Politecnico di Torino (logo)

Haxhari, Filgena

Valore di memoria e valore di attualità dei quartieri Parruce e Gjuhadol a Scutari : ipotesi di conservazione e valorizzazione.

Rel. Emanuele Romeo, Ursula Zich. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, 2014

Abstract:

La scelta di intraprendere il Corso di Architettura per il Progetto Sostenibile è stata dettata dalla volontà di completare un percorso di conoscenza e preparazione sulle discipline dell’architettura avviato nella laurea triennale con il corso di Architettura per il Progetto.

La scelta di una disciplina di restauro come tema per la redazione della tesi magistrale è data da un personale interesse verso lo studio e l’analisi del costruito, della storia e della cultura che si cela dietro la realizzazione di determinate opere, architetture o luoghi, al fine di effettuare le scelte più adatte alla conservazione di un edificio, alla valorizzazione di uno spazio, o in merito alle considerazioni da pendere nella realizzazione di nuove opere.

Il tema del restauro è stato già affrontato nella redazione della tesi triennale dal titolo “Anfiteatro di Urbisaglia: ipotesi di conservazione e valorizzazione'' per la quale, oltre all’indagine riguardante la nascita, la realizzazione e l’uso dell’anfiteatro nel corso della storia, si è proposta un’ipotesi di conservazione e di valorizzazione del sito archeologico.

L’idea di affrontare nuovamente il tema del restauro, che ha portato alla redazione della presente tesi, è nata durante un viaggio di natura personale nella città di Scutari, Albania, nell’estate del 2012.

Poche sono le volte in cui ho avuto modo di visitare la città in cui sono nata e, nel 2012, mi sono recata a Scutari dopo circa sette anni dall’ultima visita.

I ricordi che conservo della città non sono molti e sono soprattutto ricordi di bambina e quindi forse poco affidabili; durante quest’ultima visita mi ritrovai ad osservare la città con un occhio più critico, distaccato e razionale, merito degli studi condotti e c delle discipline affrontate durante gli anni, ritrovandomi ad osservare la città con occhi diversi.

Mi ritrovai così a passeggiare per le vie della città con il naso all’insù, cercando di capire cosa fossero quei luoghi, quale passato raccontavano, come fossero differenti rispetto ai miei ricordi di bambina e, soprattutto, cosa la città stava diventando. Quello che mi lasciò stupefatta è come mi ci volle non poco per comprendere che la zona in cui mi trovavo appartenesse al centro storico della città e non, come credevo, alla periferia.

Quello che notai e pensai in quel momento fu come la città da un lato appariva “vecchia” mal messa e disordinata: edifici contemporanei dalla dubbia qualità architettonica, il traffico, le strade secondarie ancora in terra battuta, le vecchie botteghe e gli edifici fatiscenti o incompleti. Dall’altro lato, se volgevo lo sguardo pochi metri più in là, accanto alle botteghe, ai vecchi condomini e palazzoni mal messi, ecco che sorgevano edifici antichi con stili architettonici interessanti, aree verdi, nuove strade ripavimentate e ben curate, palazzi dallo stile moderno e ricercato.

Questa duplice faccia della città mi sorprese, ma soprattutto mi fece pensare come, a mio parere, non vi era probabilmente una giusta via di mezzo tra il “nuovo” e il “vecchio”, come trapelasse la volontà, da parte della città, di correre verso una nuova modernizzazione, come a mettersi al pari delle altre città europee dopo oltre quarant’anni di dittatura che aveva imposto alla città e al paese una forzata “chiusura” e una forte arretratezza senza dare possibilità di sviluppo come accadeva al resto delle popolazioni limitrofe.

Questa corsa verso la creazione di una città contemporanea è di certo un aspetto positivo sia per la crescita del paese sia delle città albanesi, ma ciò che mi chiesi fu se quello che vedevo a Scutari fosse un modo corretto di rapportarsi alla volontà e necessità del “nuovo” dal punto di vista architettonico e urbano lasciando in disparte o (in alcuni casi) eliminando il “vecchio” per dare spazio al nuovo”.

