Politecnico di Torino (logo)

Gonella, Giorgia

L'anfiteatro di Augusta Bagiennorum: lettura alla luce dei nuovi dati archeologici.

Rel. Donatella Ronchetta. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2004

Abstract:

Fondamentale alla realizzazione di questa stesura è stato il riscontro della mancanza di indagini comparative sugli anfiteatri piemontesi, precisamente del territorio relativo alla suddivisione augustea della Regio IX Liguria. In generale, è stata a lungo diffusa la convinzione di perifericità del Piemonte romano rispetto alle vicende che interessarono la romanizzazione della Gallia Cisalpina; l'area è stata considerata a lungo prevalentemente destinata a crocevia di transito militare e commerciale; tali convinzioni hanno dissuaso, soprattutto negli anni passati, l'avvio di sistematiche campagne di ricerca archeologica e, di conseguenza, di accurati studi storici. E' risultato, dunque, assai rilevante la programmazione generale e l'avvio, dal 2001, di indagini archeologiche sistematiche presso il sito archeologico di Augusta Bagiennorum, in particolare rivolte alla messa in luce dell' amphitheatrum romano. Quest'ultimo sarà, quindi, il soggetto primario delle mie ricerche da cui ha preso titolo la mia Tesi di Laurea: "L'anfiteatro di Augusta Bagiennorum: lettura alla luce dei nuovi dati archeologici". La comparazione sarà, pertanto, effettuata in primo luogo tra l'anfiteatro di Augusta Bagiennorum (Benevagienna) e quelli di Pollentia (Pollenzo) e Libarna (Serravalle Scrivia), cioè, con i monumenti anfiteatrali archeologicamente notori del territorio considerato, dato che dei medesimi di Basta (Asti) e Aquae Statiellae (Acqui Terme) risultano conosciuti dati esclusivamente indiziari e sommari. L'analisi dei diversi anfiteatri esaminati sarà, inoltre, comparata a quella dei medesimi noti di tutta la Regio IX Liguria congiuntamente alla Provincia delle Alpi Marittime e dell'area dell'attuale Piemonte-Valle d'Aosta, cioè, dell'antica Regio XI Transpadana con la Provincia delle Alpi Cottiae senza tralasciare, tuttavia, le eventuali manifeste similitudini con edifici medesimi archeologicamente conosciuti dell'ambito dell'Impero. Sarà, dunque, possibile tramite la conoscenza dettagliata della storia degli scavi e restauri (dall'identificazione del monumento ai giorni nostri), la collocazione urbana, l'analisi e la ripartizione dei materiali oltre che delle tecniche costruttive usufruite, la classificazione delle diverse dimensioni-planimetrie-capienze giungere alla determinazione di una ripartizione cronologica dei diversi monumenti anfiteatrali esaminati. Dai confronti effettuati, al fine di una approfondita conoscenza dell'anfiteatro dei Bagienni, si delineerà una lettura delle diverse città romane e dei loro monumenti prevalenti. E' risultata di primaria importanza alla stesura di tale lavoro oltre al valido supporto della Prof. D. Ronchetta la possibilità di assistere, con il beneplacito del Comune di Benevagienna, agli scavi archeologici condotti nel corso del 2001-2002 in sede dell'anfiteatro romano oltre che di poter visionare la documentazione cartacea e fotografica redatto dai tecnici della Soprintendenza o per loro conto. Di valido aiuto alla stesura è stata, inoltre, la possibilità conferitami di realizzazione di un Rilievo Archeologico e un Rilievo Metrico delle murature fino ad ora messe in luce. Occorre, a tale riguardo, effettuare delle precisazioni. A seguito dell' approvazione del Protocollo di Intesa tra la Soprintendenza Archeologica del Piemonte, l'Ente di gestione dei Parchi e delle Riserve naturali del Cuneese ed il Comune di Benevagienna per il coordinamento delle azioni finalizzate alla valorizzazione dell'area archeologica di Augusta Bagiennorum sono stati concordati, per ciascuno, diritti e incombenze. In particolare l'Ente di gestione dei Parchi e delle Riserve naturali del Cuneese, sulla base del finanziamento del Programma Triennale per le Aree naturali protette del Ministero dell'Ambiente e della Regione Piemonte, ha assunto l'obbligo di provvedere alla realizzazione di un'area attrezzata e parcheggio in località San Pietro; al Comune di Benevagienna spetta il miglioramento della viabilità di accesso a tale area attrezzata e parcheggio attraverso la sistemazione della Strada Vicinale delle Lame; inoltre, la Cascina Ellena, situata in Frazione Roncaglia e di proprietà del Comune di Benevagienna per la sua vicinanza all'area archeologica e per le sue particolari caratteristiche edilizie, architettoniche e dimensionali, deve essere restaurata per essere destinata a centro di visita ed accoglienza con una foresteria e per ospitarvi attività didattiche, culturali e ricreative. Con la realizzazione della Riserva Naturale Speciale di Augusta Bagiennorum l'area della città romana è diventata Parco Archeologico, per l'assolvimento del quale risulta fondamentale la risistemazione dell'antiquarium, per l'accoglimento dei reperti provenienti da Augusta Bagiennorum (dal XIX secolo sito in Benevagienna presso Palazzo Lucerna di Rorà). Il Protocollo d'Intesa ha, poi, sancito che la Soprintendenza Archeologica del Piemonte deve acquisire l'area in cui è localizzato il Tempio Maggiore, detto anche Tempio di Giove a cui dovrà seguire una specifica campagna di scavi, i cui finanziamenti sono stati richiesti al Superiore Ministero nell'ambito della programmazione 2001-2003; la Soprintendenza possedeva già dal 1955, l'area di pertinenza del teatro, del quadriportico e del tempio con soprastante basilica. Altra pertinenza del Comune di Benevagienna è l'acquisizione del terreno agricolo sito nei pressi del Teatro ed adiacente alla Strada Comunale della Roncaglia per organizzarvi spazi di servizio per l'area archeologica compatibilmente con i risultati degli scavi oltre al terreno concernente i resti di un'abitazione romana; il Comune deve acquisire anche il terreno di pertinenza dell'anfiteatro e, successivamente, il lotto concernente il lato cono di Sud-Ovest dell'edificio stesso. Dunque, seppur sottoposto al vincolo del protocollo d'Intesa, succitato, il terreno di pertinenza dell'anfiteatro romano di Benevagienna risulta di proprietà comunale. Nonostante siano stati eseguiti numerosi interventi è evidente, dalla sovrapposizione della Planimetria generale degli scavi ottocenteschi con la Planimetria catastale odierna, che una vasta porzione del sito archeologico presso la piana della Roncaglia risulta ancora di proprietà privata. E' presumibile, tuttavia, ritenere che presso il sito archeologico di Augusta Bagiennorum saranno presto intrapresi nuovi importanti interventi grazie al cospicuo ausilio economico, di un milione di euro, concordato dal Ministero dei Beni Culturali per il triennio 2004-2006. Sono giunta al termine delle mie indagini dopo un non breve percorso. Il soggetto predominante è stato l'anfiteatro romano di Augusta Bagiennorum, seppur lo studio si è diramato in molteplici direzioni. Il lavoro è stato preceduto dall'analisi storica del territorio e della popolazione dei Ligures Bagienni, della creazione della loro capitale Augusta Bagiennorum nell'ambito della colonizzazione romana dell'attuale territorio del Piemonte e la sua collocazione nell'ambito della Regio IX. Liguria, a seguito della suddivisione dell'Impero in regioni voluta da Augusto; è stato, poi, analizzato storicamente l'amphitheatrum come nuova soluzione architettonica concepita dai Romani per accogliere le evoluzioni dei munera e delle venationes, rispettivamente in precedenza accolte nel forum e nel circus. Il monumento ludico di Augusta Bagiennorum è stato comparato primariamente, tramite diverse chiavi di lettura, agli anfiteatri di Libarna (Serravalle Scrivia) e di Pollentia (Pollenzo); da tali analisi sono emersi similitudini e disuguaglianze anche con altri monumenti similari di tutta l'antica Regio IX. Liguria di Basta (Asti) e di Aquae Statiellae (Acqui Terme) (seppur esclusivamente come sommaria indicazione dimensionale e di datazione per le esigue fonti storico-archeologiche note), Luna (Luni), Albingaunum (Albenga) e Cemenelum (Cimiez-Nizza), della Provincia delle Alpi Marittime; inoltre, con gli anfiteatri della Regio XI Gallia Transpadana, dell'attuale territorio del Piemonte-Valle d'Aosta, di Augusta Praetoria Salassorum (Aosta), Eporedia (Ivrea) e di Segusium (Susa), della Provincia delle Alpi Cottie (per citare i maggiormente noti); non sono mancate, tuttavia, palesi assonanze con anfiteatri di altri regioni dell'Impero, come tra il monumento ludico bagienno e quello di Ariminum (Rimini) della Regio VIII. Aemilia, per citare un esempio. La prima classificazione ha avuto come oggetto la diversa collocazione urbana e l'orientamento del monumento anfiteatrale. Da essa è emerso che la forma chiusa della cavea ellittica dell' amphitheatrum non conferì un orientamento preferenziale al monumento, ma fu esclusivamente dettata dalle peculiarità dell'area d'origine; infatti, analizzando le planimetrie, note grazie ai rilievi archeologici svoltesi a seguito dei diversi scavi, risulta evidente che la posizione del Nord varia sensibilmente da un sito all'altro; risulta possibile, dunque, asserire che i diversi anfiteatri non furono orientati secondo una regolamentazione generale vincolante o in funzione della categoria della struttura o in base all'importanza delle dimensioni del monumento stesso, ma piuttosto, è maggiormente plausibile ritenere che l'orientamento dell'asse maggiore fu influenzato esclusivamente dall'eventuale pendenza del terreno d'edificazione; a tale proposito, Golvin, nel suo studio analitico sugli anfiteatri archeologicamente noti dell'antico Impero romano, ha evidenziato che l'eventuale orientamento di un anfiteatro in rapporto al sole non poté avere senso dato che, per le peculiari caratteristiche planimetriche, una porzione degli spettatori si trovava all'ombra con le spalle al sole e una parte, posta frontalmente, riceveva al contrario i raggi solari di fronte (e viceversa nel corso della giornata); non si poté orientare l'edificio ludico in modo tale da ovviare a tale inconveniente ma, esclusivamente, disporre superiormente alla cavea il velum, le cui tele mobili venivano dispiegate una di seguito all'altra nel corso della giornata seguendo i movimenti solari; tale accorgimento tecnico tolse ogni presupposto per un orientamento particolare dell'anfiteatro. Occorre evidenziare il diverso orientamento degli assi maggiori degli anfiteatri considerati in questo elaborato, di cui ho compilato una schedatura; presso Aquae Statiellae, seppur esigui risultano essere i dati archeologici noti è possibile comunque evidenziare che l'orientamento dell'asse maggiore del suo anfiteatro fu di circa 10°-15° a Nord-Est/Sud-Ovest; l'anfiteatro di Augusta Bagiennorum presenta un orientamento dell'asse maggiore Nord-Est/Sud-Ovest; nonostante siano esigue le conoscenze archeologiche dell'anfiteatro di Hasta l'andamento topografico del suo sito originario consente di individuarne l'originario orientamento del suo asse maggiore è di 10° Nord-Ovest/Sud-Est, cioè eguale a quello determinato per le insulae cittadine; l'impianto urbano di Libarna, di cui sono riconoscibili numerose porzioni, sorse presumibilmente come continuità cittadina della Via Postumia, risulta orientato di 30° Nord-Ovest/Sud-Est a cui l'asse maggiore dell'anfiteatro risulta parallelo; per concludere l'anfiteatro di Pollentia seguiva l'orientamento urbano della città identificato in 23°50' Nord- Ovest/Sud-Est. Una seconda chiave di lettura dell'anfiteatro ha interessato l'aspetto costruttivo del monumento oltre ai materiali in esso impiegati; in tale caso, per l'anfiteatro di Augusta Bagiennorum si sono rilevati di fondamentale importanza le nuove acquisizioni a seguito dei recenti scavi 2001-2002. Lo studio ha preso avvio da un'analisi generale delle diverse metodologie di edificazione procedendo ad una loro classificazione tramite cui si sono distinti due grandi gruppi: gli anfiteatri a "struttura piena" e gli anfiteatri a "struttura scavata". Fra la tipologia a "struttura piena" si possono distinguere gli anfiteatri a cavea scavata o supportata tramite dei terrapieni continui (a loro volta distinti in anfiteatri a cavea scavata nel suolo totalmente o parzialmente, anfiteatri realizzati con terrapieno ed armatura e anfiteatri con terrapieni sostenuti tramite muri costruiti in muratura) e anfiteatri a cavea supportata da dei terrapieni compartimentati, distinti in anfiteatri dotati di una struttura a compartimenti giustapposti e anfiteatri con una struttura a cassone. Ha fatto seguito l'analisi dei diversi materiali, delle opere murarie, delle decorazioni oltre che del cantiere di epoca romana. L 'analisi si è poi rivolta ai diversi materiali, tipologia muraria e costruttiva dei diversi monumenti analizzati. E' stato possibile riscontrare l'uso della tipologia edificativa a "struttura piena", nella specie con cavea supportata da terrapieni continui, negli anfiteatri di Pollentia (Pollenzo), Albingaunum (Albenga), Eporedia (Ivrea), Cemenelum (Cimiez-Nizza) e Segusium (Susa), e nella specie a terrapieni compartimentati negli anfiteatri di Augusta Bagiennorum (Benevagienna) e Libarna (Serravalle Scrivia); hanno presentato, per contro, una "struttura scavata" gli anfiteatri di Luna (Luni) e di Augusta Praetoria Salassorum (Aosta). Le murature dell'anfiteatro di Benevagienna, in particolare, risultano della tipologia in opus incertum o opus caementicium mixtum, definito a seguito delle recenti indagini archeologiche, opus vittatum I. Le suddette premesse hanno consentito di concludere effettuando, tramite i dati noti dalla conoscenza storico-archeologica, ad una schedatura riassuntiva e comparativa, secondo parametri diversi, gli anfiteatri considerati: sistema costruttivo, opera muraria, datazione. E' possibile asserire, per concludere, che una peculiare tipologia muraria e costruttiva, determinata principalmente da fattori locali ed economici, non rappresentano a priori un dato esplicativo indubbio sulla datazione di un edificio. Ho fatto seguito, successivamente, alla comparazione dell'anfiteatro di Augusta Bagiennorum con gli altri monumenti ad esso similari basandomi sulle diverse planimetrie, dimensioni e capienze; a tale riguardo per l'anfiteatro dei Bagienni, in particolare, è risultato assai utile il Rilievo Archeologico e Metrico, da me effettuato per una lettura maggiormente veloce e precisa del monumento. Ho iniziato da una prima analisi generale sulla figura dell' "architetto" di epoca romana, sulla metodologia usufruita per la stesura del progetto e la sua messa in opera sul terreno, sulle diverse unità di misura e dei moduli correnti, per passare ad un'analisi dettagliata dei due spazi fondamentali dell'anfiteatro e del loro rapporto: l'arena e la cavea. Ho inoltre approfondito la conoscenza delle metodologie di calcolo della contenenza di un anfiteatro, di cui quella maggiormente attendibile è sembrata essere quella avanzata dal Golvin. I dati raccolti dai confronti effettuati fra i diversi edifici sono stati catalogati secondo criteri diversificati: a (asse maggiore dell'arena), b (asse minore dell'arena), A (asse maggiore della cavea), B (asse minore della cavea), a/b (forma dell'arena), Sa (superficie dell'arena), St (superficie totale), Sc (superficie della cavea), Pl (numero dei posti), P (perimetro esterno), C (larghezza della fascia della cavea), Sa/Sc (importanza dell'arena in rapporto alla cavea in percentuale); tali dati risultavano noti per taluni edifici, mentre per altri sono stati opportunamente dedotti. Per la realizzazione delle analisi suddette sono state fondamentali le conoscenze acquisite, per i diversi monumenti, grazie alle ricerche archeologiche e gli eventuali restauri effettuati nel corso degli anni, dal XIX secolo ad oggi. In particolar modo per Augusta Bagiennorum e per il suo amphitheatrum risultano fondamentali, oltre alle ricerche archeologiche sistematiche recenti, gli scavi e l'analisi archeologica scaturite, nel XIX secolo, dall'unione delle competenze di due studiosi benesi: l'alto grado di preparazione tecnica, topografica e architettonica di G. Vacchetta congiunte alle conoscenze storico-antichistiche di G. Assandria; il loro lavoro è pervenuto grazie alle numerose pubblicazioni sugli «Atti della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti» e nelle «Notizie degli Scavi di Antichità»; molti documenti inediti sono conservati presso l' Archivio della Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici del Piemonte, Archivio d'Andrade, «Benevagienna. Scavi di ant

