione di smog e ozono in presenza di ossidi di azoto. La presenza di questi composti nell’aria è precursore della formazione di ozono al livello del suolo (troposferico), il principale costitutivo dello smog. Smog e ozono causano problemi respiratori oltre che alla vegetazione (agricoltura ed ecosistemi). I singoli componenti di COV sono conosciuti per altri effetti negativi, quali effetti tossici sulla salute e danneggiamento dello strato di ozono nella stratosfera. Ridurre le emissioni di COV porta non solo benefici ambientali, ma migliori condizioni di lavoro, in grado di ridurre i rischi di incendio, ridurre i fastidi e far risparmiare denaro. La IMPEL (rete di ispettori ambientali per l’Unione europea, ha definito un progetto sulle emissioni diffuse. L’intento è quello di fornire le linee guida per l’attuazione delle normative sulle emissioni diffuse, per la concessione di licenze di impianti industriali e di esecuzione.

In media, le persone spendono circa P80-90 % del proprio tempo in ambienti chiusi, quindi vi è sempre maggiore preoccupazione riguardo la qualità dell'aria interna ( IAQ ) ( Bruinen de Bruin et al , 2008; . Sarigiannis et al , 2011.). Negli ultimi anni , le attenzioni per la qualità dell’aria interna sono ulteriormente aumentate dopo l'introduzione di edifici energeticamente efficienti a tenuta d'aria. Gli inquinanti provenienti dall'aria interna ( ad esempio il fumo , il riscaldamento , la cottura , etc.) persistono e provocano periodi di esposizione più lunghi. Colori, vernici, cere ,solventi, tappeti, etc. sono alcune delle fonti che contribuiscono al carico complessivo di sostanze chimiche presenti nell’ambiente interno. Particolare interesse è stato dimostrato per le emissioni di materiali da costruzione in risposta ai requisiti essenziali della direttiva alla costruzione 89/106/CEE. Lì, si è detto che i lavori di costruzione ( quindi anche dei materiali da costruzioin modo tale che non vi siano minacce perle emissioni di sostanze chimiche pericolose. Alcun sono stati svi caratterizzare i BMs (building materialprove di emissione (ETS) , la cui durata varia da poc 2005) di sistemi di etichettatura sono composte composti carbonilici (CCS). Per abbattere la conti neggna essenzialmente eliminarne le fonti pr in fase di progetto ambientale interno prodotti e matnuto di composti organici volatili. Nei limiti del possibile, si dov ventilazione e la frequente aerazione pulizie con prodotti che li contengono. Una buona informazione sui pericoli che si corrono alla ripetuta esposizione di inquinanti, potrà accelerare il processo di consapevolezza/presa di coscienza che permetterà in futuro di integrare totalmente nella progettazione sostenibile il progetto di IAQ. tramite la scelta di materiali ed elementi low-voc emitting, In questo modo si potrà raggiungere un elevato comfort abitativo e migliorare la qualità di vita di miliardi di persone.

Relatori: Jean Marc Christian Tulliani
Soggetti: T Tecnica e tecnologia delle costruzioni > TB Igiene edilizia
T Tecnica e tecnologia delle costruzioni > TC Protezione degli edifici
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3726
Capitoli:

Indice:

Premessa

Capitolo 1: Presentazione delle sostanze inquinanti

1.1 Sick building syndrome

1.2 Quali sono i composti?

Capitolo 2: Strumenti di misurazione

2.1 Come misurare la qualità dell’aria in un edificio

2.2 Normativa di riferimento Capitolo 3: Dove troviamo questi COV

3.1 Legno

3.2 Finiture

3.3 Vernici

3.4 Prodotti per la pulizia Capitolo 4: Casi studio

4.1 Emissioni di COV in nuovi appartamenti

4.2 Stadio di football

4.3 Rinnovo di un edificio terziario

Strategie di riduzione

Bibliografia:

Bibliografia:

EPA, Occupants guide: An office building occupant's guide to indoor air quality, Washington 1997

La formaldeide in casa, a cura di E. Giuli, M. Spagnoli, 2009

EPA, Healthy buildings, healthy people: a vision for the 21st century, 2001

AA. VV., The impact of information on perceived air quality - 'organic' vs. 'sinthetic' building materials, Blackwell publishing, Singapore 2007

Qualità dell'aria nelle abitazioni domestiche: I COV, a cura di E. Giuli, M. Spagnoli, L. Medei, INAIL Milano, 2012

P. Wolkoff, Trends in Europe to reduce the indoor air pollution of VOCs, Blackwell publishing, Danimarca 2013

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)