Politecnico di Torino (logo)

D'Acquisto, Alberto Sotirios

Un futuro per Taranto? Strategie per la realizzazione di Smart City e giochi olimpici estivi.

Rel. Roberta Ingaramo, Angioletta Voghera. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, 2014

Abstract:

Premessa

Il lavoro sviluppato in questa tesi altro non è che il sequel di quanto elaborato per la Laurea Triennale in “Architettura per il Progetto" e intitolata “Un futuro per l'ILVA di Taranto?". Quella tesi era nata un po' per caso nel dicembre 2011, quando l'ILVA era ancora una solida realtà industriale italiana e non c'erano grossi indizi a far presagire quelli che sarebbero stati gli sviluppi dell'estate seguente, nonostante anni di indagini e di mezzi provvedimenti di facciata da parte delle istituzioni.

La decisione di affrontare un tema del genere era sorta piuttosto sulla scia del costante ma passivo malcontento che accompagnava molti Tarantini da svariati decenni, da quando cioè la presunta modernità della grande industria pesante (comprensiva degli impianti Cementir ed ENI) aveva spazzato via l’antica pineta tarantina cominciando a tingere di rosso le strade e la vita di molte famiglie.

Si trattava quindi più di un esercizio fine a sé stesso che di una proposta che chiedeva di essere presa in considerazione. L’idea alla base era però quella di dipingere uno scenario alternativo ad una realtà ormai degradata, trasformando una città rimasta ai livelli di inquinamento della Manchester ottocentesca in una realtà, per contro, di avanguardia ecologica a livello nazionale ed europeo.

In quell'occasione ci si era concentrati solo in maniera sintetica sulle ricadute a livello urbano di una eventuale trasformazione, privilegiando maggiormente gli aspetti organizzativi ed architettonici del nuovo stabilimento, con particolare riferimento alla stazione ferroviaria che avrebbe dovuto accogliere i container dei rifiuti provenienti dal resto del Mezzogiorno.

Di fatti la proposta progettuale, supervisionata dalla prof.ssa Roberta Ingaramo per la progettazione architettonica e dal prof. Maurizio Lucat per la parte tecnologica, consisteva proprio nella riconversione dell'attuale stabilimento in un centro di riqualificazione dei rifiuti (N.B. non di smaltimento), considerabile, per mole di materiale trattato, il più grande al mondo. La prospettiva di un simile intervento era quella di provare a dare una risposta al rebus salute-lavoro attraverso la realizzazione di uno stabilimento di stampo ecologico con una forte presenza di addetti al suo interno, incentrata su un solido sistema di raccolta differenziata su tutto il sud Italia. Il tutto arricchito dalla possibilità di produrre beni e servizi a basso costo grazie allo scarso valore attribuito tradizionalmente alla risorsa-rifiuto.

Quella tesi, discussa il 24 luglio 2012, cioè due giorni prima che venissero posti i sigilli all'area a caldo dell'ILVA e che le condizioni di Taranto diventassero finalmente di dominio pubblico a livello nazionale, venne definita “visionaria” dal prof. Lo Verso, docente di “Fisica dell'Edificio” presente in commissione, e venne successivamente pubblicata sul sito internet di Peacelink (“www.peacelink.it”), importante associazione tarantina di volontariato attiva da anni sulle questioni sociali ed ambientali.

In questo contesto invece l'obiettivo è quello di fornire un quadro a livello urbanistico delle soluzioni che andrebbero adottate per supportare ed affiancare l’adeguato sviluppo dello stabilimento suddetto, con particolare attenzione alla mobilità, alle infrastrutture per la produzione e il trasporto delle energie alternative, all'incremento delle aree a verde e alla gestione dei rifiuti nell'ottica di rendere il centro jonico una moderna Smart City (se pur limitatamente all’assetto urbanistico).

Lo scenario presentato è quello di una ipotetica Taranto degli anni Trenta, dove il successo del nuovo modello produttivo ha condotto la città ad una nuova vita, con una popolazione raddoppiata, nuove possibilità e nuovi motivi per tornare a credere in essa. È su questa base che si fonda il focus architettonico della tesi, cioè l'organizzazione dei Giochi Olimpici estivi.

Taranto 2040 vuole essere una provocazione per continuare a credere che esista ancora un futuro per questa città, e che possa perfino essere glorioso. Un cerchio che si chiude, che si ricollega alla storia dell"’Atleta di Taranto”, plurivincitore della gara di Pentathlon all’epoca dei Giochi Panatenaici e considerato un eroe dai suoi contemporanei. Lo splendore della Magna Grecia è la stella polare che guida il progetto e che vuole essere coronamento alla visione della Taranto del futuro, in una dimensione che però è troppo vicina ad un’utopia per essere considerata qualcosa di diverso dal risultato di un lavoro onirico.

