Politecnico di Torino (logo)

Oliveto, Ivan

Le città dopo i Bastioni di Orione : centri urbani "smart" tra realtà e utopie.

Rel. Luca Davico. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile, 2013

Abstract:

Nelle città vive la maggioranza della popolazione, il 70% dell’energia è consumata dalle grandi città che sono anche le maggiori responsabili delle emissioni di C02 eppure visioni di questo tipo erano già state predette dalla filmografi e dai grandi romanzieri fantascientifici del genere distopico.

Grandi città fumose e sovrappopolate, città tecnologiche piene di sensori e di strumenti sempre più high tech non sono più appannaggio di scrittori ma sembrano divenire sempre più rapidamente la realtà di molte città. Le smart city rappresentano quindi la visione utopica delle città del futuro, che si scontrano con le visioni pessimiste delle città distopiche.

Il titolo della tesi prende spunto dal forse più noto film di fantascienza distopico, Biade Runner, in cui il replicante Nexus 6 (nome tra l’altro di un modello di tablet di Google) scandisce la famosa frase ormai rimasta nella storia del cinema: « lo ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi, navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhàuser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. È tempo di morire. ».Il titolo vuole richiamare la dicotomia tra una realtà utopica prospettata da modelli di sviluppo sostenibili come quelle delle smart cities e realtà distopiche ampliamente rappresentate nei film e nei romanzi.

Lo sviluppo del ICT e dei servizi di social network, oltre che l’aumento delle con¬nessioni via mobile, apre un terreno fertile per l’affermarsi definitivo del modello di sviluppo delle Smart City, la tecnologia sembra una risposta ai problemi che affliggono le città, telecamere che permettono tempestivi controlli della sicurezza e le possibilità offerte da nuovi modelli di interazione tra utenti (Facebook,Twit- ter,Youtube) possono sviluppare soluzioni condivise e non più calate dall’alto.

A tutto questo però fa da contraltare la possibilità che in qualche modo si sviluppino quei processi di segregazione tipiche delle realtà distopiche; Gli anziani sapranno adattarsi a queste realtà tecnologiche? Che fine fanno i nostri rifiuti tecnologici? Come verrà affrontato il digital devise?

Nel primo capitolo è stato trattato il rapporto tra le città immaginate dalla fantascienza distopica e le realtà urbane mondiali, il sovrappopolamento, i conflitti tra diversi soggetti, i rifiuti elettronici e le visioni utopistiche di Architetti del novecento.

Nel secondo capitolo si sono voluti mettere in luce quegli aspetti che caratterizzano le metropoli odierne, cercare di comprendere quali sono i settori più inquinanti ed energivori delle nostre città. Nel paragrafo successivo si è invece voluto mettere l’accento sullo sviluppo di connessioni mobili e la diffusione nei diversi ambiti, poiché oggi più che mai gli strumenti mobili fungono da chiave per molti servizi delle città intelligenti, ci permettono,ad esempio di modificare il nostro percorso casa-lavoro nel caso di un incidente quale strada percorrere, o di conoscere gli orari degli autobus o di fornirci informazioni turistiche della città che stiamo visitando.

Nel terzo capitolo si è cercato di dare una visione su quelli che sono le maggiori definizioni e significati di Smart City a livello mondiale e quelle esperienze che sebbene dotate di un alto bagaglio tecnico non sono considerate realmente smart perchè deficitarie di alcuni aspetti o perché non inclusive. Inoltre si sono mostrati i principali Indicatori di smartness Europee e Italiane, redatti in questi ultimi anni, cosi come le politiche a sostegno delle smart cities avviate dalla comunità Europea e le politiche a livello nazionale.

Nel capitolo quarto si è prestata attenzione al futuro delle smart cities intese come opportunità di mercato in un’ottica di opportunità per le imprese tecnologiche di svilupparsi economicamente in un settore ancora poco noto all”opinione pubblica. Nel paragrafo 4.2 si è fatto una panoramica rapida su chi sono ora i leader del mercato delle forniture di strumenti iCT per la città, analizzando in particolare IBM e Cisco in quanto leader del mercato (Navigant research 2013).

