Politecnico di Torino (logo)

Pavignano, Martino

Per un'analisi storica e grafica della Regola delli cinque ordini d'architettura di M. Iacomo Barozzio da Vignola.

Rel. Ursula Zich, Francesco Paolo Di Teodoro. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (restauro e valorizzazione), 2012

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Questa tesi nasce dalla curiosità di approfondire e sviluppare il tema elaborato nella mia tesi di laurea triennale.

Nel precedente lavoro, dal titolo "Regola delli cinque ordini d'architettura": il disegno degli ordini secondo Jacopo Barozzi da Vignola. Problematiche di restituzione grafica, ho indagato le difficoltà che possono intercorrere nel ri-disegnare un ordine architettonico partendo dalle tavole grafiche di un trattato rinascimentale, in questo caso la Regola vignolesa.

Grazie alla supervisione dei relatori, prof. arch. Francesco Paolo Di Teodoro e arch. Ursula Zich, ho impostato il lavoro di ricerca in maniera quanto più possibile scientifica e coerente.

La tesi si struttura in sei capitoli, suddivisi in paragrafi e relativi sottoparagrafi.

Obiettivi

L'obiettivo principale del mio lavoro è dimostrare la complessità dello studio di una fonte grafica e testuale antica che, ripercorsa in un'ottica contemporanea può, a tratti, risultare di non immediata comprensione.

Per dimostrare questa complessità è stato necessario scomporre lo studio del trattato in più fasi, non necessariamente presentate in ordine di elaborazione, ma strettamente interconnesse e interdipendenti.

Nello specifico ho analizzato la Regola mediante uno studio formale/ sintattico delle tavole e un ridisegno analitico/critico delle stesse.

Ho inoltre ritenuto necessario anteporre allo studio vero e proprio alcuni capitoli propedeutici:

1. una presentazione del 'candidato', oggetto della mia analisi, ovvero una descrizione della personalità di Giacomo Barozzi in quanto architetto, manierista, scrittore, teorico;

2. una trattazione approfondita sulla Regola detti cinque ordini d'architettura come “libro d'architettura”. Nello specifico ho descritto cos'è la Regola, come è stata prodotta e quali opere possono averne influenzato la realizzazione.

I risultati dello studio sono via via riportati nei diversi capitoli e vengono riassunti e commentati nel capitolo conclusivo.

La scelta della Regola

Prima di procede nella stesura degli altri capitoli ho creduto opportuno spiegare brevemente il perché della mia scelta di studiare l'opera teorica di Giacomo Barozzi da Vignola.

In primo luogo ho deciso di affrontare lo studio del trattato dell'architetto 'emiliano' a causa della notorietà, che questo ottenne a partire dalla prima edizione fino ai giorni nostri.

E ben noto infatti che il trattato barozziano riscosse un enorme successo editoriale, molto più di qualsiasi altro libro d'architettura rinascimentale e che, soprattutto nei secoli XVIII e XIX fu eletto al ruolo 'Libro di modelli', ad uso di studenti e professionisti.

Questa fama, come ampiamente documentato in bibliografia, si rivelò però 'successo di modello' e non di 'comprensione' della Regola.

E infatti abbastanza recente la denuncia di come per un lungo lasso di tempo l'opera del Vignola sia stata erroneamente interpretata come un mero esempio di modelli architettonici, importanti, ma pur sempre modelli. L'opera vignolesca, infatti, diventa dogma, inteso come schematizzazione degli ordini architettonici in canoni rigidi, quasi immutabili. Ne viene quindi evidentemente travisato il significato principale, l'essenza stessa della Regola, pensata dal Barozzi a mo' di sistema proporzionale (per gli ordini architettonici) di facile applicazione, caratterizzato da semplici rapporti algebrici tra i vari elementi componenti l'ordine.

