Politecnico di Torino (logo)

Fissore, Emilio

Cambiamenti climatici e turismo nelle Valli cuneesi : impatti, rischi ed opportunità di sviluppo in una prospettiva strategica.

Rel. Marina De Maio, Federica Corrado. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Pianificazione territoriale, urbanistica e ambientale, 2012

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Ogni anno, in occasione delle conferenze internazionali sui temi climatici, giornali e televisioni si riempiono di articoli e servizi di varia natura: si passa dagli articoli rigidamente scientifici alle analisi politiche, dai servizi sugli orsi polari minacciati di estinzione alle previsioni climatiche sull'inverno o sull'estate successiva. Tali informazioni, spesso date con un tono che spazia dal catastrofismo hollywoodiano al fatalismo più estremo, creano confusione e disorientamento nell'opinione pubblica; la tematica del cambiamento climatico non viene più percepita come problema reale e che interessa la vita di buona parte dei cittadini, quanto una questione sfocata, preda di dibattiti spesso sterili tra le fazioni dei cosiddetti serristi e degli antiserristi, e governata da forze indipendenti dalla volontà e dalle azioni delle singole persone. La stessa situazione si verifica anche in occasioni di particolari eventi metereologici come grandi ondate di caldo o di freddo, alluvioni o siccità, facendo confondere ancora di più l'opinione pubblica con i concetti di tempo meteorologico e clima, che sono due cose ben distinte.

Questo fatto avviene anche a causa di un certo substrato culturale che vede il clima come un elemento indeterminante rispetto al territorio. Se una cosa viene percepita come immutabile è assai difficile entrare in una dimensione di pensiero che elabori il concetto opposto, cioè che il clima cambia nel corso del tempo e che le azioni umane hanno una grande importanza nel determinare l'entità del cambiamento.

Questo pensiero diffuso non tocca solo la gente comune ma anche ambiti settoriali specialistici, non ultima l'urbanistica e la pianificazione territoriale. Si tende infatti a presentare il clima come uno di quei fattori che variano nello spazio ma non nel tempo, descrivendo il clima di un territorio secondo dei canoni presenti in un preciso arco temporale di riferimento senza riportare la grande variabilità climatica che nel corso dei secoli ha interessato il territorio. Fatti che possono apparire incredibili1 agli occhi attuali erano consueti solo 200/300 anni orsono, nel pieno di un periodo più freddo dell'attuale.

Un esempio di questo discorso ad esempio riguarda la progettazione bioclimatica degli edifici, dei quartieri o di intere città: essa viene attuata seguendo i dati del tempo passato e del presente, ma quasi mai secondo dei criteri volti a confrontarsi anche con gli scenari climatici futuri, nonostante negli ultimi anni la ricerca scientifica abbia raggiunto un elevato grado di attendibilità e accuratezza territoriale.

Questo lavoro vuole quindi affrontare direttamente il tema del cambiamento climatico, focalizzando l'attenzione su un ambito territoriale ben identificato (la montagna cuneese) e relazionandolo con uno dei settori socio-economici più importanti, il turismo. Le domande a cui si cercherà di dare risposta sono:

• quali sono gli effetti che, in un ottica di medio - lungo periodo, il cambiamento climatico porterà sul turismo alpino?

• che ruolo riveste e come è strutturato il turismo nelle valli del cuneese? Quali sono gli impatti da attendersi nelle varie località?

• quali sono le prospettive di sviluppo del turismo sulla montagna cuneese nella prospettiva di un cambiamento climatico?

• il cambiamento climatico rappresenta, come molti affermano, solo un rischio e una minaccia o può essere anche l'occasione per sviluppare, per mezzo di opportune strategie, un sistema di offerta turistico sostenibile e competitivo?

Due sono gli elementi che forniscono la base conoscitiva e la giustificazione delle considerazioni e delle proposte contenute negli ultimi capitoli: gli scenari di cambiamento climatica basati sui modelli a scala regionale e un’approfondita conoscenza delle caratteristiche territoriali della montagna cuneese.

Relatori: Marina De Maio, Federica Corrado
Soggetti: G Geografia, Antropologia e Luoghi geografici > GG Piemonte
U Urbanistica > UM Tutela dei beni paesaggistici
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Pianificazione territoriale, urbanistica e ambientale
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2740
Capitoli:

Introduzione

Parte prima - LE ALPI E I CAMBIAMENTI CLIMATICI

1. Il clima nelle Alpi: tra passato, presente e futuro

1.1 Un clima, molti climi

1.2 II clima delle Alpi nel passato

1.3 Le caratteristiche del clima alpino contemporaneo

1.4 Verso un nuovo tipo di cambiamento climatico?

2. I cambiamenti climatici: nuovi scenari per il clima alpino del futuro

2.1 L'IPCC: cosa è e come opera

2.2 II cambiamento climatico in azione: prime evidenze sulle Alpi e in Italia

2.3 Scenari attesi sulla regione alpina a medio/lungo periodo

2.4 Valutazione e analisi degli scenari climatici futuri sulle Alpi

3. Cambiamento climatico e turismo in area alpina: impatti e conseguenze sul territorio

3.1 Impatti attesi su ambiente e risorse naturali

3.2 Impatti attesi sul tessuto socio-economico delle comunità locali alpine

3.3 Impatto sul turismo: i rischi per l'economia, l'ambiente e le possibili conseguenze sul tessuto sociale delle comunità locali

