Politecnico di Torino (logo)

Gioda, Lorena

Nuove teorie per le case di correzione : la Generala per "i giovani discoli".

Rel. Annalisa Dameri. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per il restauro e valorizzazione del patrimonio, 2013

Abstract:

Occuparsi delle trasformazioni del carcere e dei modelli architettonici che ne derivano è piuttosto complesso per una serie di ragioni, ma principalmente perché nel corso dei secoli questo termine è stato ricondotto a modalità di trattamento della pena assai differenti tra loro. Per arrivare a intendere l’istituto carcerario come lo intendiamo noi oggi si deve attendere la fine dell’applicazione delle pene corporali, affiancata dall’introduzione delle condanne alla detenzione. Il carcere, fino alla seconda metà del Settecento, non viene concepito come istituzione totale, ma esclusivamente come un mero strumento di afflizione. È, infatti, solo con l’Illuminismo che si assiste alla nascita delle nuove teorie sulla moderna concezione carceraria, quando la pena per eccellenza diventa quella privativa della libertà. Ma al fine di poter apprendere appieno quale ruolo abbia assunto il carcere è necessario elaborare un quadro sommario di quanto sia accaduto in tempi più remoti, dove la prigione, seppur già esistente come manufatto architettonico, veniva principalmente utilizzata per assolvere il ruolo di custodia preventiva per i sospettati. Un posto particolare, durante il Medioevo, viene ricoperto dal carcere canonico, che per primo ha introdotto la pena carceraria in qualità di reclusione all’interno dei monasteri, seguendo un duro regime di disciplina, che prevede la sofferenza fisica del condannato e l’isolamento assoluto per poter raggiungere l’espiazione. Durante il periodo del mercantilismo, in un’epoca di grandi cambiamenti economici e di scarsità di forza lavoro, le pene corporali, tipiche del Basso Medioevo, vengono sostituite con la privazione della libertà. Si da così avvio alle galere, alla deportazione e alle case di lavoro, le quali possono essere considerate il preludio delle moderne carceri, dove si mira principalmente a sfruttare la manodopera dei condannati. In questo momento di passaggio, che conduce all’affermazione dell’industrializzazione, l’internamento coatto assume il compito di mezzo di addestramento della forza lavoro alle esigenze dei nuovi meccanismi di produzione.

Per tutta la prima metà del Settecento non si verificano grandi cambiamenti, anzi si ha un ritorno delle pene corporali, viste come legittimazione delle potenze militari, oltre che come testimonianza della forza delle autorità. L’esecuzione pubblica diventa uno spettacolo teatrale, dove il potere del sovrano viene mostrato pubblicamente sul corpo del condannato. A partire dalla seconda metà del XVIII secolo si iniziano a scorgere i primi segni di cambiamento, legati all’avvio delle nuove riforme carcerarie. La rivoluzione industriale ha inoltre reso obsoleto l’utilizzo del lavoro forzato nelle carceri, rendendo in questo modo necessario l’elaborazione di provvedimenti volti a concentrarsi sulle azioni di controllo e di intimidazione. Il carcere, sebben non sia ancora l’unica pena comminata, inizia ora a proporsi come una soluzione applicabile in sostituzione di molte punizioni corporali, in concomitanza con il diffondersi dell’opera di alcuni pensatori illuministi, quali Cesare Beccaria. Si assiste in questo modo all’avvio di un radicale stravolgimento della giustizia penale, con una moderazione delle pene inflitte. Questo cambiamento investe sia l’Europa che gli Stati Uniti, conducendo non solo a una diminuzione della quantità e dell’intensità delle sanzioni criminali, ma a un passaggio rio però anche ricordare che le teorie illume, ma piuttosto come una particolare forma di pena iformatori siadelle leggi.

