Politecnico di Torino (logo)

Cannillo, Aldo and Casoni, Daniele

Quando il malato è la città : la riqualificazione degli edifici dismessi dell’ASL di Asti.

Rel. Pierre Alain Croset. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta', 2013

Abstract:

Da otto anni, la città di Asti discute di un problema molto sentito: trovare una destinazione ai fabbricati vuoti, un tempo contenitori dell'Ex Ospedale cittadino. Per la posizione strategica occupata al centro del territorio comunale e per il numero di persone che gravitavano attorno al polo ospedaliero, gli edifici in questione ricoprivano un ruolo fondamentale negli equilibri economici e sociali della città. Equilibri progressivamente mutati dopo l'entrata in funzione del nuovo Ospedale, situato in zona Fontanino alla periferia nord di Asti.

Un anno dopo la costruzione del nuovo Ospedale Cardinal Massaia, iniziata nel 1997 e conclusasi nel 2004, vengono trasferite tutte le attività sanitarie, ad eccezione della radioterapia che entra in funzione solo a fine 2006, anno della dismissione ufficiale dei tre immobili facenti parte del complesso ASL 19 di Asti.

Già dagli anni '90 si è a conoscenza dell'esistenza del progetto del nuovo Ospedale, ma non viene pianificata alcuna destinazione d'uso alternativa per i vecchi edifici, nè in vista del loro abbandono, nè successivamente quando la dismissione diventa reale.

Ancora oggi il tema dei contenitori vuoti astigiani ritorna attuale (e strumentalizzato) soltanto ad ogni tornata politica, per essere poi nuovamente dimenticato al termine delle elezioni. La mancanza di priorità urbane e di una visione progettuale d'insieme, hanno portato Asti ad adattare il proprio sviluppo a quello della politica economica. Le attenzioni delle amministrazioni sono state rivolte maggiormente a questioni superficiali ed individualistiche, anziché al bene comune e alla qualità della vita dei propri cittadini.

Questa tesi nasce dunque dalla necessità di dotare di nuove identità le aree e gli edifici del complesso dell'Ex Ospedale Civile dell'ASL 19 in stato di abbandono da troppo tempo, per mezzo di una rifunzionalizzazione mirata.

"Rifunzionalizzare"significa per noi re-interpretare segni e componenti della struttura dei vecchi edifici, per consegnarli alla contemporaneità con una funzione rinnovata, dotata di una nuova forza comunicativa e quindi chiaramente distinguibile; significa inoltre fondare nuove relazioni con il contesto, dalle quali può scaturire anche una rinascita di questi luoghi.

Nei prossimi capitoli verranno analizzate le dinamiche dei quartieri attorno agli edifìci ospedalieri dismessi : risaliremo alla storia dei fabbricati e dei contesti coinvolti, cercheremo di identificare le richieste primarie e le esigenze della comunità, così da soddisfare, con progetti mirati, i bisogni puntuali riscontrati in ogni area.

Il percorso di analisi dopo aver vagliato le soluzioni proposte dalla Variante ASL, e valutato con un'attenta diagnosi criticità e punti di forza, si concluderà con una proposta progettuale mirata a risanare il "malato"- città.

Temi attuali nel comune di Asti quali l'emergenza casa, la crescente domanda abitativa e l'abbandono di aree centrali a favore di poli periferici ci hanno condotto verso tre proposte progettuali diversificate nelle tre aree prese in considerazione per l'intervento progettuale, tutti appartenenti all'Ex Complesso Ospedaliero astigiano: la Sede principale dell'Ex Ospedale ( vile in via Botallo, il fabbricato adibito ad Uffici e Laboratori dell'ASL in via Orfanotrofio e l'ari della Ex Maternità in via Duca D'Aosta.

Relatori: Pierre Alain Croset
Soggetti: A Architettura > AG Edifici e attrezzature per la sanità e l'assistenza
R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta'
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3464
Capitoli:

Introduzione

Contenitori vuoti nella città di Asti

1.1 L'edificio contenitore : criticità e potenzialità

1.2 li caso di Asti

1.3 II recupero degli edifici dismessi nella città

L'ex complesso ospedaliero della ASL 19 di Asti

2.1 Descrizione delle aree

2.2 La storia della città sotto il profilo sociale, politico e sanitario

Aspetti urbanistico - legislativi

3.1 Piano Regolatore Generale di Asti

3.2 Variante Strutturale per la definizione delle previsioni per il riuso degli immobili in corso di dismissione da parte dell'ASL 19 di Asti

3.3 Studio di Fattibilità

L'Ex Ospedale Civile di Asti La rigenerazione socio-economica del Borgo Santa Maria Nuova

4.1 Stato di fatto

4.2 Considerazioni pre-progettuali

4.3 Progetto

L'Edificio Ex laboratori ed uffici L'emergenza casa nel centro storico

5.1 Stato di fatto

5.2 Considerazioni pre-progettuali

5.3 Progetto

L'Edificio dell'Ex Maternità Il tassello di incontro in un tessuto urbano eterogeneo

6.1 Stato di fatto

6.2 Considerazioni pre-progettuali

6.3 Progetto

Conclusioni

Bibliografia

Bibliografia:

Monografie

BIANCO ALFREDO, Asti medioevale, in Astensia Acta Medica: rendiconti delle riunioni mediche dell'Ospedale Civile di Asti, Seminario Vescovile di Asti, Asti, 1961.

BONDONIO ANDREA; CALLEGARI GUIDO; FRANCO CRISTINA; GIBELLO LUCA, Dismissione e trasformazione: attori, strategie, geografie tra riuso e sostenibilità. Trenta casi studio in Italia, Firenze, Alinea, 2005.

