Politecnico di Torino (logo)

Nicola, Mattia and Porporato, Simone Achille

Seoul_Sewoon Sanga : un progetto per la riqualificazione urbana dei Sewoon Districts.

Rel. Michele Bonino, Giacomo Leone Beccaria, Marco Bruno. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (costruzione), 2012

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Il nostro reportage da Seoul

Una descrizione corretta ed esauriente di un luogo, soprattutto se di dimensioni notevoli come quelle di una moderna metropoli, è di difficile impostazione. Se poi, la metropoli in questione è una delle più dense ed importanti città asiatiche, frutto di una storia millenaria, seguita da anni di colonialismo cinese e giapponese, i cui caratteri predominanti sono quanto di più distante si possa immaginare dai canoni europei, la questione diventa ancora più complessa.

Ciò che è sicuro, tuttavia, è che la sensazione iniziale di spaesamento, con una mancanza quasi totale di punti di riferimento, che ha colto noi tesisti al momento del nostro arrivo a Seoul, è una costante di tutte le persone - europee - che si apprestino a vivere un'esperienza nella capitale della Corea del Sud.

Non volendo, e non potendo, quindi, fornire una descrizione esaustiva della città, della cultura e della società coreana (e di Seoul in particolare), il nostro lavoro si è posto come obiettivo quello di riportare semplicemente la nostra esperienza di vita, le suggestioni che un luogo così stimolante, e diverso da quel che siamo abituati a definire "città", ha saputo suscitarci nel corso del mese che abbiamo trascorso nella capitale coreana.

Durante la nostra permanenza, infatti, siamo stati colpiti da innumerevoli caratteri di Seoul, ma alcuni in particolare hanno saputo catturare la nostra attenzione ed è proprio su quelli che abbiamo diretto le nostre ricerche, ben sapendo che non sarebbe stato possibile riportare, nel nostro lavoro di tesi, se non una piccola parte della realtà coreana.

In particolare quindi, ci siamo focalizzati sull'analisi della parte più "storica"di Seoul (anche se, come vedremo in seguito, il concetto asiatico di "valore storico" è molto differente da quello europeo), ovvero la downtown, e sulle dinamiche urbane che, negli ultimi decenni ne hanno contraddistinto le trasformazioni.

Successivamente, entrando nello specifico di alcuni dei quartieri oggetto di analisi, ovvero i cosiddetti Sewoon Districts, ci siamo appassionati al tema di riqualificazione di queste aree, colpiti dalla decisione, presa dal Seoul Metropolitan Government, di mettere in atto un grande progetto di riqualificazione urbana, denominato "N/S Green Corridor", che avrebbe previsto la demolizione di otto interi quartieri (oggi teatro giornaliero di una febbrile vita produttiva e commerciale) e di quello che, probabilmente, rappresenta uno degli edifici più importanti per il patrimonio architettonico moderno della città, il Sewoon Sanga.

La volontà di capire il perché di una scelta di questo tipo e, al tempo stesso, quella di porsi nettamente in contrasto con essa, proponendo un progetto di riqualificazione alternativo, ci ha portati a conoscere meglio le dinamiche delle trasformazioni urbane di Seoul, così come le forze e le motivazioni che ne tracciano le principali direttive di sviluppo.

La nostra attività di ricerca in loco si è, quindi, conclusa con la consapevolezza che, nell'ottica di voler applicare un "approccio europeo" in un contesto come quello coreano, sarebbe stato necessario conoscere in maniera più approfondita la storia e le dinamiche legate, non solo alla formazione di questa parte di città, ma anche quelle che hanno portato, nei primi anni '60 del 1900, alla costruzione di una megastruttura del calibro del Sewoon Sanga.

Una volta tornati in Italia, allora, abbiamo svolto una ricerca storica sul tema megastrutturale e sulle fasi di progettazione e realizzazione del Sewoon Sanga, in seguito alle quali abbiamo costruito quella base di conoscenze, in assenza della quale non avremmo potuto elaborare un progetto che, pur non avendo la pretesa di risultare realizzabile nell'immediato, potesse però comunicare delle suggestioni in grado di proporre una strada alternativa a quella della tabula rasa, proposta del Seoul Metropolitan Government.