Giacomo Barozzi, a discapito di quanti intesero la sua Regola come insieme di modelli assoluti, non definì il suo sistema come assoluto e immutabile. Nella dedica Ai Lettori scrisse infatti:

Et perche io non penso in questo luogo di volere occorrere a quelle obiettioni che da qualcuno so che saranno proposte; non essendo questo mio intento, anzi, lasciandone il carico all'opera istessa che col piacere à piu giudiciosi, faccia anco che respondino per me contro gli altri; dirò solamente che se qualcuno giudicasse questa fatica vana con dire che non si può dare fermezza alcuna di regola, atteso che secondo il parere de tutti, et massime di Vitruvio molte volte conviene crescere o scemare delle proportioni de membri delli ornamenti per supplire con l'arte dove la vista nostra per qualche accidente venghi ingannata; à questo gli rispondo; in questo caso essere in ogni modo necessario sapere quanto si vuole che appaia all'occhio nostro, il che sarà sempre la regola ferma che altri si haverà proposta di osservare: [...].

Con queste parole l'architetto emiliano, come suggerisce Christof Thoenes, denunciò proprio il fatto che la sua Regola non fosse da intendersi come assoluta, ma vada interpretata di volta in volta, in base alle esigenze progettuali.

In secondo luogo ho scelto la Regola come oggetto della mia indagine in quanto essa ben si addice ad uno studio analitico svolgibile nell'ambito di una tesi di laurea specialistica in Architettura, sia grazie alla sua struttura formale, sia per la sua tipologia editoriale che, come si vedrà nei capitoli successivi, risulta essere ben diversa rispetto ai trattati coevi.

Relatori: Ursula Zich, Francesco Paolo Di Teodoro
Soggetti: P Personaggi > PA Architetti
ST Storia > STD Biografia
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (restauro e valorizzazione)
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2856
Capitoli:

