Politecnico di Torino (logo)

Cheirasco, Claudio

La città di Torino: immagini e percezioni a confronto.

Rel. Luca Davico. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2014

Abstract:

Nei quattro capitoli che compongono questa tesi viene affrontato il tema dell'immagine della città, nel mio caso Torino. Nel primo capitolo ho voluto parlare dell’evoluzione della città. Sin dall'inizio della storia, gli uomini hanno manifestato la propria natura sociale, a partire dalla preistoria gli insediamenti si sono evoluti nel corso dei millenni.

Le prime città sembrano minuscole rispetto alle metropoli di oggi, ma è da loro che il centro urbano si è evoluto. Le città non hanno solo sfruttato il lavoro dell'uomo, imponendo divisioni sociali e tecniche, ma sono state elementi dinamici e centri di innovazione e di ridistribuzione di beni comuni. Ho guardato a tutto ciò facendo un breve tracciato dei punti salienti di questa evoluzione per arrivare fino al XX secolo; trasformazioni, che hanno uno strettissimo legame con le grandi "rivoluzioni" epocali, la riorganizzazione di un nuovo sistema economico neo-liberale, la rivoluzione tecnologica e la globalizzazione. La composizione sociale delle città e la loro forma fisica, sono infatti uscite trasformate dai cambiamenti che hanno investito l'economia, i sistemi produttivi, lavorativi, nonché le relazioni spazio temporali. La sempre maggiore mobilità richiesta ed imposta dalla globalizzazione crea una realtà sociale nuova, nomade, non più classificabile con i criteri di residenza, cittadinanza, appartenenza ed identità locale del passato. L'impatto delle nuove tecnologie ha trasformato completamente il nostro modo di vivere e percepire la relazione spazio-temporale creando una nuova dimensione le cui ripercussioni sul modo di vivere, ho quindi cercato di mostrare come sono oggi le città e come vengono vissute da chi ci abita e da chi ci passa, soffermandomi soprattutto sulle vicende di Torino e dei suoi cambiamenti in atto in questi tempi, capendo come sta reagendo al periodo di crisi.

Nel secondo capitolo ho analizzato l'aspetto della cultura attraverso le dinamiche dei processi percettivi: dimensione fisica, psicologica e socioculturale, mi sono soffermato sul concetto di cultura e percezione, proprio perché sono termini fondamentali per capire come ogni persona possa vedere le cose e soprattutto come possa percepire le immagini della città. Tutto ciò è importante perché ogni individuo ha vissuti diversi e tante volte non si possono fare "metri di paragone" su una stessa visione, perché ognuno porta in sé un proprio "bagaglio culturale". In questo modo possiamo capire perché anche la città, a seconda dei soggetti che la osservano, può trasmette sensazioni diverse, per qualcuno un rifugio per mimetizzarsi, per altri repulsione perché troppo caotica.

Ho esposto il rapporto che si viene a creare tra l'identità dei soggetti e la dimensione spaziale, vedendo come viene costruita l'identità dei luoghi nelle persone attraverso la memoria, i ricordi, le tradizioni locali, gli eventi storici; parlando del legame tra cultura e città che porta con se un desiderio identificativo. Infatti, lo spazio, l'organizzazione sociale e la cultura intrattengono con la città rapporti che intrecciano e determinano stili di vita, di lavoro, di ruoli, di idee e di identità, per capire il concetto di "identitario", cioè, uno spazio che può essere allo stesso tempo fisico e simbolico, in grado di generare un senso di appartenenza nelle persone che ci vivono e attrazione per la città.

Ho continuato trattando il tema del "ruolo dell'immagine", infatti l'immagine di un luogo è la rappresentazione di quel luogo pritore. L'immagine della città ha un ruolotivo, essa infatti contribuisce alla formazione dele del pubblicoercepita si può capire in che modo gli sfpporti statistici su Torino e il Piemonte succedutisi l'immà moderne, possono attrarre visitatori e verso campagne di marketing territoriale, le citti è m internazionale, passato l'evento olimpico questo modo la città promuove la creatività, gioca cosiddetta "classe creativa". Le città che riescono offrire ricchezza di esperienze estetiche, la terza coduzioni culturali e creative, subito dopo Milano e Roma, tuttavia non tutti i settori sembrano ben avviati, in generale si riscontra la necessità di un intervento pubblico a sostegno del settore.

