Politecnico di Torino (logo)

Remmert, Maddalena and Tavella, Eleonora

Torino Esposizioni nel futuro di una città che cambia.

Rel. Riccardo Bedrone. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura, 2012

Abstract:

Introduzione

Torino Esposizioni è una struttura di grande rilevanza storica ed architettonica che fa parte della tradizione e della cultura urbana di Torino. È un edificio composto da più padiglioni, di cui il più rilevante è quello centrale, inizialmente scoperto e adibito a giardino e successivamente coperto da una struttura imponente ed innovativa realizzata dall'lng. Nervi, che, negli anni, è diventato l'elemento identificativo dell'intera costruzione.

Essendo un edificio realizzato negli anni 40 del 1900 non soddisfa i requisiti richiesti per i bassi consumi, infatti richiede grandi spese sia per il riscaldamento che per il raffrescamento; inoltre, essendo vincolato come "Edificio e Manufatto Speciale di Valore Documentario" nella NUEA, può essere ristrutturato nei limiti degli adeguamenti funzionali che non prevedono abbattimenti di alcuna parte o variazioni della struttura.

Anche l'organizzazione interna degli spazi non aiuta: i padiglioni hanno tutti dimensioni rilevanti con grandi luci libere, che rendono ancora maggiori le dispersioni e i consumi per l'adeguamento al comfort ambientale.

Fino ad oggi Torino Esposizioni è stato utilizzato in modo saltuario per mostre e fiere che hanno occupato la struttura per pochi mesi all'anno, non garantendo, quindi, uno sfruttamento degli spazi al massimo potenziale.

Per la stesura di questo lavoro, si è iniziato a pensare ad un unico progetto che potesse garantire un uso definitivo e completo della struttura. Proprio per raggiungere questo risultato si è voluto consultare una serie di personaggi che, grazie alla loro esperienza, potessero aiutare a risolvere alcuni dubbi relativi ai costi di gestione e trasformazione ed alla necessità di spazi per la città di Torino.

Il punto di partenza, base per ogni possibilità progettuale, era la capacità di Torino Esposizioni di mettersi in gioco come struttura dedicata all'innovazione e come spazio utile per un guadagno economico e a disposizione della cittadinanza. La mancanza di un committente e di un'idea concreta sul valore dell'edificio e la ricerca di una destinazione d'uso che prevedesse tutte queste nobili caratteristiche hanno portato come risultato l'identificazione di diverse possibilità progettuali molto diverse tra di loro. Ognuna di queste ha trovato riscontro in uno dei personaggi chiamati a rispondere ad alcune domande relative all'oggetto dello studio. L'idea iniziale è stata quella del Parco Scientifico Tecnologico, dovuta alla valutazione delle necessità riscontrate nel Piano Strategico del 2006 ed al contesto circostante caratterizzato dalla presenza delle Università e dei numerosi poli ospedalieri. A questo proposito è stato contattato il Professore Ordinario della Facoltà di Biologia Aldo Fasolo.

Il PST si è trasformato in distretto creativo a seguito dell'incontro con il Direttore di Torino Internazionale, l'Arch. Anna Prat. L'incontro è stato voluto per avere un confronto con chi scrive il Piano Strategico della città e che, quindi, valuta le necessità attuali e future di Torino. Per avere un riscontro a livello economico e progettuale per la stesura di un progetto di PST o di distretto creativo, è stato fissato un incontro con il Direttore Generale di Finpiemonte, ente pubblico che si è già dedicato alla realizzazione di Parchi Scientifici Tecnologici in tutta la Regione Piemonte. L'Arch. Cristina Perlo si è subito resa disponibile per alcuni consigli sulla realizzazione di una struttura simile, suggerendo, però, che, a suo avviso, il riuso più plausibile per i guadagni possibili e per la riduzione degli impegni da parte del Comune, sarebbe quello del centro residenziale.