Relatori: Donatella Ronchetta
Parole chiave: anfiteatro - archeologici
Soggetti: A Architettura > AS Storia dell'Architettura
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
ST Storia > STB Archeologia
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/32
Capitoli:

BIBLIOGRAFIA

PREAMBOLO

PARTE I

CAP. I. INTRODUZIONE

Cap. I. 1. I "LIGURES BAGIENNI"

Cap. I. 1. 1. I "Ligures Bagienni" - Fonti storiche e linguistiche relative ai liguri Bagienni

Cap. I. 1. 2. I "Ligures Bagienni" - L'età del Bronzo finale e l'avvio dell'etnogenesi del popolo dei Bagienni

Cap. I. 1. 3. I "Ligures Bagienni" - Organizzazione economica e sociale delle comunità protostoriche del

Cuneese

Cap. I. 1. 4. I "Ligures Bagienni" - La produzione metallurgica nell'ambito Cuneese nella medio-tarda età del

Bronzo

Cap. I. 1. 5. I "Ligures Bagienni" - L'agricoltura, l'allevamento e l'ambiente naturale dell'area del Cuneese nel

corso del Bronzo finale

Cap. I. 1. 6. I "Ligures Bagienni" - La tipologia degli insediamenti e il popolamento Cuneese tra l'età del

Bronzo finale e l'età del Ferro

CAP. I. 2. CENNI STORICI

Cap. I. 2. 1. Il Piemonte romano

CAP. I. 3. L'ANFITEATRO

Cap. I. 3 1. Il monumento ludico romano antica sede dell'evoluzione di munera e di venationes

PARTE II

CAP. II ANFITEATRO ROMANO-COLLOCAZIONE URBANA E ORIENTAMENTO

CAP. II. 1. COLLOCAZIONE URBANA E ORIENTAMENTO: CARATTERI GENERALI

Cap. II. 2. COLLOCAZIONE URBANA E ORIENTAMENTO: AUGUSTA BAGIENNORUM

Cap. II. 3. COLLOCAZIONE URBANA E ORIENTAMENTO: POLLENTIA

Cap. II. 4. COLLOCAZIONE URBANA E ORIENTAMENTO: LIBARNA

PARTE III

CAP. III. ANFITEATRO ROMANO-MATERIALI E SISTEMI COSTRUTTIVI

Cap. III. 1. MATERIALI E SISTEMI COSTRUTTIVI: CARATTERI GENERALI

Cap. III. 1. 1. GLI ANFITEATRI A "STRUTTURA PIENA"

Cap. III. 1. 1. 1. Gli anfiteatri "a struttura piena": anfiteatri a cavea scavata o supportata tramite dei terrapieni

continui

Cap. III. 1. 1. 1. A. Gli anfiteatri "a struttura piena": anfiteatri a cavea scavata o supportata tramite dei

terrapieni continui- Anfiteatri a cavea scavata nel suolo (totalmente o Parzialmente)

Cap. III. 1. 1. 1. B. Gli anfiteatri "a struttura piena": anfiteatri a cavea scavata o supportata tramite dei

terrapieni continui- Anfiteatri realizzati con terrapieno e armatura

Cap. III. 1. 1. 1. C. Gli anfiteatri "a struttura piena": anfiteatri a cavea scavata o supportata tramite dei

terrapieni continui- Anfiteatri realizzati con terrapieni sostenuti tramite muri costruiti in muratura

Cap. III. 1. 2. 1. Anfiteatri a cavea supportata da dei terrapieni compartimentati

Cap. III. 1. 2. 1. 1. Anfiteatri dotati di una struttura a compartimenti pieni giustapposti

Cap. III. 1. 2. 1. 2. Anfiteatri dotati di una struttura a cassone

Cap. III. 1. 2. 2. GLI ANFITEATRI "A STRUTTURA SCAVATA" .

Cap. III. 1. 3. STRUTTURE IN PIETRE DI PICCOLE DIMENSIONI

Cap. II. 1. 3. 1. Le fondazioni

Cap. II. 1. 3. 2. Opus caementicium o Structura caementicia o Genus cementicium

Cap. III. 1. 3. 3. Caementa: frammenti di pietra

Cap. III. 1. 3. 4. La malta

Cap. III. 1. 3. 5. I laterizi

Cap. III. 1. 3. 6. L'opus incertum

Cap. III. 1. 3. 7. L'opus vittatum

Cap. III. 1. 3. 8. L'opus vittatum mixtum

Cap. III. 1. 3. 9. Rivestimenti

Cap. III. 1. 3. 10. La facciata

Cap. III. 1. 3. 11. Elementi lignei

Cap. III. 1. 3. 12. Il cantiere

Cap. III. 2. SISTEMA COSTRUTTIVO: AUGUSTA BAGIENNORUM

Cap. III. 3. SISTEMA COSTRUTTIVO: POLLENTIA

Cap. III. 4. SISTEMA COSTRUTTIVO: LIBARNA

PARTE IV

CAP. IV. ANFITEATRO ROMANO-DIMENSIONI, CAPIENZA, PLANIMETRIA

Cap. IV. 1. DIMENSIONI, CAPIENZA, PLANIMETRIA : CARATTERI GENERALI

Cap. IV. 1. 1. L'architetto dell'epoca romana e la metodologia di progettazione dell'anfiteatro

Cap. IV. 1.2. Le unità di misura e i moduli

Cap. IV. 1. 3. L'arena

Cap. IV. 1.4. La cavea

Cap. IV. 1. 5. Calcolo della capienza di un anfiteatro

Cap. IV. 2. DIMENSIONI, CAPIENZA, PLANIMETRIA: AUGUSTA BAGIENNORUM

Cap. IV. 3. DIMENSIONI, CAPIENZA, PLANIMETRIA: POLLENTIA

Cap. IV. 4. DIMENSIONI, CAPIENZA, PLANIMETRIA: LIBARNA

PARTE V

CAP. V. ANFITEATRO ROMANO-DATAZIONE

Cap. V. 1. DATAZIONE: CARATTERI GENERALI

Cap. V. 1. 1. Gli anfiteatri di età Repubblicana (dal 509 a.C. al 27 d.C.)

Cap. V. 1. 2. Gli anfiteatri di età Giulio-Claudia (dal 27 d.C. al 68 d.C.)

Cap. V. 1. 3. Gli anfiteatri di età Flavia (dal 69 d.C. al 96 d.C.)

Cap. V. 1. 4. Gli anfiteatri dell'età degli Antonini (dal 96 d.C. al 192 d.C.) e dei Severi (dal 193 d.C. al 235

d.C.)

Cap. V. 2. DATAZIONE: AUGUSTA BAGIENNORUM

Cap. V. 3. DATAZIONE: POLLENTIA

Cap. V. 4. DATAZIONE: LIBARNA

PARTE VI

CAP. VI. ANFITEATRO ROMANO-SCAVI E RESTAURI

Cap. VI. 1. SCAVI E RESTAURI: CARATTERI GENERALI

Cap. VI. 2. SCAVI E RESTAURI: AUGUSTA BAGIENNORUM

Cap. VI. 3. SCAVI E RESTAURI: POLLENTIA

Cap. VI. 4. SCAVI E RESTAURI: LIBARNA

CONCLUSIONI

ALLEGATO 1: ANFITEATRO ROMANO DI AUGUSTA BAGIENNORUM (BENEVAGIENNA)-

CAMPAGNA DI SCAVO 2001-2002

ALLEGATO 2: ANFITEATRO ROMANO DI AUGUSTA BAGIENNORUM (BENEVAGIENNA)-

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

Bibliografia:

OPERE A CARATTERE STORICO

MALABAYLA, 1656, Clypeus civitatis Astensis, Lione.