Nel terzo capitolo, quello sulla promozione della città, ho affrontato l'argomento del city marketing e dei nuovi strumenti di promozione e gestione della città nell'ambito dei processi di rigenerazione urbana. In questo periodo di declino economico e di crisi identitaria le città riescono a creare nuove opportunità economiche sperimentando politiche di rilancio legate all'immagine veicolata attraverso il city marketing, Torino è riuscita in questo modo a trovare un suo brand d'immagine, che ha favorito l'evoluzione di Torino attraverso "l'industria culturale" poiché risulta un fattore di crescita nell'economia locale. L'attrattività turistica, infatti, viene considerata come bene di consumo della post-modernità; Torino è meta di turismo urbano, dall'eredità post-olimpica al ruolo della nuova Torino per la cultura, si delineano nuovi percorsi urbani atti alla scoperta della "storica e moderna" Torino da vivere e ammirare. Uno dei poli di attrattività culturale di Torino, infatti, sono i musei e le residenze sabaude. Ho fatto un accenno delle varie proposte museali e quelle dell'arte contemporanea e, trattato degli "eventi", che risultano di notevole importanza nella competizione tra le città; infine ho parlato del fenomeno del turismo culturale: Torino, ormai, non è più la città grigia della FIAT, ma è stata sostituita dal pensiero comune che la prima capitale d'Italia è città d'arte e cultura. Il viaggio, infatti, è sempre stato parte della vita dell'uomo, mentre il turismo come fenomeno, appartiene alla società moderna, negli ultimi anni con l'avvento della società post-industriale, il turismo è soggetto ad una maggiore crescita in tutto il mondo, da fenomeno esclusivo a fenomeno di massa, il patrimonio artistico di una città non è solo un insieme di beni materiali collocati in un luogo, ma è un bene capace di attirare visitatori, per un consumo di beni anche immateriali e unici che si ricollegano all'immagine della città. Tutto ciò è stato visto, anche attraverso le varie indagini, che hanno permesso di capire l'evoluzione di Torino sotto l'aspetto dei musei, degli eventi e del turismo negli ultimi dieci anni.

Nel quarto capitolo, infine, ho fatto il punto della situazione, analizzando le indagini realizzate su Torino e che ne hanno accompagnato il cambiamento, evidenziando l'immagine interna, cioè quella percepita dai torinesi e quella esterna percepita dai visitatori, traendo così delle conclusioni sullo stato dell'arte della trasformazione dell'immagine di una città: Torino.

Relatori: Luca Davico
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
SS Scienze Sociali ed economiche > SSC Moda e costumi
U Urbanistica > UK Pianificazione urbana
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3515
Capitoli:

INTRODUZIONE

Capitolo 1-LA CITTA'

1.1 L'evoluzione della citt

Bibliografia:

Bibliografia del primo capitolo

AMENDOLA G. (2008), La città postmoderna. Magie e paura della metropoli contemporanea, Laterza, Roma-Bari.

BAIROCH P. (1985), De Jéricho à Mexico. Villes et économie dans l'historie, Gallimard, Paris.

BAUMAN Z. (1999), La società dell'incertezza, Il Mulino, Bologna.

CAMAGNI R. (a cura di, 1996), Economia e pianificazione della città sostenibile, Il Mulino, Bologna.

DAVICO L., MELA A. (2002), Le società urbane, Carocci, Roma.

DE MORA GAS M. (2002), I Giochi Olimpici: cultura, identità e comunicazione, in BOBBIO L. e GUALA C. (a cura di), Olimpiadi e Grandi Eventi. Verso Torino 2006, Roma, Carocci.

DENZIN N.K. (1991), Images of Postmodern Society. Social Theory and Contemporary Cinema, Sage, London-Newsbury Park.

DICKENS (1992), Society and Nature. Towards a Green Social Theory, Harwester Wheatsheaf, Hemel Hempstead.