Parte seconda - LA MONTAGNA CUNEESE: TURISMO E IMPATTI DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO

4. La montagna cuneese: un territorio contradditorio

4.1 Inquadramento territoriale

4.2 Dinamiche socio demografiche

4.3 II turismo nelle valli cuneesi

4.4 II modello di offerta turistica: tra debolezze strutturali e tentativi di rinnovamento

5. Scenari climatici e modello di offerta turistica: impatti attesi

5.1 Le località turistiche della montagna cuneese e la dipendenza dalla "variabile " climatica

5.2 Impatti attesi nelle località turistiche montane cuneesi al 2050

Parte Terza - STRATEGIE DI RISPOSTA:LA NECESSITA DI UN DIVERSO MODELLO DI SVILUPPO

6. Scenari climatici e modello di offerta turistica: le prospettive

6.1 Prospettive in assenza di interventi

6.2 Prospettive con interventi ritardati

6.3 Prospettive in presenza di una strategia organica di risposta

7. Un nuovo modello di sviluppo turistico: strategie, azioni e rea I izza bil ita

7.1 Il turismo sulla montagna cuneese nella pianificazione territoriale e strategica: analisi di alcune esperienze

7.2 Strategie per uno sviluppo turistico efficace e sostenibile nel cambiamento climatico

7.3 Azioni e progetti: una possibile proposta

7.4 Verso un'integrazione del turismo nelle politiche territoriali della montagna cuneese

Conclusioni

Bibliografia e Sitografia

Bibliografia:

Libri:

• Bartaletti F., Geografìa e cultura delle Alpi. Edizioni Franco Angeli, Milano 2004

• Beltrutti G., Cuneo e le sue valli. Edizioni l'Artistica, Savigliano 1978

• Castellari S., Artale V. (a cura di), I cambiamenti climatici in Italia: evidenze, vulnerabilità e impatti. Bonomia University Press, Bologna 2009

• Di Napoli G. & Mercalli L, II clima di Torino. Edizioni Società Metereologica Italiana (collana "Memorie dell'atmosfera"), Torino 2008

• Eandi G., Statistica della provincia di Saluzzo. D.Lobetti-Bodoni, Torino 1833

• Kappenberg G. & Kerkmann 1, Il tempo in montagna - manuale di meteorologia alpina. Zanichelli editore, Bologna 1997

• Oderda P. & Ravasi G., Granda...così -1960-1984, 25 anni di vicende cuneesi. Edizioni Gribaudo, Cavallermaggiore 1984

• AA.VV., Climalptour - II cambiamento climatico e i suoi impatti sul turismo nello spazio alpino. Zalobžca Zrb, Ljubljana 2011

Articoli, report, atti di convegno e materiale di altro tipo:

• Abegg B. (a cura di), Turismo nel cambiamento climatico - Compact N.01/2011. CIPRA internazionale editore, Schaan 2011

• Balbi S., Climate change and Tourism in the Alps: a position paper in view of the upcoming Alpine Convention Fourth Report on the State of thè Alps on Sustainable Tourism, in Research Papers Issue RP0127 -Centro EuroMediterraneo per i cambiamenti climatici, pubblicato da CMCC nel 2012

• Carraro C, Crimi J. & Sgobbi A., La salutazione economica degli impatti dei cambiamenti climatici in Italia e delle relative misure di adattamento. Rapporto a cura di APAT e CMCC, Roma 2007

• CH2011 (a cura di), Swiss Climate Change Scenarios CH2011. Pubblicato da C2SM, MeteoSwiss, ETH, NCCR Climate e OcCC, Zurigo 2011

• CNRS (a cura di), Changement climatique: les nouvelles simulations françaises pour le prochain rapportdu GIEC. Rapporto della conferenza stampa del CNRS, Parigi 9 febbraio 2012

• Gualdi S., Scenari futuri di cambiamento climatico nel Mediterraneo e in Italia. Atti del convegno "Climatica...mente Cambiando, TRENTINO CLIMA 2011: Impatti, mitigazione e adattamento: una scommessa globale sul clima che verrà", Trento 9 Settembre 2011

• Gualerzi V., Kyoto compie l'ultimo anno, per l'Italia multe in arrivo, articolo su "La Repubblica", 16 febbraio 2012

• Hirczak M., Moalla M., Mollarci A., Pecqueur B., Rambonilaza M. & Vollet D., Le modèle du panier de biens, Economie rurale [En ligne], 308 | Novembre-décembre 2008. Link consultato il 7 Luglio 2012. URL: http://economierurale.revues.org/index366.html

• Muller H, Thalman F. & Weber F., Klimaànderung und die Schweiz 20501 Tourismus, in Klimaànderung und die Schweiz 2050: Erwartete Auswirkungen auf Umwelt, Gesellschaft und Wirtschaft. Pubblicato da OoCC, Berna 2007