1. Introduzione

1.1. Obiettivi

1.2. La scelta della Regola

2. Iacomo Barozzio da Vignola, 1507 - 1573: Ritratto di un architetto

2.1. Nascita e formazione

2.2. Le prime esperienze romane e l'Accademia delle Virtù

2.3. San Petronio: il 'non finito gotico'

2.4. Fontainebleau: Vignola e Serlio

2.5. Bologna: San Petronio, l'esperienza vignolesca del cantiere e le opere minori

2.6. Il secondo periodo romano: Giulio III e i Farnese

2.7. La commessa per Filippo II di Spagna e la morte

3. Contesto culturale

3.1. Il trattato d'architettura

3.1.1. Marco Vitruvio Pollione (I sec. a.C. - I sec. d.C.)

3.2. I principali trattatisti ‘originali’ del Quattrocento

3.2.1. Leon Battista Alberti (1404 - 1472)

3.2.2. Antonio Averlino detto il Filarete (1400 circa - 1469)

3.2.3. Francesco di Giorgio Martini (1439 - 1501)

3.2.4. Luca Pacioli (1445 circa - 1514 circa)

3.3. Edizioni cinquecentesche del De architectura di Vitruvio

3.3.1. Fra Giovanni Giocondo (1433-1515)

3.3.2. Cesare Cesariano (1476 circa - 1543)

3.3.3. Daniele Barbaro (1514 - 1570)

3.4. Trattati di architettura 'originali' del XVI secolo

3.4.1. Sebastiano Serlio (1475-1553 circa)

3.4.2. Antonio Labacco (1495 - 1570)

3.4.3. Giacomo Barozzi da Vignola (1507 - 1573)

3.4.4. Andrea Palladio (1508 -1580)

3.5. Introduzione all'incisione

3.5.1. Dell'incisione: dalle origini al XVI secolo

3.5.2. Classificazione dell'incisione

3.5.3. Procedimenti di intaglio su legno e d'incisione su metallo

4. Studio formale della Regola delli cinque ordini d’architettura

4.1. La Regola: tecnica, precedenti, intenti

4.2. Vignola e i precedenti

4.3. Regola: vicende editoriali dal 1562 al 1615

4.4. Lo studio

4.4.1. La schedatura

4.4.2. Le schede catalografiche in letteratura

4.4.3. L'interpretazione e l'integrazione dei modelli

4.4.4. Le schede compilate

4.5. Analisi dei dati e considerazioni critiche

4.5.1. Tabella di analisi e considerazioni critiche

5. Il Ridisegno

5.1. Perché il ridisegno

5.1.1 Le tavole non ridisegnate

5.2. Semantica dell'analisi

5.2.1. Differenziazione delle dialettiche

5.3. Problematiche dell'analisi grafica

5.4. Analisi grafica comparata

5.4.1. Strutturazione dell'analisi grafica

5.4.2. Interpretazione critica dell'analisi grafica comparata

5.5. Il ridisegno manuale

6. Conclusioni

7. Bibliografia - Sitografia

7.1. Trattati, Monografie, Curatele

7.2. Riviste

7.3. Sitografia (Ultimo accesso Settembre 2012)

7.4. Tesi

Bibliografia:

Tratti, monografie, curatele

- Vitruvio - Giocondo 1511

M, Vitruvius per Iocondum solito castigatior factus cum figuris et tabula ut iam legi et intellegi possit, Venezia, Giovanni Taccino 1511;

- Serlio 1537

Regole generali di architettura sopra le cinque maniere de gli edifici, cioe, thoscano, dorico, ionico, corinthio et composito, con gli essempi dell’antiquità, che per la maggior parte concordano con la dottrina di Vitruvio, Venezia, Francesco Marcolini 1537.

- Serlio 1540

Il terzo libro di Sabastiano Serlio bolognese, nel qual si figurano, e descrivono antiquita di Roma, e le altre che sono in Italia, e fuori d'Italia, Venezia, s.e., 1540.

- Vitruvio - Barbaro 1556

I dieci libri dell'architettura di M. Vitruvio, tradoutti & commentati da Mons.Daniel Barbaro, eletto Patriarca d'Aquileggia, Venezia, Francesco Marcolini 1556,

- Vignola1562

Regola delli cinque ordini di architettura di M. Iacomo Barozzi da Vignola s.l. [Roma], s.e., s.d. [ 1562];

- Barbaro 1569

La pratica della perspettiva di Monsignor Daniel Barbaro eletto patriarca d'Aquileia, Opera molto utile a Pittori, a Scultori, & ad Architetti, Venezia, Camillo & Rutilio Borgominieri fratelli 1569;

- Palladio 1570

I quattro libri d'architettura di Andrea Palladio. Venezia, Domenico de' Franceschi 1570;

- Vignola-Danti 1583

Le due regole di prospettiva pratica di M. Iacomo Barozzi da Vignola con i comentarij del R.P.M. Egnatio Danti dell'ordine de Predicatori. Matematico dello Studio di Bologna, Roma, Francesco Zanetti 1583;

- Vignola- Remondini 1787

L'architettura di Jacopo Barozzi da Vignola ridotta a facile metodo per mezzo di osservazioni a profitto de' studenti. Terza edizione, aggiuntovi un trattato di meccanica, Bassano, Remondini 1787;

- Vignola -Gianni 1838

Li cinque ordini di architettura di Giacomo Barozzi da Vignola intagliati da Costantino Gianni e ridotti a migliore e più facile lezione per uso degli architetti, pittori e disegnatori e specialmente per servire di modello all'insegnamento nelle pubbliche scuole e nelle accademie, Milano, s.e. 1838;

- Amati 1840

C. Amati, Del chiaroscuro in architettura, Milano, Ubicini 1840;

- Giovannoni 1935 - Becherucci 1936

L. Becherucci, L'architettura italiana del Cinquecento, Firenze, N.E.M.I. 1936, («Novissima Enciclopedia Monografica Illustrata», 63)

- Vignola - Reycend 1944

J. Barozzi da Vignola, Gli ordini di architettura civile con l'aggiunta di più tavole, a cura di F. Reycend, Torino, Paravia 1944;

