Politecnico di Torino (logo)

Mafrici , Noemi

Torino 1928: racconto ipermediale della quinta esposizione universale.

Rel. Alfredo Ronchetta, Rosa Rita Maria Tamborrino, Claudio Gerenzani. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il restauro e valorizzazione del patrimonio, 2013

Abstract:

La ricerca si muove in un contesto interdisciplinare.

Gli ambiti disciplinari considerati sono tre: la storia dell'architettura, le metodologie di rappresentazione e la comunicazione; comunicazione al servizio di un'indagine in campo storico tramite l'ausilio di differenti strumenti.

Il titolo "Torino 1928" inquadra in modo immediato il tema indagato nella tesi, nello spazio e nel tempo. Viene poi esplicato nel sottotitolo ciò che la ricerca si prepone di essere: un racconto di ciò che è stata l'Esposizione, con l'utilizzo ipertestuale di più media. L'intento della ricerca è proprio quello di proporre un modello che produca conoscenza; conoscenza relativa al tema dell'Esposizione del 1928 che ha avuto luogo al Parco del Valentino.

In molti hanno introdotto, con riferimenti più o meno approfonditi, il tema dell'Esposizione in questione nelle loro produzioni riguardanti gli anni Venti nel capoluogo piemontese; nella maggior parte dei casi, l'Esposizione viene presentata dal punto di vista dei contenuti, soffermandosi meno sul contesto temporale e sul contesto torinese, in quegli anni molto vivo.

L'indagine si sviluppa attraverso l'analisi operata all'interno del dibattito storico, e .ha cercato di mettere in luce le differenti posizioni della critica nei confronti dell'argomento. I testi considerati sono principalmente di due tipi: contemporanei all'Esposizione o redatti in seguito alla stessa. Dei testi coevi l'Esposizione, si è data molta attenzione alla produzione delle testate, quotidiani e riviste specializzate, al fine di comprendere come venisse accolto l'evento. Invece, per quanto riguarda ciò che è stato scritto dopo il 1928, vi è la monografia scritta da Valeria Garuzzo, che è stata qui presa in larga considerazione. Di conseguenza l'analisi si è svolta in modo differente in relazione alla fonte considerata.

Oltre a un'attenta indagine bibliografica, sono state studiate fonti d'archivio quali progetti originali, fotografie e cartoline. Essenziale per capire la reale consistenza delle Esposizioni, è stato il confronto fra le varie fonti, un confronto ragionato che ha previsto uno sguardo critico sulle stesse.

Parallelamente alla ricerca storica, è stata portata avanti un'analisi circa i più attuali metodi di rappresentazione, cercando di comprendere quali fossero i più consoni a tale scopo.

In seguito, questi sono stati utili a rappresentare un modello rappresentativo dell'oggetto di studio; tale modello costituisce uno degli strumenti di trasmissione della conoscenza insieme ad altri; questi mezzi sono poi utilizzati congiuntamente, tramite l'inserimento degli stessi nella struttura ipermediale.

La tesi si presenta divisa in tre parti: comprensione, ricerca e progetto.

La prima parte vuole essere una premessa alle finalità del progetto che si intende affrontare, perciò sono stati trattati i temi della conoscenza, delle problematiche riferite al tema e della fruibilità; inoltre sono stati analizzati alcuni esempi di prodotti analoghi a quello che si vuole proporre.

Nella seconda parte vengono presentate le metodolodgie di ricerca storica, considerandone anche il modo differente di utilizzo delle fonti. Vengono in questa parte raccontate le vicende storiche del contesto torinese degli anni Venti, e quindi le mostre all'interno dell'Esposizione, facendo particolare attenzione alle architetture dei padiglioni e al coinvolgimento degli architetti.

L'ultima parte tratta nello specifico il progetto; i due capitoli interessati illustrano rispettivamente la struttura interna ed esterna dell'applicazione ipermediale, mostrando tutte le fasi di progetto della stessa.

E' stato prodotto un allegato, incluso nel secondo tomo della tesi, contenente le varie schedature dei nodi componenti la struttura ipermediale costruita.

