Politecnico di Torino (logo)

Borello, Andrea

Area in dismissione a Montiglio Monferrato e Cocconato d’Asti : ipotesi di riqualificazione ambientale ed urbana.

Rel. Silvia Gron, Paolo Castelnovi. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (restauro e valorizzazione), 2012

Abstract:

Gli interventi proposti in questa tesi riguardano aree urbanizzate isolate da riqualificare a Montiglio Monferrato e Cocconato d'Asti: la prima sul sito attualmente occupato dalla struttura produttiva Conbipel, la seconda in Località S.Anna interessante una fermata della linea ferroviaria e l'ultima in Frazione Stazione e Lago di Codana, situate nel comune di Montiglio.

Questi interventi di riqualificazione sono complementari ad un programma di interventi di livello internazionale che i Comuni di Montiglio e Cocconato stanno predisponendo su un ampio territorio a cavallo della fascia di confine. Il programma, promosso da privati ed accolto dagli enti locali e regionali, si sta sviluppando in una variante complessiva ai Piani regolatori dei due Comuni, che intendono ospitare una grande attrezzatura per lo sport e il tempo libero (Country & Golf Resort & Spa) incentrata sulla frazione La Pironda e sviluppata sulle aree circostanti alla frazione S.Anna, San Giorgio e Banengo, estendendosi fino in Località Stazione di Cocconato d'Asti.

Il progetto è strutturato per la realizzazione di un centro turistico incentrato sull'attività golfistica di

un campo da 36 buche.

Gli elementi presi in considerazione per la realizzazione di questo progetto sono:

• territorio;

• posizione;

• risorse;

• lavoro;

• popolazione.

e se ne sono verificate le potenzialità di miglioramento sotto l'effetto dell'insediamento previsto. In questa indagine sono stati presi in considerazione anche i piani programmatici già attuati a livello della Regione Piemonte e della Provincia di Asti, grazie ai quali è stato possibile verificare la compatibilità e sostenibilità del progetto per l'ambiente e per il territorio.

La Regione Piemonte ben si presta all'inserimento del progetto in quanto grazie alla presenza di ben 50 impianti golfistici già attivi, la creazione di un impianto a livello turistico di questo genere può essere implementata in tempi brevi.

I punti di forza che dovrebbero consentire la buona riuscita del progetto sono:

• progetto strutturato di portata internazionale, con ottima accessibilità ai grandi aereoporti e autostrade;

• potenzialità di apprezzamento e valorizzazione del paesaggio;

• presenza di itinerari d'arte nel contesto;

• presenza di tradizioni e produzioni enogastonomiche di qualità nel contesto;

• presenza di tradizioni folckloristiche e manifestazioni;

le opportunità sono rappresentate dai risvolti positivi che ne derivano in caso di riuscita del progetto, e brevemente elencate di seguito:

• rientrare in un progetto ampio sul territorio;

• sviluppo settore terziario a basso impatto;

• rilancio economie locali;

• rilancio demografico;

• occupazione;

• riqualificazione urbanistica e infrastrutturale;

• gettito da parte della Pubblica Amministrazione.

Queste attrattive diventano punti di forza e valore aggiunto per il progetto ma nello stesso tempo se valorizzate e fatte conoscere portano un ritorno economico e di immagine all'intera Regione. L'area d'intervento del progetto golfistico comprende ben tre vallate; l'intero progetto insiste su di un'area di circa 225 ettari, a cavallo dei due comuni, di cui circa 188 ettari sul territorio del comune di Montiglio Monferrato e circa 37 ettari sul territorio del comune di Cocconato d'Asti.

INDIVIDUAZIONE AREE INTERVENTO

L'estensione e la vastità dell'area interamente dedicata al campo da golf permette di realizzare un percorso da 36 buche con caratteristiche championship adatto ad ospitare tornei internazionali. L'intero percorso avrà due campi da gioco di 18 buche rispettivamente denominati "Lake Course", vista la presenza delle numerose sorgenti d'acqua presenti nell'area e dei laghetti artificiali che verranno realizzati, e "Mountain Course" dalle caratteristiche più country e immerso nella flora. Le piste da golf si snoderanno e si adatteranno all'ambiente circostante mantenendo inalterate tutte le coltivazioni caratteristiche del territorio presenti sull'area.

Per gli aspetti ricettivi il progetto prevede la realizzazione di:

• Una Clubhouse con proshop, bar/restaurant, spogliatoi, uffici amministrativi, sale per svago varie, magazzini, cucine etc;

• Una Foresteria con 18 posti letto circa;

• Un Golf Hotel con 240 posti letto, ristoranti, sale varie, centro benessere, centro congressi

• Una struttura di Apartment-hotel composta da 100 Apart-Hotel con 400 posti letto.

