Politecnico di Torino (logo)

Molinar, Chiara

Alla ricerca del ring. Esplorazione del peripherique lionese tra estetica della mobilità e rigenerazione urbano.

Rel. Matteo Robiglio, Marc Baraness. Politecnico di Torino, Corso di laurea in Architettura, 2004

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Dalla nascita della città, la mobilità si inscrive nella logica complessa del suo funzionamento: che si tratti di uomini o di merci, lo spostamento resta una funzione urbana essenziale. Nel tempo le reti di circolazione si sono estese, trasformate, e intricate venendo a formare il tessuto urbano delle città. l'arrivo delle grandi vie di circolazione e delle autostrade ha però intetTotto questo dialogo tra sistema costruito e sistema viario. l'universo della circolazione si è allontanato da quello dell'urbanità e ne è diventato il più acerrimo antagonista. Da qui la difficoltà di conciliare la presenza fisica dell'infrastruttura e la natura dei luoghi in cui essa si inscrive. La viabilità in contesto urbano permette spostamenti facili e veloci, ma crea anche un 'intrusione nello spazio della città.Benche il suo scopo sia quello di connettere varie entità urbane, essa diviene una frattura, una ferita nel tessuto urbano. Da una parte le esigenze della mobilità e il bisogno di connessioni sempre più rapide, dall'altra le mille ragioni di specificare un luogo, di offrire a ognuno la possibilità di appropriarsi del suo spazio. Dalla consapevolezza di questa dicotomia è nata la volontà di esplorare la complessa e multiforme realtà urbana che circonda il semi-anello del boulevard Laurent Bonnevay nel settore orientale dell'agglomerazione lionese. Inizialmente si è trattato di un vero e proprio viaggio, in più direzioni a più velocità, dentro e fuori l'infrastruttura. Ho percorso il periph in auto da nord a sud e viceversa, attraversando quattro comuni diversi dell'agglomerazione e ho scorto dal finestrino un paesaggio disordinato ma suggestivo. Poi ho provato ad attraversare questa cintura, in auto e a piedi, accorgendomi di quanto sia forte la spaccatura creata. Infine ho percorso territori che circondano l'infrastruttura, indagandone il carattere. Il lavoro sul campo è stata costantemente associata ad un'attenta interpretazione di cartografie e foto aeree, rivelatesi indispensabili per avere una visione più globale ed oggettiva della situazione. Esplorazione soggettiva ed analisi rigorosa si sono dunque affiancate nell'individuazione delle specificità di un territorio in continua mutazione. Questo boulevard peripherique costituisce infatti, con le parti ibride dei terlitori che lo fiancheggiano, una sorta di parentesi urbana che diviene un luogo specifico dell ' agglomerazione e che crea propri modelli urbani ed architettonici. Purtroppo il territorio ha subito delle trasformazioni radicali senza che si sia immaginata un'architettura in grado di stare al passo di tali trasforrnazioni. Di fronte a questa situazione, la lenta evoluzione del costruito ha subito un processo di adeguamento cercando di adattarsi alla presenza dell'infrastruttura. Paradossalmente questo atteggiamento tende a sottolineare l'effetto di rottura: le trasformazioni urbane reagiscono sovente in termini di rifiuto. A Villeurbanne e Bron, gli edifici-schermo e le barriere anti-rumore ne sono due espressioni ricorrenti: si interpongono emettono un termine brutale a qualunque contatto tra città e strada. All'opposto le grandi superfici commerciali e industriali di Venissieux e Saint- Fons traggono vantaggio dalla vicinanza al sistema infrastrutturale. Si tratta tuttavia di un tipo di urbanizzazione che non tiene in nessun conto le pre-esistenze e contribuisce ad accentuare le discontinuità nel tessuto urbano. L' arrivo del boulevard peripherique ha indotto un processo di progressiva svalutazione dei territori adiacenti per cui oggi vi si installano i programmi meno valorizzanti della città. Ai disagi realmente prodotti dalla '.voie rapide" si aggiunge quindi un 'immagine negativa. Questo fenomeno è particolarmente evidente nell'agglomerazione lionese che presenta una forte disparità tra est e ovest: l'est dispone di più grandi riserve di spazi e di un livello superiore di attrezzature, ma anche di un 'immagine meno felice proprio per la presenza di numerose infrastrutture che la conformazione del territorio ha reso impossibile realizzare ad ovest . Proprio nel tentativo di decongestionare il centro dell'agglomerazione, Lione ha infatti assistito ad una progressiva creazione di anelli di circonvallazione man mano più esterni. Si tratta di un processo ancora in corso, ma che mostra già .parecchie debolezze. Le infrastrutture più recenti risultano già oggi insufficienti e l'agglomerazione sembra volgere verso la paralisi totale nel giro di pochi anni. L' analisi della situazione lionese ha fatto dunque emergere da una parte il disagio indotto dalla presenza dell'infrastruttura, dall'altro una mobilitò ancora poco fluida e difficoltosa. Si tratta di due problematiche che storicamente sono state affrontate singolarmente, facendo capo ad ambiti disciplinari diversi e spesso divergenti. Qui si è invece cercato un' approccio integrato alle due questioni. L 'impatto e i disagi delle infrastrutture stradali necessitano una visione globale che consideri questioni del paesaggio, della deteriorazione degli spazi di prossimità, ma anche la questione del consumo di spazio, dell' appropriazione crescente di spazio pubblico da parte delle automobili. Occorre integrare un' attenta politica dei trasporti alla progettazione urbana in modo da diminuire i bisogni di spostamento e favorire i trasporti pubblici. Ci si è dunque interrogati sul ruolo che il boulevard Laurent Bonnevay giocherà nel futuro dell'agglomerazione e sulle modalità di cui disponiamo per modificare la situazione attuale. Seguendo gli importanti principi guida del recente Plan de Oeplacements urbains redatto dalla Communaute urbane de Lyon, abbiamo ipotizzato una diminuzione della sua portata ed un ruolo strutturante nell'interscambio tra mezzi privati e mezzi pubblici. La sfida maggiore resta, però, la produzione di uno spazio urbano capace di resistere alla logica della separazione e di restaurare il dialogo tra il mobile e l'immobile, lo stabile e l'instabile, 10 spazio della velocità e lo spazio dell'inerzia.Questo principio di non fissità esige un oggetto che, senza perdere la propria identità, sia capace di accogliere tutte le diverse situazione urbane evidenziate dallavoro di esplorazione iniziale. Il progetto ha voluto ridar forza alle potenzialità sparse ai bordi .del periph legandole in un unico sistema di cui il periph è il filo conduttore. La forza di una grande via di circolazione mi è sembrata proprio in questa capacità di mettere permanentemente in tensione valori differenti, talvolta addirittura antagonisti.