- Betti 1950

D. Betti, Tecnica dell'incisione, Firenze, ALEF 1950;

- Brown1960

G. B. Brown, Vasari on technique: being the introduction to the three arts of design, architecture, sculpture and painting, prefìxed to the lives of the most excellent painters, sculptors and architects / by Giorgio Vasari; ed. with introduction and notes by G. Baldwin Brown, New York, Dover Publications 1960;

- Alberti - Orlandi / Portoghesi 1966

L. B. Alberti, L'architettura [De re aedificatoria], Testo latino e traduzione a cura di G. Orlandi, Introduzione e note di P Portoghesi, Milano, Il Polifilo 1966 («Trattati di architettura», I);

- Argan 1967

G. C. Argan, Esempi di critica sulle tecniche artistiche, a cura di M. Fagiolo, Roma, Bulzoni 1967;

- Francesco Di Giorgio - Maltese/ Degrassi 1967

F. di Giorgio Martini, Trattati di architettura, ingegneria e arte militare, a cura di C, Maltese e L. Degrassi, Milano, Il Polifilo 1967 («Trattati d'architettura», 3);

- Ludovici 1971

S. S. Ludovici, Arte del libro. Tre secoli di storia del libro illustrato, dal Quattrocento al Seicento, Milano, Ares 1971;

- Filarete - Finoli/ Degrassi 1972

A. A. detto il Filarete, Trattato di architettura, a cura di A. M. Finoli e L. Grassi. Milano, Il Polifilo 1972 («Trattati di architettura», 2);

- Vianello 1973

N. Vianello, La citazione di opere a stampa e manoscritti, Firenze, Olschki 1973 («Biblioteconomia e bibliografia» Saggi e studi diretti da Francesco Barbieri, 6)

- Scritti rinascimentali di architettura 1978

Scritti rinascimentali di architettura. Patente a Luciano Laurana. Luca Pacioli. Francesco Colonna. Leonardo Da Vinci. Donato Bramante. Francesco Di Giorgio. Cesare Cesariano. Lettera a Leone X, a cura di A. Bruschi, C. Maltese, M. Tafuri, R. Bonelli, Milano, Il Polifilo 1978 («Trattati di architettura», 4);

- Pacioli - Marinoni 1982

L Pacioli, De divina proporzione, a cura di A. Marinoni, Milano, Silvana 1982

- Orazi 1982

A. M. Orazi, Jacopo Barozzi da Vignola 1528-1550: apprendistato di un architetto bolognese, Roma, Bulzoni 1982 («Biblioteca di storia dell'arte», 13);

- Fratelli 1984

Architettura del Baroccio da Vignola, concernente i cinque Ordini. La "regola del Vignola" in una edizione del XVIII secolo, a cura di A. Fratelli, Bologna, Cooperativa Libraria Universitaria 1984;

- Cataneo.Vignola-Bassi 1985

Pietro Cataneo e Giacomo Barozzi da Vignola, Trattati con l'aggiunta degli scritti di architettura di Alvise Corsaro, Francesco Giorgi, Claudio Tolomei, Giangiorgio Trissino, Giorgio Vasari, a cura di E. Bassi et alii, Milano, Il Polifìlo 1985 («Trattati d'architettura», V);

- Paglialonga 1985

R. Paglialonga, La calcografia: arte e tecnica dell'incisione in cavo su metalli. Pescara, Riccitelli 1985;

- Morolli 1986

G. Morolli, Le membra degli ornamenti, sussidiario illustrato degli ordini architettonici con un glossario dei principali termini classici e classicistici, Firenze, Alinea 1986;

- Memorie dell'antico 1986

Memorie dell'antico nell'arte italiana. Dalla tradizione all'archeologia, III, a cura di S. Settis, Torino, Einaudi 1986 («Biblioteca di storia dell'arte. Nuova serie», III)

- Vitruvio/Barbaro - Morresi 1987

I dieci libri dell'architettura di M. Vitruvio, tradotti & commentati da Mons. Daniel Barbaro, eletto Patriarca d'Aquileia, da lui riveduti & ampliati; & hora in più comoda forma ridotti, Venezia, Francesco de' Franceschi 1567, a cura di M. Morresi, M. Tafuri. Milano, Il Polifilo 1987 («Libri rari», VIII);

