Politecnico di Torino (logo)

Giordanino, Beatrice and Masera, Silvia and Pozzi, Francesca

Riqualificazione urbana in Rwanda : il caso del quartiere informale Urukundo.

Rel. Pierre Alain Croset, Tomà Berlanda, Michele Bonino. Politecnico di Torino, Corso di laurea specialistica in Architettura (costruzione), 2011

Questa è la versione più aggiornata di questo documento.

Abstract:

Quando ci chiedono sul nostro viaggio in Rwanda, parliamo di un paesaggio completamente estraneo alla nostra idea di Africa: un paesaggio dalle verdi colline e dalle rosse strade sempre affollate da persone a piedi o in bicicletta così sovraccariche di banane che a volte non si vede neanche chi le guida; un paesaggio dagli appezzamenti di terreno così piccoli ma così ben curati, dalle geometrie pulite che disegnano armoniosamente lo spettacolo rurale.

E poi c'è Kigali, così vasta e dispersiva, con il rumore assordante delle mototaxi e i suoi edifici in vetro e i quartieri di lusso, sempre più inaccessibili a chi non ne fa parte pur vivendo al suo fianco; è una città dove sempre più si percepisce il cambiamento in atto, questa "modernizzazione" che rende sempre più difficili da raggiungere servizi essenziali come acqua, scuole e mercati.

Un mese non è sufficiente per comprendere il Paese, ma necessario per prendere coscienza di quelle cose che possono apparire strane o contraddittorie per chi viene dall'Europa umana.

Da questa reatà abbiamo percepito come il Rwanda stia ancora cercando di guarire le ferite del passato. E' un paese giovane in cui ha già preso il sopravvento la globalizzazione: il popolo è attratto da ciò che è straniero e talvolta compiacente di un futuro che già si intravede. A nostro parere queste influenze esterne possono riservare dei lati negativi, rischiando di danneggiare le tradizioni locali di musica, arti-gianato, vita quotidiana; la forza di questo paese dipenderà da come riesce a guardare al futuro senza dimenticare la propria cultura. Le tradizioni locali insieme alle dinamiche urbane e sociali attuali sono il filo conduttore della nostra tesi, che arriverà ad ipotizzare un intervento in questo contesto così complesso.

Relatori: Pierre Alain Croset, Tomà Berlanda, Michele Bonino
Soggetti: A Architettura > AH Edifici e attrezzature per l'abitazione
SS Scienze Sociali ed economiche > SSA Antropologia culturale
Corso di laurea: Corso di laurea specialistica in Architettura (costruzione)
URI: http://webthesis.biblio.polito.it/id/eprint/2446
Capitoli:

INTRODUZIONE

1.IL RWANDA: CONTESTO GEOGRAFICO E SOCIETÀ

Caratteristiche fisiche e climatiche del paese

Contesto storico

Situazione sociale ed economica

2.POLITICHE DI TRASFORMAZIONE

Volontà di modernità Decentralizzazione Imidugudu Vision 2020

3.SCENARI EXTRAURBANI E KIGALI

Tipologie insediative urbane e rurali

Kigali e la rivoluzione urbana

Progetto di una "casa modello" - un esercizio per catalizzare la politica e il cambiamento Batsinda, comunità pilota?

Il Conceptual Masterplan di Kigali

Adeguamento e resistenza della popolazione locale alla modernizzazione: il caso del mercato di Biryogo

4.UN HABITAT TRADIZIONALE

Il Rugo e la sua evoluzione

5.MATERIALI E TECNICHE COSTRUTTIVE

Tecniche e materiali tradizionali

Le rocce e pietre naturali

Gli aggregati

La terra cruda

Il torchis

I blocchi adobe

I blocchi compressi

I blocchi stabilizzati La terra cotta

Il legno

Il bamboo

Il papiro

Imigongo

Tra tradizione e innovazione Materiali locali e tecnologie appropriate

6.IL SITO DI PROGETTO: IL QUARTIERE INFORMALE URUKUNDO

Analisi dell'area Criticità dell'Urukundo Raccolta dati: tipologie abitative

Raccolta dati: materiali

Il ruolo della pottery all'interno del villaggio

Urukundo upgrade: obiettivi da perseguire

7.TEMATICA DI PROGETTO: LA GESTIONE DELL'ACQUA

COME ELEMENTO GENERATORE DEL PAESAGGIO COSTRUITO

Acqua che genera la spaziante e modella la forma insediativa

L'organizzazione idrica nel deserto: l'oasi

La gestione dell'acqua come fonte sacra di socialità: Petra

L'ecosistema dei Sassi di Matera

La ricerca dell'acqua nello sviluppo della città di Siena

La strategia idrica di Parco Guell

Sostenibilità ambientale che genera la forma insediativa:

Pare Bit e Atelier Dreiseitl

Gestione sostenibile delle risorse idriche come strumento di disegno di un paesaggio storico in un contesto semiarido: Medina dì Fez Acqua elemento innervante del tessuto informale

Barrio Unido- San Rafael- La Vega, Caracas,

Venezuela, Arqui 5

Favela jardim, San Paolo, Brasile, Paolo Bastos

Urban Park Grotào, Goias, Brasile, Urban Think Tank

8.IL PROGETTO

Strategia d'intervento

Sviluppo di un progetto come modello ripetibile

Sviluppo di un progetto come modello ripetibile: i servizi

Sviluppo di un progetto come modello ripetibile: la casa

Sviluppo di un progetto come modello ripetibile: l'acqua

Fasi di realizzazione dell'intervento

Scenari futuri

CONCLUSIONI

ALLEGATI

5th IABR Smart Cities

BIBLIOGRAFIA

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

Y. Friedman, Roofs (Parts I, II), UNESCO - Human Settlements andsocio-cultural environment, Paris.

T. Schilderman, La maison: guide pour la construction et l'amélioration de l'habitat au Rwanda, Kigali, Coopibo, 1987.

B. Moroncini, L acqua : come il fluido segna il costruito, Liguori, Napoli, 1990.

R. Cherubini (a cura di), La linea d'acqua : il margine d'acqua, la forma dell'acqua nell'architettura, scritti e progetti di Anselmi (e altri), in Quaderni di «AU», 1990.

Craterre, H. Houben, H. Guillaud, Traité de construction en terre, Marseille, Parenthèses, 1995.

R. Burdett, R. Rogers partnership, Opere e progetti, Electa, Milano, 1995.

A. Arecchi, Abitare in Africa. Architetture, villaggi e città nell'Africa subsahariana dal passato al presente, Milano, Mimesis, 1998.

M. Fusaschi, Hutu e tutsi. Alle radici del genocidio rwandese, Torino, Bollati Boringhieri, 2000.

G. Scudo, B. Narici, C. Talamo, Costruire con la terra - Tecniche costruttive, campi di utilizzo e prestazioni, Esselibri, Napoli, 2001.

P. Laureano, Atlante d'acqua : conoscenze tradizionali per la lotta alla desertificazione, Bollati Boringhieri, Torino, 2001.

M. Mamdani, When victims become killers: colonialism, nativism, and the genocide in Rwanda, Princeton university press, Princeton, 2001.

E.R. Trevisol, Ciclo delle acque e ambiente costruito, II Sole 24 Ore, Milano, 2002.

U. Fratino, A.F. Petrillo, A. Petruccioli, M. Stella, Landscapes of Water: History, Innovation and Sustainable Design, Voi. I- II, 2002.

Pottier J., Reimagining Rwanda: conflict, survival and disinformation in thè late in the twentieth century, Cambridge University Press, Cambridge, 2002.

R. Garcia e Aranzueque, Gaudi e il Modernismo a Barcelona, Gribaudo, Cavallermaggiore, 2002.

C. Blasi, G. Padovano, La sfida della sostenibilità, Napoli, Foxwell e Davis Italia, 2003.

C. Luschi (a cura di), Dialogo fra l'acqua e l'architettura, Alinea, Firenze, 2005.

H. Dreiseitl, G. Dieter, New waterscapes : planning, building and designing with water, Basel, Birkauser, 2005.

J. Pottier, Guardiani della memoria e custodi della verità: la costruzione della memoria sociale in Rwanda e Congo Orientale, in Triulzi A.(a cura di) Dopo la violenza: costruzioni di memoria nel mondo contemporaneo, L'ancora del Mediterraneo, Fondazione Giacomo Feltrinelli, Napoli, 2005.

S. Latouche, La scommessa della decrescita, Feltrinelli, Milano, 2007

A. Mazzotta, L'acqua : materia per l'immagine del paesaggio costruito : indicazioni manualistiche tra sostenibilità e sensibilità, Alinea, Firenze, 2007.

J.P Chrétien, Hutu e Tutsi in Rwanda e Burundi, in L'invenzione dell'etnia, Meltemi, Roma, 2008.

F. De Filippi, Slum(e)SCAPE. A challange for sustainable development projects, Alinea, Firenze, 2009.

F. Pompeo, De-centrare la collina, ritualizzare la memoria, costruire lo spazio del dopo, in Fusaschi M. (a cura di) Rwanda: etnografie del postgenocidio, Roma, Meltemi, 2009.

M. Fusaschi, Rwanda: etnografie del postgenocidio, Roma, Meltemi, 2009.

A. Folkers, Modern Architecture in Africa, Amsterdam, Sun Architecture, 2010.

Periodici

D. Hilhorst, M. Van Leeuwen, Emergency and Development: thè Case of Imidugudu, Villagization in Rwanda, in Journal of Refugee Studies, 13 (3), pp. 264, 2000.