Relatori: Matteo Robiglio, Marc Baraness
Parole chiave: periferia - périphérique
Soggetti: U Urbanistica > UK Pianificazione urbana
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GD Estero
Corso di laurea: Corso di laurea in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/298
Capitoli:

INTRODUZIONE

1 Mobilità urbana: evoluzione di un concetto

2 "Du fortif au periph": trasformazione di un oggetto

INQUADRAMENTO TERRITORIALE

1. Uno sguardo sull'agglomerazione lionese

2. Inquadramento geografico

3. Il sistema infrastrutturale: evoluzione di un carrefour internazionale

L'OGGETTO PERIPH

1. Il periph non è (solo) una strada

2. Le rive del peripherique: un atlante di sezioni

3. La città si difende dal periph: margini, pareti, barriere

4. Il periph contamina i territori circostanti ...

IL SISTEMA VIARIO

l. Il sistema viario a contatto con il periph

2. Gli assi che attraversano la cintura

MORFOLOGIA URBANA

1. Una successione di fatti urbani

2. Vis-ò-vis di fatti urbani: rapporti di scala e di densità

ROADSCAPE

1. Sistemi di comunicazione: un universo di segni

2. Landmarks: I' espressione architettonica dei grandi edifici

3. Dalla parte dell'automobilista: senso dello spazio e campo visivo

STRATEGIE PROGETTUALI

1. Riconnettere città e periph in un'unica logica

2. La mobilità cambia e il periph ne approfitta

3. Il periph si fa in due (quattro, sei, dieci parti)

PROGETTO

1. Articolare scala locale e territoriale in un'unica trama urbana

2. Potenzialità nascoste ai bordi del periph

3. Ri-attivare dei territori periferici

4. Comporre un paesaggio: la città dal finestrino

5. Tra natura e infrastruttura: far rivivere il canal de Jonage

6. Una parete per il periph: grand ensemble Bron Parilly

7. La città in mostra: spazi commerciali a Venissieux

Bibliografia:

STRADA E CITTA' CONTEMPORANEA:

LYNCH Kevin. The image of the city. Cambridge(Mass.). The MIT press, 1960

APPLEY ARD Donald. LYNCH Kevin. MYER John. The view from road. Cambridge (Mass.), The MIT press, 1964

VENTURI Robert, SCOTT BROWN Denise, Leaming from Las Vegas, Cambridge (Mass.), The MIT Press, 1971

GREGOTTI Vittorio, "L'architettura della strada", pp. 2-4, in Casabella n°537, 1987

ZAMBRINI Guglielmo, SICA Paolo, "La trasformazione architettonica delle strade extra-urbane", pp. 18-29, in Casabella n° 537,1987