- Kruft 1988

H. W. Kruft, Storia delle teorie architettoniche. Da Vitruvio al Settecento, Roma-Bari, Laterza 1988 («Grandi opere») (prima edizione: Geschichte der Architekturtheorie von der Antike bis zur gegenwart, Munchcn, Oskar Beck 1985);

- Sebastiano Serlio - Thoenes 1989

Sebastiano Serlio. Sesto Seminario Internazionale di Storia dell'Architettura: Vicenza 31 agosto - 4 settembre 1987, a cura di C. Thoenes, Milano, Electa 1989;

- Mussini 1991

M. Mussuni, Il trattato di Francesco di Giorgio Martini e Leonardo: il Codice Estense restituito, [Parma], Università di Parma 1991 («Quaderni di Storia dell'arte», 16);

- Passerini 1991

L. Passerini, Xilografia. I materiali, gli strumenti, le tecniche, la storia della stampa a rilievo, Milano, Il Castello 1991;

- Labacco - Bruschi 1992

Libro d'Antonio Labacco appartenente all'architettura nel qual si figurano alcune notabili antiquita di Roma, s.L, s.e. 1559, a cura di A. Bruschi, Milano, Il Polifilo 1992 («Libri rari», IX);

- Temi e codici 1992

Temi e codici del disegno d'architettura, Roma, a cura di R. de Rubertis, A. Soletti, V. Ugo, Officina 1992 («I libri di XY», 1);

- Rinascimento 1994

Rinascimento - da Brunelleschi a Michelangelo. La rappresentazione dell'architettura, a cura di H. Millon, V. Magnano Lampugnani, Milano, Bompiani 1994;

- Severini 1994

G. Severini, Progetto e disegno nei trattati di architettura militare del '500, Ospedaletto, Pacini 1994;

- Serlio - Bruschi 1994

S. Serlio, Architettura civile: libri sesto settimo e ottavo nei manoscritti di Monaco e Vienna; a cura di Francesco Paolo Fiore; premesse e note di Tancredi Carunchio e Francesco Paolo Fiore, Milano, il Polifilo 1994 («Trattati di architettura, a cura di Arnaldo Bruschi e Francesco Paolo Fiore», V);

- Rocco 1994

G. Rocco, Guida alla lettura degli ordini architettonici antichi. I. Il Dorico, Napoli, Liguori 1994 («Guide di ricerca e restauro», 3);

- Ugo 1994

V. Ugo, Fondamenti della rappresentazione architettonica, Bologna, Esculapio 1994;

- Da Vinci-Pedretti 1995

L. Da Vinci, Libro di pittura, I, a cura di C. Pedretti, Firenze, Giunti, 1995 («Biblioteca della scienza italiana», IX)

- La catalogazione informatica 1995

La catalogazione informatica delle stampe dell'Istituto Nazionale per la Grafica, a cura di M. Gori Sassoli, Roma, Fratelli Palombi Editore 1995;

- Papaldo 1995 (2009)

Strutturazione dei dati delle schede di catalogo e precatalogo. Beni artistici e storici. Schede S-MI, a cura di S. Papaldo, Roma, ICCD 1995. L'ultima versione 3.0 (dicembre 2009) è reperibile a questo indirizzo http://www.iccd. beniculturali.it/index.php?it/253/beni-storici-e-artistici (ottobre 2011)

- Rocco 1995

G. Rocco, Introduzione allo studio degli ordini antichi, Roma, Dedalo 1995;

- UNI 1997

UNI, Norme per il disegno tecnico. Norme generali, Milano, UNI 1997 («Manuali», 1);

- Vitruvio - Gros 1997

Vitruvio, De Architectura, a cura di P. Gros, Torino, Einaudi 1997 («I millenni»)

