Politecnico di Torino (logo)

Bertola, Giulia and Pera, Alberto Carlo

Progetto di un bivacco alpino tipo : per il 150° del CAI.

Rel. Massimo Crotti, Osvaldo Marengo. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta', 2013

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Il progetto che presentiamo, il cuore del nostro percorso di tesi, è studiato e concepito per essere costruito in scala 1:1. L'opportunità che questa tesi di laurea diventi un oggetto tangibile è resa dall'interesse già dimostrato da diverse sedi locali del CAI, oltre al fatto che nasce da una richiesta reale di quest' ultimo allo IAM.

È importante sottolineare come il lavoro svolto non sia stato vagliato esclusivamente dai relatori, come avverrebbe normalmente, ma anche da tecnici e costruttori, essendo le figure che per prime, in sede di realizzazione, confermeranno oppure no la bontà delle scelte progettuali.

Per questo fine, esperti di montagna ed alpinismo in prima istanza, seguiti da specialisti della lavorazione della vetroresina, delle energie alternative e dei sistemi modulari in alluminio hanno vagliato la nostra proposta, confermando alcune ipotesi ed indirizzando il lavoro verso attenzioni progettuali che ne facilitassero la costruzione. Nel corso della progettazione sono stati diversi i momenti di verifica e di prova della bontà del lavoro, in cui alle ordinarie revisioni di tesi si sostituivano momenti di confronto, aperti tra i diversi soggetti. Quello delle fasi di verifica è infatti un tema a noi parzialmente nuovo e molto importante, infatti dal momento che il progetto tratta questioni reali, queste sono messe alla prova spesso e contemporaneamente tra loro, perciò ogni scelta del progetto si rivela trasversale a molti ambiti o campi dello stesso.

Possiamo quindi precisare che il percorso affrontato, sebbene riguardasse un oggetto molto piccolo, ha avuto la possibilità di sperimentare aspetti tra i più vari: da fasi di ricerca profonda sui temi della teoria e della storia della costruzione ad alta quota, fino ad aspetti decisamente più pragmatici trattati con esperienza e serietà.

Riteniamo importante porre un'ultima postilla sulla contemporaneità del tema che stiamo trattando e sul suo attuale successo. Ci pare doveroso specificare che il progetto mira alla definizione di un'immagine differente dell'architettura montana, che possa aprire a motivi di rapporto con il contesto di nuova concezione, andando nel senso opposto rispetto a molte delle ultime idee e rappresentazioni del tema.

Relatori: Massimo Crotti, Osvaldo Marengo
Soggetti: A Architettura > AF Edifici e attrezzature per il tempo libero, le attività sociali, lo sport
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura costruzione citta'
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/3290
Capitoli:

PARTE 1

Soggetti e richiesta di progetto

Localizzazione

Cos’è un bivacco oggi

Richieste progettuali

PARTE 2

Il ’700

Temple de la nature

L’’800

Le grand moulets

Luigi Amedeo di Savoia

Vallot

Il ’900

Apollonio

Refuge Bivuac

Refuge Tonneau

Pelino

Il ’000

Alpine capsule

Pavia Kemperla

Gervasutti

Abitare minimo nella Alpi_I classificato

Abitare minimo nella Alpi_II classificato

PARTE 3

Il ruolo enfatico della montagna

Prime esplorazioni progettuali

La forma

La forma minerale

L'ottaedro

La tassellazione

L'uomo

L'uomo e il suo spazio

Il progetto

Dinamismo

La distribuzione

Pianta corpo centrale

Struttura

Scala

Zona giorno

Soppalco

La morfologia

Forma esterna

Basamento

Copertura

Aperture

Effetti neve -vento

Vetroresina

Il progetto definitivo

Conclusioni

Bibliografia

Bibliografia:

PARTE 2

AA. VV., Architettura Moderna Alpina: i rifugi, quaderni della fondazione Courmayeur

AA. VV., Architettura Moderna Alpina: i rifugi 2, quaderni della fondazione Courmayeur

Enrico Camanni, La nuova vita delle Alpi, Torino 2002

Mario Cereghini, Costruire in montagna, architettura e storia, Edizioni del Milione, Milano 1956