Relatori: Roberta Ingaramo, Angioletta Voghera
Soggetti: A Architettura > AO Progettazione
U Urbanistica > UK Pianificazione urbana
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3670
Capitoli:

Indice

1. Premessa

2. Un futuro per l’ILVA di Taranto

a. ILVA

- Generalità

-Dipendenti

-Infrastrutture

-Trasporti

-Produzione

-Impianti

-Processo produttivo

-Inquinamento

-Coinvolgimenti giudiziari

b. Proposta di riconversione

-Gestione dei rifiuti

-Consumi energetici

-Considerazioni sui dati

-Iter della dismissione

-Impianti

-Morfologia

-Stime

-Processo produttivo

-Parco Ecologico

-Area Chimica

-Area C&D

-Area Metalli

-Area Misti

-Area Vetro

-Tetrapakland

-Parco dell'Arte

-Parco Expo

-Parco dello Sport

-Parco Storico

-Parco Tecnologico

-Carico Navi & Locali Commerciali

-Dipendenti

-Modello economico

3.Taranto Smart City

a. La città ad oggi

- Città dei due mari

- Storia

- Settore produttivo 26

- Assetto urbano 27

- Mobilità su strada 28

- Mobilità su ferro 29

- Altre infrastrutture 29

- Trasporto pubblico 30

- Sistemi con caratterizzazione funzionale 30

- Elementi di valore identitario 31

- Sistemi di valore paesaggistico e fruitivo 38

- Aree “verdi” 40

- Eventi

- P.R.G

b. La città del futuro

- Obiettivi

- Analisi S.W.O.T

- Nuovi possibili elementi di valore identitario

- Mobilità su strada

- Mobilità su ferro

- Mobilità via mare

- Mobilità “lenta"

- Poli di interscambio

- Aree “verdi"

- Energia

4. Giochi Olimpici di Taranto 2040.

- Giochi Olimpici

- Storia

- Sport

- Impianti - Londra 2012 e Rio de Janeiro 2016

- Gestione

- Perché Taranto

b. Intervent

- Buffoluto

- Castello

- lacovone

- Ippodromo

- Lido Azzurro

- Lido Silvana

- PalaFiom

- PalaMazzola

- Paolo VI

- Punta Penna

- San Pietro

-Scuola Nautica

-Discipline esterne al Parco dello Sport

c. Parco dello Sport

-Collocazione

-Infrastrutture

-Trasporti

-Impianti

d.Stadio Olimpico

-Normative di riferimento

- Architetture di riferimento

- Morfologia

- Distribuzione spaziale

- Struttura

- Mobilità

5.Cronoprogramma

6. Fonti

a. Bibliografia

b. Regolamenti

c. Sitografia

7. Allegati

Evoluzione storica

Infrastrutture ad oggi

Sistemi con caratterizzazione funzionale

Elementi di valore identitario

Sistemi di valore paesaggistico e fruitivo

Aree di progetto

Infrastrutture stradali di progetto

Infrastrutture ferroviarie nazionali di progetto

Infrastrutture ferroviarie urbane di progetto

Mobilità nautica

Mobilità ciclo-pedonale

Stazioni di interscambio

Aree “verdi”

Fonti energetiche alternative

Impianti olimpici per Taranto 2040

Master Pian del Parco dello Sport

Piano di mobilità aH'interno del Parco dello Sport

Stadio Olimpico: Planimetria

Stadio Olimpico: Pianta del piano a quota +0.00

Stadio Olimpico: Pianta del piano a quota -19.50

Stadio Olimpico: Pianta del piano a quota -32.00

Stadio Olimpico: Prospetto Sud & Sezione A-A’

Bibliografia:

Fonti

Bibliografia

Audisio E., Tutti I cerchi del mondo. I volti, i paesi, le storie che fanno un'Olimpiade, Mondadori, 2004

Bohigas O., Mackay D„ Martorell J., Puidomènech A., La Villa Olimpica. The Olimpie Village, Barcelona 92: arquitectura, parques, puerto deportlvo, Glli, Barcellona, 1991

Boschesi B. P„ Olimpiadi: da Atene a Seul, Editrice Piccoli, 1988

Carrino F., Massafra P., Il Centro Storico di Taranto: Il Borgo, Scorpione Editrice, Taranto, 2004

Nicola Cippone, Taranto, Il Borgo prima del Borgo, Edizioni Archita, Taranto, 2006 De Juliis E., Loiacono D„ Taranto. Il Museo Archeologico, Mandese Editore, Taranto, 1988