P. C. TACITUS, 1804, Annali di Cornelio Tacitoreadotti da Ludovico Vittorio Ravioli, Parma, 3, 31, 5; 4, 62; 13, 31; 14, 5; 12, 56.

STRABO, 1852-1853, Geographica, in A. MEINEKE (a cura di), Leipzig, IV, 6, 2; IV, 6, 7; V, 2, 1; IV, 62; V, 1, 12; V, 2, 1.

C. AELIANUS, 1858, De natura animalium: varia Historia, epistolae et fragmenta, in R. HELCHER (a cura di), Paris, XVI, 29.

M. V. PUBLIUS, 1863, Le bucoliche di Virgilio, di Nemesiano e Calpurnio, in J. D'ORIA (a cura di), Genova, 7, 50-55; 7, 25-30.

G. PLINIUS MAIOR, 1867, Naturalis Historia, in L. IAN-C. MAYOFF (a cura di), Stoccarda, III, 5, 46-49; III, 6-7; III, 17; III, 20; III, 52, 42; III, 117; III, 123-124; VIII, 48, 190-191; XX, 135; XXVI, 116-120; XVI, 190-200; XXXV, 12, 160; XXXV, 46, 160; XXXV, 170; XXXVI, 42; XXXVI, 175.

T. MOMMSEN, 1877, Corpus lncriptionum Latinarum. Beroli, apud Georgium Reimerum, Vol. V; parte II. Inscriptiones Regionum Italicae Undecimae et Nonae.

M. T. VARRO, 1889, De Re rustica, in H. KEIL (a cura di), Biblioteca scriptorum Graecorum et Romanorum Teubneriana, Leipzig, II, 5, 9; VI, 1, 1.

J. BELOCH, 1898, Le città dell'Italia antica, in Atene e Roma: bollettino della società italiana della diffusione e l'incoraggiamento degli studi classici, 6, Firenze.

P. OROSIUS, 1889, Pauli Orosii Historiarum adversus paganos libri, in K. F. VV. ZANGEMEISTER, Lipsiae, V, 5.

E. PAIS, 1918, Dalle Guerre puniche a Cesare Augusto. Indagini storiche, epigrafiche, giuridiche, Roma, II.

T. G. SVETONIUS, 1927, C. Svetoni Tranquilli Divus Vespasianus, in A. VV. BRAITHWAIT (a cura di), Oxford, IX.

G. LUGLI, 1945, Studi minori di topografia antica, Roma.

S. MAZZARINO, 1945, Dalla monarchia allo stato repubblicano, Catania.

T. G. SVETONIUS, 1951, Divus Augustus (De vita Caesarum liber 2.), in M. A. LEVI (a cura di), Firenze, 30, 8; 39; 29; 43, 2; 44, 3-4; 45, 1-2.

G. GIANNELLI, 1955, La repubblica romana, Milano.

G. A. MANSUELLI, 1962, I Cisalpini (III sec. a.C.-III sec. d.C.), Firenze.

CATALOGO DELLA MOSTRA, 1965, Arte e civiltà romana nell'Italia settentrionale dalla repubblica alla tetrarchia, Catalogo della Mostra, (Bologna, 20 settembre-22 novembre 1964), I-II, Bologna.

S. MAZZARINO, 1965, Trattato di Storia romana, Roma.

G. TIBILETTI, La romanizzazione della Valle Padana, in Arte e civiltà romana nell'Italia settentrionale dalla repubblica alla tetrarchia, Catalogo della Mostra, (Bologna, 20 settembre-22 novembre 1964), II, Bologna, pp. 25-36.

T. LIVIUS, 1966, Ad Urbe condita, in W. WEISSENBORN-M. MUELLER (a cura di), Stuttgart, XXX, 19; XL, 53; XXXII, 29, 7; XLII, 22, 5.

C. PTOLEMAEUS, 1966, Geographia, in C. F. A. NOBBE (a cura di), Leipzig, III, 1, 34.

C. CARDUCCI, 1968, Arte romana in Piemonte, Istituto Bancario San Paolo di Torino, Torino.

P. N. OVIDIUS, 1968, Metamorphoseon libri 11, in H. RUDOLF (a cura di), Lipsiae, XI,25.

G. A. MANSUELLI, 1970, Architettura e città-Problemi del mondo classico, Bologna.

G. A. MANSUELLI, 1971, Urbanistica e architettura nella Cisalpina romana fino al II secolo e.n., in «Collection Latomus», 111, Bruxelles.

L. A. SENACA, 1971, Tome 1: De ira, in A. BOURGERY (a cura di), Paris, 1, 2.

P. GROS, 1976, Aurea Templa: recherches sur l'architecture religieuse de Rome a l'époque d'Auguste, Ecole française de Rome, Roma.

HERON D'ALEXANDRIE, 1976, Heronis quaeferuntur stereometricaet de mensuris, in B. G. TEUBNER (a cura di), Stuttgart, 1, 44.

L. I. M. COLUMELLA, 1977, De re rustica in R. CALZECCHI ONESTI (a cura di), Roma, VII, 2, 4.

P. GROS, 1978, Architecture et societé à Rome et en Italie centro-mèridionale aux deux derniers siècles de la Republique, in «Collection Latomus», 156, Bruxelles.

C. NORBERG-SCHULZ, 1979, Archeologia occidentale. Archeologia come storia di forme significative, Milano.

M. V. MARTIALIS, 1980, Epigrammaton libri, in G. NORCIO (a cura di), Torino, IX, 68; XIV, 157; XIV, 157-158.

G. A. MANSUELLI, 1981, Roma e il mondo romano-Dalla media repubblica al primo Impero (II sec. a.C.-I sec. d C.), in Le civiltà antiche e primitive, I, Storia Universale dell'Arte, Torino.

Aa. Vv., 1981, Roma e il Suo Impero in Occidente, in «Enciclopedia Cambridge», Archeologia, 35, II, IV, Milano.

T. LIVIUS, 1981, Storie, in L. FIORE (a cura di), Torino, VI, 2, 8; XXI, 38,7; XXIII, 30, 15; XXXI, 50, 4; XXXIX, 7; XXXIX, 46,2; XL, 53; XLII, 8, 4; XLII, 22,5; XLII, 82, 5; XLIII, 9.

G. VILLE, 1981, La gladiateur en Occident des origines à la mort de Domitien, in Les yeux des gladiateurs dans l'empire chrétien, Bibliothèque des Ecoles Françaises d' Athènes et de Rome, 245, Roma.

M. T. CICERO, 1983, Ve Lege Agraria orationes, in V. MAREK (a cura di), Leipzig, Biblioteca scriptorum Graecorum et Romanorum Teubneriana, II,28.

G. A. MASUELLI-F. BOSI, 1984, Le civiltà dell'Europa antica, Milano.

M. PALLOTTINO, 1984, Storia della prima Italia, Milano.

M. T. CICERO, 1985, Epistole ad familiares, in A. SADOLINO WESENBERG (a cura di), Leipzig, X, 32, 2; XI, 13-14.

F. TINE' BERTOCCHI, 1986, Roma e i Liguri, Genova.

G. SILIUS ITALICUS, 1987, Punica, in I. DELZ (a cura di), Biblioteca scriptorum Graecorum et Romanorum Teubneriana, Stuttgart, VIII, 507; VIII, 597-606; VIII, 605-606; XIII, V, 605.

G. BANDELLI, 1988, Le prime fasi della colonizzazione cisalpina (295-190 a. C.), in «Dialoghi di Archeologia», 6-2, pp. 105-116.

