Politecnico di Torino (logo)

Frenda, Antonino

MADE IN CHINA. La pratica conservativa in Cina. Indagine sulla tutela del patrimonio culturale ed ambientale nella Repubblica Popolare Cinese.

Rel. Maria Adriana Giusti, Susanna Caccia. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (restauro e valorizzazione), 2012

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

«Ci vorrebbero cento vite per conoscere la Cina» disse Confucio: ma è oggi palese a tutti quanti come questo paese stia crescendo di anno in anno, travolto da un contrasto sempre più netto fra conservazione e innovazione.

Crollato il Comunismo e adottato il sistema economico capitalista, lo stile di vita dei cinesi tende a somigliare ogni giorno di più a quello occidentale. La Cina, un tempo chiusa e solitaria, è ormai un paese aperto al mondo e sta trasformandosi in una grande potenza economica. Il più grande mercato mondiale pare aver preso coscienza di tutte le sue infinite possibilità e vuole oggi riscattarsi dagli anni bui del Comunismo.

Proiettata verso il futuro, la Cina ritrova il suo passato. In un’ottica spesso economica e volta al guadagno, il Regno di Mezzo - che negli ultimi decenni ha registrato un grosso incremento nel turismo internazionale – ha preso coscienza dell’appeal che la cultura locale, con la sua storia, il suo folklore e i suoi monumenti ed opere d’arti, suscita nel turista occidentale.

Non mancano però occasioni di serio interesse scientifico volti alla salvaguardia del proprio patrimonio storico e culturale. Sempre più frequenti e solide sono le collaborazioni e gli scambi scientifici internazionali in questo campo. L’alta competenza italiana nei settori della ricerca archeologica e del recupero del patrimonio, ha fatto si che il nostro paese potesse giocare un ruolo fondamentale all’estero. La posizione leader dell’Italia nel recupero e nella salvaguardia del patrimonio culturale nel mondo è frutto di uno stretto coordinamento tra il Ministero degli Affari Esteri e il Ministero dei Beni Culturali. Un altro importante canale di intervento italiano nella cooperazione internazionale per la tutela del patrimonio culturale include tutte le iniziative UNESCO, per le quali il nostro paese offre un importante e qualificato sostegno.

Come ha dichiarato Anna Blefari Melazzi, «Il rispetto e l’ammirazione di cui l’Italia gode a livello internazionale nel settore del restauro è testimoniato dalla richiesta che ci è stata fatta dal Primo Ministro cinese Uen Jao Bao nel corso della sua visita a Roma: l’impegno dell’Italia per il restauro della Città Proibita, un monumento che ha lo stesso valore simbolico del nostro Colosseo».

L’obiettivo di questa tesi è quello di fornire alla comunità scientifica uno scritto che faccia luce su quanto si stia facendo in Cina nel campo della conservazione del patrimonio culturale. Sulla base della frammentaria e parimenti scarsa bibliografia esistente e su testimonianze inedite frutto di collaborazioni con l’ICOMOS International Conservation Center di Xi’an e con l’ Institute of Traditional Architecture and Historic Sites della Xi’an Jiaotong University, si è tentato di descrivere come la pratica conservativa stia avendo luogo alla luce delle normative locali ed internazionali.

I principali testi normativi cinesi attinenti al campo della conservazione sono inoltre forniti in appendice tradotti in lingua italiana.

Mai nessuno ad oggi ha tentato una presentazione organica in tale senso e questo tentativo è stato possibile grazie all’esperienza personale in loco ed una profonda curiosità.

Diversi casi reali ed attuali di interventi sul patrimonio storico e culturale sono presentati, in modo da offrire al lettore una panoramica sul modus operandi cinese.

I casi studio proposti, vogliono dunque essere non solo una testimonianza dell’approccio cinese alla conservazione, ma anche spunto per una serie di analisi ed interrogativi.

Un lavoro dunque che è una sintesi dello stato attuale ma che si pone come punto di partenza per ulteriori approfondimenti e ricerche.