Con queste domande nacque e crebbe l’idea di analizzare e comprendere la storia e l’evoluzione della città, capire quali fossero le idee e le iniziative per il futuro, la metodologia di studio, l’analisi del costruito e, soprattutto, in quale modo si voleva affrontare il cambiamento, tenendo conto della storia e della cultura scutarina, considerando o meno l’identità del passato.

In conclusione, questa tesi ha lo scopo di fornire al lettore le basi per comprendere la nascita e l’evoluzione della città di Scutari sotto l’aspetto architettonico e urbanistico, cercando di comprendere la metamorfosi che il centro storico urbano, nello specifico i quartieri Parruce e Gjuhadol, hanno subito nel corso della storia fino ai giorni nostri e fornendo, infine, alcune ipotesi per la conservazione e la valorizzazione del centro storico.

Tali proposte sono state formulate tenendo conto delle informazioni raccolte, dell’aspetto attuale della città, degli studi condotti nel passato e i progetti scelti per il futuro, il tutto col fine ultimo di poter dare un’ipotesi che sia coerente con il contesto e che rifletta una precisa metodologia di conservazione e valorizzazione.

Relatori: Emanuele Romeo, Ursula Zich
Soggetti: A Architettura > AO Progettazione
R Restauro > RC Restauro urbano
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3574
Capitoli:

1 ALCUNE RIFLESSIONI SUL RESTAURO URBANO

Il restauro in Albania: aspetti teorici e operativi

I documenti e le indicazioni di tutela Internazionale

Dalla tutela nazionale alle direttive locali

Leggi, norme e indicazioni

Alle radici della tutela:

Statuti di Scutari della prima metà del secolo XIV....

La tutela e la valorizzazione nella cultura del restauro in Albania

2 LA CITTA’DI SCUTARI

II territorio

Il ruolo della città nel contesto territoriale

La storia della città

La situazione urbana in epoca Romana

L’epoca Medievale

La situazione urbana in epoca Medievale

L’epoca Moderna

La situazione urbana in epoca Moderna

La planimetria della nuova città

L’epoca Contemporanea

La situazione urbana in epoca Contemporanea

L’architettura Scutarina

Casa Museo Oso Kuka

3 APPROCCI E POLITICHE PER LA CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL CENTRO STORICO DI SCUTARI

Il centro storico attraverso la cartografia

Le premesse al Piano Strutturale

Il Progetto Pilota per la conservazione e valorizzazione del centro storico di Scutari

2004 - 2013: Il confronto

Il Piano Strutturale

4 LE IPOTESI DI VALORIZZAZIONE ATTRAVERSO LA CONSERVAZIONE DELLA MEMORIA

Gli aspetti e gli ambiti di studio

Il mantenimento degli edifici di interesse storico-culturale

Una nuova piazza

La conservazione del Caffè Grande

Nuove costruzioni

La valorizzazione dei quartieri Parruce e Gjuhadol

I percorsi storici

Museo di Strada

RINGRAZIAMENTI

BIBLIOGRAFIA

SITOGRAFIA

Bibliografia:

A. BALDACCI, Note statistiche sui vilajet di Scutari e la legge della montagna albanese, in Rivista geografica italiana, 1901

V. MANTEGAZZA, Scutari e il suo lago. Le ultime tribù in Europa, Milano, 1905

E. BARBAIC, Albania, Roma, 1905

G. BERRI, L'assedio di Scutari - sei mesi dentro la città accerchiata (Diari di un corrispondente di guerra), Treves, 1913

F.V. RATTI, L’Adriatico degli altri: L Albania nell’ora presente, Firenze, 1914

L.M. UGOLINI, L’antica Albania nelle ricerche archeologiche italiane, Roma, Ente Nazionale Industrie Turistiche, 1929