ERCOLE E. (1999), La crescita metropolitana, in G. Martinotti (a cura di), La dimensione metropolitana, il Mulino, Bologna, pp. 191-230.

ESPING-ANDERSEN G. (1991), Strutture di classe post-industriali: un confronto tra Germania, Svezia e Stati Uniti, in "Stato e mercato", 32, pp.219-47.

GIDDENS A. (1994), Le conseguenze della modernità. Fiducia e rischio, sicurezzcrepericolo, Il mulino, Bologna.

GORDON CHILDE V. (1979), Preistoria della società europea, Sansoni editore, Firenze 1979, traduzione di J. P. le Divelec

GOVERNA F., ROSSIGNOLO C., SACCOMANI S. (2009), Urban regeneration in a Post-Industrial City, in "Journal of Urban Regeneration and Renewal'', 3,I, pp. 20-30.

GV3A.V.A, C. (J2.002.Y Per una tipologia dei mega eventi, \r\ "Bollettino della Società Geografica Italiana", serie XII, volume VII.

GUALA C. (2007), Mega Eventi. Modelli e storie di rigenerazione urbana, Carocci, Roma.

KRESL P. K. (2007), Planning Cities for the future: The successes and Failure of Urban Economic Strategies in Europe, Edward Elgar, Cheltenham.

LANZANI A. (2003), Ipaesaggi italiani, Meltemi editore, Roma.

LASCH C. (1979), The culture of narcissism, Norton & Co., New York; trad. it. La cultura del narcisismo, Bompiani, Milano, 1981.

L’EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2007), Senza rete, ottavo rapporto annuale su Torino, Guerini e Associati, Milano.

MAGNIER A., RUSSO P. (2002), Sociologia dei sistemi urbani, Il Mulino, Bologna.

MELA A. (2006), Sociologia delle città, Carocci, Roma.

MUMFORD L., (1961), The city in History: its origins, its traospects,rk.

OLMO Ciale, città del Novecento, ine. Storia dentali e urbane a Modena nel Novecento. GRE A., DANSERra al territorio, Utet, Torino.

SENNET R.New York; trad. it. H declino dell'uomo pubblico, BomROI E.ento totale, in MAZZETE A. (a cura di), Lmiche del mutamento urbano, Franco Angeli, Milano.

2000), a cittàf, Torino Internazionale, Torino. Politica urbana e orientamento al mercato, in: MARTINOTTI G. (199e metropolitana, Il Mulino, Bologna.

Bibliografia per il secondo capitolo

AGGER GENTIKOW B„ HEDETOFT U„ (1990), Stereotypes in Europa, Aarthus universitetsforlag, Arhus.

AMENDOLA G. (A cura di, 2006), La città vetrina. I luoghi del commercio e le nuove forme del consumo, Liguori, Napoli.

AMENDOLA G. (2008), La città postmoderna. Magie e paura della metropoli contemporanea, Laterza, Roma-Bari.

BALOGLU S., MCCLEARY K., (1999), A model of destination image formation, in "Annals of Tourism Research", vol.26, pp.868-897.

BELLINI, N., (2005), Territorial Governance and Area Image, in "Symphonya" Emer, Milano.

BERLIN I. (1998), Hriccio e la vAROLI, M. G., (1999), HMarketing territoriale, Franco A, ogia e progettazione del territorio, Car urbane, Carocci, Roma.

FLORIDA R. (2003), L'ascesa della nuova classe creativa. Stile di vita, valori e professioni, Mondadori, Milano.

GARTNER W.C. (1993), Image formation process, "Journal of Travel and Tourism Marketing, 2.

GAZZOLA A. (2011), Uno sguardo diverso: la percezione sociale delostruito, Franco Angeli, Milano.

GAZZOLA Percepciòn social del espacio, la seguridad y la caladta Catalana de Seguretat Pùblica", 9, . Dialogo sulla città, L'Harmattan Italia, Torino.

GIDDENS A (1984), The Constitution of Society, Polity Press, Cambridge, trad. it. (2009), La costituzione della società, Comunità Milano.

