Politecnico di Torino (logo)

Trombetta, Ilaria

La cartografia catastale come risorsa documentale, il rilievo tridimensionale come innovazione digitale : il caso del ricetto di Pavone Canavese.

Rel. Marco Roggero. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Architettura per la sostenibilita_, 2012

Abstract:

"La cartografia catastale come risorsa documentale, il rilievo tridimensionale come innovazione digitale. Il caso del ricetto di Pavone Canavese" è una tesi articolata in tre parti che simbolicamente corrispondono ad una sequenza tripartita di: analisi documentata del territorio, identità radicata di uno specifico contesto e lettura attuale di un oggetto.

Essendo questa una tesi di rilievo bisogna specificare che cosa si intenda con quest'ultimo; secondo Giovanni Carbonara "rilevare in modo completo e scientifico è come rintracciare in un immaginario archivio un importante e spesso risolutivo documento riguardante specificatamente la costruzione o il complesso che si sta studiando. Il rilievo scientìfico è quindi una tecnica sofisticata capace di far affiorare, da una compagine muraria spesso illeggibile a prima vista, un'eccezionale specie di documenti, tutti di garantita autenticità".

Dato che il rilievo costituisce esso stesso una documentazione interpretativa di grande efficacia in quanto primo "critico" di un manufatto architettonico e, allo stesso tempo, "giudice" del suo operato poiché cerca di rispondere ai diversi quesiti che gli si parano dinnanzi, si adopera a risolverli e a restituire degli esiti, è proprio su quest'impostazione scandita da domande, soluzioni e risultati che si articola questa tesi.

La prima parte risponde a dei quesiti basilari per l'effettuazione di un rilievo, ovvero si cerca di comprendere la struttura del territorio e le sue dinamiche di trasformazione attraverso un'analisi storica attuale e proiettiva.

"Interpretare il territorio. La cartografia catastale", prima indagine di questo scritto, è un'analisi documentata del territorio; attraverso lo studio delle mappe catastali e il loro utilizzo come risorsa, in seguito alla loro georeferenziazione, si è aperto un confronto dialettico tra il documento storico e la realtà attuale capace di definire il quadro ermeneutico entro il quale si muoverà questa tesi: il territorio di Pavone Canavese.

Il secondo segmento della tesi, "Mappe par cellari e sommarione. L'analisi del ricetto di Pavone Canavese", passa dalle domande agli strumenti, si cerca infatti in questa fase di strumentalizzare le fonti per redigerne un metodo di trattamento e di interpretazione delle medesime. Dopo una prima analisi a volo d'uccello sul territorio, si arriva qui all'individuazione fisica delle tracce sedimentate di uno specifico contesto, il ricetto del borgo.

Lo studio della struttura compositiva e identitaria del ricetto di Pavone Canavese nasce dall'elaborazione delle fonti, in particolare dall'attenta indagine delle mappe parcellari e del sommarione che, da documenti storici, sono stati utilizzati come "risorse materiali" per la lettura di un oggetto.

Dopo i quesiti e gli strumenti, nella terza parte di questo scritto, "Rilievo tridimensionale del ricetto di Pavone Canavese", si è arrivati agli esiti.

Il rilievo è l'esito di una lettura che parte da un'analisi a vasta scala del territorio, si concentra sulle tracce sedimentate di uno specifico contesto e restituisce un'immagine autentica, una forma effettiva [e cioè] perfettamente obiettiva, totale, con tutte le sue irregolarità volute o non, importanti o non, di interesse estetico, tecnico o storico" (Hans Foramittì).

Oggi i più recenti orientamenti del rilievo fanno sì che le operazioni di rilevamento non restino solamente dei basilari strumenti d'analisi di un manufatto, ma divengano diagnosi preventive per i futuri sviluppi progettuali e di

restauro del manufatto stesso. È per questi motivi che il rilievo del ricetto di Pavone Canavese è stato effettuato

con la nuova tecnologia del laser scanner, con essa i caratteri, le motivazioni, i metodi e i significati del rilievo risultano ampliati.