Alla fine del Settecento sonotrodurre dei cambiamenti nell’ambito penale, poietti eemento della delinquenza, porta alla necessalla definizione di una riforma carceraria, anche sddislte riflessioni, a ritenere la detenzione, dacostituire il fattore determinante di ogni aspetto porale costituisce un buon deterrente per la popolazione criminale, anche se lnte a un ricorso così esteso della reclusio confronti delle condizioni dirispetto ai liberi lavoratori, facendo venir meno quel carattere di deterrenza e intimidazione indispensabile per porre un freno alla criminalità dilagante. Alla fine del XVIII secolo è soprattutto dagli Stati Uniti che derivano i maggiori spunti per l’affermazione di nuovi modelli architettonici. Nello stato quacchero della Pennsylvania, nella sfera detentiva, viene ideato un regime di isolamento continuo, sia di notte che di giorno, il quale prende il nome di modello di Philadelphia, tipico di una concezione calvinista, impostata sull’etica del lavoro. L’altro modello americano, che si va a sviluppare negli stessi anni, è quello progettato da Auburn, basandosi sul lavoro produttivo giornaliero, da svolgere in comunione e in assoluto silenzio, e sulla segregazione notturna. Questo modello viene maggiormente applicato in America, sia per la grande necessità di manodopera, sia perché il modello philadelphiano comporta per gli internati non solo danni fisici, ma anche psichici. Queste tipologie di reclusione iniziano a prendere piede anche in Europa, introducendo l’applicazione della segregazione cellulare, il che comporta una serie di problematiche soprattutto legate agli alti costi che un sistema del genere avrebbe comportato. Nei primi anni dell’Ottocento la situazione economica delle classi subalterne migliora completamente, con una conseguente diminuzione dei crimini. La pena viene ora pensata non tanto per punire il crimine, ma per studiare l’indole del criminale, portando a tal proposito alla formazione di due scuole di pensiero: quella classica, fondata sul concetto di pena quale retribuzione della colpa, e quella positiva, tesa invece a indagare la figura del delinquente mediante fattori antropologici, sociali e naturali della devianza. Un personaggio che si sofferma molto su questo tipo di indagini e Cesare Lombroso, il quale ritiene che sia possibile individuare una serie di categorie di soggetti pericolosi, catalogandoli esclusivamente in relazione ai caratteri somatici della persona. Il nuovo concetto di pericolosità sociale implica che tutti coloro che non possono essere curati devono necessariamente essere allontanati dalla collettività.

Non sono solo le esperienze oltre oceano a influenzare i cambiamenti in Italia nella sfera penale, ma anche quelle verificatesi in alcuni paesi europei, delle quali sono state prese in considerazione quelle francesi e quelle inglesi. In Francia, in particolare, si assiste, tra la fine del Seicento e la prima metà del Settecento, all’abbandono delle galere in favore dei bagni penali, i quali sono basati principalmente sullo sfruttamento delle abilità professionali della popolazione carceraria. Gli edifici adibiti ad ospitare tale funzione sono solitamente caserme penitenziarie, contraddistinte da una serie di espedienti atti ad evitare la fuga degli internati. La reclusione in queste strutture acquisisce maggiore importanza con la caduta dell’Ancien Regime. Gli interventi più innovativi arrivano però dai paesi anglosassoni, con la nascita in Olanda del Rasp Huis nel 1566, una sorta di precursore delle moderne carceri, atto a ospitare vagabondi, oziosi e criminali. Da questo modello detentivo prendono avvio le case di correzione realizzate in Inghilterra nei primi anni del Settecento. Il principale scopo di queste strutture è quello di dare lavoro ai più poveri, sottraendoli così alla delinquenza. Nel 1842, a seguito di un lungo dibattito sulla riforma carceraria e sul comportamento da tenere nei confronti dei reclusi, viene realizzato a Londra il penitenziario di Pentonville, il quale diventa immediatamente un modello di architettura e di disciplina carceraria. Un altro prototipo che viene generato in questo contesto è quello ideato da Jeremy Bentham, ossia il Panopticon, una nuova figura di sorveglianza. L’edificio avrebbe dovuto avere una forma circolare per poter permettere a un solo guardiano, mediante un gioco di luci e ombre, di vegliare sull’intera popolazione detenuta. Questa tipologia di rassegna il passaggio da una morale di rifiuto a un progetto di recupero sociale degli individui, anche se tale schema non verrà mai riprodotto fedelmente, ma sarà ampiamente rimaneggiato.

