Politecnico di Torino (logo)

Assandro, Andrea

Paris Market Lab : un ristorante nel quartiere Odéon.

Rel. Paolo Mellano. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura, 2012

Abstract:

[..mancante]

Concorso ARCHMedium

La gastronomia è senza dubbio uno delle più grandi attività economiche del mondo. Possiamo trovarla ovunque andiamo, a prescindere dalla cultura geografica, o razza. E' presente dalla nascita dell'uomo, e per ovvie ragioni rimarrà anche quando le altre macro attività economiche inizieranno a sbiadire. Il mondo della cucina è diventato sempre più sofisticato e nuovi stili e tecniche hanno portato le norme culinarie ad un livello completamente nuovo. Con la comparsa di nuovi ristoranti è nato un nuovo concetto di cucina, dove indagine e ricerca sono diventati la chiave per comprendere il presente e il futuro della gastronomia.

In cima a tutto questo troviamo il nuovo paradigma del turismo; il viaggio non è più un'attività aperta a pochi, è diventata un'attività quasi quotidiana per molti. Il turismo di massa ha costretto il settore a generare nuove attività specializzate per soddisfare le esigenze di tutti i viaggiatori. Visitare la Cina da sola non basta più, adesso dobbiamo percorrere la Via della Seta per scoprire le meraviglie del paese. Visitare la Russia è ormai obsoleto se non prendete il famoso treno Orient Express. E chi visita la Spagna, senza fare una esperienza di degustazione di vini? L'industria alimentare è stato senza dubbio uno dei più grandi beneficiari di questa specializzazione, trasformando l'intera esperienza di degustazione in qualcosa di più di una semplice mangiata. Guide specializzate come la "Gufa Michelin" hanno un'influenza globale e una clientela molto fedele. L'annuncio dei "migliori" ristoranti dell'anno è seguita come la cerimonia degli Oscar e i ristoranti gestiti da chef rinomati di solito hanno liste di attesa che vanno ben oltre 12 mesi.

Potremmo dire che storicamente il cibo francese è quasi parte del patrimonio nazionale francese, e che Parigi era ed è tuttora uno dei più grandi capitali del mondo quando si parla di gastronomia. La cucina francese è nota in tutto il mondo come una delle migliori, e il loro chef sono considerati come gli artisti dei sapori. Tuttavia, al fine di soddisfare questo nuovo tipo di clienti specializzati non è più sufficiente avere il prodotto migliore, è anche bisogno di vendere ne. Parigi è diventata molto consapevole di questo fatto, e sanno che per mantenere il loro status come i migliori cuochi del mondo hanno bisogno per mantenere rinnovarsi per stare al lasso con il crescente numero di concorrenti.

Tema del concorso

Da ArchMedium ci piace proporre la creazione di un concetto nuovo ristorante che abbiamo chiamato "Maket Lab". Il Paris Maket Lab è un complesso in cui la cucina vien portata ad un uovo livello, non solo nel modo in cui i piatti sono preparati ma anche in modo i clienti interagiscono con esso. Il Market Lab funge da ristorante e scuola di cucina in una sola volta, e vuole essere niente meno che uno dei migliori al mondo in entrambe le categorie. I Migliori chef del mondo saranno invitati a guidare le diverse cucine del complesso per un periodo limitato di tempo che potrebbe andare da 2 a 12 mesi.

Durante il loro soggiorno questi cuochi diventeranno mentori di una squadra di aspiranti cuochi, trasmettendo le loro conoscenze a loro, da le basi stesse della selezione delle materie prime fuori dal mercato nei minimi dettagli di come ogni piatto dovrebbe essere presentato. Durante il giorno il Market Lab funziona come una scuola di cucina, diventando un ristorante a cinque stelle durante la notte e proprone le ricette sperimentali elaborati dagli chef e i loro studenti. Il Market Lab non accetta prenotazioni, né conta su un menu prestabilito. Il modo per goderne sarà semplicemente andare li, e aspettare di essere servito con un sorprendente, in continua evoluzione, menu di degustazione. Grazie alla continua sperimentazione che si svolgerà nelle cucine, così come il sistema di rotazione chef, il Laboratorio Mercato sarà un'esperienza completamente nuova ogni sera, non importa quante notte di fila si sceglie di andare. Anche a causa del suo uso misto per una scuola e un ristorante, così come a causa della sua politica ("non si accettano prenotazioni") il Market Lab sarà qualcosa che tutti saranno in grado di godere a prezzi ragionevoli, ben al di sotto di quello che ristoranti di lusso.