- Carpo 1998

M. Carpo, L'architettura all'età della stampa: oralità, scrittura, libro stampato e riproduzione meccanica dell'immagine nella storia delle teorie architettoniche, Milano, Jaca Book 1998 («Di fronte e attraverso. Saggi di architettura», 455);

- Grayson - Claut 1998

C. Grayson, Leon Battista Alberti: vita e opere, in C. Grayson, Studi su Leon Battista Alberti, a cura di P. Claut, Firenze, Olschki 1998;

- Storia dell'architettura italiana- 1998

Storia dell'architettura italiana. Il Quattrocento, a cura di E P. Fiore, Milano, Electa, 1998;

- Frommel 1998

S. Frommel, Sebastiano Serlio architetto, Milano, Electa 1998;

- Hind 1998

A. M. Hind, Storia dell'incisione dal XV secolo al 1914, Torino, Allemandi 1998 («Archivi di arte antica») (prima edizione: A history of engraving and etching, Houghton Miffling Co., 1923);

- Vasari - Milanesi 1998

G. Milanesi, Le opere di Giorgio Vasari: con nuove annotazioni e commenti di Gaetano Milanesi, Firenze, Le Lettere 1998, prima edizione Firenze, G. C. Sansoni, 1907.

- Thoenes 1998

C. Thonenes, Sostegno e adornamento. Saggi sull'architettura del Rinascimento: disegni, ordini, magnificenza, Milano, Electa 1998 («Documenti di architettura», 116);

- Paper Palaces - 1998

Paper Palaces. The rise of the Reneissance architectural treatise, a cura di H. Vaughan, New Haven and London, Yale University Press 1998; (72.013 PAP cc) 72 (02) har cen

- Battaglia 2000

S. Battaglia, Grande dizionario della lingua italiana, XX, Torino, UTET 2000;

- Bruschi 2000

A. Bruschi, Oltre il Rinascimento. Architettura, città, territorio nel secondo Cinquecento, Milano, Jaca Book 2000 («Di fronte e di traverso. Saggi di architettura», 509);

- Docci 2000

M. Docci, D. Maestri, Scienza del disegno: manuale per la Facoltà di Architettura e di Ingegneria, Torino, UTET 2000;

- Stoichita 2000

V. I. Stoichita, Breve storia dell'ombra. Dalle origini della pittura alla Pop Art, Milano, Il Saggiatore 2000 («La Cultura», 543) (prima edizione: A Short History of the Shadow, London, Reaktion Books 1997);

- Salerno 2000

La macchina del disegno. Teorie della rappresentazione dell'architettura nel XIX secolo. Antologia critica, a cura di R. Salerno, Bologna, CLUEB 2000 («Heuresis. Sezione di arti, musica, spettacolo», 13);

- Crippa2001

I nuovi metodi di indagine e comunicazione della storia dell'architettura, a cura di M. A. Grippa, Milano, Sinai 2001 («Architettura, Strumenti e Opere»,);

- De Rosa 2001

A. De Rosa, Geometrie dell'ombra: storia e simbolismo della teoria delle ombre, Milano, CittàStudiEdizioni 2001;

- Mariani 2001

Le tecniche d'incisione a rilievo: la xilografia, a cura di G. Mariani, Roma, De Luca 2001 («Lineamenti di storia delle tecniche», 1);

- Serlio-Fiore 2001

S. Serlio, L'architettura: i libri I-VII e Extraordinario nelle prime edizioni, a cura di F. P. Fiore, Milano, Il Polifilo 2001 («Libri rari. Collezione di ristampe con nuovi apparati», XV);

- Cellini 2002

B. Cellini, Dell'oreficeria, a cura di Antonella Capitanio, Torino, Aragno 2002 («Biblioteca Aragno»);

- Rovetta 2002

C. Cesariano, Vitruvio De Architectura. Libri II-IV, a cura di A. Rovetta, Milano, Vita e Pensiero 2002;

- Tuttle 2002

Jacopo Barozzi da Vignola, a cura di R. J. Tuttle et alii, Milano, Electa 2002;