P. GROS-M. TORELLI, 1988, Storia dell'urbanistica. Il mondo romano, Roma-Bari.

A. MOMIGLIANO-A. SCHIAVONE (a cura di), 1988, Storia di Roma, Torino.

J. C. GOLVIN-C. LANDES, 1990, Amphithéatre et gladiateurs, Paris.

G. A. MANSUELLI, 1991, I Celti e l 'Europa antica, in I Celti, Catalogo della Mostra, Milano, pp. 15-21.

T. G. SVETONIS, 1991, Vita di Domiziano, in F. GALLI (a cura di), IV.

G. ROMANO, 1992, L 'antico calendario romano, in Astronomia, dalla Terra ai confini dell'Universo, Milano, pp. 85-86.

M. GUZZON, 1994, Le fabbriche civili, in G. MOROLLI-M. GUZZON (a cura di), Leon Battista Alberti: I nomi e le figure. Ordini, templi e fabbriche civili: immagini e architetture dai libri VII e VIII del De Re Aedificatoria, VIII, 8, Firenze.

T. G. SVETONIUS, 1994, De vita Caesarum-Tiberius, in F. DESSI (a cura di), Milano, VII, 2; XXXVII, 5.

DIO CASSIUS, 1996, Historia romana, in G. NORCIO (a cura di), Milano, 43, 22, 3; 43, 33, 4; 51, 23, 1; 53, 25; 54, 17, 4; 55, 7 -8; 55, 94; 59, 10' 5; 59, 20, 5; 62, 18, 2; 66, 25; 67, 8; 68, 18, 2.

M. T. VARRO, 1996, De lingua latina, in D. J. TAYLOR (a cura di), Amsterdam, V, 143.

M. P. VITRUVIUS, 1997, De Architectura, in P. GROS-A. CORSO-E. ROMANO (a cura di), Torino, I, 1, 1-17; I,2, 2; I,7, 1, 12; II,5, 5; II, 5, 6-7; II,5, 7; II, 8, 1-2; II,8, 5; II,9; V, 3; V, 10, 2; V, 12, 5; V, 12, 8-9; VII, 3-1; VII 1-17; VIII,5; VIII 6, 12-13.

VELLEIUS PATERCULUS, 1998, Historiarum ad marcum Vinicium consulem libri duo, in W. S. WATT (a cura di), Stuttgart-Liepzig, I, 15, 5.

E. GABBA, 2001, I tipi di colonizzazione augustea con particolare riferimento all'Italia occidentale, in R. COMBA (a cura di), I prime Mille anni di Augusta Bagiennorum, Atti del Convegno-Bene Vagienna, 2 settembre 2000, Storia e Storiografia, XXIX, Cuneo, pp.

T. G. SVETONIUS, 2001, Vita dei Cesari. 5. Claudio, in (a cura di), Cambridge, XXI.

T. G. SVETONIUS, 1992, La vita di Caligola, in G. GUASTELLA (a cura di), Roma, 18, 21.

IL PIEMONTE PREROMANO

N. LAMBOGLIA, 1933, Le guerre romano-ingaune e la romanizzazione della Liguria di ponente, Collana storico-archeologica della Liguria Occidentale, II, 1, Oneglia.

N. LAMBOGLIA, 1946, I Pedates Tyrii e l'etnografia alpina, in «Rivista di Studi Liguri», XII, 1-3, pp. 94-99.

F. RITTATORE, 1947, Sepolcreti piemontesi dell'età del Ferro, in «Rassegna Storica del Seprio», VII, pp. 1-12.

M. BONINO, 1967, Argomenti di archeologia navale in Piemonte-I., in «Bollettino della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti», XXI, pp. 16-28.

M. BONINO, 1969-1970, Argomenti di Archeologia navale in Piemonte-II. La Tradizione, in «Bollettino della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti», XXIII-XXIV, pp. 50-69.

R. PERONI, 1971, L'antica età del Bronzo. I. L'età del Bronzo nella penisola italiana, Firenze.

R. C. CE MARINIS, 1975, Ripostigli dell'antica età del Bronzo nel Lodigiano, in «Bollettino del Centro Camuno di Studi Preistorici», XII, pp. 72 sgg.

M. G. B. TIBILETTI, 1978, Ligure, Leponzio e Gallico, in Popoli e Civiltà dell'ltalia antica, vol. VI, Roma, pp. 129-208.

B. BAGOLINI, 1980, Introduzione al Neolitico dell'Italia settentrionale, Pordenone.

F. M. GAMBARI-M. VENTURINO GAMBARI, 1981, Alba, località Borgo Moretta. Abitato del Bronzo recente, in {<Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte», 1, Notiziario, Torino, 19, pp. 149-151.

G. PETRACCO SICARDI, 1981, Liguri e Celti nell'Italia settentrionale, in E. CAMPANILE (a cura di), I Celti in Italia, Pisa, pp. 71-96.

T. DORO GARETTO-R ACCATINO-E. FULCHERI, 1982, Il materiale osteoplogico umano di sepoltura multipla della prima età del Bronzo-Alba (Cuneo), in «Bollettino degli Studi Storici, Archeologici ed Artistici della Provincia di Cuneo», 86, pp. 95-107.

D. GANDOLFI-L. GERVASINI, 1985, La stirpe votiva di Caprauna: le classi del materiale, in I Liguri dall'Arno all'Ebro. Atti del Congresso Albenga 4-8/12/1982, «Rivista di Studi Liguri», XLIX, 1-4, pp. 92-167.

M. VENTURINO GAMBARI, 1985, L 'età dei Metalli ad Alba: considerazioni preliminari sui primi rinvenimenti, in «Alba Pompeia», VI, I, pp. 27-39.

F. M. GAMBARI-M. VENTURINO GAMBARI, 1986, Una cuspide di lancia di produzione carpatica da Cuneo al museo di Artiglieria di Torino, in «Preistoria Alpina», 22, pp. 163-167.

M. VENTURINO GAMBARI, 1987, Scavo di struttura del Neolitico Antico ad Alba, località Borgo Moretta. Nota preliminare, in «Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte», 6, Torino, pp. 23-61.

R. DE MARINIS, 1988, Liguri e Celto-liguri/ I. La cultura di Golasecca: Insubri, Orobi e Leponzi, in G. PUGLIESE CARATELLI (a cura di), Italia omnium terrarum alumna, Milano, Antica Madre, Milano, pp. 159-163

R. DE MARINIS, 1988, Liguri e Celto-liguri/II. I Liguri, in G. PUGLIESE CARATELLI ( a cura di), Italia omnium terrarum alumna, Antica Madre, Milano, pp. 159-263.

M. VENTURINO GAMBARI, 1988, Alba, località Borgo Moretta. Scavi nell'area degli abitati preistorici, in «Quaderni della Soprintendenza del Piemonte», 7, Notiziario, Torino, pp. 58-59.

M. VENTURINO GAMBARI-L. MANO, 1988, Cuneo, via Savona n. 1. Rinvenimento isolato di cuspide di lancia di età protostorica, in «Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte», 7, Torino, Notiziario, pp. 60-61.

F. M. GAMBARI-M. VENTURINO GAMBARI, 1988, Il popolamento della Liguria interna dalle invasioni galliche alla romanizzazione, in Contributi per una definizione archeologica della seconda età del Ferro nella Liguria interna, «Rivista di Studi Liguri», LIII, 1-4, pp. 99-150.

G. GASCA QUEIRAZZA-C. MARCATO-G. B. PELLEGRINI-G. PETRACCO SICARDI-A. ROSSEBASTIANO, 1990, Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino.

L. MALNATI-V. MANFREDI, 1991, Gli Etruschi in Vai Padana, Milano.

G. PETRACCI SICARDI-R. CAPRINI, 1991, Toponomastica storica della Liguria, Genova.

R. NISBET, 1991, Storia forestale e agricoltura a Montaldo tra L� età del Ferro e il XVI secolo, in E. MICHELETTO-M. VENTURINO GAMBARI (a cura di), Montaldo di Mondovì. Un insediamento protostorico. Un castello, Roma, pp. 247 -253.