Nel quinto capitolo si è cercato di fornire un elenco di Best Practice nella prima parte sono illustrati esempi di smart cities costruite ex novo con ingenti quantità di denaro e con soluzioni fortemente influenzate dal ICT, nel seguito si sono illustrati esempi di migrazioni da città di vecchia fondazione verso le città intelligenti, divise per macrotemi dove sono emerse per qualità dell’azione intrapresa.

Nella seconda parte del capitolo quinto sono state analizzate le città Italiane ed in particolare le attività di Genova, poiché presenta una visione smart codificata ed ampliamente riconosciuta anche in Europa come testimonia Tessersi aggiudicata tutti e tre i bandi del U.E sulle Smart City.

Milano poiché ha grosse opportunità legate al’esperienza di Expo 2015 che può fungere da scintilla e amplificatore per inziative Smart.

Bari poiché tra le città del Sud Italia si è dimostrata quella che ha recepito per prima il concetto di smart dotandosi di un PAES e di un’Associazione Bari Smart City.

Infine un paragrafo a parte è dedicato a Torino le cui pratiche di Smartness sono più vicine alle mie esperienze di cittadino e studente del Politecnico di Torino.

Il filo conduttore che lega tutti questi capitoli è la visione Distopica e Utopica fornita dai film e dai libri di fantascienza, si è cercato nello scrivere la presente tesi di pensare non solo ai lati positivi che le tecnologia può portare nel miglioramento quotidiano nella vita dei cittadini ma anche il “lato oscuro”, infatti se il nostro futuro è strettamente connesso alla rete, esiste un lato oscuro di internet? Come si fa a parlare di Smart City ed informare i cittadini sulle politiche attuate in un’ottica smart se il 70% non nè conosce l’esatto significato

Il perchè della scelta del genere Distopico come collante che unisce i vari capitoli è dovuto al fatto che nel 1964 sul New York Times per l’Esposizione Universale, intervistò Isaac Asimov, autore del Ciclo dei Robot e noto romanziere di fantascienza, egli raccontava come vedeva il mondo nel 2014.

Il sito internet OpenCulture ha raccolto alcune di queste “profezie” che oggi appaiono più vere che mai, questo mi ha spinto a ripensare la città in chiave pessimistica, qui do seguito ne sono riportate un estratto delle previsioni di Asimov per capirne la visione a tratti veramente profetica:

“Nel 2014 la popolazione mondiale avrà sei miliardi e mezzo di persone. New York sarà abitata da 350 milioni. La gente continuerà a crescere senza freni. Ci sarà a quel punto una propaganda mondiale per controllare le nascite.”

“Scompariranno tanti lavori tradizionali che saranno sostituiti dalle macchine. Anche la scuola si orienterà in questa direzione. L’istruzione superiore sarà basata su linguaggi informatici e tecnologici.”

“La parola lavoro sarà quella più importante del dizionario del nuovo secolo e del nuovo millennio.”

“L’uomo creerà ambienti che si adattano a se stesso. Entro il 2014 ci saranno pannelli luminosi che daranno vita a particolari giochi di luce.”

“Ci saranno veicoli guidati da robot. I viaggi si potranno programmare verso destinazioni diverse. La guida non avrà le interferenze dei riflessi umani”

“Le comunicazioni non saranno basate solamente sul suono, ma anche sulla vista. Si potranno vedere le persone che si chiamano al telefono. Sarà possibile sugli schermi anche leggere libri e stampare documenti”.

Quello che si è voluto fare,è stato quello di usare i film o libri del genere distopico che avevo avuto modo di leggere o vedere, per creare una connessione tra questi mondi utopici/distopici e le nostre realtà cittadine, vedendo quali delle profezie si sono realizzate e quali potrebbero realizzarsi e cercando di andare oltre la visione della smart city come risolutrice di tutti i mali.