L’analisi del quadro europeo e americano è fondamentale per comprendere appieno i cambiamenti in ambito penale in Italia, con particolare riguardo verso il territorio sabaudo. In un periodo dove l’industrializzazione ha ormai preso piede il ruolo delle bridewells inglesi inizia a venire meno, dunque le strutture detentive tornano a perseguire come maggiore obiettivo quello intimidatorio. La prigione inizia a diventare oggetto di studio, considerato come luogo dove poter rigenerare il reo, nonostante le condizioni reali di tali strutture siano piuttosto deplorevoli. Nel periodo di dominazione francese viene posta grande attenzione al problema del mantenimento dell’ordine pubblico, tracciando le linee di intervento da mettere in atto per il funzionamento delle istituzioni detentive. Secondo i nuovi codici francesi le carceri e le case di correzione possono essere considerati i luoghi per eccellenza dove scontare la condanna, anche se lo Stato sabaudo non presenta le strutture adeguate e in numero sufficiente per rispondere alle reali esigenze. Il punto di partenza consiste innanzitutto nell’adeguare e ampliare i manufatti esistenti, oltre a diversificare le destinazioni d’uso dei vari istituti detentivi, apportando una classificazione dei criminali. Con la caduta della dominazione francese, il re Vittorio Emanuele I riporta in vigore le Costituzioni dei suoi predecessori, segnando un brusco ritorno al passato. Per arrivare alla vera e propria riforma carceraria si deve attendere il regno di Carlo Alberto, il quale già a partire dai primi anni si impegna nella trasformazione delle prigioni obsolete. I provvedimenti presi dal sovrano portano inoltre all’apertura di una casa centrale femminile a Pallanza, alla creazione del correzionale dei giovani discoli presso la Generala di Torino, per arrivare poi alla realizzazione del penitenziario di Alessandria e Oneglia, solamente per citare alcuni dei casi più noti. Nel 1839 l’emanazione delle Regie Patenti segna l’avvio della nuova legislazione penale, che sancisce un maggior impiego della pena detentiva. Vengono inoltre delineati una serie di principi architettonici da adottare sia per la realizzazione ex novo che per gli interventi di adeguamento. Il caso studio del correzionale della Generala rientra pienamente nel più vasto programma condotto da Carlo Alberto. L’edificio nasce originariamente come villa privata, sorta agli albori del Seicento per volere di Giovanni Battista Truchi. Il complesso subisce nel corso dei decenni numerosi trasformazioni per poter ospitare differenti destinazioni d’uso, da abitazione, a manifattura tessile per produrre i vestiari per le Regie Truppe, fino ad accogliere le esposte dell’ospedale di San Giovanni Battista di Torino e le donne di malaffare. Un provvedimento del 1836 tende a trasformare il manufatto in correzionale per i giovani, in modo da evitare il formarsi di situazioni di promiscuità. Il progetto di adeguamento viene affidato all’architetto Giovanni Piolti, il quale riesce abilmente a coniugare le ristrettezze economiche del regno con il rispetto per le norme imposte dalla recente riforma. Una delle maggiori peculiarità di questo progetto risiede nella capacità di aver congiunto la planimetria rettangolare del fabbricato con l’idea di sorveglianza insita nel modello panottico, mediante la realizzazione di corridoi segreti, ad esclusivo utilizzo del Direttore dello stabilimento.