• Pecqueur B., Qualità et développement territorial : l'hypothèse du panier de biens et de services territorialisés. Economie Rurale, n° 261, Paris 2001

• Saccomani S., dispense del corso di "Pianificazione territoriale e pianificazione strategica". Corso di laurea specialistica in Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Ambientale, Facoltà di Architettura II, Politecnico di Torino, Torino 2010

• Società metereologica subalpina (a cura di), Cambiamenti climatici in Valle d'Aosta: opportunità e strategie di risposta. Società metereologica subalpina, Bussoleno 2006

• Società meteorologica subalpina (a cura di), Cambiamenti climatici sulla montagna piemontese. Società metereologica subalpina, Bussoleno 2008

• Regione Piemonte, Assessorato all'Urbanistica e programmazione territoriale, Beni ambientali, Edilizia e Legale, allegato 2 "Componenti strutturali strategiche e progettualità locale, provinciale e regionale"al PTR. Torino 2008

• Regione Piemonte, assessorato all'Urbanistica e programmazione territoriale, beni ambientali, edilizia e legale, relazione illustrativa del PTR. Torino 2011

• Regione Piemonte, assessorato al Turismo, Piano Strategico Regionale per il Turismo. Torino 2008

• Provincia di Cuneo, settore pianificazione, relazione illustrativa del PTCP. Cuneo 2009

• Comune di Cuneo & altri (a cura di), Cuneo 2020 - II Piano Strategico della città e del suo territorio, documento programmatico. Cuneo 2006.

Sitografia:

• ARPA Piemonte (banca dati meteorologica) http://www.arpa.piemonte.it/banca-dati-meteorologica (ultima consultazione marzo 2012)

• CIPRA - Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi http://www.cipra.org/it/ (ultima consultazione luglio 2012)

• CMCC - Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici http://www.cmcc.it/(ultima consultazione maggio 2012)

• Meteo France - area ricerca climatologica http://climat.meteofrance.com/'(ultima consultazione maggio 2012)

• meteo Svizzera - area di ricerca climatologica http://www.meteosvizzera.admin.ch/web/it/clima/clima_domani.html (ultima consultazione maggio 2012)

• Programma CIRCE

• http://www.circeproject.eu/(ultima consultazione maggio 2012)

• Programma ClimAIpTour http://www.climalptour.eu/content/(ultima consultazione maggio 2012)

• Società metereologica italiana http://www.nimbus.it/(ultima consultazione giugno 2012)

• Comunità Montana valli Po, Bronda, Infernotto e Varaita http://www.valiipo.cn.it/dk, http://www.valievaraita.cn.it/ (ultima consultazione giugno 2012)

• Comunità Montana valli Maira e Grana http://www.valligranaemaira.it/'(ultima consultazione giugno 2012)

• Comunità Montana Valle Stura di Demonte http://www.vallestura.net/(ultima consultazione giugno 2012)

• Comunità Montana Alpi del Mare http://www.cmalpidelmare.org/(ultima consultazione giugno 2012)

• Comunità Montana alto Tanaro, Cebano e Monregalese http://www.vallinrete.org/index.php(ultima consultazione giugno 2012)

• Provincia di Cuneo - settore pianificazione http://www.provincia.cuneo.it/pianificazione (ultima consultazione giugno 2012)

• Regione Piemonte - assessorato al Turismo http://www.regione.piemonte.it/turismo (ultima consultazione luglio 2012)

• Regione Piemonte - assessorato all'Urbanistica e programmazione territoriale, beni ambientali, edilizia e legale http://www.regione.piemonte.it/sit/argomenti/pianifica/pianifica/home .htm (ultima consultazione luglio 2012)

• Associazione Dislivelli http://www.dislivelli.eu/blog/ (ultima consultazione giugno 2012)

• ATL Cuneese http://www.cuneoholiday.com/ (ultima consultazione luglio 2012)

• Camera di Commercio – Cuneo http://www.cn.camcom.gov.it/ (ultima consultazione aprile 2012)

• Centro studi Confindustria Cuneo http://uic.netteam.it/uic/serviziBusiness/centroStudi.uic(ultima consultazione giugno 2012)

• Comprensorio sciistico del MondolèSki http://www.mondole.it/ (ultima consultazione giugno 2012)

• Comprensorio sciistico della Riserva Bianca http://www.riservabianca.it/(ultima consultazione giugno 2012)

• Ghironda.com - il sito internet delle valli occitane del Piemonte sud-occidentale http://www.ghironda.com/(ultima consultazione maggio 2012)

• Parco del Po Cuneese http://www.parcodelpocn.it/(ultima consultazione luglio 2012)

• Parco naturale delle Alpi Marittime http://www.parks.it/parco.alpi.marittime/(ultima consultazione luglio 2012)

• Simolimo (sito con informazioni approfondite attuali e storiche delle località turistiche delle montagne cuneesi) http://www.simo/imo.com/NewIndex/(ultima consultazione maggio 2012)

• TargatoCN - Quotidiano online della provincia di Cuneo http://www.targatocn.it/(ultima consultazione luglio 2012)

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)