Luca Gibello, Cantieri d'alta quota, breve storia della costruzione dei rifugi sulle Alpi, 2011

Luca Gibello, Datemi un punto di appoggio e salirò il mondo, Meridiani Montagne, Rifugi d'Italia, n.57, p. 8, luglio 2012

Antonio De Rossi, Architettura alpina moderna in Piemonte e Valle d'Aosta, Umberto Allemandi & C., Torino 2005

Antonio De Rossi, Roberto Dini, Architettura alpina contemporanea, Priuli &Verlucca, 2012

Antonio De Rossi, Enrico Moncalvo, a cura di, Cultura architettonica ed ambiente alpino, Celid, Torino 2011

Michela Comba, a cura di, Carlo Mollino, Architettura di parole, scritti 1933- 1965, Bollati Boringhieri, Torino 2007

John Ruskin, Le cattedrali della terra: la rappresentazione delle Alpi in Italia e in Europa, 1848 -1918, Electa, Milano 2000

Bruno Taut, Alpine Architektur, Hagen, 1918

Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc, Le massifdu Mont Blanc (1876), Kessinger Publishing, 2010 PARTE 3

Carlo Aymonino, a cura di, L'abitazione razionale, in Atti dei congressi CIAM 1929 - 1930, Marsilio Editori, 1971

Andrea Bocco, Gianfranco Cavaglià, Cultura tecnologica dell’architettura, pensieri e parole prima dei disegni, Carocci Editore, Roma 2008

Francesco Careri, Walkscapes, Camminare come pratica estetica, Einaudi, Torino 2006

Germanno Celant, Arti e Architettura, 1900/1968, vol 1 -2, Skira, Ginevra - Milano 2004

Le Corbusier, Le Modulor, Gabriele Mazzotta editore, Milano, 1974

Fulvio Irace, a cura di, Casa per tutti. Abitare la città globale. Catalogo della mostra Milano, 23 maggio-14 settembre 2008, Mondadori 2008

Le Corbusier, Urie Petit Maison, Editions Girsberger, Le Carnets de la Recherche patiente, n. 1, Zurigo, 1954

Le Corbusier, Verso un'architettura, Longanesi, Milano 1973

Le Corbusier, Pierre Janneret, Analisi degli elementi fondamentali del problema della "Maison Minimum";

Peter Eisenman, Contropiede, Skirà Editore, Milano 2005

Georg Wilhelm Friederich Hegel, Estetica dell'architettura, La città del sole, 1997

Carlos Marti Aris, Silenze eloquenti, Christian Marinotti Edizioni, Milano 2002

Paolo Martegani, Spazio minimo, Indagine metodologica sull'habitatpiù ridotto, Bulzoni Editore, Roma 1975

Fausto Melotti, Lo spazio inquieto, Einaudi, Torino 1971

Rafael Moneo, Inquietudine teorica e strategia progettuale nell'opera di otto archilecta, Milano 2005

Bruno Munari, Artista eerza, Bari 1971

Bruno Munari, Da cosa nasce cosa, 2007

Bruno ori Laterza, Bari 1977

Giò Ponti, Amatei Libri Illustrati, Milano 2010

Jean Prouvè, Thepject, ni, Comporre l'architettura, Editori Laterzcklinger, Ergonomia Applicata al progetto, Cenni sMaggioler Siegal, More Mobile, Portable ArchitectuArchitectural Press, New York, 2007

Maurizio Vitta, Dell'abitare, Cooggetti immagini, Giulio Einaudi Editore, Torino 2008

Bruno Zevi, Saper vedere l'architettura, Einaudi, Torino 2004

RIVISTE

Matteo Agnoletto,Smallness, Small Works, in Area, n.98, maggio - giugno 2008

Antonio De Rossi, C'è del bello nelle Alpi d'Oc, in Alpidoc le alpi del sole, a. XX, n.83-84, marzo-aprile 2012

Paolo Giardiello, A hat fora home. Living in movement, On the Water, Area, n.123, luglio - agosto 2012

Lukas Feireiss, Small is beautiful, Small Works, Area, n.98, maggio - giugno 2008

Alfonso Morone, Dentro e Fuori: piccola storia delle microarchitetture per /'outdoor, On the Water, Area, n.123, luglio - agosto 2012

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)