Il successivo incontro è stato con il responsabile delle Aree Politiche Territoriali dell'IRES Piemonte, l'Arch. Fiorenzo Ferlaino, il quale ha suggerito l'inserimento di un centro della movida all'interno di Torino Esposizioni, prima di tutto per risolvere il problema del rumore notturno nel quartiere dì San Salvario e poi perché diretta conseguenza del fenomeno naturale di occupazione degli spazi attorno all'edificio già in atto da diverso tempo. Inoltre, tra ottobre e novembre 2012, è stato organizzato il festival di musica elettronica Torino Movement che ospita le performance dei migliori musicisti e DJs internazionali per rappresentare gli sviluppi della cultura musicale contemporanea e che collabora con Movement Detroit, il più importante festival di musica dance del mondo. Per il primo anno questo evento è stato organizzato a Torino Esposizioni e, più precisamente, nel Padiglione Morandi; proprio per questa ragione si è ritenuto opportuno domandare un'opinione all'organizzatore dell'evento Juni Vitale.

Infine l'uso più naturale per Torino Esposizioni è il polo espositivo/fieristico che è l'utilizzo che fino ad oggi è stato fatto della struttura. Purtroppo l'edificio è utilizzato in maniera saltuaria e, quindi, l'intenzione sarebbe quella di formalizzare questa tipologia di destinazione d'uso dando uno sguardo a edifici che da ex-industriali o ex-stazioni ferroviarie sono stati trasformati con successo in poli espositivi o fieristici, in modo da capire quali siano state le chiavi del successo di questi casi studio. Per comprendere le necessità di Torino sotto questo punto di vista, ci siamo rivolte al Convention Bureau Manager di Turismo Torino Marcella Gaspardone. Un'evoluzione di questa tipologia d'uso è il museo interattivo-virtuale, che noi abbiamo chiamato Playground per fare riferimento al gioco e all'apprendimento che si sviluppano insieme in una struttura che ha come filosofia l'imparo facendo, un museo hands-on. Abbiamo, quindi, contattato Steve Della Casa, Presidente di Film Commission Torino Piemonte, associazione che si occupa di "promozione della Regione Piemonte e del suo capoluogo Torino come location e luogo di lavoro d'eccellenza per la produzione cinematografica e televisiva, attirando sul territorio produzioni italiane ed estere e al tempo stesso sostenendo l'industria cinematografica e televisiva locale, creando dunque nuove opportunità di lavoro per chi opera nel settore."1 Questo contributo è molto importante, insieme alla collaborazione con il Liceo Teatro Nuovo Torino, per la realizzazione degli allestimenti per un museo di questa tipologia.

In definitiva, questo lavoro si propone di mettere a confronto sei tipologie di destinazione d'uso e, tramite l'analisi di diversi casi-studio ed il parere di alcune figure tecniche specializzate nei diversi settori, di trovare quale, tra i sei, sia l'adaptive reuse più appropriato a Torino Esposizioni e alla città.

Relatori: Riccardo Bedrone
Soggetti: A Architettura > AS Storia dell'Architettura
G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2897
Capitoli:

INDICE

1. Introduzione

2. Brevi cenni storici

2.1 Descrizione generale del contesto

2.2 L'organismo architettonico

2.3 Caratteristiche dimensionali degli edifici

2.4 L'intervento di Pier Luigi Nervi (1947-1954)

2.5 L'intervento per le Olimpiadi di Torino 2006

3. Studio dell'evoluzione socio-economica di San Salvano negli ultimi anni

4. Diverse soluzioni per il riuso di Torino esposizioni

4.1 Parco Scientifico Tecnologico

4.1.1 Cos'è un PST?

4.1.2 Condizioni di successo

4.1.3 Esempi

4.1.3.1 Città della Scienza Bagnoli Napoli

4.1.3.2 Vega Park Venezia

4.1.3.3 ComoNExT Lomazzo Corno

4.2 Distretto creativo

4.2.1 Cos'è un distretto creativo?

4.2.2 I knowledge workers a Torino

4.2.3 Esempi

4.2.3.1 NDSM Amsterdam Noord

4.2.3.2 Chocolate Factory Londra

4.2.3.3 Bi-Creative Biassono Monza e Brianza

4.3 Centro della movida

4.3.1 Torino di notte

4.3.2 Esempi

4.3.2.1 Jackson Wharf Castlefield Manchester

4.3.2.2 Hangar 2 Ex Aerporto Tempelhof Berlino

4.3.2.3 Cafè Restaurant Amsterdam

4.4 Polo espositivo

4.4.1 L'esperienza di Torino esposizioni come spazio espositivo

4.4.2 Esempi

4.4.2.1 Musée d'Orsay Parigi

4.4.2.2 Hamburger Bahnhof Berlino

4.4.2.3 La Grande Halle Pare de la Villette Parigi

4.4.2.4 M.O.S.I. Castlefield Manchester

4.4.2.5 Tate Modern Londra

4.5 Playground: parco ludico-educativo

4.5.1 L'esperienza torinese di Experimenta

4.5.2 Esempi

4.5.2.1 Città della Scienza Bagnoli Napoli

4.5.2.2 Sewage Silos Zeeburg Amsterdam

4.5.2.3 Ciudad de las Artes y las Ciencias Valencia

4.6 Residenza innovativa

4.6.1 Esempi

4.6.1.1 Gasometer City Vienna

4.6.1.2 Ex Fabbrica Tobler Torino

4.6.1.3 Ex Ceat Torino

5. Applicazione delle destinazioni d'uso a Torino Esposizioni

5.1 L'aspetto economico-finanziario: perché non affrontarlo

5.2 Punti di forza e di debolezza di Torino Esposizioni

5.2.1 Analisi delle attrazioni dell'intorno

5.3 Opportunità e svantaggi del Parco Scientifico Tecnologico

5.3.1 L'impatto sul territorio del PST

5.4 Opportunità e svantaggi del distretto creativo

5.4.1 L'impatto sul territorio del distretto creativo

5.5 Opportunità e svantaggi del centro della movida

5.5.1 L'impatto sul territorio del centro della movida

5.6 Opportunità e svantaggi del polo espositivo

5.6.1 L'impatto sul territorio del polo espositivo

5.7 Opportunità e svantaggi del Playground

5.7.1 L'impatto sul territorio del Playground

5.8 Opportunità e svantaggi del centro residenziale innovativo

5.8.1 L'impatto sul territorio del centro residenziale innovativo

6. Conclusioni

6.1 Una proposta originale

Bibliografia:

Bibliografia

-APSTI, I parchi scientifici e tecnologici. Guida pratica, CUEN, Napoli 1993

-Associazione Torino Internazionale, Lavoratori della conoscenza. Protagonisti, politiche, tenitori, Litograf s.r.l, Rosta 2009

-Associazione Torino Internazionale, Secondo Piano Strategico dell'area metropolitana di Torino. Direzioni e obiettivi, Litograf s.r.l, Rosta 2006

-F. Bertuglia, Parchi scientifici e tecnologici: tipi, modelli insediativi, condizioni di successo, Celiò, Torino 1996

-A. Bocco Guarneri, La trasformazione urbana a Porta Palazzo e San Salvano e l'evoluzione del tessuto imprenditoriale locale, DICAS, Torino 2001

-A. Bocco, Trasformazioni, reti e politiche pubbliche a San Salvano, Torino, in "Archivio di studi urbani e regionali", n. 90, Torino 2007

-F. Butera (a cura di), Bachi, crisalidi e farfalle. L'evoluzione dei Parchi scientifici e tecnologici verso reti organizzative autoregolate, Franco Angeli, Milano 1995

-S. Crivello, Torino di notte: politiche urbane, consumo e dinamiche spaziali nel playscape della città, in "Archivio di studi urbani e regionali", n. 95, Torino 2009

-G. Fassino, Torino Esposizioni, in M. Bonino, G. Fassino, D. T. Ferrando, C. Spinelli (a cura di),

Torino 1984-2008. Atlante di architettura, Urban Center Metropolitano, Umberto Allemandi &