F. TAJANI, L’avvenire dell’Albania, Milano, 1932

R. ALMAGIÀ, L’Albania, Paolo Cremonese, Roma, 1938

I. MONTANELLI, Albania una e mille, Torino, Paravia, 1939

E. BAGLIONE, La viabilità in Albania, “Le vie d’Italia”, n.9, settembre 1939 - XVII E., pp. 1191-1195, 1939

G. LORENZONI, il volto e l'anima dell’Albania: secondo il diario di un viaggiatore (1929-1939), Firenze, Istituto Geografico Militare, 1940

I. MONTANELLI, Vecchia e nuova Albania, Garzanti, Milano, 194

F. MILONE, GH albanesi e l’Italia, “Le vie d’Italia”, n.3, marzo 1942-XX E.F., pp.286-299, 1949

A. GALLI, Diarìi e lettere: Tripoli 1911 - Trieste 1918, Firenze, 1951

C. AYMONINO, (a cura di), L'abitazione razionale. Atti dei congressi CIAM 1929-1930, Marsilio, Venezia 1971 - CIAM "Il cuore della città" - Hoepli Editore, Milano 1954

C. TRAVERSI, storia della cartografia italiana delle isole egee e dell’Albania, Firenze, Istituto Geografico Militare, 1965

R. DI STEFANO, La Convenzione di Granada, 1986

C. CRESTI, Architettura e fascismo, Vallecchi, Firenze, 1986

M. DE BENEDETTI, ATTILIO PRACCHI, Antologia dell'architettura moderna. Testi, manifesti, utopie, Zanichelli, Bologna 1988

H. MYRTO, Albania archeologica. Bibliografia sistematica dei centri antichi, Bari, Edipuglia, 1998

E. ROMEO, S. CASIELLO, Documenti, norme ed istruzioni per ii restauro dei monumenti, criteri metodi esperienze, Electa, pagine da 237 a 268, 1990

G. FIENGO, La conservazione dei beni ambientali e le Carte del Restauro, in S. Casiello (a cura di), Restauro: criteri, metodi, esperienze, Napoli, 1990

L. ZARRILLI, Albania: geografia della transizione, Milano, 1999

F. FREDIANI, Un "patrimonio” per lo sviluppo turistico, Rivista del Turismo n° 5/6, 2001

I. H. GURI, Albania. Il paese dei contrasti, Firenze, Comune di Firenze. 2003

I. FISHTA, E. URLICI, Historia e Bankes Qendrore ne Shquiperi, Banka e Shqiperi, Tirana, 2003

M. A. GIUSTI, Architettura italiana in Albania nel ventennio del Novecento, catalogo della mostra (Tirana, Museo dell’Accademia), Idea Books, Milano, 2004

E. ROMEO, La conservazione della città: teorie attuali ed orientamenti. In: Il monumento e la sua conservazione. Note sulla metodologia del progetto di restauro. / ROMEO E. celid, Torino, pp. 41-58.

E. ROMEO, La scena urbana: continuità e discontinuità._ In: Materiali metodologici per la ricerca didattica sulle problematiche del Restauro dell'architettura e della città /M.

Dalla Costa, Celid, Torino, 2004

A. BIAGINI, Storia dell’Albania Contemporanea, Bompiani, 2005

M. DELLA COSTA, G. CARBONARA, Memoria e restauro dell'architettura: saggi in onore di Salvatore Boscarino, FrancoAngeli, 2005 - 320 pagine

A. BIAGINI, Storia dell'Albania contemporanea, Bompiani, 2005

M.A GIUSTI, La cura del tempo. Restauro e tutela del patrimonio culturale albanese, in “Portolano Adriatico”. Rivista di storia e cultura balcanica, n.2 Firenze 2005, pp. 10-32, 2005

M.A. GIUSTI, Albania: architettura e città 1925-1944, ed. Maschetto, Firenze, 2006

E. ROMEO, Identità culturale e ricerca internazionale. In: Architettura e territorio: Internazionalizzazione e ricerca, Torino, ottobre 2006. pp. 124-127