L’indagine effettuata sui modelli architettonici carcerari, sorti tra il Settecento e l’Ottocento, è legata essenzialmente a motivazioni di natura più recente. Come è possibile notare, analizzando non solo il caso studio, ma anche altre esperienze carcerarie, in passato nella progettazione delle strutture adibite alla reclusione hanno sempre concorso più competenze, perlopiù architetti qlmente per quanto concerne il territorio italiano, questo non accade più dal momento che l’ideazione di nuovi edifici destinati ad essere carceri spetta agli uffici del Ministero della Giustizia, lasciando così questa particolare destinazione d’uso distaccata dai nuovi valori architettonici

Relatori: Annalisa Dameri
Soggetti: A Architettura > AJ Edifici e attrezzature per l'amministrazione, il commercio e la difesa
A Architettura > AO Progettazione
A Architettura > AS Storia dell'Architettura
F Filosofia, Psicologia, Religione > FD Etica
F Filosofia, Psicologia, Religione > FE Filosofia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per il restauro e valorizzazione del patrimonio
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3377
Capitoli:

INTRODUZIONE

CAPITOLO 1. IL CONCETTO DELLA PENA

1.1 La pena dalle società primitive all’epoca feudale

1.2 L’età mercantilistica

1.3 Le riforme del Settecento

1.4 La concezione di carcere nell’Ottocento

CAPITOLO 2. LA RIFORMA CARCERARIA IN EUROPA E NEGLI STATI UNITI

2.1 II caso francese e la nascita dei bagni penali. Tra la fine del Seicento e gli inizi dell’Ottocento

2.2 La situazione nei Paesi anglosassoni: dalle case di correzione al penitenziario di Pentonville (1556-1842)

2.3 II Panopticon di Bentham (1791)

2.4 L’esperienza penitenziaria oltre oceano: due sistemi penitenziari a confronto, a cavallo tra il XVIII e il XIX secolo

2.5 Tipologie dell’edilizia carceraria

CAPITOLO 3. IL SISTEMA CARCERARIO PIEMONTESE

3.1 Le carceri piemontesi durante l’Ancien Regime

3.2 L’architettura carceraria tra il XVIII e il XIX secolo

CAPITOLO 4. IL CASO STUDIO: LA GENERALA E LA SUA TRASFORMAZIONE DA VILLA A CARCERE PER GIOVANI DISCOLI

4.1 Dall’Ergastolo alla Generala

4.2 La cascina detta La Generala ( 1649) e le sue

trasformazioni per ospitare differenti destinazioni d’uso nel Settecento

4.3 II progetto di Giovanni Piolti per la realizzazione di un

carcere agricolo (1838)

4.4 La direzione del carcere affidata alla confraternita di

San Pietro in Vincoli

4.5 L’organizzazione interna della struttura e la

composizione del personale

4.6 La nascita della società di Patrocinio dei giovani liberati

CAPITOLO 5. IL PROBLEMA CARCERARIO OGGI E IL RUOLO DEGLI ARCHITETTI NELLA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI PENITENZIARI

BIBLIOGRAFIA

Bibliografia:

GUEVARRE ANDREA, La mendicità sbandita con il sovvenimento dei poveri tanto nelle città, che né borghi, luoghi e terre dè stati di qua, e di là da monti, e colli Sua Maestà Vittorio Amedeo, Stampatori dell'Illustrissima Accademia degli Innominati di Bra, all’Insegna di Santa Teresa, Torino 1717

CRAVERI G.G., Guida de’ forestieri per la Reai città di Torino, S.I., Torino 1753

HOWARD JOHN, The State of thè prisons in England and Wales, printed by William Eyres, Warrington 1756

Leggi e Costituzioni di Sua Maestà, Tomo Secondo, Stamperia Reale, Torino 1770

GROSSI, GIOVANNI, LORENZO AMEDEO, Guida alle cascine, e vigne del territorio di Torino e' suoi contorniin cui si danno diverse notizie utili, ed interessanti, massime in ordine alli Feudi, e distretti delle Parrocchie in detto territorio esistenti, Torino 1790

GAMBINI FRANCESCO, Osservazioni sopra alcune massime di legislazione penale, Speirani e Ferrerò, Torino 1820