Relatori: Alfredo Ronchetta, Rosa Rita Maria Tamborrino, Claudio Gerenzani
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
ST Storia > STI Periodo contemporaneo (fino alla II Guerra Mondiale)
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il restauro e valorizzazione del patrimonio
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3433
Capitoli:

tomo primo

PARTE PRIMA

CAPITOLO CONOSCERE PER FAR CONOSCERE

1.1 per un'analisi dell'effimero in architettura

1.2 complessità del tema

CAPITOLO2JL PIANO

2.1 la multidisciplinarità come soluzione

2.2 definizione del prodotto

2.2 la fruibilità: il pubblico e il codice

2.3 esempi

CAPITOLO 3_METODOLOGIA DI RICERCA

3.1 la metodologia

3.2 le fonti

3.3 le schedature

CAPITOLO 4_L'INDAGINE STORICA

4.1 il contesto torinese

4.2 i protagonisti

4.3 le testate

4.4 i testi

4.5 i manifesti

4.6 le esposizioni

4.7 i padiglioni

PARTE SECONDA

INDICE

CAPITOLO 5_ARCHITETTURA INTERNA

5.1 il territorio dei dati

5.2 gerarchizzazione e legami dei nodi

5.3 il grafo dell'architettura dei dati

CAPITOLO 6_ARCHITETTURA ESTERNA

6.1 schedatura dei nodi

6.2 studio di layout

6.3 le planimetrie

6.4 la modellazione

6.5 un'applicazione ipermediale

conclusioni

bibliografia

tomo secondo: allegati

Bibliografia:

Amistadi Lamberto, Paesaggio come rappresentazione seguito da Le metafore dell'architettura, Clean Edizioni, Napoli 2008.

Bagliani Domenico (a cura di), Domenico Morelli. Ingegnere Architetto, Toso, Torino 1992.

Barrera Francesco, Comoli Vera, Vigliano Giampiero, Il Valentino. Un parco perla città, Celid, Torino 1994.

Bassi Alberto, Castagno Laura, Giuseppe Pagano, collana I designer, Editori Laterza, Roma Bari 1994.

Brunetti Fabrizio, Architetti e fascismo. Saggi e documenti di storia dell'architettura. Alinea Editrice, Firenze 1993,

Burney Jan, Ettore Sottsass, Trefoil publications, Londra 1991.

Carnevale Giancarlo, Montuori Marina, Occasioni di architettura. Architetture di occasione, Officina edizioni, Roma 1999.

Castelnovi Paolo, Seminario: il progetto di paesaggio nella crisi della modernità -Firenze - 3 febbraio 2000 pubblicato, in Poli C.D. (a cura di), Il progetto di paesaggio nella crisi della modernità, Ed. All'insegna del giglio, Firenze

2002, http://www.landscapefor.eu/index. php?option=com_k2&view=item&id =3i:lo-sguardo-terzo-del-progetto-di-paesaggio&ltemid=i4i

Maurizio Castelvetro, RAZIONALISMO E NEOFUTURISMO NELL'ERA FASCISTA! http://www.architetturafuturista.it/arch tes.htm

Castronovo Valerio (a cura di), Storia illustrata di Torino, Editori Laterza, Bari 1987.

Chiesa Benvenuto, Prospettiva paesaggio: storia, geografia, psicologia, arte e semiologia dei paesaggi... per non addetti, Editrice Artistica Piemontese, Savigliano (CN) 2007.

Ciucci Giorgio, Gli architetti e il fascismo. Architettura e città 1922-1944, Einaudi, Torino 2002.

Commissione di propaganda (a cura di), Le esposizioni ed i festeggiamenti di Torino nel 1928, Torino 1928.

Commissione di Propaganda, Torino 1928. Catalogo ufficiale della Esposizione. Torino, Parco del Valentino, Pilonetto, 1 maggio - 6 novembre 1928, Stab.Grafico Armando Avezzano, Torino 1928.

Cornaglia Paolo, Lupo Giovanni Maria, Poletto Sandra (a cura di), Paesaggi fluviali e verde urbano. Torino e l'Europa tra Ottocento e Novecento, Celid, Torino, 2008.

Cresti Carlo, Appunti storici e critici sull'architettura italiana dal 1900 ad oggi: dalle lezioni del corso di Decorazione tenute dal prof. Carlo Cresti negli anni accademici 1969/7° -1970/71, G.& G., Firenze 1971, testo a stampa e illustrazioni.