BORDONE RENATO, L'assistenza laica nel Cinquecento: il ruolo dei mercanti, in Dalla carità al Credito. Ricchezza e povertà ad Asti dal Medioevo all'Ottocento, Asti, Editrice Omnia, 2005.

BUTTRICO GIOVANNI, Asti, progetto e costruzione di una città, 1848-1918, Cuneo, L'arciere, 1981.

BUTTRICO GIOVANNI, Asti, progetto e costruzione di una città, 1918-1940, Cuneo, L'arciere, 1981.

COMOLI MANDRACCI VERA, Studi di storia dell'urbanistica in Piemonte: Asti, Torino, Centro Studi Piemontesi, Torino, 1972.

CROSA GIUSEPPE, Asti nel Sette-Ottocento, Cavallermaggiore, Gribaudo, 1993.

DANSERO EGIDIO; GIANO CAROLINA; SPAZIANTE AGATA, Se i vuoti si riempoiono. Aree industriali dismesse: temi e ricerche, Firenze, Alinea, 2001.

GRASSI SERAFINO, Storia della città di Asti, Bologna, Forni, 1972.

SACCO FILIPPO, Doppio clic - La memoria fotografica dell'Astigiano, Asti, Diffusione Immagine, 2008.

SECCHI BERNARDO, Il racconto urbanistico. La politica della casa e del territorio in Italia, Milano, Einaudi, 1984.

TOSCO CARLO, Ospedali, strade e architetture, in I luoghi delle cure in Piemonte, Torino, Celid, 2004.

ZANETTI MICHELANGELO, Nuovi modelli residenziali: riuso di manufatti industriali e reinsediamento su aree industriali di nuovi quartieri sostenibili, Trieste, EUT, 2012.

Tesi di laurea

DAVICO FLAVIA, Il mosaico urbano - Analisi e proteste di rifunionalizzazione, Facoltà 2 - Corso di Lau¬rea in Architettura, Politecnico di Torino, a.a. 2009/2010, rel. Tosoni Piergiorgio.

DI ROSA TIZIANA; PARODI FRANCESCA, Per una rete di archivi dei piani urbanistici in Italia: Asti (7860- 1939), Tesi di Laurea, A.A. 2001/2002, Facoltà 2 - Corso di Laurea in Urabnistica, Politecnico di Torino, a.a. 2001 /2002, rell. Comoli Mandracci Vera; Fasoli Vilma.

GARBERÒ ALESSANDRO; RAVA CRISTINA, La Caserma Colli di Felizzano di Asti, dalla memoria militare ad una nuova dimensione funzionale, Facoltà 2 - Corso di laurea Specialistica in Architettura Restauro e Valorizzazione, Politecnico di Torino, a.a. 2011/2012, rel. Romeo Emanuele.

LUPO VERGA PI ETRO, Riciclare l'abbandonato _ Pratiche spontanee e politiche pubbliche per il riuso di spazi dismessi, Corsodi laurea Triennale in Urbanistica, Politecnico di Milano, a.a. 2007/2008, rel. Novak Christian.

Documenti

BIANCO ALFREDO, Asti medioevale, in Astensia Acta Medica: rendiconti delle riunioni mediche dell'Ospedale Civile di Asti, Seminario Vescovile di Asti, Asti, 1961.

BIGLIANI, Trasformazione di un fabbricato di proprietà della Federazione Fascista dei Lavoratori dell'Industria, Permesso di costruire n°190 17/5/1940, Asti, Archìvio Storico di Asti.

BOFFANO ALDO, Progetto dei lavori di costruzione della camera mortuaria e di locali ad uso magazzino, Permesso di costruire n°265 14/5/1956, Asti, Archivio Storico di Asti.

COMUNE DI ASTI, Variante strutturale per la definizione delle previsioni per il riuso degli immobili in corso di dismissione da parte dell' ASL AT, Asti, 2009.

FONDAZIONE ANTONIETTA PITTARELLI BADOGLIO, Documento della Fondazione Antonietta Pittarel- li Badoglio, Roma, 1940, Archivio ASL di Asti.

FONDAZIONE ANTONIETTA PITTARELLI BADOGLIO, Documento di cessione del fabbricato della fondazione all'Opera Nazionale Maternità ed Infanzia, Roma, 1946, Archivio ASL di Asti.

IN AM ASTI, Sopraelevazione e nuova edificazione edificio IN AM di Via Orfanotrofio, Permesso di costruire n°39 29/1/1959, Asti, Archivio Storico di Asti.

OSPEDALE CIVILE DI ASTI, Convenzione con l'OMNI, Atto del 5/12/1956, Asti, Archivio ASL di Asti.

3TI PROGETTI ITALIA, Studio di fattibilità - Intervento di riuso degli immobili ex ASL 19, Roma, 2010.

Convegni

CGIL Asti, Il futuro di Asti, per un domani di crescita e lavoro - Architettura e Territorio, Trasformazione_Governo_Promozione Asti, 21 Giugno 2013, interventi di:

- BYRNE GONZALO;

- DANEO ROBERTO;

- HICHEY KRISTIN.

Ordine degli Architetti di Asti, ASTIFEST-Festival dell'architettura astigiana, Asti, 11/27/28/29 Settembre 2013, interventi di:

- BO GIOVANNI;

- BOSIA LUCIANO;

- DE MARCHIS ANGELO.

Siti Web

www.albergoetico.it

www.agenziaentrate.gov.it

www.asia.usb.it

www.comuninrete.at.it

www.coordinamentoasti-est.blogspot.it

www.ilfattoquotidiano.it

www.lanuovaprovincia.it

www.regione.piemonte.it

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)