Relatori: Luca Davico
Soggetti: S Scienze e Scienze Applicate > SD Computer software
S Scienze e Scienze Applicate > SF Elettronica, computers, Computer science
U Urbanistica > UK Pianificazione urbana
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il progetto sostenibile
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3456
Capitoli:

INTRODUZIONE

CAPITOLO 1: LA CITTA’ UTOPICA E DISTOPICA

CAPITOLO 2: ALCUNI DATI SULLE CITTA’

2.1 II FENOMENO DELL’URBANIZZAZIONE A LIVELLO MONDIALE

2.2 I CONSUMI DELLA CITTA’

2.3 Le CONNESSIONI

CAPITOLO 3: COSE’ UNA SMART CITY.

3.1 INTERPRETAZIONI E DEFINIZIONI

3.1.2COSANONE’SMART?.

3.2 GLI INDICATORI DI VALUTAZIONE DELLA SMARTNESS

3.3 POLITICHE PER LE SMART CITY.

3.3.1 LEPOLITICHEDISMARTNESSINEUROPA

3.3.2LEPOLITICHEDISMARTNESSIN ITALIA

CAPITOLO 4:LE COMPONENTI HARDWARD E LE OPPORTUNITA' DI MERCATO

4.1 ILMERCATODELLESMARTCITY.

4.2ILRUOLODELICT

CAPITOLO 5:BEST PRATICHE

5.1 LE BEST PRATICHE

5.1.1 LENUOVESMARTCITIES

5.2 MOBILITÀ SOSTENIBILE

5.2.1 TALLIN

5.2.2HELSINKI

5.2.3CURITIBA

5.3 SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA

5.3.1 MALAGA

5.3.2FRIBURGO

5.4 QUALITÀ DELLA VITA

5.4.1 GENT.

5.4.20ULU

5.4.3AMSTERDAM

5.5 LE Smart City in Italia

5.5.1 GENOVASMARTCITY.

5.5.2 MILANOSMARTIN VISTADI EXPO201 5

5.5.3 BARI LA SMART CITY MEDITERRANEA

5.6 TORINO SMART CITY

CONCLUSIONI

Bibliografia:

ABB - Ambrosetti (2012), Smart Cities in Italia: un’opportunità nello spirito del Rinascimento per una nuova qualità della vita.

http://www.ambrosetti.eu/it

Agenzia per la mobilità metropolitana (2010), Indagine sulla mobilità delle persone e sulla qual¬ità dei trasporti.

http://www.mtm.torino.it/it/dati-statistiche/indagini

Agenzia per l’Italia Digitale (2012) ARCHITETTURA PER LE COMUNITÀ INTELLIGENTI: VI¬SIONE CONCETTUALE E RACCOMANDAZIONI ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE http://www.digitpa.gov. it/sites/default/files/ArchSC_v2.0.pdf

Agnese Bertello. Emilia Blanchett (a cura di, 2012) CITY 2.0. IL FUTURO. DELLE CITTÀ. La sfida delle smart cities tra opportunità e necessità. www.festivaldellenergia.it/ebook/smart_city.pd

Antoni Vives,(2012) Conference ‘Barcelona Project: Leading the Way Out of the Crisis’ 22 Feb- bario 2012

ARUP (2011) Smart Cities Transforming the 21st century city via the creative use of technology

http://www.arup.com/~/media/Files/PDF/Publications/Research_and_whitepapers/Arup_Smart- Cities_June2011.ashx

BARRERA P. (2001) II rebus costituzionale delle città metropolitane, in «Forum di Quaderni Costituzionali», Il Mulino, Bologna

Between (2013) Smart City Index Report 2013 , Milano http://www.between.it/ita/smart-city-index.php

Booz &Co,(2010) Reinventing the City: Three Prerequisites for Greening Urban Infrastructures

http://www.booz.com/global/home/what-we-think/reports-white-papers/article-display/reinvent-

ing-city-three-prerequisites-greening

Brian Karis,Kelly McCartney,Professor Garrick Jeff Veilleux (2006) Transportation Case Study Curitiba