C, Torino 2008, scheda n. 44

-V. Garuzzo, Da Palazzo della Moda a Torino Esposizioni : la ricostruzione nel dopoguerra, in "Studi Piemontesi", vol. 31, fase. 2, 2002, pp. 381-390

-V. Garuzzo, Torino 1928: l'architettura all'Esposizione Nazionale Italiana, Testo e Immagine, 2002

-L. Gibello, Palazzo della Moda e Torino Esposizioni, in V. Comoli, C. Olmo (a cura di), Guida di Torino. Architettura, Allemandi, Torino 1999, p. 191

-M. A. Giusti, R. Tamborrino, Palazzo della Moda e Torino Esposizioni (Centro Fiere), in Guida all'Architettura del Novecento in Piemonte (1902-2006), Umberto Allemandi & C, Torino 2008, pp. 279-280

-C. Greco, Pier Luigi Nervi : dai primi brevetti al Palazzo delle Esposizioni di Torino, 1917-1948, Quart Edizioni, Lucerna 2008, pp. 227-248

-IRES Piemonte, Un caso al microscopio: conflitti e prospettive in un quartiere urbano, in "Relazione sulla situazione socio-economica del Piemonte 1995", Torino 1995

-A. Magnaghi, M. Monge, L. Re, Padiglione interrato di Torino Esposizioni al Valentino, in Guida all'architettura moderna di Torino, Lindau, Torino 1995, p. 209

-A. Magnaghi, M. Monge, L. Re, Palazzo della Moda e Torino Esposizioni, in Guida all'architettura moderna di Torino, Lindau, Torino 1995, pp. 161-162

-A. Massaia, Esempi di architettura dell'Eclettismo: le esposizioni di Torino del 1884,1889,1911, in "Studi Piemontesi", voi. 18, fase. 2,1989, pp. 489-505

-G. Montanari, Interventi urbani e architetture pubbliche negli anni Trenta: il caso del Piemonte, CLUT, Torino 1992, pp. 84-90

-C. Olmo, C. Chiorino (a cura di), Pier Luigi Nervi. L'architettura come sfida, Silvana Editoriale, Milano 2010, pp. 152-157

-M. Pascucci, Integazione strategica tra aree metropolitane e parchi scientifici tecnologici, in APSTI, "Parchi e poli scientifici e tecnologici", CUEN, Napoli

-G.A. Perniola, Torino: San Salvano dal degrado alla gentrification, in "II Giornale dell'Architettura" numero 97, settembre 2011

-G. Pietro, La Città della Scienza. Storia di un sogno a Bagnoli, Bollati Boringhieri, 2006

-G. Rigotti, Funzionalità e architettura nei palazzi per mostre : il nuovo palazzo delle mostre di "Torino Esposizioni" nel comprensorio di "Italia '61", 1961

-"Domus", 1948, n. 231

-"Casabella", 1936, n. 108

-"L'Architettura Italiana", 1939, n. 1. Tavola: 58

Torino 2006, numero monografico di "Il Giornale dell'Architettura", n. 36, gennaio, 2006

Sitografia

www.amicidellamagia.it

www.apsti.it

www.bergamo.talentgarden.it

www.cac.es

www.chocolatefactoryartists.co.uk

www.cittadellascienza.it

www.cradam.nl

www.distrettoculturale.mb.it

www.experimenta.to.it

www.exploratorium.edu

www.fctp.it

www.flicscuolacirco.it

www.kleihues.com

www.liceoteatronuovo.com

www.mosi.org.uk

www.musee-orsay.fr

www.ndsm.nl

www.provincia.mb.it

www.sansalvario.org

www.villette.com

A. Beltrami, Città, più PIL da arte e musei, in www.avvenire.it, 9 aprile 2012

M. Ternavasio, A San Salvano non ci sono vie di mezzo, in www.lastampa.it, 13 luglio 2012

A. Trabucco, Nell'ex casa degli squatter nasce il museo della magia, in torino.repubblica.it, 17 marzo 2010

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)