Ovviamente, per la produzione dell'elaborato finale, hanno giocato un ruolo determinante l'esperienza diretta con la società coreana e con gli spazi urbani di Seoul, a nostro parere indispensabili per la presa di coscienza delle maggiori problematiche e degli aspetti attorno ai quali ruotano, in primo luogo, la politica urbana della città ma, secondariamente, anche le modalità di fruizione che i cittadini coreani utilizzano per gli spazi di aggregazione sociale e, più in generale, della vita privata e comunitaria.

Relatori: Michele Bonino, Giacomo Leone Beccaria, Marco Bruno
Soggetti: R Restauro > RC Restauro urbano
U Urbanistica > UK Pianificazione urbana
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (costruzione)
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2663
Capitoli:

O_Premessa - il nostro reportage da Seoul

1- I progetti di rinnovamento per la downtown di Seoul

1.1_Seoul major projects

1.1.1_I Corridors

1.1.2_Il rinnovamento dell' Hangang

1.2_00 Axis - Il rinnovamento del Cheonggyecheon

1.2.1_Storia del canale

1.2.2_Il progetto di rinnovamento

1.3_01 Axis - Historic Corridor

1.3.1_Gwanghwamun Plaza

1.3.2¬¬_II primo "foro" di Seoul-valori e criticità dell'intervento nel contesto coreano: Kim Myoung-in Vs. Hong Tae-young

1.4_02 Axis - Digital Media Corridor

1.4.1_Il progetto di riqualificazione di Insadong e di Myungdong

1.5_03 Axis - N/S Green Corridor ,

1.5.1_Il concorso per il progetto di riqualificazione del Sewoon District

1.5.2_Il progetto vincente: Koetter Kim & Mooyoung & Dongwoo

1.6_04 Axis - Creative Corridor

1.6.1 Il concorso per il progetto del World Design Park & Complex

2_lntermezzo - Dai Green Corridor alle megastrutture

3_Le megatrutture

3.1_Lemega utopie

3.2_Il flusso metabolico

3.3_La contaminazione architettonica giapponese

4_Conclusione - Un progetto di riqualificazione per i Sewoon Districts

4.1 _La storia del Sewoon Sangga

4.2_Il progetto di riqualificazione

5_Epilogo - Istantanee da Seoul

Bibliografia

Bibliografia:

- Reyner Banham,"Le tentazioni dell'architettura. Megastrutture", Editore Laterza, Roma-Bari 1980.

- Leonardo Benevolo,"Storia dell'architettura moderna", Editore Laterza, Roma-Bari 1992, vol. 4-5.

- Yona Friedman, "Architecture with the people, by the people, for the people", Editore Actar Barcellona, 2004.

- Yona Friedman, "Pro Domo", Editore Actar, Rotterdam,1999.

- Rem KooIhaas-Hans UIrich Obrist,"Project Japan", Editore Taschen Colonia 2011.

- Marco Wolfler Calvo,"Archigram/Metabolism. L'utopia negli anni Sessanta", Clean, Napoli 2007.

- Bruno Zevi,"Storia dell'architettura moderna", Editore Einaudi ,Torino 1975.

Riviste:

- Joeng, Jin Joo, "Sewoon district #4 urban redevelompment project design competition", in Space, 2004, novembre, n°444.

- Lim Chang Bok, "Things requie for human redevelopment of a downtown", in Space, 2004, novembre, n°444.

- Lim Jinyoung/'Making place - Cheonggyecheon", in Space, 2005, aprile, n° 449.

- Lui Jehong,"lm-possibility of culture", in Space, 2005, aprile, n° 449.

- Kim Jeoungeun,"Making Cheonggyecheon", in Space, 2005, aprile, n° 449.

- Lim Jinyoung, "Yim Changbok vs. Cho Myungrae", in Space, 2005, aprile, n° 449.

- Lee Hee-chung,"Our Choice for a creative city", in Space, 2007, settembre, n° 478.

- Chung Dah-young, "International competition for Dongdaemun - World Design Park & Complex" in Space, 2008, maggio, n° 486.

- Lee Kyung-eun, "What does "square" mean to us, the citizens?", in Space, 2009, settembre, n° 502.

- Kim Myung-in, "Hong Tae-young, What does"Square" mean to us the citizens? Hanil visitors' center and guest house alleways & gardens that flore into urban public housing", in Space, 2009, ottobre, n° 503.

Sitografia:

- www.koetterkim.com -www.sdi.kr

- www.stevenholl.com

- www.vmspace.com www.wikipedia.com

- www.zaha-hadid.com

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)