GOFFMAN E. (1971), Relations in Pubblic, Harper and Row, New York, trad. it. (1981), Relazioni in pubblico, Bompiani, Milano.

GOLD, J.R., e WARD, S. V., (1994), Place promotion: the use of publicity and marketing to sell towns and regions, Chichester, John Wiley &. Sons.

GRONROOS C., (1994), Marketing e management dei servizi, Isedi, Torino.

GUALA C. (2007), Megaeventi. Modelli e storie di rigenerazione urbana, Carocci, Roma.

GUNN C., (1972), Vacationscapes: designing tourist regions, Van Nostrand, New York.

HARVEY D. (1989), The urban experience, Blackwell, Oxord, trad, it., L'esperienza urbana, Il Saggiatore, Milano, 1989.

HILLIER B. e HANSON J. (1984), The social logic of space, Cambridge University Press, Cambridge.

ITTELSON W. (1980), Percezione dell'ambiente e teoria contemporanea della percezione, in BAGNARA S., MISITI R., Psicologia ambientale, Il Mulino, Bologna.

JAFFE E.D., NEBENZAHL I.D., (2001), National image and competitive advantage, Copenhagen Business School Press, Copenhagen, Denmark.

KOTLER, P., (1997), Marketing Management, Prentice Hall, London.

KOTLER, P., ASPLUND C., REIN I., HAIDER D.( (1999), Marketing Places Europe: How to A ttract Investments, Industries, Residents and Visitors to Cities, Communities, Regions and Nations in Europe, Prentice Hall, London.

KOTLER, P., HAIDER H.D., REIN I., (1993), Marketing Places. Attracting Investment, Industry and Tourism to Cities, States and Nations, in "The Free Press", NY.

LALLI M. (1992), Urban-related identity: theory, measurement, and empirical finding, "Journal of Environmental Psychology, 12, pp. 285-303.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2007), Senza rete, ottavo rapporto annuale su Torino, Guerini e Associati, Milano.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2008), Solista e solitaria, nono rapporto annuale su Torino, Guerini e Associati, Milano.

LEISEN B., (2001), Image segmentation: the case of a tourism, destination, in "Journal of services Marketing", vol.15, n.l, pp.49-66.

LYNCH K. (I960), The Image of the City, MIT Press Cambridge, trad, it., L'mmagine della città, (2008), Marsilio, Venezia.

MELA A. (2006), Sociologia delle città, Carocci,Roma.

NEILSEN L., (2001), Branding Britain. A global tourism branding strategy, in "Journal of Brand Management", Vol. 9, No. 4-5.

NUVOLATI G. (2002), Popolazioni in movimento, città in trasformazione: abitanti pendolari, city users, uomini daffari e flaneurs, Il Mulino,Bologna.

OSTILLIO M.C., (2000), La comunicazione territoriale, in Valdani E., Ancarani F., (a cura di), H marketing territoriale, logiche, strumenti e casi nel contesto italiano e internazionale, EGEA, Milano, pp.157-177.

PHELPS A., (1986), Holiday destination image- the problem of assessment. An example developed in Menorca, "Tourism Management", 7, 168-180.

ROSSI A. (1999), Luoghi urbani, Unicopli, Milano.

SASSEN S. (2000), Cities in a world economy. Trad. It. (1997), Le città nell'economia globale, Il Mulino, Bologna.

SCHILDER P., (1950), The Image and Appearance of the Human Body, International Universities Press, New York.

SELBY M., MORGAN N.J., (1996), Reconstruing place image. A case of study of its role in destination market research, in "Tourism Management", vol.17, n.4, pp. 287-294.

VICARI HADDOCK S. <& MOULAERT), Rigenerare la città: pratiche di innovazione sociale nelle città europee,l Mulino, Bologna.

Bibliografia per il terzo capitolo

AAKER, D. (1991), Managing brand equity. New York, NY: Free Press.

ALLEN, G., (2003), Branding Beauty: Super, Natural British Columbia: A Case Study Analysis of Place Branding. University of Westminster, Unpublished dissertation.