M. VENTURINO GAMBARI, 1991, Montaldo di Mondovì. Una stazione dei" Ligures Montani" nel Monregalese, in E. MICHELETTO-M. VENTURINO GAMBARI (a cura di), Montaldo di Mondovì. Un insediamento protostorico. Un castello, Roma, pp. 15-28.

M. CIOCCHETTI, 1991-1992, L 'abitato preistorico della Burcida. Nota preliminare, Atti del Convegno "Antichità e Arte nel Biellese" (Biella, 14-15/10/1989), in «Bollettino della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti», XIV, pp. 34-45.

A. DEL LUCCHESE-R. C. DE MARINIS-F. M. GAMBARI, 1991-1992, Italia settentrionale. I, Italia nord-occidentale, in «Atti del Congresso. L'età del Bronzo in Italia nei secoli dal XVI al XIV a.C. (Viareggio, 26-30 ottobre 1989»>, Rassegna d'Archeologia, " pp. 31-38.

M. VENTURINO GAMBARI, 1992, Il territorio in età preistorica e preromana. Museo- Territorio I. Guida alla sezione archeologica, Bra.

F. M. GAMBARI-M. VENTURINO GAMBERI-F. D'ERRICO, 1992, Alba e la neolitizzazione del Piemonte, in «Bollettino di Paletnologia italiana», I, pp. 31-142.

C. DAVITE-M. GIARETTI-M. VENTURINO GAMBARI, 1994, Alba, località Borgo Moretta e San Cassiano. Interventi di scavo nell'area degli abitati e delle necropoli protostorici, in «Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte», 12, Notiziario, Torino, pp. 283-284.

F. M. GAMBARI-M. VENTURINO GAMBARI, 1994, Crissolo (Cuneo): per una definizione archeologica dei Taurini nella prima età del Ferro, in «Atti della XXXI riunione Scientifica dell'Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria "La Valle d'Aosta nel quadro della preistoria e protostoria dell'area alpina centro-occidentale"», (Courmayeur 2-5/6/1994), Firenze, pp. 393-407.

F. M. GAMBARI-M. VENTURINO GAMBARI, 1994, Le produzioni metallurgiche piemontesi nella protostoria del Piemonte: l'età del Bronzo, in «Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte», 12, Torino, pp. 33-38.

L. MERCANDO, 1994, Ancora un appunto per il Museo di Antichità: alcuni "sassi"' del Museo Bellino di Busca, in «Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte», 12, pp. 53-65.

F. M. GAMBARI, 1995, L'età del Bronzo e l'età del Ferro: navigazione, commercio e . controllo del territorio, in M. VENTURINO GAMBARI (a cura di), Navigatori e contadini. Alba e la valle del Tanaro nella preistoria, Alba, pp. 27-32.

L. FASANI-N. MARTINELLI, 1996, Cronologia assoluta e relativa dell'antica età del Bronzo nell'Italia settentrionale (dati dendrocronologici e radiometrici), in D. COCCHI GENICK (a cura di), L 'antica età del Bronzo in Italia, Firenze, pp. 423-432.

M. VENTURINO GAMBARI (a cura di), 1996, Le vie della pietra verde. L 'industria litica levigata della preistoria dell'Italia settentrionale, Catalogo della Mostra, Torino.

F. M. GAMBARI, 1997, La prime età del ferro nel Piemonte nord-occidentale, in «Atti della XXXI Riunione scientifica dell'Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria-La Valle d'Aosta nel quadro della preistoria e protostoria dell'arco alpino centro- occidentale», (Courmayeur, 2-5/6/1994), Firenze, pp. 341-359.

F. MARZA TICO , 1997, L 'industria metallurgica nel Trentino durante l' età del Bronzo, in A. CARDARELLI-M. CREMASCHI (a cura di), Le Terramare. La più antica civiltà padana, (Modena Foro Boario, 15 marzo- 1 giugno 1997), Milano, pp. 570-595.

R. C. CE MARINIS, 1998, La metallurgia dell'antica e media età del Bronzo in Piemonte, in L. MERCANDO-M. VENTURINO GAMBARI (a cura di), in Archeologia in Piemonte. I. .La Preistoria, Torino, pp. 157-182.

F. M. GAMBARI, 1998, Elementi di organizzazione sociale e economica delle comunità protostoriche piemontesi, L. MERCANDO-M. VENTURINO GAMBARI ( a cura di), in Archeologia in Piemonte. I. La Preistoria, Torino, pp. 247-260.

F. M. GAMBARI, 1998, Gli insediamenti e la dinamica del popolamento nell'età del Bronzo e nell'età del Ferro, in L. MERCANDO-M. VENTURINO GAMBARI (a cura di), Archeologia in Piemonte. I. La Preistoria, Torino, pp. 129-146.

R. SOLARI, 1998, La stratifìcazione linguistica del Piemonte preromano, in L. MERCANDO-M. VENTURINO GAMBARI (a cura di), Archeologia in Piemonte. I. La Preistoria, Torino, pp. 203-216.

V. KRUTA, 1999, La formazione della cultura di Golasecca, in V. KRUTA-V. M. MANFREDI (a cura di), I Celti in Italia, Milano, pp. 31-36.

M. VENTURINO GAMBARI (a cura di), 1999, In riva al fiume Eridano. Una necropoli dell' età del Bronzo finale a Morano sul Po, Catalogo della Mostra, Casale Monferrato.

F. M. GAMBARI, 1999, L'Italia settentrionale e il Piceno. L'Italia nord-occidentale, in Piceni. Popolo d'Europa, Catalogo della Mostra, Ascoli Piceno-Francoforte sul Meno, pp. 162-164.

L. FERRERO, 1999-2000, Il sito protostorico di Verruca Savoia (TO), Tesi di specializzazione, Scuola di specializzazione in Archeologia dell'Università Cattolica di Milano.

G. GIACOBINI-G, VILLA-G. MALERBA-G. ARCUINO, 2001, Un esempio di caccia all'orso nell'età del Brozo finale. La Grotta degli orsi in alta valle Tanaro, in M.VENTURINO GAMBARI (a cura di), Dai Bagienni a Bredulum. Il pianoro di Breolungi tra archeologia e storia, (Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte, Monografie, 9), Torino, pp. 31-32.

M. VENTURINO GAMBARI, 2001, Il pianoro di Breolungi tra l'età del Bronzofinale e l 'età del ferro, in M. VENTURINO GAMBARI (a cura di), Dai Bagienni a Bredulum. Il pianoro di Breolungi tra archeologia e storia, (Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte, Monografie, 9), Torino, pp. 13-30.

M. VENTURINO GAMBARI-M. GIARETTI, 2001, La facies Alba-Solero nell 'età del Bronzo recente dell'Italia nord-occcidentale, in L 'età del bronzo recente in Italia, Atti del Congresso (Lido di Camaiore 26-29/10/2000).

M. VENTURINO GAMBARI-E. MICHELETTO-M. GIARETTI, 2002, Mondovì, fraz. Breolungi, loc. Cimitero. Indagine archeologica nell' area degli insediamenti protostorici e medioevali, «Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte», 19, Notiziario, p. 130.

URBANISTICA, PROGETTAZIONE, MATERIALI E TECNICHE COSTRUTTIVE

A. CHOISY, 1873, L'art de bâtir chez les Romains, Parigi.

J.BELOCH, 1898, Le città dell'Italia antica, in Atene e Roma, 6.

H. NISSEN, 1883-1902, Italiche Landeskunde, Berlino, 2.

G. ROTONDI, 1912, Leges publicae populi Romani, Milano.

P. F. GIRARD, 1913, Tesxtes de droit romani, publies et annotes par Paul Frédéric Girard, Paris.

G. COZZO, 1928, Ingegneria romana, Roma.

C. CARDUCCI, 1938, Teatri del Piemonte romano, in «Dionisio. Bollettino dell'Istituto Nazionale del Dramma Antico», VI, pp. 297-303.