Relatori: Maria Adriana Giusti, Susanna Caccia
Informazioni aggiuntive: Lavoro di ricerca finanziato da una "Borsa di mobilita' per tesi all'estero su proposta" frutto di una collaborazione [6 mesi] con la Xi'an Jiaotong University e l'ICOMOS International Conservation Center di Xi'an, Shaanxi, Cina.
Parole chiave: Cina, Tutela, patrimonio culturale, patrimonio ambientale
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GD Estero
O Opere generali > OF Normativa
R Restauro > RA Restauro Artchitettonico
R Restauro > RB Restauro Artistico
R Restauro > RC Restauro urbano
U Urbanistica > UB Architettura del Paesaggio
U Urbanistica > UL PVS Paesi in via di sviluppo
U Urbanistica > UM Tutela dei beni paesaggistici
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (restauro e valorizzazione)
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2783
Capitoli:

PREMESSA

CAPITOLO I. L'EVOLUZIONE DELLA PRATICA CONSERVATIVA DEL PATRIMONIO CULTURALE E AMBIENTALE.

- La Tutela del Patrimonio Culturale prima della fondazione della Repubblica Popolare Cinese;

- La Tutela del Patrimonio Culturale negli anni della Repubblica Popolare Cinese;

- La Tutela del Patrimonio Paesaggistico e Ambientale nella Repubblica Popolare Cinese;

- Il Mercato della Cultura;

- Note;

APPENDICE: I PRINCIPALI TESTI NORMATIVI

- 1982, Legge sulla Protezione dei Beni Culturali della RPC;

- 1989, Legge sulla Tutela dell'Ambiente della RPC;

- 2000, Principi di Conservazione del Patrimonio, ICOMOS;

CAPITOLO II. LA PRATICA CONSERVATIVA DEL PATRIMONIO CULTURALE E AMBIENTALE.

- Preambolo;

- Istituzioni preposte alla salvaguardia del patrimonio culturale cinese;

- Xi’an: modello di città cinese;

- Caratteri morfologici della città cinese;

- Daming Palace National Heritage Park: Parco Archeologico o pretesto per spazzare via la città?;

- Yuanjia Village: la ricostruzione come mezzo di salvaguardia del patrimonio culturale;

- Silk Roads: progetto per la nomina a Patrimonio dell’Umanità delle Vie della Seta;

- Recupero di un’antica Fabbrica d’Olio nello Fengyukou Village: un approccio scientifico nella salvaguardia del patrimonio;

- Note;

CONCLUSIONI

FONTI

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

BENEVOLO LEONARDO, Storia della città orientale, Laterza, Bari, 1988;

BERTAN FIORENZO, FOCCARDI GABRIELE (a cura di), Architettura cinese. Il trattato di Li Chieh, Utet, Torino, 1998;

BOYD ANDREW, Chinese architecture and town planning. 1500 B.C. – A.D. 1911, Alec Tiranti, London, 1962;

CAPON EDMUND, FORMAN WERNER, La Cina dei Tang: civiltà e splendori di un’ età d’ oro (618-906), De Agostini, Novara, 1990;

COTTERELL ARTHUR, The Imperial Capitals of China: an inside view of the Celestial Empire, Pimlico, London, 2007;

CRISTINELLI GIUSEPPE (a cura di), Il restauro fra identità e autenticità. Atti della tavola rotonda “I principi fondativi del restauro architettonico”, Venezia, 31 gennaio-1 febbraio 1999, Marsilio, Venezia, 2000;

GAVINELLI CORRADO, GIBELLI MARIA CRISTINA, Città e territorio in Cina, Laterza, Bari, 1976;

GAZZOLA LUIGI (a cura di), Cina: architetture e città. Dibattiti e ricerche, in “Bollettino della biblioteca della Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza”, Gangemi Editore, Roma, 1995;

HASSENPFLUG DIETER, The urban code of China, Basel Birkhäuser, Basel, 2010;

MOFFET MARIAN, FAZIO MICHAEL W., WODEHOUSE LAWRENCE, A world history of architecture, McGraw-Hill, London, 2003;

NAS PETER J. M., Urban symbolism, e. j. Brill, Leiden, 1993;

PIRAZZOLI MICHELE -T’SERSTEVENS (a cura di), L’arte della Cina, Utet, Torino, 1996;

ROPP PAUL S. (a cura di), L’eredità della Cina, Edizioni della Fondazione Giovanni Agnelli, Torino, 1990;

SHOUKE WEI, Managing world heritage sites in China from an economic perspective, Master Thesis, Brandenburg University of Technology Cottbus, Faculty of Architecture, Civil Engineering and Urban Planning, International Course of World Heritage Studies, supervisors:Prof. Dr. Wolfgang Cezanne, Prof. Dr. Albrecht Gnauck, March 28, 2004;

TICOZZI SERGIO, Il Tao della Cina oggi. Dinamiche culturali, politiche e istituzionali, Edizioni Fondazione Giovanni Agnelli, Torino, 1998;