D. Newbury, C. Newbury, Bringing the Peasants back in Agrarian themes in the construetion and corrosion of statist historiography in Rwanda, in The American Historical Review, 105 (3), 2000.

C. Newbury, D. Newbury, Bringing the peasants back, in Agrarian Themes in thè Construetion and Corrosion of Statist Historiography in Rwanda, The American historical review, n.3, 2000.

H. Dreiseitl, Sorella acqua, in Bioarchitettura, 19, pp. 22, 2001.

M. Van Leeuwen, Rwanda's Imidugudu programme and earlier experiences with villagisation and resettlement in East Africa, in Journal of Modern

African Studies, 39 (4), pp. 623, 2001.

C. Bianchetti, Gaudi mai visto prima (dai turisti), in Domus, 854, pp. 2,

2002.

P. Laureano, Il restauro dell'ecosistema dei Sassi di Matera, in Progetto sostentile, 24, pp.18, 2004.

M. Poli, Elemental, Aravena, in Domus, 886, pp. 34, 2005.

A. Cuchì, C. da Silva, La strategia idrica del Parco Glieli, in Progetto Sostenibile, 8, pp. 12, 2005.

Chaouni, T. Taijima, Reconstructing the Fez River, Marocco, in Topos, 68, pp. 34, 2007.

B. Calas, Dynamiques métropolitaines d'Afrique orientale, in Les Cahiers d'Outre-Mer, 237, pp. 3, 2007.

B. Michelon, Kigali: une urbanisation ente modernisation et réconciliation, in Urbanisme, 363, pp. 33, 2008.

J. Beardsley, Urban acupuncture-caracas : urban think thank, in Harvard design magazine, 28, pp. 38, 2008.

A. Ansoms, Re-Engineering Rural Society: The Visions and Ambitions of the Rwandan Elite, in African Affairs, 108(431), pp. 289, 2009.

H. Hambrusch, J. Moroder, La lezione dei Sassi, in Bioarchitettura, 54, pp.5, 2009.

J. Meierhenrich, The transformation oflieux de mémoire, The Nyabarongo River in Rwanda, 1992-2009, in Anthropology Today, 25 (5), pp. 13, 2009.

B. Ingelaere, Peasants, power and ethnicity: a bottom-up perspective on Rwanda's political transition, in African Affairs, 109/435, pp. 273, 2010.

Favelas, Learning from, in Lotus, 143, pp. 50, 2010.

F. De Filippi, Una ricognizione nell'editoria internazionale. Finalmente, libri e riviste si accorgono del resto del mondo. Urbanizzazione, sostenibilità, ricostruzione post-emergenze, comunità locali, connubio fra bellezza e parsimonia: per ogni tema c'è un dibattito e, fatalmente, un libro, in II giornale dell'architettura, 98, pp. 25, 2011.

T. Berlanda, Le sfide di un continente emergente. Learning from africa. L'emozionante esperienza di una nuova facoltà di architettura nel Ruanda, e un libro che racconta 25 anni di vita e lavoro in una dozzina di paesi, in II giornale dell'architettura, 98, pp. 25, 2011.

J. Pottier, Land Reform for Peace? Rwanda's 2005 Land Law in Context, in Journal of Agrarian Change, 6 (4), pp. 509, 2006.

Siti internet

www.arqui5.com

www.arvindguptatoys.com/arvindgupta/fathy.pdf

www.atelierwanda.wordpress.com/atelier-rwanda-2009/

www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/geos/rw.

www.dreiseitl.net

www.druot.net

www.jauregui.arq.br

www.kigalicity.gov.rw/

www.moma.org/interactives/exhibitions/2010/smallscalebigchange

www.needs.com

www. paulobastos. se

www.richardrogers.co.uk

www.ruralstudioblogs.org/

www.slumlab.org

www.u-tt.com (Urban think tank)

Tesi di laurea

G.Becchis, Rwanda post-genocidio: un tentativo di ricomposizione, Torino 2009

D. Pedemonte, Philosophie pourle montage d'un project d'habitat au Rwan¬da entre, avec et pour le peuple, Grenoble, 2010.

Conferenze e Seminari

CSA (Centro piemontese di studi africani), Le sfide dello sviluppo in Africa, Torino, 2010.

A. llberg, Beyond Paper Policies: Planning Practice in Kigali, Naerus con-ference, 2008.

B. Michelon, The Locai Market in Kigali as Controlied Public Space: Adap-tation and Resistance by Locai People to "Modern City Life", The PhD Se¬minar on Public Space, Delft, 2009.

T. Berlanda, Insediamenti urbani e rurali in Ruanda, Torino, 2010

A. Wiesel, Nyanza/Rwanda, The cultura! landscape as vision for urban de-velopment, Naerus conference XI, 2010.

Modifica (riservato agli operatori) Modifica (riservato agli operatori)