Politecnico di Torino (logo)

Gatti, Eleonora

Progetto di recupero e riuso sostenibile : trasformazione dell'ex liceo R.Cottini a Torino Mirafiori in uno spazio commerciale ecologico.

Rel. Orio De Paoli, Silvia Malcovati. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, 2014

Abstract:

Introduzione

La situazione italiana.

Le città di oggi, grazie all'impegno di molti progettisti, mostrano un panorama sempre più esteso, anche se a piccoli passi, di costruzioni ad alta efficienza energetica, che ci lascia sperare un futuro più sostenibile. Lo vediamo sicuramente in architetture residenziali e in grandi opere volte a ospitare attività di: cultura, sport e lavoro d'ufficio, ma crediamo che ancora troppo poco sia stato fatto nell'ambito del commercio "quotidiano”, ovvero per i supermercati di tutti i giorni.

Questa tesi di laurea nasce dal desiderio di andare ad analizzare due problematiche architettoniche e urbanistiche ancora attuali e irrisolte, entrambe ostacolo allo sviluppo di città sostenibili e a elevato risparmio energetico.

La prima: Lo spreco, ovvero:

l’immenso consumo di energia elettrica, le pesanti emissioni di Co2 e l'elevata produzione di rifiuti (packaging) da parte di supermercati e ipermercati in tutta Italia, un modello di vendita che potrebbe essere reso più sostenibile applicando alcuni accorgimenti progettuali e gestionali.

La seconda: la continua costruzione verso le periferie, sempre più remote, di nuovi ed enormi edifici standardizzati per il commercio, i quali non solo producono emissioni che vanno a sommarsi al già grave impatto ambientale, ma costringono gli acquirenti a recarvisi per mezzo dell'automobile, inquinando l'ambiente a loro volta. Un classico esempio sono i centri commerciali italiani costruiti durante gli anni novanta, lontani dai centri abitati e circondati da ettari di parcheggio, impattanti a livello ambientale e paesaggistico.

Il Decreto Legislativo n. 114 del 31 marzo 1998, conosciuto come "Decreto Bersani", il quale sostituisce la precedente Legge n. 426 dell'11 giugno 1971, sancisce che:

«La disciplina in materia di commercio persegue le seguenti finalità: (...) l'efficienza, la modernizzazione e lo sviluppo della rete distributiva, nonché l'evoluzione tecnologica dell'offerta, anche al fine del contenimento dei prezzi.», «Le regioni, entro un anno dalla data di pubblicazione del presente decreto definiscono gli indirizzi generali per l'insediamento delle attività commerciali, perseguendo i seguenti obiettivi: (...) rendere compatibile l'impatto territoriale e ambientale degli insediamenti commerciali con particolare riguardo a fattori quali la mobilità, il traffico e l’inquinamento e valorizzare la funzione commerciale al fine della riqualificazione del tessuto urbano, in particolare per quanto riguarda i quartieri urbani degradati al fine di ricostituire un ambiente idoneo allo sviluppo del commercio.

Chiaramente sarebbe meglio cercare di riconvertire ad uso commerciale alcune strutture abbandonate nelle aree già urbanizzate e densamente popolate, fornendo al futuro supermercato in questione impianti, di condizionamento e per la conservazione di cibi, ad alto risparmio energetico e banchi di distribuzione alla spina di generi alimentari e prodotti per l’igiene; ma ancora prima rendendo l’involucro e l’edificio stesso a impatto zero.

L’obbiettivo di questa tesi è proprio quello di analizzare quest'ultimo.

In questo modo si potrebbero riqualificare numerosi edifici e zone degradate all'interno delle città, con costi ridotti rispetto a una costruzione ex-novo e, eliminando i costi di smaltimento del packaging e le spese di gestione energetica, fornire ai cittadini un servizio che gli permetta di risparmiare notevolmente.

Inoltre, un aspetto fondamentale del progetto è il legame con il contesto che un edificio storicizzato all'interno di un quartiere possiede, si suppone, in maggiore misura rispetto alle architetture, prefabbricate e del tutto identiche tra loro, delle grandi catene internazionali.

...Insomma: due (o più) piccioni con una fava!

Relatori: Orio De Paoli, Silvia Malcovati
Soggetti: A Architettura > AJ Edifici e attrezzature per l'amministrazione, il commercio e la difesa
A Architettura > AO Progettazione
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3672
Capitoli:

Indice

Prefazione, motivi personali

INFORMAZIONE..