AMATO G, VARALDO R„ LAZZERONI M. (a cura di) (2006), La città nell'era della conoscenza e dell'innovazione, Franco Angeli, Milano.

ANHOLT, 5, (2007), Competitive identity: the new brand management for nes and regions, Palgrave, Macmillan.

AVE G. e CORSICO F. (a cura di) (1994), Marketing urbano in Europa: Conferenza internazionale Marketing Urbano, Torino Incontra, Torino.

BECHERI E. (1998), T/ Turismo Fra Economia E Sociologia. Uno Scenario Di Lungo Periodo, In Pcm (1998), Presidenza Del Consiglio Dei Ministri, "Ottavo Rapporto Sul Turismo Italiano".

BERTOLINO G. et al. (2004), Indagine sul sistema locale (1999-2004), in AA.VV., Arte contemporanea a Torino. Da sistema locale a eccellenza internazionale, Torino internazionale, Torino.

BONDONIO P., DANSERO E., GUALA, C„ MELA A., SCAMUZZI S„ (2007), (A Cura Di), A Giochi Fatti. Le Eredità Di Torino 2006, Carocci, Roma.

CAI, L., (2002), Cooperative branding for rural destination, in "Annals of Tourism Research", 29, 720-742.

CAROLI M. G., (1999), HMarketing territoriale, Franco Angeli, Milano.

CENTRO EINAUDI, COMITATO GIORGIO ROTA, (2013), Solista e solitaria. Quattordicesimo rapporto annuale su Torino, Centro Einaudi.

DE CHERNATONY, L and DALL'OLMO RILEY, F.( (1998), Defining a brand: beyond the literature with experts' interpretations, in "Journal of Marketing Management", 14(5), 417-443.

DEMATTEIS, &., (1994), H marketing urbano: cooperare per competere, in AVE e CORSICO, op. cit.

DEMATTEIS &., (2005), La città creativa: un sistema territoriale irragionevole, in AMATO G., VARALDO R., LAZZERONI M., op. cit.

FERNANDEZ-CAVIA M„ HUERTAS-ROIG T. (2009), Information Communication Tehcnologies and City Marketing, bigi tal Opportunities for Cities Around the World, in "Information Science Reference", Hershey, New York.

FLORIDA R. (2003), L'ascesa della nuova classe creativa. Stile di vita, valori e professioni, Mondadori, Milano.

GASTALDI F. (2010), Nuovi strumenti di promozione e gestione della città, in STORCHI S. (a cura di), Centri storici. Proposte per lo sviluppo, Fantigraf ica Edizione, Cremona

GILLI M. (2005), Heritage Tourism, appartenenza e ricerca di identità, Equilibri, 2, pp. 393-415.

GILLI M. (2009), Lo heritage tourism e la città, in E. MARRA (a cura di), La nuova competizione urbana: turismo, marketing urbano e imagi ni della città, Guerrini e Associati Editore, Milano.

GUALA C. (2002), Per una tipologia dei mega eventi, in "Bollettino della Società Geografica Italiana", serie XII, volume VII.

HALL P. (1992), Urban and regional planning, Routledge, London-New York.

HALL T. (1998), Planning Europe' s capital cities: aspects of nineteenth- century urban development, E & FN Spoon, London.

JANSEN-VERBEKE M., VAN REKOM J. (1996), Scanning museum visitors. Urban tourism marketing, "Annals of Tourism Research".

KAVARATZIS, M. and ASHWORTH, GJ„ (2005) City branding: an effective assertion of identity or a transitory marketing trick?, in Tijdschrift voor Economiche en Sociale Geografie, 96(5), 506-514.