- Evers 2003

Teoria dell'architettura. 117 trattati dal Rinascimento a oggi. A cura di B. Evers, C. Thoenes et alii, Colonia, Taschen 2003;

- De Fusco 2003

R. De Fusco, Il codice dell'architettura. Antologia dei trattatisti, Napoli, Liguori 2003 («Collana di architettura e design», 1) (prima edizione ESI 1968);

- Di Teodoro 2003

F. P. Di Teodoro, Raffaello, Baldassar Castiglione e la Lettera a Leone X, con l'aggiunta di due saggi raffaelleschi, San Giorgio di Piaro, Minerva 2003 («Collana di Saggi Sudi e Ricerche») (prima edizione Nuova Alfa Editoriale 1994);

- Vignola e i Farnese 2003

Vignola e i Farnese: atti del convegno internazionale, Piacenza 18-20 aprile 2002, a cura di C. L. Frommel, M. Ricci, R. J. Tuttle, Milano, Electa 2003;

- Rocco 2003

G. Rocco, Guida alla lettura degli ordini architettonici antichi. II. Lo Ionico, Napoli, Liguori 2003 («Guide di ricerca storica e restauro», 4);

- Ackerman 2003

J. S. Ackerman, Architettura e disegno. La rappresentazione da Vitruvio a Gehry, Milano, Electa 2003 («Architetti e architetture», 9);

- Bulino, puntasecca, maniera nera - Mariani 2003

Bulino, puntasecca, maniera nera: le tecniche calcografiche d'incisione diretta, a cura di G. Mariani, Roma, De Luca 2003 («Lineamenti di storia delle tecniche», 2);

- Spallone 2004

R. Spallone, Il disegno dell'architettura. Perlustrazione critica e lettura interpretativa dai trattati agli scritti contemporanei, Torino, Celid 2004 («Strumenti per l'ingegneria. Disegno e rilievo», );

- La Roma di Leon Battista Alberti - 2005

La Roma di Leon Battista Alberti. Umanisti, architetti e artisti alla scoperta dell'antico nella città del Quattrocento, a cura di E P. Fiore, A. Nesserlath, Milano, Skira 2005;

- Fagiolo 2007

M. Fagiolo, Vignola, l'architettura dei principi, Roma, Gangemi 2007 («Opus», 7);

- Vasari - Marino 2007

G. Vasari, Le vite dei più eccellenti pittori, scultori e architetti, a cura di M. Marino, Roma, Newton Compton 2007;

- I disegni del Codice Resta -2007

I disegni del Codice Resta di Palermo, a cura di S. Prosperi Valenti Rodinò, Cinisello Balsamo, Silvana 2007;

- Vignola - Gianni -Maestri 2007

J. Barozzi da Vignola, La regola dei cinque ordini, Le due regole della prospettiva pratica nella edizione del 1828 proposta da Carlo Antonimi, a cura di D. Maestri, G. Spadafora, Roma, Dedalo 2007 («Vitruvio e i suoi eredi»);

- Adorni 2008

B. Adorni, Jacopo Barozzi da Vignola, Milano, Skira 2008;

- Palladio 2008

Palladio 1508-2008. Il simposio del cinque centenario, a cura di F. Barbieri et alii, Venezia, Marsilio 2008;

- Palladio 2008

Palladio, a cura di G. Beltramini, H. Burns, Venezia, Marsilio 2008;

- Saggi di letteratura architettonica 2009

Saggi di letteratura architettonica: da Vitruvio a Winckelmann, I, a cura di E P. di Teodoro, Firenze, Olschki 2009 («Biblioteca dell'«Archivium Romanicum» Serie I: Storia, Letteratura, Paleografia», 360);

- Saggi di letteratura architettonica 2009

Saggi di letteratura architettonica: da Vitruvio a Winckelmann, II, a cura di L Bertolini, Olschki 2009 («Biblioteca dell’«Archivium Romanicum» Serie I: Storia, Letteratura, Paleografia», 365);