G. BLOCH, 1947, I bolli laterizi e la storia edilizia romana, Roma.

F. CASTAGNOLI, 1956, Ippodamo di Mileto e l'urbanistica a pianta ortogonale, Roma.

F. CASTAGNOLI, 1958, Le ricerche sui resti della centuriazione, Roma.

L. CREMA, 1959, L 'architettura romana, «Enciclopedia classica», 12, 3, 1, Torino, 1959.

A. NEPPI MODONA, 1959, Gli edifici teatrali greci e romani, Firenze.

W. M&#469;LLER, 1961, Die heilige Stadt, Stoccarda.

A. NEPPI-MODONA, 1961, Gli edifici teatrali greci e romani, Firenze.

S. FINOCCHI, 1965, L'urbanistica romana in Piemonte, in Arte e civiltà romana nell'Italia settentrionale dalla repubblica alla tetrarchia, Catalogo della Mostra, (Bologna, 20 settembre-22 novembre 1964), II, Bologna, pp. 577-580.

E. J. HOLMJARD-C. SINGER-T. I. WILLIAMS, 1966, Storia della tecnologia, (Traduzione italiana di History of Technology), Torino.

L. CANAC, 1967, L'acoustique des théâtres antiques: ses enseignements, Centre National de la Recherche Scientifique, Paris.

J. RUSSEL, 1968, The origin and development of the republican forums, in «Phoenis» , 22, 4, pp. 304-336.

G. A. MASUELLI-E. A. ARSLAN-D. SCAGLIARINI, 1971, Urbanistica e architettura della Cisalpina romana, fino al III secolo e.n., in «Collection Latomus», 111, Bruxelles.

VITRUVIUS POLLIO, 1971, Le dix livres d'architecture, A. CHOISY (a cura di), Paris.

J. B. WARD-PERKINS, 1974, Architettura romana, in «Storia universale dell'architettura», Milano.

T. MANNONI, 1976, L' analisi delle tecniche murarie medioevale in Liguria, in «Atti del Colloquio Internazionale di Archeologia medioevale», Palermo, pp. 291-300.

J. B. COIGNARD, 1979, Les dix livres d'architecture de Vitruve corrigés et traduits en 1684 par Claude Perrault, Bruxelles.

E. GABBA, 1985, Misurare la terra: centuriazione e coloni nel mondo romano, Modena.

R. GINOUVÈS-R. MARTIN, 1985, Dictionnaire méthodique de l'architecture gréco-romaine, 1, Roma.

D. B. SMALL, 1987, Studies in roman theater design, in «American journal of Archaeology», 87, 3.

J. P. ADAM, 1988, L 'arte di costruire presso i Romani. Materiali e tecniche, Milano.

G. CENTO, 1988, Rilievo edilizio architettonico, Genova.

P. GROS-M. TORELLI, 1988, Storia dell'urbanistica. Il mondo romano, Roma-Bari.

F. RAVIOLA, 1988, I problemi della centuriazione, in G. CRESCI MARRONE-E. CULASSO GASTALDI (a cura di), Per pagos vicosque. Torino romana fra Orco e Stura, Padova, pp.169-183.

G. ROMANO, 1991, Orientamenti magnetici ed astronomici nelle mappe archeologiche, in «Rivista di Archeologia», Supplemento, 9.

F. RAVIOLA, 1992, I segni della terra: la centuriazione, in MOLA (a cura di), Scarnafigi nella storia, Atti del convegno di Studi del 29 ottobre 1989, Cuneo, pp. 197-204.

G. ROMANO, 1992, Archeoastronomia italiana, Padova.

G. ROMANO, 1992, Città orientate nell'Italiana centro-meridionale, in Astronomia della terra ai confini dell'universo, Milano, pp. 85-86.

R. CHEVALLIER, 1993, Anomalie strutturali nel reticolo urbano, in «Archeologia Viva», XII, n. 41, p. 10.

G. BAIMA BOLLONE, 1993-1994, Il degrado dei materiali da costruzione. Esempi nell'area piemontese: i grandi edifici teatrali dell'età romana, Tesi di Laurea, Politecnico di Torino-Facoltà di Architettura.

M. GUZZON, 1994, Le fabbriche civili, in G. MOROLLI-M. GUZZON (a cura di), Leon Battista Alberti: I nomi e le figure. Ordini, templi e fabbriche civili: immagini e architetture dai libri VII e VIII del De Re Aedificatoria, Firenze.

G. MENELLA, 1994, Laterizi bollati dell'area piemontese. La documentazione su Pollentia e Augusta Bagiennorum, in Epigrafia della produzione e della distribuzione, Coll. École Française de Rome 193, Roma, pp. 397-413.

S. OLIVERO, 1995-1996, Materiali e tecniche costruttive nel Piemonte romano, Tesi di Laurea, Politecnico di Torino-Facoltà di Architettura.

P. GROS, 1996, L'architettura romana. Dagli inizi del III secolo a.C. alla fine dell'alto Impero. 1. I monumenti pubblici, Milano.

M. CODEBO', 1997, L'uso della bussola in archeoastronomia, in «Atti del XV Congresso nazionale C.N.R. di Storia della Fisica e dell'Astronomia », Como 24-25 giugno 1996, Como, pp. 323-335.

M. CODEBO', 1997, Problemi generali dell'indagine archeoastronomica, «Atti del I Seminario di archeoastronomia, Genova 22 febbraio 1997, Genova.

M. CODEBO', 1997, Corso elementare di archeoastronomia. Lezione I: problemi generali del rilevamento archeoastronomico, in «Atti del I Seminario A.L.S.S.A. di archeoastronomia», Genova.

I M. VITRUVIUS POLLIO, 1997, De Architectura, in P. GROS-A. CORSO-E. ROMANO (a cura di), III-IV, Torino.

M. TORELLI, 1998, Urbanistica e architettura nel mondo romano, in L. MERCANDO (a cura di), Archeologia in Piemonte. II. L 'età romana, Torino, pp. 29-49.

E.ZAN, 1998, Centuriazione e città, in L. MERCANDO (a cura di), Archeologia in Piemonte. II. L 'età romana, Torino, pp.49-66.

M. C. MANIGLIULO, 1999, Sull'orologio di Augusto, in «Giornale di Astronomia»,25, 2 pp. 50-59.

H. DE SANCTIS, 2000, Strumenti e calcoli per l'archeoastronomia, in «New Polaris», Associazione Ligure Astrofili Polaris, Genova.

E. GAMBA, 2001, L 'istinto della misura. 3000 anni di disegno della terra, in Segni e sogni della terra. Il disegno del mondo dal mito di Atlante alla geografia delle reti Catalogo della Mostra di Milano, Novara, pp. 220-253.

L 'ANFITEATRO

C. THIERRY, 1873, Amphitheatrum, in CH. DEREMBERG-E. SAGLIO-E. POTTER (a cura di), Dictionnaire des Antiquités Grecques et Roomaines, 1.

G. LAFAYE, 1877-1919, Spoliarium, in CH. DAREMBERG-E. SAGLIO-E. POTTIER (a cura di), Dictionnaire des Antiquités Grecques et Romaines, 7, Paris.

A. CALDERINI, 1940, L'anfiteatro romano, Istituto di Studi romani, Sezione Lombarda, Milano.

G. FORNI, 1954, Anfiteatro, in «Enciclopedia dello spettacolo», I, Roma, pp. 583- 604. .

A. GRENIER, 1958, L'architecture, ludi et circenses, théatres, amphithéâtres, cirques, in «Manuel d'archeologie gallo-romaine», 3, 2, Parigi.

H. KÄHLER, 1958, Anfiteatro, in «Enciclopedia dell'Arte Antica Classica e Orientale», I, pp. 374-390.

G. TRAVERSARI, 1960, Gli spettacoli in acqua del teatro tardo-antico, Roma.

F. CASTAGNOLI, 1965, Anfiteatri, in «Enciclopedia dell'Arte Antica Classica e Orientale», VI.

R. ETIENNE, 1966, La naissance de l'amphithéâtre, le mot et la chose, in «Revue des Etudes Anciennes», 43.

C. G. MUELLER-M.RUDOLPH, 1969, L'optique, Paris.

P. GIUSBERTI, 1987, Teatri e anfiteatri nelle città italiane, in «Storia della città», 38- 39, pp. 5-38.

G. MAGGI, 1987, Anfiteatri della Cisalpina romana (Regio IX-Regio XI), (Pubblicazione della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Pavia, 43), Firenze.