• Una serie di Residential building con una capienza di circa 600 posti letto;

• Parcheggi interrati per circa 153 vetture e 150 parcheggi circa fuori terra per i visitatori

occasionali;

• Inoltre la realizzazione di un eliporto, che garantirà la possibilità di collegamento con strutture sanitarie ospedaliere per casi di urgenza o di gravità.

In un'area limitrofa all'impianto golfistico è prevista la realizzazione di un maneggio con galoppatoio per equitazione e passeggiate a cavallo. A tale struttura è connessa un'azienda agricola con agriturismo e shop per i prodotti tipici locali.

Rispetto a tale intervento complesso e polarizzante, i casi di studio costituiscono occasioni di riqualificazione complementare ma di importanza strategica per lo sviluppo locale, costituendo una sorta di "risposta locale" alle attrezzature messe in campo dall'iniziativa privata, sfruttando gli effetti indotti dal flusso turistico provocato dall'apertura del Resort golfistico, con minimo consumo di suolo ed alta efficacia degli interventi, utili alla funzionalizzazione complessiva dell'intero ambito territoriale, fornendo nodi infrastrutturali (le stazioni ferroviarie), servizi per il tempo libero (il complesso piscina e attrezzature coperte a Codana) e un quartiere residenziale (nell'area Combipel) che migliorano aspetti territoriali e paesistici degradati, producono redditi ed hanno una buona sostenibilità economica, integrano i servizi prodotti dall'intervento golfistico con attrezzature e infrastrutture a quello mancanti.

Relatori: Silvia Gron, Paolo Castelnovi
Soggetti: A Architettura > AF Edifici e attrezzature per il tempo libero, le attività sociali, lo sport
A Architettura > AO Progettazione
U Urbanistica > UB Architettura del Paesaggio
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (restauro e valorizzazione)
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2593
Capitoli:

Indice

I parte - Inquadramento territoriale

1 - Inquadramento generale

1.1 Caratteri del Basso Monferrato

1.2 II territorio dei comuni di Cocconato e Montiglio Monferrato

2 - Montiglio Monferrato

3 - Cocconato d'Asti

4 - Sintesi dell'inquadramento

II parte - Ambiti studio

Introduzione alle proposte progettuali

1 - Montiglio Monferrato - località stazione S.Anna;

1.1 Analisi territoriale stato di fatto

1.2 Rilievo fotografico

1.3 Descrizione intervento (Planimetrie stato di fatto, progetto, viste prospettiche)

2 - Montiglio Monferrato -Frazione stazione e "Lago di Codana"

2.1 Analisi territoriale stato di fatto

2.2 Rilievo fotografico;

2.3 Descrizione intervento

2.3.a Lago di Codana

2.3.b Frazione Stazione (planimetrie stato di fatto, progetto, viste prospettiche)

pag.94

3 - Cocconato D'Asti - Località Bauchieri, Area COMBIPEL

3.1 Analisi territoriale stato di fatto

3.2 Rilievo fotografico

3.3 Descrizione intervento (planimetrie stato di fatto, progetto, viste prospettiche)

4 - Cocconato d'Asti - Lotto 1 caso studio

4.1 Descrizione caso studio (planimetrie di progetto, inserimento fotografico)

Bibliografia finale

Sitografia

Allegati: elaborati grafici

Bibliografia:

Manaresi C., Edilizia poderale: economia e tecnica del fabbricalo rurale, Milano, 1950;

Astura G., Il risanamento dell'edilizia rurale: rilievi e suggerimenti pratici, Milano, 1956;

Tartaglio Renato, Storia di Cocconato, E.P.T., Cocconato 1966;

De Rocchi T., Bibliografia sulla casa rurale italiana, Firenze, 1968;

Giuseppe Colli, Monferrato, Edizioni Vitalità, Torino 1976;

La Regina F., Architettura rurale, problemi di storia e conservazione della civiltà edilizia contadina in Italia, Bologna, 1980;

Dalla Villa G., Idroterapia, Red Editore, Milano, 1982;

Luca Pittarello, Le chiese romaniche delle campagne astigiane, Amministrazione Provinciale di Asti, Asti, 1984;

Paola Gilotto, Montigliodapieve di San Lorenzo: lettura delle fasi costruttive e indirizzi critici di restauro, Politecnico di Torino, Torino 1985;

Negri Giorgio, Enciclopedia pratica del giardinaggio, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1987;