Annali Civili del Regno delle due Sicilie, Tipografia del Reai Ministro degli affari interni, Napoli 1837

Annali Universali di Statistica, Economia Pubblica, Storia, Viaggi e Commercio, Società degli Editori degli Annali Universali delle Scienze e dell’Industria, Volume Cinquantesimosettimo, Milano 1838

PETITTI DI RORETO CARLO ILARIONE, Saggio sul buon governo della mendicità e degli istituti di beneficenza e delle carceri, Stamperia Favaie, Torino 1838

VEGEZZI RUSCALLA GIOVENALE, Cenni intorno al correzionale delle prostitute, ed all’ospizio celtico eretti con R. Brevetto del 28 maggio 1836 nell’edifizio dell’Ergastolo presso Torino, Pomba, Torino 1838

Codice Penale per gli Stati di S.M. il Redi Sardegna, Stamperia Reale, Torino 1839

CONTE DI PRALORMO CARLO BERAUDO, Programma pella costruzione di un carcere centrale in Alessandria, Regia Segreteria per gli affari dell’Interno, Torino 1839

BERTOLOTTI DAVIDE, Descrizione di Torino, Pomba, Torino 1840

PETITTI DI RORETO CARLO ILARIONE, Della condizione attuale delle carceri e dei mezzi di migliorarla, Giuseppe Comba e Comp., Torino 1840

VEGEZZI RUSCALLA GIOVENALE, Cenni intorno al correzionale dei giovani che è per aprirsi nell’edificio della Generala presso Torino, Stamperia Baglione e C., Torino 1840

VEGEZZI RUSCALLA GIOVENALE, Del riformatorio di Parkhurst nell’Inghilterra, Estratto dal repertorio di agricoltura e di scienze economiche ed industriali, 1840

CATTANEO CARLO, Sulla riforma delle carceri, Tipi di Luigi e Giacomo Pirola, Milano 1841

TORRIGIANI CARLO, Tre dissertazioni lette all’lmp. e Reale Accademia Economico Agraria dei Geografi di Firenze, Tipi di Gregorio Chiari e figli, Firenze 1841

PETITTI DI RORETO CARLO ILARIONE , Esame della polemica insorta sulla riforma delle carceri considerata nelle ultime produzioni delle opposte scuole e riflessi relativi, coi tipi di Luigi e Giacomo Pirola, Milano 1842

PIOLTI GIOVANNI, Piani del correzionale agricola pei giovani discoli eretto nell’edifizio denominato La Generala presso Torino sui disegni dell'architetto G. Piolti 1844, Doyen, Torino 1844

Report of the Surveyor General of Prison on the construction, ventilation and details of Pentonville prison, 1844, printed by William Clowes and, London 1844

TONELLI TOMMASO, Saggio ¡storico sulle prigioni e sul sistema penitenziario con alcuni cenni sulla nuova gradazione di pene e le istituzioni sussidiarie richieste da quel sistema, Tipi della Galileiana, Firenze 1845

CIBRARIO LUIGI, Storia di Torino, A. Fontana, Torino 1846

Description et Dessins de la prison cellulaire de Pentonville, lez Londres, Editeaur S. Avanzo, Bruxelles 1846

BRUNA GIUSEPPE CARLO, Notizie Storiche sul penitenziario dei giovani discoli della Generala presso Torino e rendiconto statistico sul loro stato morale-sanitario pel triennio 1845-46-47, Tipografia di G. Favaie e Comp., Torino 1847

PERI CARLO, Sulla Riforma delle prigioni in Toscana corredate di tutti i regolamenti ed ordini alla medesima, come di prospetti statistica, e di tavole e disegni per li stabilimenti penitenziari esistenti, fino all’anno 1850, Coi tipi della Stamperia esistente nel carcere delle murate in Firenze, Firenze 1850

CASALIS GOFFREDO, Dizionario geografico storico-statistico- commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna. Torino, G. Maspero e G. Marzorati, Torino 1851