J. C. GOLVIN, 1988, L 'amphithéâatre romain: essai sur la théorisation de saf orme et de ses fonctions, Paris, De Boccard.

J. C. GOLVIN-C. LANDES, 1990, Amphithéâtre et gladiateurs, Paris.

M. GUZZON, 1994, Le fabbriche civili, in G. MOROLLI-M. GUZZON (a cura di), Leon Battista Alberti: I nomi e le figure. Ordini, templi e fabbriche civili: immagini e architetture dai libri VII e VIII del Re Aedificatoria, VIII, 8, Firenze.

S. MAGGI, 1994, Correlazione urbanistica tra edifici da spettacolo della Cisalpina e delle Gallie in età romana, in «Antichità Altoadriatiche. Centro di antichità altoadriatiche Casa Bertoli, Aquileia», XLI, pp. 39-51. .

L. PAPOTTI, 1998, Strutture per spettacolo del Piemonte romano, in L. MERCANDO (a cura di), Archeologia in Piemonte. II. L 'età romana, Torino.

A. FONTEMAGGI-O. PIOLANTI, 1999, L'anfiteatro romano, in J. ORTALLI (a cura di), Alla scoperta dell'anfiteatro romano, un luogo di spettacolo tra archeologia e storia, Cesena.

IL TERRITORIO CUNEESE IN ETA ' ROMANA

P. NALLINO, 1788, Il corso del fiume Pesio, e comprende i fiumi Brobio, e Sogliola, le ville di loro, quattro strade Romane, il principio di Bene Superiore, Di Morozzo, del Monistero di Sogliola, con tante altre cose assai notabili. Parte seconda dell'istoria, Mondovì.

G. FIORELLI, 1878, Mondovì, in «Notizie degli Scavi di Antichità», I, pp. 252-253; Ibidem, Mondovì, in «Notizie degli Scavi di Antichità», II, 1878, p. 44.

R. ROGGERO, 1878, Sant' Albano Stura. Monografia, Boscomarengo, 85.

A. FABRETTI, 1879, Scavi di Carrù, in «Atti della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti», II, pp. 247-248.

F. EUSEBIO, 1906, Le mura urbane di Alba Pompeia, in «Miscellanea Salinas», Palermo, pp. 179-200.

A. F. MARCHISIO, 1913, Per l'Archeologia del territorio albese. Vestigie di antichità trovate nella villa «La Torre» presso Alba, Alba.

E. PAIS, 1918, Le mura poligonali di Alba Pompeia e le mappe dei gromatici latini, in Dalle Guerre Puniche a Cesare Augusto, Roma.

A. M. RIBERI, 1932, Per l'archeologia della zona del Cuneese, in «Comunicazioni della Società per gli Studi Storici Archeologici e Artistici», X, pp. 13-25.

N. LAMBOGLIA, 1949, Alba Pompeia e il Museo Storico-Archeologico «Federico Eusebio», Bordighera.

N. LAMBOGLIA, 1950, I problemi storici e topografici di Alba Pompeia e gli scavi futuri, in «Bollettino della Società per gli studi Storici Archeologici ed Artistici della Provincia di Cuneo», 28, I, pp. 3-10.

L. BERRA, 1952, Ceva romana?, in «Bollettino degli Studi Storci, Archeologici ed Artistici della Provincia di Cuneo», 30, pp. 3-12.

F. LO PORTO, 1955, Le necropoli romane della provincia di Cuneo, in «Bollettino della Società degli Studi Storico, Archeologici e Artistici della Provincia di Cuneo », 36, pp. 110-118.

C. F. CAPELLO, 1967, Piozzo e la sua storia. Storia, notizie e documenti, Chieri.

G. BEL TRUTTI, 1969, Le città sepolte, in «Cuneo Provincia Granda», XVIII, 3, p. 26.

C. CARDUCCI, 1969, I problemi archeologici di Alba romana, in «Bollettino della Società per gli Studi Storici, Archeologici ed Artistici della Provincia di Cuneo», 60, p.3-12.

S. FINOCCHI, 1975, Ipotesi geometrica della forma di "Alba Pompeia" sulla scorta dei più attendibili scavi e reperti, in Tessuti urbani di Alba, pp. 85-96. .

G. BELTRUTTI, 1976, Storia del Piemonte, Cuneo.

G. MARTINO, 1978, Note archeologiche delle Langhe, in «Bollettino della Società per gli Studi Storici, Archeologici ed Artistici della Provincia di Cuneo», 79, p. 50.

G. MARTINO, 1978, Tombe di età romana a Dogliani, in «Bollettino degli Studi Storici, Artistici ed Archeologici della Provincia di Cuneo», 79, p. 75.

G. CONTERNO, 1979, San Quirico di Dogliani, Mondovì.

L. MACCARIO, 1979, Lo scavo del 1978 per la conoscenza dell'acquedotto romano di Alba, in «Bollettino della Società per gli Studi Storici Archeologici ed Artistici della Provincia di Cuneo», 81, II, pp. 71-79.

C. CONTI-G. MOLLI BOFFA, 1980, Lavori di ricognizione archeologica, in Radiografia di un territorio-Beni culturali a Cuneo e nel Cuneese, Catalogo della Mostra, (Chiesa di San Francesco, Cuneo, maggio-settembre 1980), Cuneo.

M. N. NEGRO PONZI MANCINI, 1981, Strade e insediamenti nel Cuneese dall'età romana al medioevo: Materiali per lo studio della struttura del territorio, in «Bollettino della Società per gli Studi Storici Archeologici ed Artistici della Provincia di Cuneo», 85, 2, pp. 7-84.

F. FILIPPI, 1986, Due ritrovamenti archeologici nelle Langhe albesi. Contributo alla conoscenza del territorio in età romana, in «Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte», 5, p. 40.

E. MICHELETTO-V. CHIARLONE, 1986, Carrù, Castello. Torre medioevale, in «Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte», 5, Notiziario, pp. 217-218.

F. FILIPPI-E. MICHELETTO, 1987, Il territorio tra Tanaro e Stura: contributo alla carta archeologica, in «Quaderni della casa di studio fondazione Federico Sacco», 10, pp. 5-37.

G. FEA, 1988, Da Pedona a Borgo s. Dalmazzo, la storia di una città raccontata dai ritrovamenti monetali, in «Panorama numismatico», 26, 1988, p. 25. .

E. ZANDA-S. GALLESIO, 1988, Asti, via Massimo d'Azeglio. Edifìcio pubblico di età romana, in «Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte», 8, p. 175.

F. FILIPPI, 1989, Le città romane della Valle del Tanaro: problemi di tutela, in CIRCOLO «GRAMSCI» (a cura di), Celebranda Pollentia, (Atti del Convegno, 14 maggio 1983, Bra, «Pollenzo: tutela e valorizzazione dei beni culturali e naturalistici» ), Bra, Bra, pp. 43-50.

F. FILIPPI, 1991, Alba. Interventi di archeologia urbana nel centro storico, in «Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte», 10, pp. 147-150.

A. GIACCARIA, 1994, Le antichità romane del Piemonte nella cultura storico- geografica del Settecento, (Storia e Storiografia, IV), Cuneo-Vercelli.

E ZANDA-A. CROSETTO, 1994, Asti. Interventi nel centro storico, in «Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte», 12, pp. 273-277.

F. FILIPPI (a cura di), 1997, Alba Pompeia. Archeologia della città dalla fondazione alla Tarda Antichità, (Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte, Monografie, 6), Alba.

G. SCALVA, 1997, Le infrastrutture della città. l'acquedotto, in F. FILIPPI (a cura di), Alba Pompeia. Archeologia della città dalla fondazione alla Tarda Antichità, Alba, pp. 91-99.

P. BARALE, 1998, Opus Arcuatum. L'alimentazione idrica ad Alba Pompeia, in «Alba Pompeia», XIX

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)