BRUZZO A., FERRI V. (2005) Le Politiche territoriali ed urbane della Comunità Europea, Dipartimento di Economia, Istituzioni e Territorio dell’Università degli Studi di Ferrara, in «Quaderno» n.24, settembre

BRUZZO A., FERRI V. (2006) Analisi Economica del territorio, in «Letture sulla scienza economica regionale», Dipartimento di Economia, Istituzioni e Territorio dell’Università di Ferrara,

Caragliu A., Del Bo C. & Nijkamp, P (2009). "Smart Cities in Europe", Research Memoranda

0048, VU University Amsterdam, Faculty of Economics, Business Administration and Econometrics

Cittaitalia e fondazione anci ricerche (2012) ."Il percorso verso la città intelligente", Roma http://www.centrodocumentazionecomuni.it/mondoancidoc/it7.

Cittaitalia e fondazione anci ricer/www.cittalia.it/images/file/SmartCities.pdf

Cerve296. Washingto Forecast Highlights, 2012 - 2017 http://wwast_highlights/index.html

Comune di Genova (2011) w.urbaivio/allegati/SEAP%20x%20

eumajors_0.pdf

tenziali di energia. "Tredicesimo rapporto «Gioota.it

ione Luigi Einaudi,” Liberare il futuroTorino.

http://www.rapporto-rota.it

Department for Business London (ities for the UK, Re¬search paper number 136

https://www.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/249423/bis-

13-1217-smart-city-market-opportunties-uk.pdf

EU-POLIS/DIST - Compagnia di San Paolo (2012), Torino e i territori piemontesi fra locale e globale. Politiche, reti e ancoraggi territoriali nella prospettiva place based perla nuova programmazione 2014-2012, Torino. http://areeweb.polito.it/ricerca/eupolis/

EU-POLIS/DIST - Compagnia di San Paolo (2013) Smart Torino :Pensare, fare, nb ;Torino http://areeweb.polito.it/ricerca/eupolis/

Economist Intelligence Unit,Siemens (2012) Latin American Green City Index Assessing the environmental performance of Latin America’s major cities.

http://www.siemens.com/entry/cc/features/greencityindexJnternational/all/en/pdf/report_latam_en.pdf

FORUM PA (2012) “ICity Rate 2012 - La classifica delle città intelligenti italiane" . http://www.icitylab.it/il-rapporto-icityrate/edizione-2012/la-pubblicazione/

FORUM PA (2011) Smart City Progetti e tecnologie per città più intellsmart-city-progetti-e-tecnologie-citta-piu-005), Il distretto ICT Piemontese: capacità di innovaeto sostenibile (2013) PIACENZA SMART CITLITÀ DELLE CITTÀ MED/f/Documenti/Piacenza_smart_city_2020_modello_sostenibile_studio_fondazione.pdf

Fondazione ANCI (2011) Smart City nel mondo ;Roma

http://www.centrodocumentazionecomuni.it/recensioni-anci/item/download/301_2e4bc58918a1e

caaffa3786c05e9b26a.

Fiorenzo FERLAINO Paolo MOLINARI (2006) NEOFEDERALISMO, NEOREGIONALISMO E INTERCOMUNALITÀ: IL GOVERNO REGIONALE E PROVINCIALE DEL TERRITORIO http://www.grupposervizioambiente.it/aisre_sito/doc/papers/Ferlaino.pdf

Guttentag D. A. (2010), “Virtual reality: Applications and implications for tourism Tourism Management 2010 Vol. 31 No. 5 pp. 637-651

Governo Italiano (2011), Piano e-Gov 2012: Report di avanzamento attività, http://www.funzionepubblica.gov.it/media/564276/piano_e_gov 2012.pdf

Granelli.A (2012) Città intelligenti?Per una via Italiana alle smart city, Luca Sossella Editore

Hopwood, D. (2007). “Blueprint for sustainability? What lessons can we learn from Freiburg’s inclusive approach to sustainable development?" ReFocus, May/June 2007.