Grazie al rilievo laser scanning vi è nel rilievo "un avanzamento della ricerca e della sperimentazione".

Se da una parte infatti il rilievo laser può essere utilizzato come diagnosi preventiva al restauro per un manufatto, e in questo caso esso è in grado di classificare le tipologie di degrado, di far da tramite per i problemi di consolidamento e di supportare l'indagine dei sistemi costruttivi e strutturali; dall'altra il rilievo laser può essere oggi anche utilizzato, come nel caso di questa tesi, come database registrato e archiviato, capace di essere rielaborato, confrontato, aggiornato e consultato in quanto dato impresso della complessità di ogni forma.

Relatori: Marco Roggero
Soggetti: A Architettura > AP Rilievo architettonico
AR Arte > ARD Fotografia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Architettura per la sostenibilita_
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2954
Capitoli:

1. INTERPRETARE IL TERRITORIO. LA CARTOGRAFIA CATASTALE

1.1 Il catasto sabaudo antico

1.1.1 La misura del territorio

1.1.2 Il catasto ed i suoi contenuti

1.2 La rappresentazione di un territorio: il catasto sabaudo di Pavone Canavese

1.2.1 Fonti relative al territorio di Pavone Canavese

1.2.21 Documenti del catasto sabaudo di Pavone Canavese

1.3 La georeferenziazione delle mappe catastali

1.3.1 Introduzione alla georeferenziazione

1.3.2 La fotografia delle mappe: ricostruzione della corrispondenza geometrica tra immagini e territorio

1.3.3 Brevi cenni sulla trilaterazione e la triangolazione di Delaunay

1.3.4 La scala ticonica, Starnet e le coordinate compensate delle mappe

1.3.5 La rototraslazione piana

1.3.6 Grafici di coordinate: dal sistema locale al sistema globale

1.3.7 La distorsione radiale e la distorsione prospettica

1.3.8 La mosaicatura delle mappe catastali

1.3.9 Il rilievo topografico e GPS del ricetto di Pavone Canavese

2. MAPPE PARCELLARI E SOMMARIONE. L'ANALISI DEL RICETTO DI PAVONE

CANAVESE

2.1 Incetti

2.1.1 Il tessuto edilizio

2.2 Il ricetto di Pavone Canavese

2.2.1 Elementi strutturali di una cellula edilizia

2.3 Dal documento catastale all'analisi del ricetto di Pavone Canavese

2.3.1 Il sommarione

2.3.2 Il confronto "storico-descrittivo-disegnato"

2.3.3 L'indagine "storico-descrittiva-geometrica"

3. RILIEVO TRIDIMENSIONALE DEL RICETTO DI PAVONE CANAVESE

3.1 Il laser scanning terrestre

3.1.1 Il raggio laser

3.1.2 Comportamento del laser a contatto con i materiali

3.1.31 Principi di funzionamento del laser scanning

3.1.4 Metodologia di lavoro

3.1.5 Acquisizione

3.1.6 Elaborazione

3.1.7 Il data clearing

3.1.8 L'allineamento delle scansioni

3.1.9 Creazione delle mesh

3.1.10 Mappatura delle texture

3.1.11 L'integrazione dei modelli 3D laser e fotogrammetrico

3.1.12 Estrazione delle informazioni geometriche

3.2 Il rilievo laser scanning del ricetto di Pavone Canavese

3.2.1 Pulizia e segmentazione delle nuvole di punti

3.2.2 L'allineamento

3.2.3 Il metodo punto-punto e il metodo punto-piano

3.2.4 Le ultime fasi di processing dei dati

3.2.5 Le proiezioni assonometriche

3.2.6 Elaborati grafici bidimensionali di rilievo

3.2.7 Potenzialità e aspetti strategici del rilievo laser scanning

Bibliografia:

D'ANDRADE Ruy, II castello di Pavone, Lisbona 1957

RAMELLA Pietro, Pavone, antica comunità' del Canavese, Tip. De Joannes, San Giorgio Canavese 1978

VIGLINO DA VICO Micaela, I Ricetti. Difese collettive per gli uomini del contado nel piemonte medioevale, Edialbra, Torino 1978

VIGLINO DA VICO Micaela (a cura di), I Ricetti del Piemonte, Cataloghi della giunta regionale del Piemonte, Torino 1979

BIANCOLINI FEA Daniela, Castello di Pavone, in Alfredo d'Andrade: Tutela e Restauro, Vallecchi, Torino 1981

RAMELLA Pietro, Castelli Torri Borghi e Ricetti nel Canavese, Litografia Bolognino, Ivrea 1986

VIGLINO DA VICO Micaela, Villaggi, castelli, ricetti. Insediamenti rurali e difese collettive tardo medievali, in COMOLI MANDRACCI Vera (a cura di), L'architettura popolare in Italia. PIEMONTE, Editori Laterza, Bari 1988, pp. 25-54

MARINO Angela, La figura della città: i catasti storici in Italia, Gangemi, Roma 1996 DE BERNARDI Mauro Luca, La forma e la sua immagine, Edizioni ETS, Firenze 1997

LOGGIA Annamaria, Alfredo d'Andrade e il cantiere a Pavone Canavese, in Bollettino / Società Accademica di Storia ed Arte Canavesana, 1998, pp. 123-149

MASSABÒ RICCI Isabella, Conoscenza, memoria,gestione della terra nei catasti sabaudi del secolo XVIII, in MATTIA Sergio, BIANCHI Roberta (a cura di), Forma e struttura dei catasti antichi, CittàStudi, 1998, pp. 157-177

SAINT AUBIN Jean Paul, II rilievo e la rappresentazione dell'architettura, Moretti e Vitali, Bergamo 1999, pp. 53-193

BENIGNI Federica, Triangolazioni di Delaunay, Tesi Sperimentale di Laurea in Analisi numerica, Università degli studi di Camerino, relatori Prof. Luciano Misci, Prof. Riccardo Piergallini, 2000, pp. 38-51

MANZINO Ambrogio Maria, ROGGERO Marco, II trattamento informatico del dato Laser, in CROSILLA Fabio, GALETTO Riccardo (a cura di), La tecnica del laser scanning. Teoria ed applicazioni, CISM, Udine 2003, pp.39-74

BORNAZ Leonardo, Principi di funzionamento e tecniche di acquisizione, in CORSILLA Fabio, DEQUAL Sergio (a cura di), Laser scanning terrestre, CISM, Udine 2004, pp. 1-24

BENEDETTI Castina, BACIGALUPI Vincenzo, Materiali e Progetto, Edizioni Kappa, Roma 2005

DE BERNARDI Mauro Luca, Appunti di Rilievo metrico dell'Architettura per il Corso di Laurea in Architettura per il Progetto, Montgenèvre 2005

GALLO Elena, Studi e ricerche sul Biellese 2005, DocBi Centro Studi Biellesi, Biella 2005

PELOSO Daniela, Tecniche laser scanner per il rilievo dei beni culturali, Istituto per le tecnologie applicate ai beni culturali, CNR, Roma 2005, pp. 199-224

JAFF Marco, Rilievo fotogrammetrico dell'architettura, Alinea, Firenze 2005

BASSANELLO Gianmarco, La tecnica del laser a scansione nel rilevamento di strutture: un caso studiatesi di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile, Università di Bologna, relatore Prof. Gabriele Bitelli, 2007, pp. 5-74

RAMELLA Retro, Canavese 100 secoli-II. La vita nel medioevo, Ivrea 2007, pp. 149-168

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)