ZAPATKA Christian, "I parkways americani: origine ed evoluzione della strada parco", pp. 97-125, in Lotus n°56, 1987

GREGOTTI Vittorio, "La strada tracciato e manufatto", pp. 2-5, in Casabella, n° 553/554,1989

NEUTELING Willem Jan, "La ringzone di Anversa", pp.42-48, in Casabella, n°553/554.1989

SECCHI Bernardo, "Lo spessore della strada", pp. 38-41, in Casabella, n° 553/554,1989

VENTURA Nico, "Lo spazio del moto: specificità e integrazione", pp. 12-27, in Casabella, n° 553/554,1989

ZAMBRINI Guglielmo, "Dopo l'automobile", pp. 6-11, in Casabella, 553/554, 1989

DUBOIS TAINE Geneviève, Les boufevards urbains. Contribution à une pofitique de fa viffe, Paris, Presse de l'Ecole nationale des Ponts et Chaussees, 1990

DUPUY Gabriel, L 'urbanjsme des reseaux : theories et methodes, Paris, Armand Colin,1991

COHEN Jean Louis, LORTIE Andre, Le boulevard perjpherique, projet urbain en devenjr, Poris, Ecole d'orchitecture de Poris-Villemin, 1992

CLEMENT Pierre, « la voirie support de projet. Du bati à la ville. De I.individu au reseau national», pp.102-107, in Dossier de voirie d'aggfomeration, Bagneux, Centre d' Etudes des transports urbains, 1993

GOURDON Jean-Loup, « le temps de la voie», pp.117-121 , in Dossier de voirie d'agglomeration, Bagneux, Centre d'Etudes des transpolis urbains, 1993

LEE Eun, BOST Pierre, Canaf peripherique -du suppose desordre d.espaces peri-urbains à une ouverture de banlieues, au long du boulevard peripherique Sud-Est (Gef1ond, Saiflt-Fofls, verlissieux), Voulx-en-Velin, Ecole d.architecture de lyon, 1993

MC CLURE Bert , "Forme de reseau et morphologie urbaine ", pp .108-111 , in Dossjer de voirie d'agglomeratjon, Bagneux, Centre d.Etudes des transports urbains, 1993

PANERAI Philippe, "Forme urbaine, voirie et architecture" , pp.112-116, in Dossier de vo;rie d'aggfomerat;on, Bogneux, Centre d'Etudes des tronsports urbains, 1993

SKRIABINE Pierre, "Voie et ville: implicotions operationnelles des choix en motière de reseou", pp.88-91 , in Dossier de voirie d'agglomeration, Bagneux, Centre d.Etudes des transports urbains, 1993

BATTLE I DURANI Erich, ROIC Joan, « Exterieurs-Interieurs", pp. 76-81, in Pages Paysage, n°5, 1994

DESIDERI Paolo, La città di latta: favelas di lusso, autogrill, svincoli stradali e antenne paraboliche, Genova, Costa e Molan, 1995

I GOURDON Jean-Loup, « Voie urbaine : le travail de la valeur», pp.219-229, in Ville et transports / B. Duhen, J. Gourdon, P. Lassave, S. Ostrowetsky (sous la dir. De), Paris, Ministere de I' Amanagement du territoire, de l'Equipement et des transports, 1995

MANGIN David, « Connexions en limite de ville: entre geometrie routière et geographie urbaine », pp.135-142, in Ville et transports / B. Duhen, J Gourdon, P. Lassave, S. Ostrowetsky (sous la dir. De), Paris, Ministère de l' Amenagement du territoire, de I' Equipement et des transports, J 995

DEMANGEON Alain, « Penser Boulevard », pp. 38-39, in Les Cahiers de ta recherche architecturale, Marseille, ed. Parenthèses, 1996

AA. VV ., La rehabilitation des voies rapides urbaines. Thème : paysage et insertion, Lyon, CERTU, 1998

MIALET Frederic , « Le paysage des infrastructures », pp.20-41, in D'A, n° 5, 1998

WERQUIN Ann Caroll, DEMANGEON Alain, Bou/evards, rondas, parkways...des concepts de voies urbaines, Lyon, Certu, 1998

MAHEY Pierre, « Le potentiel d'accueil de lo lisière », p. 140, in Dossie( de I'/AURIF, n° 82, 1999

OLAGNIER Pierre Jacques, ({ La voirie, trame des paysages urbaines », pp. 162- 170, in Dossier de l'IAURIF, n° 85, 1999

POULLAOUC- GONIDAC Philippe, GARIEPY Michel, LASSUS Bernard (sous la direction de), Le paysage, territoire d'intentions, Paris, Harmattan, 1999

SARFATI Alain, « La ville est prise de vitesse...la nature de sa lenteur», pp. 116, in Dossierde l'IAURIF, n° 82,1999