iBinari+CityRailways (2011) ORGANISMI URBANI E METROPOLITANI URBANISMI, CLUSTER URBANI E AREE METROPOLITANE

http://www.cityrailways.it/storage/pdf/01_urbanismi%20ITALIA_2011.pdf

IMO (2010) Indagine sulla mobilità delle persone e sulla qualità dei trasporti, Torino

Ishida T. (2002), Activities and Technologies in Digital City Kyoto, Tokyo

Litman T.(2006), “London Congestion Price”, Victoria Transport Policy Institute ; Londra

Mauro Bonaretti (2012) Smart city in pratica: una possibile road map.Forum PA Edizioni

Mauro Bonaretti (2013) “Le città a colori. Due saggi di Mauro Bori a retti FORUM PA EDIZIONI http://profilo.forumpa.it/doc/?file=2013/Quademo_Bonaretti_gennaio2013.pdf

Mika Rantakokko (2013) Smart City as an Innovation Engine: Case Oulu ev.fe.uni-lj. si/5-2012/Rantakokko. pdf

McKinsey&Company (2012) Urban world: Cities and the rise of the consuming class

http://www.mckinsey.com/insights/urbanization/urban_world_cities_and_the_rise_of_the_con-

suming_class#sthash.wdLxZwn5.dpuf

William J. Mitchell (1995), City of bits: space, place, and the infobahn, MIT Press, Cambridge.

WWF Finland (2008), Freiburg in a pathway towards a sustainable city http://www.wwf.fi/wwf/www/uploads/pdf/sustainable_model_city_freiburg_in_germany.pdf

Washburn, D., Sindhu, U., Balaouras, S., Dines, R. A.,Hayes, N. M., & Nelson, L. E. (2010). Helping ClOsUnderstand “Smart City” Initiatives: Defining theSmart City, Its Drivers, and the Role of the CIO.Cambridge

Oxygen,ENEL,(2010) , Città sostenibili, 10—07.2010 http://issuu.com/enelsharing/docs/oxygen_10_ita

OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE-(2012) Le ICT nei percorsi di innovazione del sistema regionale Rapporto 2012

http://www.osservatorioict.piemonte.it/it/images/phocadownload/RapportolCT2012.pdf Paolo Fusero (2013) Smart City? No graziel

http://www.ch.unich.it/fusero/pdf/testi/Fusero_Smart_City.No_grazie.pdf

Paolo Fusero , Lorenzo Massimiano, Arturo Tedeschi,Sara Lepidi (2013) , Urbanistica Parametrica: una nuova frontiera delle Smart Cities Rome Ecological Design Symposium http://www.unich.it/fusero/HTML_university/pubblicazioni.htm

Ratti C., Sobolevsky S., Calabrese F., Andris C., Reades J. et alii (2010) “Redrawing the Map of Great Britain from a Network of Human Interactions”, PLoS ONE, n.12, vol. 5 http://senseable.mit.edu/

Scopetta C .CittaItalia (2010) “in-between spaces”. Elementi caratterizzanti della metropoli contemporanea

http://www.cittalia.com/images/file/Paper_Scoppetta.pdf

Siemens Spa e Cittalia (2012), EfficienCITIES. Città modello per lo sviluppo del Paese, Milano

https://www.swe.siemens.com/italy/web/citta_sostenibli/Pages/Default.aspx

Siemens Spa e Cittalia (2011), Città Sostenibili: Torino

https://www.swe.siemens.com/italy/web/citta_sostenibli/ricerche/Studi-italiani/Documents/TO-

RINO%200K%20BASSA.pdf

S Graham, S Marvin (2001) Splintering Urbanism, Networked infrastructures, technological mobilities and the urban condition,Taylor & Francis

S Futuro 2013

http://www.symbola.net/assets/files/GREENITALY-2013_1383234863.pdf

Torino Strategica (2013), Torino. La città delle opportunità. Luglio-dicembre 2012

Unioncamere, symbola(2012), Greenltaly , “L’economia verde sfida la crisi",Milano www.unioncamere.gov.it/download/1914.html