Masoero Ada (a cura di), Universo meccanico, il futurismo attorno a Balla Depero, Prampolini, ed. Gabriele Mazzotta, Milano 2003.

Ordine degli Architetti di Torino (a cura di), Albo d'onore del Novecento: architetti a Torino, Celid, Torino 2002.

Pinottini Marzio, Diulgheroff futurista. Colages e polimaterici 1927/1977, All'insegna del pesce d'oro, Milano 1977.

Ponente Nello, Continuità dell'avanguardia in Italia: Enrico Prampolini (1894-1956), s.c.e, 1978.

Pozzetto Marco, Umberto Cuzzi, architetto: equilibrio d'un gusto, in "Iniziativa Isontina", VI, 2/61, maggio-agosto 1974.

Pozzetto Marco, Gino Levi Montalcini (1902-1974), estratto da "Studi Piemontesi", marzo 1975, voi.IV, fasc.i, Centro Studi Piemontesi, Torino 1975.

Scazzosi Lionela (a cura di), Leggere il paesaggio. Confronti internazionali: Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Norvegia, Olanda, Polonia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Svizzera, Gangemi Editore, Roma 2002.

Sommella Grossi Marina (a cura di), Alberto Sartoris: l'immagine razionalista, Catalogo della mostra tenutasi a Como, Pinacoteca Civica dal 19 giugno al 27 settembre 1998, Electa, Milano 1998.

Tamborrino Rosa, L'Esposizione nazionale italiana del 1928, in Giusti M.A., Tamborrino R., Guida all'architettura del Novecento in Piemonte (1902- 2006), Allemandi, Torino 2008.

Tosco C., Una proposta di metodo per la stratigrafia dell'architettura, in "Archeologia dell'architettura", Vili, PP76-9.

Bistagnino Enrica, Vallino Sabrina, Immaginazione e composizione, Lupetti editori, Milano 2000.

Bonfiglioli Sandra, Il tempo nello spazio. Linee di villaggio, linee di città, Franco Angeli Libri s.r.l., Milano 1986.

Caliari Pier Federico, La forma dell'effimero. Tra allestimento e architettura: compresenza di codici e sovrapposizione di tessiture, Edizioni Lybra Immagine, Milano 2000.

Calvino Italo, Le città invisibili, Giulio Einaudi editore, Torino 1972.

Ceri Stefano, Architettura dei sistemi informatici, ed, Clup di ClttàStudi, Milano 1991, cap.6. Archimedia, ottobre 2003.

Colombo Fausto, Eugeni Ruggero (a cura di), Il prodotto culturale. Teorie, tecniche di analisi, case histories, Carocci editore, Roma 2001.

Eco Umberto, La struttura assente, Bompiani, Milano 1968.

Eco Umberto, Come si fa una tesi di laurea, Bompiani, Milano 1977.

Livolsi Mario, Manuale di sociologia della comunicazione, Editori Laterza, Roma-Bari 2000.

Luzzatto Lia, Pompas Renata, il colore persuasivo: grafica, pubblicità, comunicazione, new media, Il castello, Milano 2001.

Mancini Paolo, Manuale di comunicazione pubblica, Ed. Laterza, Bari 2002.

Marzo Mauro (a cura di), L'architettura come testo e la figura di Colin Rowe, Marsilio Editori, Venezia 2010.

intervista a Philippe Queau, a cura di MEDIAMENTE - RAI EDUCATIONAL; http://www.repubblica.it/online/internet/mediamente/queau/queau.html.

McKelvey Roy, Hyper Graphics, Roto Vision, Crans-Près-Céligny (CH) 1999.

Migliaccio Federica, Sistemi informativi territoriali e cartografia, Maggioli Editore, Santarcangelo di Romagna (RN) 2007.

Volpiano Mauro (a cura di), Il fondo Giuseppe e Bartolomeo Gallo. Fonti e documenti per l'architettura dell'Ottocento in Piemonte, voi II Repertorio bibliografico per lo studio dell'architettura e del suo contesto, Fondazione per l'Arte della Compagnia di San Paolo, Torino 2009.

Waterworth John A. (a cura di), Multimedia. Tecnologia e applicazioni, Franco Muzzio & c. editore spa, Padova 1993.

Zeldman Jeffrey, Dalla carta al web. Istruzioni per l'uso per designer di talento, Hops Libri,Milano 2001.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)