CHOA Y Fran<;oisei MERLIN Pierre, Dictionnaire de I'urbanisme et de I'amenagementi Paris, PUF, 2000

DEMANGEON Alain, « Mettre le boulevard dons I'actuolite », in Ir)f,.ast,.uctu'.es, villes et territoires, Paris, L'Harmattan, 2000

PRELORENZO Claude, Infrastructures, villes et territoires, Paris, L 'Harmattan, 2000

FARHAT Georges, « Les paradoxes du paysage infrastructurel », pp. 35-44, in Les cahiers de la recherche architecturale et urbaine, n°4, 2000

DEMANGEON Alain, «( Esthetique des infrastructures et regeneration urbaine », pp. 121-133, in Vitesse et esthetique : deux dimensions des infrastructures territoriales /C. Prelorenzo et D. Rouillard (sous la dir. de), Paris, L'Harmattan, 2001

MIALET Frederic, Voirie rapide urbaine et espace pubfic :quefles fiasons ? , Lyon, CERTU,2001

SMETS Marcel, « Il nuovo paesaggio delle infrastrutture in Europa », pp. 116-125, in Lotus, n°110, 2001

AA.VV., « La ville passante: un projet d'avenir», pp.16-18, in Le Moniteur Amenagement 2002, numero special, 2002

AA. VV ., Infra : forme insediative e infrastrutture, Venezia, Marsilio, 2002 .

VAN DER HOEVEN Frank, Ring ring, Rotterdam, Uitgeverij 010,2002

TRICAUD Pierre-Marie (sous la direction de), Rehabilitation des entrees de villes. Contribution methodologique à une rehabilitation des « points noirs » du paysage periurbain, Paris, IAURIF, 2002

AA. VV ., Velocità controllate, Lotus Navigator n°812003

AA. VV ., Il paesaggio delle freeways, Lotus Navigator n°7, 2003

CONSTANS Michele (sous la dir. de), Amenagements Paysagers et approches durablesl , Dijon, Educagni Editionsl 2003

GAUTHIEZ Bernard, Espace urbain: vocabulaire et morphologiel Parisl Edition du patrimoine, 2003

HOUBEN Francine, CALABRESE Luisa Maria (sous la dir. de), Mobility: a room with a view, Rotterdam, NAI publishers, 2003

TOMATO Architectes, Parisl lo ville du periphe,-iquel Parisl Le Moniteur, 2003

INGERSOLL Richard , Sprowltown, Roma, Meltemi, 2004

LYON:

VOISIN Jean, "lione : grand peripherique Est", pp.60-61, in Casabella, n° 553/554, 1989

REVERDY Georges, Histoire des Routes Lyonnaises, Lyon, Editions LUDG. 1994

LEMONIER Marc, ..Le contournement est, nouvelle vitrine du grand Lyon ", pp.20-23, in Diagonal, n°106. 1994

SCHERRER Francois, .IGenèse et metamorphose d.un territoire d.agglomeration urbaine : de Lyon au Grand Lyon", in Revue de Geographie de Lyon, vol 70, n°2, 1995

FERRERO Claude, DE LOHEN Pierre, "Lyon, des infrastructures pour un nouvel equilibre urbain", pp.131-134, in Le Moniteur des travaux publics et du batiment, 1997

AA. VV ., Forma urbis. Les plans generaux de Lyon du XVIe au XXe siècle, Lyon, Les Dossier des Archives Municipales, 1997

ROSALES-MONTANO Silvia, "Lyon : des differences aux inegalites dans l' agglomeration et l' aire urbaine " , pp. 14-17, in Disparites T erritoriales/ collectif , Paris, Cahier IAURIF. 2003

ARCHIVI/ CENTRI DI DOCUMENTAZIONE:

Agence d'urbanisme, Lyon

Archives municipales de Lyon

Archives municipales de Villeurbanne

Conseil d' Architecture, d'Urbanisme et de l'Environnement du Rhòne, Lyon CERTU (Centre d'etudes sur les reseaux de transport et I'urbanisme), Lyon DDE du Rhòne, Lyon

Ecole d' Architecture de Lyon, bibliothèque

Ecole National Superieure du Paysage, centre de documentation, Versailles Bibliothèque Public d' Information, centre Pompidou, Paris Centre de documentation de l'Urbanisme, Paris

Biblioteca centrale di Architettura, Castello del Valentino, Torino

SITI INTERNET :

www.alcaly.org

www.archi.fr/CAUE69

www.certu.fr

www.environnement.gouv.fr/rhone-alpes/

www.grandlyon.com

www.peripheriquenord.com

www.rhone.equipement.gouv.fr

www.urbamet.com

www.urbalyon.org

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)