Vianello.M (2009) Una scommessa da vincere: Le avventure di una Pubblica Amministrazione tra Amministrare 2.0 e ordinarie follie quotidiane , ebook http://www.scribd.com/doc/165419063/UNA-SCOMMESSA-DA-VINCERE

Varnelis K., Meisterlin L. (2010), The invisible city: design in the age of intelligent maps, Adobe Design Center Think Tank

http://solutionpartners.adobe.com/designcenter/thinktank/tt_varnelis.htm

Energy:Smart Cities and Communities European Innovation Partnership” (Commissione euro¬pea, 2012).

http://ec.europa.eu/energy/technology/initiatives/smart_cities_en.htm E-Plan Pianificazione dello sviluppo urbano dei sistemi di Energia Sostenibile e integrazione nei Piani della Città - Bando Planning

ATTI CONVEGNI

P. FUSERO, L. MASSIMIANO, “European Smart Cities”. XV Conferenza nazionale Società Italiana Urbanisti, L’Urbanistica che cambia: rischi e valori, Planum. The journal of Urbanism n. 25, voi.2/2012,

Indagine Cidac-Mecenate 90 (2011) “Le città d’arte italiane e l’innovazione tecnologica” Convegno Novembre 2011

Prima Assemblea del Comitato dei Promotori al Progetto Torino Smart City (2011),Convegno 2 dicembre 2011

Convegno ANCI cloudpeple e smartcity .Convegno 2012 Bologna http://www.cloudpeople.it/

Yvette Agostini, Smart appliances, smart grid, smart cities, smart... privacy? Convegno Milano, 21 giugno 2012

Andrea Acquaviva ,ICT Per Edifici e Comunità Inteligenti,Convegno Verso il quartiere smart 29 Maggio 2013 TORINO

http://quartieresmart.torinowireless.it/

Roberto Azzano, Smart building e quartieri smart best pratiche .Convegno Verso il quartiere smart 29 Maggio 2013 TORINO

http://quartieresmart.torinowireless.it/

Vittorio Chiesa ,La riqualificazione degli edifici:Opportunità di Business,Convegno Verso il quartiere smart 29 Maggio 2013 TORINO http://quartieresmart.torinowireless.it/

Ger Baron .Amsterdam Smart .Convegno Verso il quartiere smart 29 Maggio 2013 TORINO http://quartieresmart.torinowireless.it/

TELERISCALDAMENTO: verso la SMART GRID L’EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST Torino - Lingotto Fiere, 25 maggio 2012

RIVISTE

QualEnergia - L’urbe diventa smart di Roberto Pagani (pag.67-69).Maggio 2012

Corriere della sera SETTE - Il domani sostenibile inizia dai quartieri smart per la gente comune (pag.78.79) 22.03.2013

OPnews: Brevi dalla mobilità urbana , N. 31 Luglio - Settembre 2013

IMPRESA&STATO -I bandi comunitari 2013 per le smart city Ludovico Monforte (pag 44.45)

TESI DI LAUREA:

Alessandra Pandini rel. prof. Riccardo Bedrone prof. Luca Staricco (2011) Tesi di laurea specialistica Politecnico Torino, Smart cities definizioni e confronti.

Valeria Mazzucato Relatore Prof. Patrizia Messina (2008)Tesi Università degli Studi di Padova Facoltà di Scienze Politiche, Le città metropolitane nella prospettiva europea. Milano e Barcellona: due metropoli a confronto.

Antonia Filomeno, Rel. Giuseppe Longhi (2012) Tesi di laurea specialistica IUAV Venezia,

SMART CITY PER IL SUD. UN QUARTIERE SMART A BARI http://issuu.eom/anto.filomeno/docs/smart_city_per_il_sud#!