De Luca P., Il Centro Storico di Taranto: l'Isola, Scorpione Editrice, Taranto, 2004

Faroldi E., Progettare uno stadio: architetture e tecnologie per la costruzione e gestione del territorio, Santarcangelo di Romagna (RN), Maggioli, 2007

Frank S„ Steets S., Stadium worlds: football, space and thè bullt envlronment, Routledge, Londra, New York, 2010

ILVA, Rapporto Ambiente Sicurezza 2011, 2012

ISTAT, Indicatori ambientali urbani 2010, 2011

ISPRA, Rapporto rifiuti urbani 2011, 2012

Mezzadri A., Il fascino delle Olimpiadi, Forte editore, 1984

Mounier J., Eìsenman archltects: University of Phoenix Stadium for thè Arizona Cardinals,

Princeton Architectural Press, New York, 2008

Peluso G., Storia di Taranto, Scorpione Editrice, Taranto, 1991

Spampinato A., Stadi del mondo: sport & architettura, Gribaudo, Savigliano (CN), 2004

Regolamenti

Stades de football: Recommandations et exigencies techniques, FIFA, 2007, disponibile al link:

http://fr.fifa.com/mm/document/tournament/competition/51/54/02/football_stadiums_te chnical_recommendations_and_requirementsJr_8214.pdf

UEFA Stadium Infrastracture Regulation: Edition 2010, UEFA, 2010, disponibile al link:

http://www. uefa.com/MultimediaFHes/Download/Regulations/uefaorg/Stadium&SecurUy/ 01 /48/48/85/ 1484885_DOWNLOAD.pdf

c. Sitografia

Ambiente e salute a Taranto: evidenze disponibili e indicazioni di sanità pubblica, Taranto, 22 ottobre 2012, disponibile al link:

hftp://www.salute.gov.it/resources/usabile /documentinuovo _portale / primoPiano ¡01 _Stu di_epidemiologici_Rapporto_Taranto_2012.pdf

Olimpiadi Londra 2012: gli impianti sportivi, Sport Excite, 24 luglio 2012, disponibile al link: http://sporf.excite.it/olimpiadi-londra-2012-gli-impianti-sportivi-N125390.html

Dammando L. (a cura di), Uva, Cinquantamila giorni, Corriere della Sera, disponibile al link: http://cinquantamila.corriere.it/storyTellerThread.php?threadld=ILVStoriaDellllva

Lamberth C., Trends in Stadium Design: A Whole New Game, InformeDesign, 2007, disponibile al link:

http://www.informedesign.org/_news/jun_v04r-p.pdf

Marescotti A., Uva, la bufala dei 40 mila posti a rischio, Il Fatto Quotidiano, 27 Maggio 2013, disponibile al link:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/05/27/ilva-bufala-dei-40-mila-posti-a-rischio/607025/

Messina C., Le Olimpiadi allora come oggi, disponibile al link: http://www.rnondogreco.net/olimpiadi2.htm

Stauffer N. W„ Sun-free photovoltaics, MITEI, 2011, disponibile al Inik: http://newsoffice.mit.edu/2011 /sun-free-photovoltaics-0728

Tari D., Stadi di calcio: quadro normativo di riferimento, 28 gennaio 2012, disponibile al link: http://tifosobilanciato.it/2012/01 /28/stadi-di-calcio-quadro-normativo-di-riferimento/

Vaughan V., The origin of the Olympics: ancient calendars and the race against time, One

Reed Publications, 2002, disponibile al link: http://www.onereed.com/articles/vvf/olympics.html

Vinci, stades et arenas, Dossier de Presse Vinci, 2013, disponibile al link: http://www.vinci.com/vinci/actualites.nsf/DD3B5E6F5732845DC 1257BEC004FB4D6/$File/DP _Stade_SEPT2013.pdf

http://www.arena-stadium.eu.org/

http://www.bagnolifutura.it/

http: //www. comune.taranto.it/amministrazione /dettaglio_news.php?id_news-443&id_cat egoria-1

http://www.elarquitectoviajero.com/2014/03/17/arquitectura-y-deporte-los-estadios- para-el-mundial-brasil-2014/

http://www.gruppohera.it/gruppo/com_media/dossier_smartcities/articoli/pagina36.html

http://www.gruppoilva.com/

http://www.legambiente.it/

http://www.olympiapark.de/

http://www.rifiutiebonifica.puglia.it/

http://www.terna.it/

http://www.worldstadiums.com/

http://www.wwftaranto.it/palude-la-vela-oasi.html

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)