TUCCI GIUSEPPE (a cura di), Le civiltà dell' oriente, Casini Editore, Roma,1962 , Vol. 4, pagg. 1031-1094;

TURNBULL STEPHEN, Chinese walled cities. 221 BC- AD 1644, Osprey Publishing, Oxford, 2009;

WALDRON ARTHUR, La Grande Muraglia. Dalla storia al mito, Giulio Einaudi Editore, Torino, 1993;

WOOD FRANCES, The Silk Road: two thousand years in the heart of Asia, Bath Press Colourbooks, Glasgow, 2002;

SAGGIO IN RIVISTA

ALABISO ALIDA, Il nuovo museo storico dello Shaanxi, in “Mondo cinese. Rivista di studi sulla Cina contemporanea”, n. 78, XIX (1992), Edigraf snc, Ternate (Varese), pagg. 41-46;

ARDUINO ALESSANDRO, BOMBELLI M. CRISTINA, Comunicare fra Italia e Cina. Le sfide e le trappole della comunicazione interpersonale tra italiani e cinesi, in “Sviluppo & Organizzazione”, n.211, Settembre/Ottobre 2005, pagg. 101-112; [articolo disponibile al link: http://docs.china-europa-forum.net/doc_756.pdf ];

DUTRA MICHAEL, Sir, How Much is that Ming Vase in the Window?: Protecting Cultural Relics in the People's Republic of China, in “Asian-Pacific Law & Policy Journal”,Vol.5 (2004); [articolo disponibile al link: http://blog.hawaii.edu/aplpj/files/2011/11/APLPJ_05.1_dutra.pdf ];

FELICI SABINA (trad. a cura di), Legge della Repubblica Popolare Cinese sulla protezione dei Beni Culturali, in “Mondo cinese. Rivista di studi sulla Cina contemporanea”, n. 71, XVIII (1990), Edigraf snc, Ternate (Varese), pagg. 91-100;

GOLDMAN JASPER, RATTI CARLO, Pechino: la città perduta?, in “Aspenia”, n. 23, Dicembre 2003, pgg. 263-271; [articolo disponibile al link: http://senseable.mit.edu/papers/pdf/2004_Goldman_Ratti_ASPENIA_ITA.pdf ];

MIRANDA MARINA (trad. a cura di), La legge sulla tutela dell’ambiente della Repubblica Popolare Cinese, in “Mondo cinese. Rivista di studi sulla Cina contemporanea”, n. 78, XIX (1992), Edigraf snc, Ternate (Varese), pagg. 47-56;

PADERINI PAOLA, La tutela delle zone di interesse storico-paesaggistico in Cina, in “Mondo cinese. Rivista di studi sulla Cina contemporanea”, n. 62, XVI (1988), Edigraf snc, Ternate (Varese), pagg. 45-59;

ROSSI MARIA NOVELLI, La tutela dei Beni Culturali nella Cina d’oggi, in “Mondo cinese. Rivista di studi sulla Cina contemporanea”, n. 71, XVIII (1990), Edigraf snc, Ternate (Varese), pagg. 27-35;

ZHU QIAN, On conservation. Historic district conservation in China: assessment and prospects, in “Traditional Dwellings Settlements Review. Journal of the International Association for the Study of Traditional Environments”, n. 1, Vol. XIX (2007), pagg. 59-76; [articolo disponibile al link: http://iaste.berkeley.edu/pdfs/19.1e-Fall07qian-sml.pdf ];

PERIODICI

ICOMOS International Conservation Center Xi’an, Serial Transnational Nomination For World Heritage of Silk Roads, Autumn 2011, Debut issue;

NATIONAL GEOGRAPHIC ITALIA, Cina. Nel cuore del dragone, Maggio 2008. Vol.21 no.5;

GUIDE

ICOMOS International Conservation Center Xi’an, Serial Transnational Nomination For World Heritage of Silk Roads, Autumn 2011, Debut issue;

NATIONAL GEOGRAPHIC ITALIA, Cina. Nel cuore del dragone, Maggio 2008. Vol.21 no.5;

SITOGRAFIA

http://www.unesco.org

http://whc.unesco.org/en/list

http://www.esteri.it/MAE/doc_dossier/dossier_cultura/cultura.pdf

http://icom.museum/uploads/tx_hpoindexbdd/ANGLAIS_RL_CHINE.pdf

http://en.dmgpark.com

http://www.dmgyz.com

http://www.yuanvillage.com

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)