Relatori: Paolo Mellano
Soggetti: A Architettura > AB Architettura degli interni
A Architettura > AO Progettazione
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2747
Capitoli:

CAPITOLO 1

1.1 Concorso ARCHMedium

1.2 Tema del concorso

1.3 Descrizione del sito

1.4 Informazioni progettuali

CAPITOLO 2

2.1 Origini del XII secolo

2.2 Da Filippo Augusto agli ultimi Valois

2.3 Il secolo d'oro

2.4 Dai Palazzi reali all'amministrazione

2.5 Dal massacro alla sistemazione

2.6 La sesta zona

2.7 Il mercato di Saint germain des Près

2.8 Dal novecento ad Oggi

CAPITOLO 3

3.1 Studio dello stato di fatto

3.1.1 Percorsi

3.1.2 Infrastrutture

3.1.3 Piste ciclabili

3.1.4 Parcheggi

3.1.5 Aree Verdi

3.1.6 Riferimenti

3.1.7 Analisi del P.L.U.

3.2 Proposta progettuale

CAPITOLO 4

4.1 Rue de Seine 76

4.2 Idee progettuali

4.3 La scelta progettuale

4.4 Composizione interna del edificio

4.4.1 Ipotesi I : rapporto pieni vuoti

4.4.2 Ipotesi II : sfasamento dei piani.

4.4.3 Ipotesi III : diverse chiavi di Lettura

4.4.3.1 Aspetto socioculturale

4.4.3.2 Dinamismo

4.4.3.3 Eleganza

CONCLUSIONI

BIBLIOGRAFIA

ALLEGATI

Bibliografia:

• Philip Jodido, Architecture Now Restaurant & Bars, TASCHEN America Llc; November 1, 2009, pp 16-27.

• Luke Herriot, 1,000 Restaurant, Bar, and Cafe Graphics: From Signage to Logos and Everything In Between, Rockport Publishers, .September 1, 2009.

• Daniela Santos Quartino, New Bars & Restaurants 2, Harper Design (October 5, 2010).

• John Riordan, Boutique Restaurants, Harper Design (October 21, 2008).

• Martin E. Dorf, Restaurants that Work: Case Studies of the Best in the Industry, Watson-Guptill Publications; October 1, 1992.

• AvroKO, Best Ugly: Restaurant Concepts and Architecture, HarperCollins, 2008.

• Chen Ci Liang, Zhang Shu Hong , Contemporary Restaurants in China, Page One, 2004.

• Kevin Lynch, R Ceccarelli, L'immagine della città, Marsilio, 2006.

• David Trottin, Dehors Paris: un guide d'architectures à voir, Éditions de la Maison de l'ar-chitecture en Ile-de-France, 2010.

• Lorenzino Cremonini, Lo spazio della luce, Alinea Editrice, 2005.

• Matteo Genghini, Pasqualino Solomita , Caffè e ristoranti 2, Milano : Motta Architettura, 2007.

• Ryder, Bethan Ristoranti : progetti & design, Modena, Logos, c2004.

• Bozuffi, Antonello, Nuovi interni per la sera : trasformazioni e rinnovamento, Torino, ottobre 2001.

• Laura Andreini, Caffè e ristoranti, Milano, Motta, 2000.

• Asensio Cerver, Francisco, Ristoranti, Modena, Logos, 1998 .

• Aloi, Giampiero, Ristoranti, Milano, Hoepli,1972.

• E.Paoli, Gli edifici alberghieri : alberghi, ristoranti e motel, CISAV, 1964.

Sitografia

• Maria Clara Ghia, Corridoio versus Percorso, dal Moderno al Contemporaneo, http:// w3.uniroma1.it/dottoratocomposizionearchitettonica/seminari/gazzola/GHIA.pdf.

• http://www.mairie6.pans.fr/mairie06/jsp/site/Portal.jsp?page_id=561

• http://www.mairie6.paris.fr/mairie06/jsp/site/Portal.jsp?page_id=559

• http://www.mairie6.paris.fr/mairie06/jsp/site/Portal.jsp?page_id=558

• http://www.mairie6.pans.fr/mairie06/jsp/site/Portal.jsp?page_id=557

• http://www.mairie6.paris.fr/mairie06/jsp/site/Portal.jsp?page_id=556

• http://www.mairie6.pans. fr/mairie06/jsp/site/Portal.jsp?page_id=560

• http://www.mercadodesanmiguel.es/

• http://www.iachq.com/interactive/content.html

• http://www.floornature.it/progetti-housing/progetto-iac-building-new-york-frank-o-geh-ry-2007-4889/.

• http://www.cement.org/buildings/buildings_office_IAC.asp

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)