Introduzione

-La situazione italiana

-Alcuni esempi

-Bibliografia/Sitografia

1 Un po’ di dati

-Numerici

-Energetici

-Bibliografia/Sitografia

2 Inquadramento

- Contesto

-Stato di fatto

3 Un po’ di storia

- Del quartiere

- Dell'edificio

- Bibliografia/Sitografia Cartografia/Doc. archivio

IL PROGETTO

Premessa al progetto

4 Le funzioni e la distribuzione:

- Volumi

- La struttura

- Piano seminterrato

- Pianoterra

- Primo piano

- I percorsi

5 Composizione:

- Il rivestimento

- Il verde

- L'ingresso centrale

6 l sistemi passivi:

-Volume

- Isolamento a cappotto

-Parete ventilata

-Tetto verde

7 I sistemi dinamici:

-Pozzi di ventilazione, camini di luce

8 I sistemi attivi:

-Solar Cooling

-Fotovoltaico elettrico

9 Antincendio

10 I materiali:

- ChennaBREE

- Isolante Celenit

- Membrane impermeabile

- Derbipure

- Vetri Pilkington

- Acciaio COR-TEN

11 Piccole strategie per il risparmi energetico:

- Risparmio sull'illuminazione notturna

Raccolta acqua piovana.

- Bibliogratia/Sitografia

Conclusioni

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

David Adler, Manuale di dati e misure perla progettazione, Torino utet, 2006

Sergio Altomonte, L’involucro architettonico come interfaccia dinamica. Strumenti e criteri per una architettura sostentibile, Perugia, Alinea, 2005

Marco Borelli, Spazi commerciali. Percorsi progettuali degli spazi per il commercio. Architettura di interni e design Napoli, sistemi editoriali Se, 2003

Annarita Ferrante, A. A. A. Adeguamento, Adattabilità, Architettura. Teoria e metodi per la riqualificazione architettonica, energetica e ambientale del patrimonio edilizio esistente, Milano-Torino, Bruno Mondadori, 2012

Giovanna Franco, Riqualificare l’edilizia contemporanea, Milano, FrancoAngeli, 2014

A cura di Arie Gottfried, Enciclopedia pratica per progettare e costruire. Manuale a uso di progettisti, costruttori, docenti e studenti. Fondamenti, norme e prescrizioni per progettare, costruire, dimensionare a misura d'uomo, Milano, HOEPLI, 2013

Manuela Grecchi e Laura Elisabetta Malignetti, Ripensare il costruito. Il progetto dì recupero e rifunzionalizzazione degli edifici, Rimini, Maggiolini, 2008

A cura di Marco Vaudetti, Edilìzia per il commercio, Milano, UTET scienze tecniche, 2007

A cura di Ettore Zambelli, Ristrutturazione e trasformazione del costruito. Tecnologie per la rifunzionalizzazione e la riorganizzazione architettonica degli spazi, Milano, il Sole 24 Ore, 1996

A cura di Bruno Zevi, Il nuovo manuale dell'architetto, Roma, Mancosu, 1996

SITOGRAFIA (ordine di trattazione)

http://www.daku.it/

http://www.nextville.it/Settore_terziario/708/Solar_cooling

http://www.architetturaecosostenibile.it/design/arredo-urbano/5-alberi-fotovoltaici-energia-703.html

Mauro Malizia, Nuovo regolamento dì Prevenzione Incendi v4.3 - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno, http://www.vigilfuoco.it/sitiVVF/ascolipiceno/viewPage.aspx?s=85&p=l 1223

Ing. Mauro Malizia, Prevenzione Incendi attività commerciali testo coordinato v2 - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno. TESTO COORDINATO E COMMENTATO - ATTIVITÀ COMM ERCIALI, idem

http://www.chenna.it/

http://www.expopage.net/ebooths2/Exhibitor55573/CP/Chenna_brochure_ITAa.pdf

http://vetrina.confindustria.ud.it/confindustria/udine/vetrina.nsf/%28$linkacross%29/44BE5296F170E2EDC1257465002FB161/$

file/Bree%20-%20scheda%20prodotto_product%20sheet.pdf?openelement

http://archive.forumpa.it/forumpa2005/convegni/relazioni/709_paolo_glerean/709_paolo_glerean.pdf

http://www.celenit.com/

Fonte: http://derbigum.it/

http://www.pilkington.com/it-it/it

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)