STEFANI GUGLIELMO, MONDO DOMENICO, Torino e i suoi dintorni: guida storico artistica, amministrativa e commerciale, Schiepatti, Torino 1852

STEFANI GUGLIELMO, Dizionario generale geografico-statistico degli stati sardi, cugini Pomba e Comp. Editori, Torino 1855

MITTERMAIER CARL JOSEPH ANTON, Teoria della prova nel processo penale, F. Sanvito, Milano 1858

BARUFFI GIUSEPPE FRANCESCO, Passeggiate nei dintorni di Torino. Volume 14, Stamperia reale, Torino 1860

AMATO GABRIELE, Sui carceri penitenziali : progetti, Stamp. del Fibreno, Napoli 1862

ANTONIO BOSIO, Della Società di Patronato dei giovani liberati delle case di correzione e di pena, dalla Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia, n°206, 1864

CAVALIER VAZIO (a cura di), Effemeride carceraria, ossia

l’amministrazione delle carceri giudiziarie, case e luoghi di pena, in se e nei suoi rapporti coll’Arma dei Reali Carabinieri, colle Autorità giudiziarie e Amministrative, col Genio Civile e coi Municipi del Regno, n°18, Tipografia Artero e Comp., Torino 1865

BELLAZZI FEDERICO, Prigioni e Prigionieri nel Regno d’Italia, Tipografia di G. Barbera, Firenze 1866

La provincia. Giornale ufficiale per le inserzioni giudiziarie nella circoscrizione della corte di Appello di Torino ed amministrative della provincia, anno III, n.°8, Archivio Bosio numero 35, Torino 1867

BELTRAMI SCALIA MARTINO, Sul Governo e Sulla Riforma delle Carceri in Italia, Tipografia G. Favaie e comp., Torino 1868

GENEROSI PAOLO, Del diritto di punire, in Rivista di Diritto Penale e Sociologia Criminale, Voi.5, Anno 10, Pisa 1909

SABATINI GUGLIELMO, Teoria delle prove nel diritto giudiziario penale, G. Abramo, Catanzaro 1909

COLOMBO ADOLFO, Dalle Riforme allo Statuto di Carlo Alberto: documenti editi ed inediti, Tipografia cooperativa Bellatore, Casale 1924

COSTA FAUSTO, Delitto e pena nella storia della filosofia, Facchi Editore, Milano 1924

FERRI ENRICO, Principi di diritto criminale, UTET, Torino 1928

BORGHESE SOFO, La filosofia della pena, Giuffrè Editore, Milano 1952

SELLING THORSTEN, Philadelphia Prisons of thè Eighteenth Century, in Transactions of thè American Philosophical Society, American Philosophical Society, volume 43 p.l, Philadelphia 1953

ALLEG HENRY, La tortura, Einaudi, Torino 1958

PIETRO BUFFA, I territori della pena : alla ricerca dei meccanismi di cambiamento delle prassi penitenziarie, EGA, Torino 1959

BULFERETTI LUIGI, Agricoltura, industria e commercio in Piemonte nel secolo XVIII, Istituto per la storia del Risorgimento italiano, Torino 1963

CATTAUI DE MENASCE GIOVANNI, Beccaria e i diritti dell’uomo, Ed. Studium, Roma 1964

GROSSI GIOVANNI LORENZO AMEDEO, Carta corografica dimostrativa del territorio di Torino, appartenente alla "Guida alle cascine e vigne del territorio di Torino", stampata a Torino nel 1791, Bottega d'Erasmo, Torino 1968

GRIBAUDI ROSSI ELISA, Cascine e ville della pianura torinese : briciole di storia torinese rispolverate nei solai delle ville e nei granai delle cascine, Le Bouquiniste, Torino 1970

MILIZIA FRANCESCO, Principi di Architettura civile, Mazzotta, Milano 1972

COMOLI MANDRACCI VERA, LUPO MARIA GIOVANNI, Il carcere per la società del Sette-Ottocento. Il carcere giudiziario di Torino detto Le Nuove, Centro Studi Piemontesi, Torino 1974