Andrea Galli Rel. Prof. Michelangelo Savino (2011) Tesi di laurea università di Messina .Facoltà di Ingegneria , Nuova Metodologia progettuale:Aspetti innovativi dell’urbanistica parametrica http://issuu.com/andrea_galli/docs/nuove_metodologie_progettuali-_aspetti_ innovativi_?e=4601981/1289242

Caschetto S. rel. prof.ssa Patrizia Gabellini (2012), Tesi di laurea specialistica Politecnico di Milano, Smart city un’opportunità per ri-pensare la città contemporanea. http://www.smartcityitalia.com/

Luisa Maria Yepes Sevilla rei.prof Luca Starico (2012) Tesi di smart mobility e la città

SITOGRAFIA

ww.smart-cities.eu

www.greenbang.com

www.ibm.com/smartplanet/us/en/smarter_cities/overview/index.html

www.liftconference.com/lift-france-11

www.smartinnovation.forumpa.it/

www.senseable.mit.edu

http://torinosmartcity.csi.it/

http://www.ericsson.com/mobility-report

http://osservatoriosmartcity.it/

http://www.booz.com/

http://www.ixem.org/

http://www.intelligentcommunity.org/

http://cityprotocol.org/

http://www.cisco.com

http://www.ted.com/talks/kent_larson_brilliant_designs_to_fit_more_people_in_every_city.html

http://www.ted.com/talks/lang/it/carlo_ratti_architecture_that_senses_and_responds.html

http://www.de-architectura.com/2012/11/smart-cities-cangianti-e-sfuggenti.html

http://www.libelium.com/smart_cities/

http://www.economist.com/printedition/2012-04-21

http://www.comune.torino.it/ucstampa/comunicati/article_380.shtml

http://www.torinowireless.it/aziende_filiera_smart_building.php

http://attiministeriali.miur.it/anno-2012/febbraio/dd-14022012.aspx (nota:bandi miur)

http://www.digi.to.it/?cat=84

http://smartbuilding.oato.it

http://www.thinkinnovation.org/portfol/the-smart-city-vision-how-innovation-and-ict-can-build-

smart-liveable-sustainable-cities-2-2/

http://andrgalli.wordpress.com/2013/07/18/smart-cities-high-tech-e-low-tech-a-confronto/

http://www.eera-set.eu/index.php?index=30

http://www.architettisenzatetto.net/wp2/?p=7542&lang=it

http://www.akamai.com

http://www.osservatori.net/internet-of-things/

http://emscuola.blogspot.it/2009/04/classroom-20.html

http://www.cisco.com/web/strategy/docs/scc/09CS2326_SCC_BrochureForWest_r3_112409.pdf

http://masdarcity.ae/en/

http://www.lavasa.com/HIGH/mycity.aspx

www.forumvirium.fi/en/project-areas/smart-city

http://www.iea.org/media/workshops/2013/egrdmobility/Suvi_Rihtniemi.pdf

http://www.ascoli21.it/sites/default/files/smart_malaga.pdf

www.freiburg.de/vauban

www.freiburg.de/rieselfeld

http://www.ghentlivinglab.be/

http://lib.ugent.be/fulltxt/RUG01/001/414/935/RUG01-001414935_2010_0001_AC.pdf

http7/saperi.forumpa.it/story/73692/oulu-smart-city-unesperienza-5p#.UnpBxPIWySo

http://ev.fe.uni-lj.si/5-2012/Rantakokko.pdf

http://www.amsterdamsmartcity.com/

http://www.amsterdam.info/municipality/

http://www.amsterdam.nl/

http://www.genovasmartcity.it/

http://corrente.gse.it/Lists/GSE%20Contenuti/Attachments/548/case1%20r2cities.pdf

http://www.milanosmartcity.org/

http://www.barismartcity.it/

http://www.comune .bari .it

http://www.ba2015.org/

http://www.openculture.com/2013/08/isaac-asimovs-1964-predictions-about-2014.htm\

http://torinosmartcity.csi.it/

http://www.osservatorioict.piemonte.it/it/

http://smartbuilding.oato.it/

http://smartcitydays.it/smile/

http://www.comune.torino.it/ambiente/bm~doc/tape-2.pdf

https://www.academia.edu/3021990/Smart_Cities_Sustained_by

+Siti di quotidiani nazionali :La Stampa, Repubblica, Corriere della Sera, Il Messaggero

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)