M.A. GIUSTI, Memoria collettiva e patrimonio moderno albanese: un percorso di studi verso la tutela e H restauro, in S. Bertolotto, M. Giambruno (a cura di), I materiali e le finiture del moderno, Politecnico di Milano, Milano 2008, pp.199-210, 2006

E. PANDELEJMONI, Zhvillimiurban ne Shkoder, Hylli i Drites N.1, 2007

N. DELL'ERBA, Storia dell'Albania, Newton Compton, Roma 2007, pp. 96.

A. CIANI, (a cura di), Sviluppo sostenibile per l’Albania, Proceeding, 2007-2008, Emal, Tirana 2009, pp.1023-1027, 2008

AA.VV, Da! restauro alla conservazione. Terza mostra internazionale del restauro monumentale (Reggio Calabria 26 settembre 2008). Ediz. Italiana e inglese, Voi. 2, Alinea Editrice, 2008 - 296 pagine

S. LUZATI, Nikola Arsen Idromeno: personaggio dell’architettura del Rinascimento e dell’Indipendenza Albanese, Tirana, 2012

E. BERTI, Itinerari culturali del consiglio d'Europa tra ricerche di identità e progetto di paesaggio, Firenze, 2012

L. NADIN, Albania ritrovata. Recuperi di presenze albanesi nella cultura e nell'arte del Cinquecento veneto, Onufri, Tirana, 2012, p. 48

S. LUZATI, QytetiiShkoder: urbanistika dhe Arkitektura, Gjate Ri/indjes e Pavaresise Kombetare, Tirana, 2012

A. PARRUCA, Shkodra bastion i qyteterimit shqipar, Scutari, Tirana, 2013

SITOGRAFIA

http://whc.unesco.org/archive/periodicreporting/EUR/cycle01/section1/al-summary-en.pdf (Consultato il 26.10.2013)

http://wwwas.roma2.infn.it/DOCOMOMO/sto.html (Consultato il 26.10.2013)

http://www.docomomo.com/conference1.htm (Consultato il 26.10.2013)

http://www.international.icomos.org/charters/vernacular_sp.pdf (Consultato il 26.10.2013)

http://www.unibg.it/dati/corsi/44005/34843-14872-Unesco.pdf (Consultato il 03.11.2013)

http://www3.unisi.it/did/dip-direcon/Carta%20di%20Cracovia.pdf (Consultato il 03.11.2013)

http://www.unesco.it/cni/index.php/newsletter/134-la- dichiarazione-universale-unesco-sulla-diversita-culturale- (Consultato il 03.11.2013)

http://www.unesco.beniculturali.it/index.php7it/28/normativa (Consultato il 03.11.2013)

http://ec.europa.eu/culture/documents/memoranda-of- understanding- albanie.pdf (Consultato il 03.11.2013)

http://www.icrc.Org/ihlnat.nsf/0/61641E8AE3999AB7C12571AF 00340D1D (Consultato il 04.11.2013)

http://www.unesco.beniculturali.it/index.php7it/35/la- convenzione (Consultato il 04.11.2013)

http://www.studiotorresi.it/sito/it/testi-pubblicazioni/30-il- recupero-dei-centri-storici-e-le-opportunita-del-progetto- transismic.html (Consultato il 04.11.2013)

http://www.ambienteambienti.com/pagine-link/2010/02/news/le-citta-nel-tempo-e-nello-spazio-3458.html (Consultato il 04.11.2013)

http://electronica.unifi.it/online/itinerari_albania/assets/regionesc utari.html (Consultato il 08.12.2013)

http://progettoriva.altervista.org/files/attivita- 3?download=24:documenti-fase-3 (Consultatoli 11.12.2013)

http://www.infoshkodra.com/index.php/index.php?option=com_content&view=article&id=197:teatri-migjeni&catid=25:aktivitete&ltemid=80 (Consultato il12.12.2013)

http://www.albanovaonline.com/scutari/dx_e_suma.htm (Consultato il 05.01.2013)

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)