Rino Mandrino, Montiglio, nello spazio, nel tempo, nella storia, edizioni Amico, Asti, giugno 1989;

Vinas Frederich, Grande manuale illustrato di idroterapia, Studio Redazionale, Milano, 1992;

Enciclopedia dei comuni d'Italia, Il Piemonte paese per paese, Bonechi editore, Firenze 1994;

Consiglio regionale del Piemonte, Comuni della provincia di Asti, Blu editoriale, Torino 1995;

Bosca D., Cà 'D Pera. Le case della terra in Langa, Monferrato e Roero, Alba, 1998;

Amerio Carlo, Canavesio Giovanni, Materiali per l'edilizia, Società Editrice Internazionale, Torino, 1999;

Amerio Carlo, Canavesio Giovanni, Tecniche ed elementi costruttivi, Società Editrice Internazionale, Torino, 2000;

Benvenuti Daniela, Le piscine: tipologie, progettazione, manutenzione per impianti pubblici e privati, Maggioli editore, Rimini, 2000;

Regione Piemonte, Provincia di Asti, Il recupero degli edifici rurali nella provincia di Asti, Asti, 2000;

Gauzin-Muller Dominique, Architettura sostenihile, Edizioni Ambiente, Casciago (Varese), 2000;

Nicolotti Giovanni, Alberi monumentali in Piemonte, Priuli & Verlucca, Ivrea, 2002;

Sicurella Annibale, Progettare il verde: tecniche e soluzioni, Sistemi Editoriali, Napoli, 2003;

Buono Stefano, Progetti di bioclimatica e bioedilizia: architettonica, strutture, impianti, fotovoltaica, fitodepurazione e cantieristica; principi generali, strumenti urbanistici, prodotti e sicurezza. II Sole 24 Ore, Milano, 2003;

Holden Robert, Progettare l'ambiente, Logos Edizioni, Modena, 2003;

Werner Anja, La piscina biologica mediterranea, Il Campo Editore, 2008;

Angela Giulia Alessio, Piero Cognasso, Renato Fenoglio, Prospero Schiaffino, Scandeluzza tra storia e memoria, casa editrice Espansione Grafica, Castell'Alfero (AT) ottobre 2008;

Società Italiana dei Docenti di Trasporti, La ferrovia nelle aree metropolitane italiane, atti del XIV Convegno nazionale SIDT-Napoli, 19 febbraio 2007, Aracne editrice, Roma, ottobre 2008;

Mottura Giovanna, L'architettura dell'acqua: fontane, giochi d'acqua, piscine private, centri termali e fitness, Maggioli Editore, Santarcangelo di Romagna (RN), 2008;

Sassi Paola, Strategie per l'architettura sostenibile, i fondamenti di un nuovo approccio al progetto, Edizioni Ambiente, Varese, 2008;

Vigini Maurizio, Vegini Claudio, La piscina naturale, Sistemi Editoriali, Roma, 2011;

Tavole:

Tav 1, Inquadramento generale, aree d'intervento, scala: varie

Tav 2, Montiglio Monferrato, Località Stazione S.Anna:

Stato di fatto, progetto scala 1:500,

Raffronto demolizioni e nuove costruzioni scala 1.1000,

Inserimento del progetto;

Tav 3, Montiglio Monferrato, Frazione Stazione e "Lago di Codana",

Stato di fatto scala 1:1000, Inquadramento fotografico;

Tav 4, Montiglio Monferrato, Frazione Stazione e "Lago di Codana",

Stato di progetto scala 1:1000,

Sezione prospettica A-A, B-B, C-C scala 1:500;

Tav 5, Montiglio monferrato, Frazione stazione e 2Lago di Codana", Raffronto demolizioni e nuove costruzioni scala 1:2000, Inserimento del progetto;

Tav 6, Cocconato d'Asti, Località Bauchieri, stato di fatto scala 1:1000, Inquadramento fotografico;

Tav 7, Cocconato d'Asti, località Bauchieri, Stato di progetto scala 1:1000,

Raffronto demolizioni e nuove costruzioni scala 1:2000, Viste prospettiche scala 1.500, Inserimento del progetto;

Tav 8, Cocconato d'Asti, Località Bauchieri, caso studio lotto 1, Pianta piano seminterrato scala 1:200, Pianta piano primo scala 1.200,

Sezione A-A scala 1:200, Inserimento del progetto;

Tav 9, Cocconato d'Asti, Località Bauchieri, caso studio lotto 1, Pianta piano terra, scala 1:200; Sezione B-B scala 1:200, Prospetto laterale scala 1:200.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)