De Costantin Suter, Piranesi: vedute, capricci, carceri, Editura Meridiane, Bucarest 1974

LOMBROSO ANNA, Carcere e società, Marsilio, Venezia 1976

MAESTRO MARCELLO, Cesare Beccaria e le origini della riforma penale, Feltrinelli, Milano 1977

MELOSSI DARIO, PAVARINI MASSIMO, Carcere e fabbrica. Alle origini del penitenziario, Il Mulino, Bologna 1977

CATTANEO MARIO, Il problema filosofico della pena, Editrice Universitaria, Ferrara 1978

AGOSTI ALDO, BRAVO GIAN Mario (a cura di), Storia del movimento operaio, del socialismo e delle lotte sociali in Piemonte, Editore De Donato, Bari 1980

COTESTA VITTORIO, Normalità e modello biologico in Cesare Lombroso in "DEI DELITTI E DELLE PENE: RIVISTA DI STUDI SOCIALI, STORICI E GIURIDICI SULLA QUESTIONE CRIMINALE", Bologna, 1980, Vol. II-III

MORACHIELLO PAOLO, TEYSSOT GEORGES (a cura di), Le macchine imperfette : architettura, programmi, istituzioni nel XIX secolo, Officina Edizioni, Roma 1980

IGNATIEFF MICHAEL, Le origini del penitenziario, Arnolfo Mondadori Editore, Milano 1982

LONNI ADA, Il penitenziario industriale agricolo della Generala, Bollettino Storico-bibliografico Subalpino, LXXXII, secondo semestre 1982

GALLO ERMANNO, RUGGIERO VINCENZO, Il carcere in Europa: trattamento e risocializzazione, recupero e annientamento, modelli pedagogici e architettonici nella “galera europea”, Bertani Editore, Verona 1983

CANOSA ROMANO, COLONNELLO ISABELLA, Storia del carcere in Italia dalla fine del Cinquecento all’Unità, Sapere 2000, Roma 1984

POLITECNICO DI TORINO. DIPARTIMENTO CASA CITTÀ, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli ingegneri e degli architetti in Torino, Torino 1984

RUSCHE GEORG, KIRCHHEIMER OTTO, Pena e struttura sociale, Il Mulino, Bologna 1984

CORDERO FRANCO, Criminalia: nascita dei sistemi penali, Editori Laterza, Bari 1985

LEVRA UMBERTO (a cura di), La scienza e la colpa. Crimini criminali criminologi: un volto dell’Ottocento, Electa, Milano 1985

PANICO GUIDO, Il carnefice e la piazza: crudeltà di Stato e violenza popolare a Napoli in età moderna, Edizioni scientifiche italiane, Napoli 1985

ROMAGNANI GIAN PAOLO, Storiografia e politica culturale nel Piemonte di Carlo Alberto, Deputazione Subalpina di storia patria, Torino 1985

Dubbini Renzo, Architettura delle prigioni: i luoghi e il tempo della punizione (1700-1880) Angeli, Milano 1986

AUDISIO ROBERTO, La Generala di Torino. Esposte, discoli, minori corrigendi (1785-1850), Fondazione Camillo Cavour, Santena 1987

COMOLI MANDRACCI VERA, Opere militari e Urbanistica in Piemonte tra Sei e Ottocento, in Bollettino della società per gli studi storici, archeologici e artistici della provincia di Cuneo, n°97 secondo semestre, l’Artistica Savigliano, Savigliano 1987

VEZZOSI ELENA, Il carcere canonico come negazione del carcere: osservazioni del testo di Mabillon. Riflessioni sulle prigioni degli ordini religiosi, in Dei Delitti e delle Pene: rivista di Studi Sociali, Storici e Giuridici sulla Questione Criminale, Volume III, Bologna 1987

NALBONE GIUSEPPE, Carcere e società in Piemonte, 1770-1857, Fondazione Camillo Cavour, Santena 1988