- Saggi di letteratura architettonica 2009

Saggi di letteratura architettonica: da Vitruvio a Winckelmann, III, a cura di H. Burns, E P. di Teodoro, G. Bacci, Firenze, Olschki 2009 («Biblioteca dell'«Archivium Romanicum» Serie I: Storia, Letteratura, Paleografia», 369);

- Studi su Jacopo Barozzi da Vignola 2011

Studi su Jacopo Barozzi da Vignola. Atti del Convegno Internazionale di Studi, a cura di A. M. Affanni, P. Portoghesi, Roma, Gangemi 2011 ;

- Palladio Lab 2012

Palladio Lab. Architetture palladiane indagate con tecnologie digitali, a cura di G. Beltramini, M Gaiani, CISAP, Vicenza 2012, («Quaderni del museo Palladio», 11).

Riviste

- Bernheimer1954

R.. Bernheimer, Gothic survival and revival in Bologna, «The Art Bulletin», XXXVI, 1954, pp. 263-284;

- Pepe 1963

M. Pepe, I Labacco. Architetti e incisori, «Capitolium», I, 1963, pp. 24-27;

- Krinsky

C. H. Krinsky, Seventy-Eight Vitruvius Manuscripts, «Journal of Warbung and Courtauld Institutes», XXX, 1967, pp. 36-70;

- Thoenes 1983

C. Thoenes, Vignolas "Regola delli cinque ordini", «Römische Jahrbuch für Kunstgeschichte», XX, 1983, 345-376;

- Tuttle 1993

R. J. Tuttle, Vignola’s Facciata dei Banchi in Bologna, «Journal of society of architectural historians», LII, 1993, pp. 68-90;

- Gaiani - Slossel 2005

M. Gaiani, S. Slossel, Andrea Palladio e il suo mito: tre secoli di disegni di architettura palladiana a Vicenza, «Iknos. Analisi grafica e storia della rappresentazione», III, 2005, pp. 41-92.

Tesi

- M. Pavignano, "Regola delli cinque ordini d'architettura": il disegno degli ordini secondo Jacopo Barozzi da Vignola. Problematiche di restituzione grafica, Torino, 2009, rell. Prof. Arch. F. P. Di Teodoro, Arch. U. Zich.

Sitografia (Ultimo accesso Settembre 2012)

http://www.iccd.beniculturali.it/ - Sito dell'Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione.

http://calcografica.ing.beniculturali.it/ - Sito dell’Istituto Nazionale della Grafica.

http://fonti-sa.signum.sns.it - Il portale offre accesso pubblico e gratuito alle riproduzioni digitalizzate di edizioni antiche conservate nella Biblioteca della Scuola Normale Superiore di Pisa.

http://katalog.ub.uni-heidelberg.de/ - Il portale offre accesso pubblico e gratuito alle riproduzioni digitalizzate di edizioni antiche conservate nella Biblioteca dell'Università di Heidelberg.

http://fondosdigitales.us.es/fondos/ - Il portale offre accesso pubblico e gratuito alle riproduzioni digitalizzate di edizioni antiche conservate nella Biblioteca dell'Università di Siviglia.

http://gallica.bnf.fr/ - Il portale offre accesso pubblico e granito alle riproduzioni digitalizzate di edizioni antiche conservate nella Biblioteca Nazionale di Francia.

http://www.e-rara.ch/ - Il portale offre accesso pubblico e gratuito alle riproduzioni digitalizzate di edizioni antiche conservate nella biblioteche svizzere

http://census.bbaw.de/ - Database ad accesso pubblico e gratuito contenente ampia documentazione

incentrata sulla tradizione classica, in special modo sugli studi Rinascimentali. http://www.flickr.com/ - Sito di condivisone di file multimediali.

http://www.atlantedellarteitaliana.it - L'Adante online offre un autentico e autorevole repertorio dell'arte italiana consultabile in maniera completamente gratuita. Raccoglie i materiali della Fondazione Marilena Ferrari

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)