Politecnico di Torino (logo)

Ramirez, Lina

L'alleanza delle nazioni sudamericane un'esigenza per lo sviluppo.

Rel. Riccardo Bedrone. Politecnico di Torino, Corso di laurea magistrale in Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale, 2012

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

I grandi cambiamenti relazionali fra nazioni causati dalla seconda guerra mondiale segnarono in modo definitivo la forma in cui i territori sarebbero gestiti nel futuro. L'impossibilità economica di riemergere singolarmente, la scarsità di risorse proprie e il bisogno di controllo reciproco motivò e in certo modo obbligò alle nazioni ormai distrutte a cercare strategie integrative di risorgimento economico.

La deroga progressiva dei poteri e quindi di frammenti della sovranità nazionale a livelli geografici e amministrativi superiori, de localizzò il governo del territorio, fissò nuovi schemi economici -con ampie concessioni locali e globalmente deregolamentati- sconvolgendo i tradizionali sistemi di organizzazione sociale e facendo degenerare i rapporti di equilibrio fra territorio e popolazione.

Codesto scenario sistemico e globalizzato, in cui le nazioni storicamente forti decidevano di associarsi, accentuò la vulnerabilità di quelle nazioni già fragili, sollevando le potenze a un livello soverchiante e adimensionale dì potere, ove, la partecipazione dei "piccoli" divenne fin troppo discreta. Quei "piccoli" con un marcato passato di colonizzazione, fecero fatica a intendere le dinamiche integrative. Puntando ancora ad agire da soli in un ambiente internazionale in cui le alleanze erano già "reggia" universale. Anche se il macro-sistema globale punta intrinsecamente all'esclusione, le possibilità di essere inclusi non sono soltanto dallo stesso concesse, ma sono anche frutto dalla perizia di quelli che cercano di appartenervi.

Quest'appartenenza dal tutto ambigua, dove la potenza è misurata con codici di ricchezza molto confusi richiede di interrogarsi sull'entità e il livello di approfondimento delle integrazioni transnazionali. La distorta concezione dei paesi sudamericani di un'integrazione conveniente e temporanea castra la capacità che il territorio ha di porsi fra i più potenti al mondo. Codesta capacità potenziale, affermata con la crescita costante e positiva della sua economia - circa 3,5% nel primo semestre del 2012 e proiezioni di oltre il 5% per il 2013 (FMI, 2012)- svela la forza latente con cui il territorio sudamericano si spinge verso l'inserzione a quel livello superiore di potere globale.

La fortuna che riempie la sua superficie: 3,71% delle riserve di gas naturale mondiale; 8,61% delle riserve di petrolio grezzo; 20% del totale di acqua fresca planetaria; la foresta tropicale e il sistema fluviale più vasto al mondo; sei dei suoi dodici paesi sono ritenuti territori mega-diversi; la bassa densità demografica relativa (circa 400 milioni di abitanti su una superficie di oltre 17mìlioni di kmq, 1,7 volte maggiore a quella europea) irrobustisce le proiezioni e aumenta le sue possibilità. Eppure, queste "ricchezze" non sono garanzia di potenza.

Le alleanze intra-regionali fin troppo superficiali e segnate da differenze ideologiche -spesso motivate dall'intervento di terzi- hanno composto un territorio in cui le incisioni di confine spesso significano di più che linee amministrative astratte. Già fin dalla creazione del "Comitato di Consulenza Interamericano Economico e Finanziario" nell'anno 1939, le divisioni fra zona andina e cono sud raggiungessero altro che divergenze geografiche: il primo di tendenza prevalentemente capitalista pro nordamericana e il secondo scenario di frequenti manifestazioni popolari paradossalmente di stretti legami commerciali con i paesi del cosiddetto "asse"; finirono per sfumare il primo tentativo formale di associazione economica.

Bensì, le differenze sono rimaste e ne rimangono ancora -come giusto che sia- l'ormai innegabile necessità di fronteggiare il mercato globale con le stesse forze e le stesse dimensioni, ha causato più di un tentativo per l'integrazione regionale nel territorio sudamericano: l'ALALC, ALADI, CAN, MERCOSUR e la più recente e più complessa UNASUR ne sono uno esempio.