WEISSER MICHAEL, Criminalità e repressione nell’Europa moderna, Il Mulino, Bologna 1989

AMATO NICOLÒ, Oltre le sbarre, Mondadori, Milano 1990

BONINI ROBERTO, La carcere dei debitori. Linee di una vicenda settecentesca, Giappichelli Editore, Torino 1991

CANOSA ROMANO, Storia della criminalità in Italia: 1845-1945, Einaudi, Torino 1991

DE CATALDO GIANCARLO, Minima criminalia : storie di carcerati e carcerieri, Manifestolibri, Roma 1992

MARCETTI CORRADO E SOLIMANO NICOLA (a cura di), Un fossile chiamato carcere, Pontecorboli, Firenze 1993

WITTKOVER RUDOLF, Arte e Architettura in Italia. 1600-1750, Einuadi, Torino 1972 (edizione consultata 1993)

RUGGIERO MICHELE, L’eredità di Carlo Alberto, Rusconi, Milano 1995

FOUCALT MICHAEL, Sorvegliare e punire. Nascita della prigione, Einaudi, Torino 1975 ( edizione consultata 1996)

MATHIENSEN THOMAS, Perché il carcere?, Edizioni Gruppo Abele, Torino, 1996

GARLAND DAVID, Pena e società moderna. Uno studio di teoria sociale, Il Saggiatore, Milano 1999

AMBROSINI FILIPPO, Piemonte giacobino e napoleonico, Bompiani, Milano 2000

CHIRIBIRI ALESSANDRO, Carcere e società: il ruolo della cultura universitaria: atti del Seminario, 4 ottobre 1999, Tirrenia Stampatori, Torino 2000

GUARNIERI LUIGI, L' atlante criminale : vita scriteriata di Cesare Lombroso, Mondadori, Milano 2000

SERRA CARLO, Psicologia penitenziaria : sviluppo storico e contesti psicologico-sociali e clinici, Giuffrè Editori, Milano 2000

BENTHAM JEREMY, Panopticon ovvero la casa d’ispezione, Marsilio, Venezia 1983 (edizione consultata 2002)

DUBBINI RENZO, Henry Labrouste 1801-1875, Electa, Milano 2002

FERRUGIARI ANNA, Le trasformazioni dell'edilizia penitenziaria e il dibattito sulle riforme carcerarie. Le carceri "Le Nuove": l'esempio tipologico e la conservazione, rei. Micaela Viglino Davico, Simonetta Pagliolico, Politecnico di Torino, Torino 2002

TESSITORE GIOVANNI, L’utopia penitenziale borbonica. Dalle pene corporali a quelle detentive, F. Angeli, Milano 2002

ANTOLISEI FRANCESCO, Manuale del Diritto Penale, Giuffrè, Milano 2003

AMBROSINI FILIPPO, Carlo Alberto re, Edizioni del Capricorno, Torino 2004

TROMBETTA SIMONETTA, Punizione e carità: carceri femminili nell’Italia nell’Ottocento, Il Mulino, Bologna 2004

ANTONIELLI LIVIO, Carceri, carcerieri, carcerati. Dall’antico regime all’Ottocento, Rubettino Editore, Soveria Mannelli 2006

DAMERI ANNALISA, Normare e Costruire. Cantieri e città nell’età di Carlo Alberto, in Alessandria dal Risorgimento all’Unità d’Italia, Volume I Dalla Restaurazione al 1848, SO.G.E.D. Edizioni, Borgaro Torinese 2008

DE VITO CHRISTIAN, Camosci e girachiavi. Storia del carcere in Italia, Editori Laterza, Bari 2009

BOSSUTO JURI, COSTANZO LUCA, Le catene dei Savoia: cronache di carcere, politici e soldati borbonici a Fenestrelle, forzati, oziosi e donne di malaffare, Il Punto, Torino 2012

BURDESE CESARE, Niente Carceri per gli architetti, Il Giornale dell’Architettura, anno 11, n°101, Torino gennaio 2012

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)