KOTLER N., KOTLER PH. (1999), Marketing dei musei. Obiettivi, traguardi, risorse, Edizioni di Comunità, Torino.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2000), Lavori in corso. Primo rapporto annuale su Torino, Scaricabile in PDF sul sito: http://www.rapporto-rota.it.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2001), La mappa del mutamento. Secondo rapporto annuale sulla Grande Torino, Guerini e Associati, Milano.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2002), Voglia di cambiare. Terzo rapporto annuale sulla Grande Torino, Guerini e Associati, Milano.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2003), Count down. Quarto rapporto annuale Guerini e Associati, Milano.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2004), Le radici del nuovo futuro. Quinto rapporto annuale su Torino, Guerini e Associati, Milano.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2005), L'immagine del cambiamento. Sesto rapporto annuale su Torino, Guerini e Associati, Milano.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2006), Giochi aperti. Settimo rapporto annuale su Torino, Guerini e Associati, Milano.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2007), Senza rete. Ottavo rapporto annuale su Torino, Guerini e Associati, Milano.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2008itaria. Nono rapporto annuale su Torino, Guerini e Associati, Milano.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA (2009), dieci anni per un'altra Torino, Guerini e Associati, Milano.

MARRA E. (a cura di) (2009), La nuova competizione urbana: turismo, marketing urbano e immagini della città, Guerini e Associati Editore, Milano.

MARTINA, A., (2006), Comunicare la Città. Hcaso di Torino olimpica, Bruno Mondadori, Milano.

MARTINOTTI G. (1993), Metropoli, Il Mulino, Bologna.

MELA A. (2006), Sociologia delle città, Carocci, Roma.

OLINS, W., (2002), Branding the nation — The historical context, in "Journal of Brand".

PEARCE D.G. (2001) An integrative framework for urban tourism research, "Annali of Tourism Research".

RULLANI, E„ (2005), intervento in AMATO G„ VARALDO R„ LAZZERONI M., op. cit.

SCOTT, A.J., (2001), The Cultural Economy of Cities, Sage Publications, London.

TRACLÒ F„ TORTORELLA W. (2007), Oltre I Limiti bel Turismo All'italiana, Il Mulino, Bologna.

VAN DEN BERG L, KLAASSEN, L„ MOLLE W.; PAELINK, J„ (1981), bynamics of Urban bevelopment, Gower, Aldershot.

VICARI HADDOCK S. (2004), La Città Contemporanea, Il Mulino, Bologna.

WITCOMB A. (1997), On the side of the object: an alternative approach to debates about ideas, objects and museums, "Museum Management and Curatorship".

Bibliografia per il quarto capitolo

BAGNA SCO A. (1986), Torino. Un profilo Sociologico, Einaudi, Torino

BOBBIO L., GUALA C. (a cura di) (2002), Olimpiadi e grandi eventi. Verso Torino 2006, Carocci, Roma.

BONDONIO P„ DANSERO E., GUALA, C„ MELA A., SCAMUZZI S„ (A Cura Di), (2007), A Giochi Fatti. Le Eredità Di Torino 2006, Carocci, Roma.

BONDONIO P., DANSERO E., MELA A. (a cura di) (2006), Olimpiadi oltre // Torino 2006: secondo rapporto sui territori olimpici,Carocci,Roma.

BONDONIO P. e GUALA C. (2012), Gran Torino. Eventi, turismo, cultura, economia, Carocci, Roma.

CENSIS (1989), Torino metropoli internazionale, ISEDI Petrini, Torino.

CERI P. (a cura di) (1988), Impresa e lavoro in trasformazione, Il Mulino, Bologna.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2000), Lavori in corso. Primo rapporto annuale su Torino, Tipostampa s.r.l., Torino.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2005), L'immagine del cambiamento. Sesto rapporto annuale su Torino, Guerini e Associati, Milano.

L'EAU VIVE, COMITATO GIORGIO ROTA, (2011), I legami che aiutano a crescere. Dodicesimo rapporto annuale su Torino, Guerini e Associati,Milano.

MONTANARI A. (2002), Grandi eventi, marketing urbano e realizzazione di nuovi spazi, in "Bollettino della Società Geografica Italiana", serie XII, volume VII, 4,

RICOLFI L. (e altri) (1988), Essere giovani a Torino, Rosenberg e Sellier, Torino.

SCAMUZZI S. (ed.), (2001), L'immagine del Piemonte: rapporto di ricerca, Dipartimento di Scienze sociali, Università di Torino, Torino.

SEGRE A., SCAMUZZI S. (2004), Aspettando le Olimpiadi. Torino 2006:

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)