Nonostante tutto ciò, la faticosa strada verso la loro costituzione, con riposte spesso arretrate con rispetto ai cambiamenti internazionali in corso, suggerisce un approfondimento e una rivalutazione delle loro motivazioni, in modo tale di evidenziare quello che impedisce la materializzazione e l'operatività delle loro alleanze e di conseguenza della desiderata integrazione sudamericana.

L'obiettivo principale del documento presente -nelle sue limitazioni accademiche e tecniche- è di indicare i primi passi da fare verso il cambiamento e l'autonomia delle nazioni sudamericane, nell'attuale "libero" sistema economico e sociale contemporaneo. La prima parte del documento; partendo dallo studio e dalle critiche dei processi di cooperazione e alleanze internazionali, analizza in maniera dettagliata lo stato attuale dei trattati e accordi di cooperazione per l'integrazione sudamericana, con lo scopo dì capire il processo evolutivo "subito", cercando allo stesso tempo d'intendere le deformazioni e le difficoltà che hanno limitato la loro portata, e ridotto i loro esiti.

In secondo luogo, il documento facendo speciale riferimento ai fondamenti essenziali per la gestione del territorio sudamericano in confronto con il necessario, ma anche turbolento scenario internazionale, rivaluta i concetti di sviluppo e infrastrutturazione, quali pilastri dipendenti l'uno dell'altro per l'integrazione democratica del territorio, ove, l'essere umano e il suo habitat devono essere senza dubbio gli unici protagonisti.

Tenendo ulteriormente conto delle deformazioni riscontrate nei tentativi d'integrazione regionale, fin troppo modesti e settoriali, ulteriormente replicati nella pianificazione del territorio sudamericano e facendo leva sui i pilastri concettuali assunti, la terza parte si sforza di riproporre un processo diverso di pianificazione del territorio sudamericano che, quale manovra per l'evoluzione dei meccanismi cognitivi della pianificazione, costruisce un diverso tentativo sotto un punto di vista comunicativo, progressivo e di acquisizione costante di conoscenza teorica e pratica.

Finalmente, tenendo conto della difficoltà per approfondire su un territorio così vasto come è il continente sudamericano, l'ultima parte del documento si concentra nel proporre uno schema di lettura relazionale per la pianificazione delle reti d'infrastruttura di una delle sub-regioni più estese e inoltre più complesse, a causa dell'eterogeneità dei suoi componenti, l'Amazzonia. Bacino di rilevanza mondiale, per l'influenza definitiva nell'andamento dei cicli meteorologici e degli ecosistemi globali, è un capitolo del territorio sudamericano che oltre a richiedere l'impegno comune esige azione immediata.

Anche se non è pretesa del presente lavoro trovare le soluzioni definitive e immuni da critiche ai problemi che la coinvolgono; la posizione di cittadina del mondo e nativa proprio del territorio sudamericano impone in una futura professionista della pianificazione del territorio la necessità di volgere il suo sguardo e le sue forze verso il risorgimento della popolazione che abita uno dei luoghi più belli, ricchi e potenzialmente più potenti della terra.

Relatori: Riccardo Bedrone
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GD Estero
O Opere generali > OF Normativa
SS Scienze Sociali ed economiche > SSE Scienze economiche
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2833
Capitoli:

1. Introduzione

2. Verso uno sviluppo di scala continentale

2.1 Alleanze internazionali in America Latina

2.2 Cooperazioni regionali in Sudamerica

2.2.1 L'Associazione Latinoamericana d'Integrazione (ALADI)

L'influenza dell'ALADI nel territorio

Allegato; grafici e tavelle

2.2.2 La Comunità Andina (CAN)

L'influenza della CAN nel territorio

2.2.3 Il Mercato Comune del Sud (MERCOSUR)

L'influenza del MERCOSUR nel territorio

2.2.4 L'Unione delle Nazioni Sudamericane (UNASUR)

Il territorio UNASUR in cifre

2.2.5 L'Iniziativa per l'Integrazione dell'Infrastruttura regionale sudamericana (IIRSA)

I risultati dell'IIRSA

2.2.6 Altre istituzioni interessate al tema di Sudamericano.

2.3 Conclusioni

3. Come materializzare le alleanze delle nazioni sudamericane.

3.1 Lo sviluppo e l'infrastruttura del territorio

3.2 Il processo di pianificazione: un circuito minimo di comunicazione

4. Proposta per la pianificazione delle reti delle infrastrutture nell'Amazzonia

4.1 Calarsi nell'Amazzonia

4.1.1 Caratterizzazione del territorio e dell'odierna struttura

4.1.2 I bisogni del territorio

4.2 Il decollo dell'Amazzonia

Dagli accordi economici all'integrazione del territorio

Verso l'integrazione della Regione Amazzonica

4.2.1 Lo schema di relazioni della rete d'infrastruttura di trasporto

4.2.2 Allegato

5. Conclusioni

6. Bibliografia

Bibliografia:

- Albuquerque, C, Bouzas, R., Caetano, G., Carámbula, G., Costa Lima, M., De Ángelis, J., Díaz, J.P., et al.,(2011)., MERCOSUR 20 años. Montevideo, Uruguay. CEFIR, Centro di Formazione per l'integrazione Regionale.

- Associazione Latinoamericana d'Integrazione (ALADI), Commissione Economica per America Latina e i Caraibi (CEPAL). (2012). Studio: 30 anni d'integrazione commerciale nell'ALADI. Uruguay.

- Austin, J., Reficco, E., Berger, G., Fischer, R., Gutierréz, R., Koljatic, M., Lozano, G., Ogliastri, E., SEKN Team. (2004). Social Partening in Latin America: Lessons drawn from collaboration of business and civil society organizations. United States of America: The David Rockefeller Center Series in Latin American Studies, Harvard University.

- Bauman, Z (2010). La solitudine del cittadino globale (3° ed.). Milano. Giangiacomo Feltrinelli Editore.

- Bethell, L. (Ed.)(1997). Historia de America Latina: 5. La independencia. Cambridge University Press. Tradotto allo spagnolo per Spagna e America: Critica (Giraldo Mondadori, SA).

- Bethell, L. (Ed.)(1997). Historia de America Latina: 6. America Latina Independiente: 1820-1870. Cambridge University Press. Tradotto allo spagnolo per Spagna e America: Critica (Giraldo Mondadori, SA).

- Bethell, L. (Ed.) (1997). Historia de America Latina: 7. America Latina: Economia y sociedad 1870 -1930. Cambridge University Press. Tradotto allo spagnolo per Spagna e America: Critica (Giraldo Mondadori, SA).

- Bethell, L. (Ed.)(1997). Historia de America Latina: 11. Economia y sociedad desde 1930. Cambridge University Press. Tradotto allo spagnolo per Spagna e America: Critica (Giraldo Mondadori, SA).

- Bethell, L.(Ed.)(1997). Historia de America Latina: 12. Politica y sociedad desde 1930. Cambridge University Press. Tradotto allo spagnolo per Spagna e America: Critica (Giraldo Mondadori, SA).

- BID, CAF, FONPLATA (2000). Encuentro de Ministros de Trasporte, Telecomunicaciones y energia de America del Sur: Plan de Acción para la integración de la infraestructura regional de America del Sur. Montevideo. C.c.: Autore

- BID, CAF, FONPLATA, IIRSA (2010). 10 años después: Sus logros y desafios. Buenos Aires. BID, INTAL.

- Bourdieu, P. (1980; 1993). Le sens practique. Versione in spagnolo a cura di Alvaro Pazos. Taurus Umanidades. Madrid.

- Bordieu, P. (1980; 2007). Le sens practique. Versione in spagnolo a cura di Ariel Dilon. Siglo XXI editori. Argentina.

- Burdett, Richard Ed. (2007). The endless city the urban age project by the London School of Economics and Deutsche Bank's Alfred Herrhausen Sociey. Editorial Phaidon Press.

- CEPAL, IILA. (Ed.).(2008). America Latina e Caraibi: Infrastrutture e integrazione. Roma, Italia.

- Comunità Andina. (1969). Accordo di Cartagena. Colombia.

- Comunità Andina. (2005). Segreteria Generale. Hacia la comunidad sudamericana de naciones: Elementos para un plan de trabajo. Documenti di Lavoro. C.c.: Autore.

- Comunità Andina. (2004). Segretaria Generale. 35 Años de integración económica y comercial. Lima, Perù.

- Díaz González, E. (2011). "Las tendencias del crecimiento económico y la crisis económica en los países de América Latina"in Observatorio de la Economía Latinoamericana, NQ 148. Testo completo: http://www.eumed.net/cursecon/ecolat/la/

- Godschalk, R.(1974). Planning America: Learning from the turbulence. Washington: American Institute of Planners.

- Global International Waters Assessment. (Ed.). (2004). Amazon Basin: Regional Assessment 40b.

- Mattei, U. (2011). Beni Comuni: Un manifesto (6ta ed.). Italia: Editori Laterza.

- Mattei, U., Nader, L. (2010). Il saccheggio: Regime di legalità e trasformazioni globali. Italia: Saggi Bruno Mondadori.

- Mercato Comune del Sud - MERCOSUR. (1991). Trattato di Asunción. Paraguay.

- OECD. (Ed.). (2003). OECD Environmental Indicators: Development, measurement and use.

- Organizzazione degli Stati Americani (OEA). 2012. Nuestra Historia. Ottenuta: 09 Giugno 2012, di http://www.oas.org

- Ortega Delgado, Margarita. La ciudad y los sistemas urbanos desde una visión territorial. URBAN, num. 8. Rivista del dipartimento d'urbanistica e gestione del territorio. Scuola tecnica superiore d'architettura del dipartimento de Madrid.

- Perez, A., Nuño de la Rosa, L., González, J. (n.d). La obra de Stuart Kaujfman. El problema del orden complejo y sus implicaciones filosóficas. Dipartamento di Metafisica e di Teoria della Conoscenza, Facoltà di Filosofia. Università Complutense di Madrid. Madrid, Spagna.

- Perrone, C.,(2010). Divercity: Conoscenza, pianificazione, città delle differenze. Franco Agneli Editore. Milano, Italia.

- Pontificia Università Javeriana. Facoltà di Scienze Politiche e relazioni internazionali. (2005). Papel Politico Estudiantil (Ruolo Politico dello Studente). Tomo 15, No. 2. Luglio- Dicembre.

- Programma delle Nazione Unite per l'ambiente (UNEP), Organizzazione del Trattato di Cooperazione Amazzonica (OCTA) (Ed.). (2009). Geoamazoni: Environment outlook in Amzonia.

- Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Umano. Desarrollo Humano, Informe 1990. (1990). Colombia. Tercer Mundo Editores SA

- Rosales, O. Serie Comercio Internazionale. (2009). Crisis internacional y oportunidades para la cooperación regional (Crisi internazionale e opportunità per la cooperazione regionale). Santiago di Cile: Nazioni Unite, CEPAL.

- Sassure, F. (1922; 1983). Cours de linguistique générale. Versione in italiano a cura di Tullio De Mauro. Editori Laterza. .Bari

- Serrano Rodríguez, Antonio. El Modelo territorial Europeo. Tendencias para el siglo XXI y sus implicaciones en el modelo territorial español. URBAN, num. 8. Revista del departamento de urbanistica y ordenación del territorio. Escuela técnica superior de arquitectura del departamento de Madrid.

- Unione delle Nazioni Sudamericane - UNASUR. (2008). Trattato Costitutivo dell'Unione di Nazione Sudamericane. Brasilia, Brasile.

- Università Juan Rey. Centro di Studi Ibeoamericani. Madrid. Cano, Ma . A. (2010). La unión de naciones suramericanas: Un ambicioso e innovador proceso de construcción de integración regional. (Vol. 4. No. 10). Rivista Elettronica Iberoamericana. Vista il 13 luglio 2010,

http://www.urjc.es/ceib/investigacion/publicaciones/REIB_04_10_Angelines.pdf

- Von Bogdandy, A., Landa, C, Morales, M. (2009) ¿Integración suramericana a través del Derecho? Un análisis interdisciplinario y multifocal. (Integrazione sudamericana attraverso la Giurisprudenza?, Un'analisi interdisciplinare e multifocale). Madrid: Centro di Studi Politici e Costituzionali, Max-Planck- Institut.

- Weisbrode, Kenneth. (2005). La singular historia de las alianzas (La storia unica delle alleanze). Vanguardia. Dossier No. 14 (gennaio - marzo), p 36-40.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)